L'Orco della Val

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
L'Orco della Val  (1881)  by Jan Batista Alton
ladin da Colfosch
grafia moderna

da Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali


L' Orco da La Val.


Val d' extra mëssi bele avëi chi da La Val; insciö ái 'ci döt n ater Orco co nos atri Ladins. L' Orco da La Val dess propi avëi val' de te' co l' Orco fora en Boemia. Ël á n ri natural y jënt se le tëm scialdi por sües scecades. Les patrones da La Val á pa tres da se lamenté, porcí ch' ël é tan onert: ël les sceca 'cër i ponjins y les iarines y les alces, 'cër la pëgna y le furn da pan, 'cër la ciamena dal lat y le lavé guant y plijé la tëra: al é pa propi na meseria. Le piec él por chi ch' é söl iade, sc' ëi ne ciara ci ch' ai fej. Te na ota él mudé le bel tëmp en cialvara y plöia, d' invern spo tirel pa nëi tles strades, ch' an ne les vëiga plü y toma söla dlacia; te chëra aldon l' Orco fora de bosch che se la rí dadalt. Madër te na ota, an ne sá co, eson fora de strada y rabiëia incërch, an ne sá olá, por crëps y barantli; an se stancia döta la nöt y da doman eson söl vedl post co da sëra. Datrai se mëtel sciöche na picera cogora sön strada y apëna ch' an l' ais passada, crëscera sciöche na gran bala y brodora do al viadú, saltes pa coch' ël ois, manacian de le ciafé sot ite y de le fracé, fin ch' ël toma mez mort iló dal spavënt y spo aldon pa l' Orco se la rion y coienan. Ince sciöche n ciaval a pastöra pón l' odëi, coch' ël vëgn pro y se smila y ciga sciöche i ciavai. Mo guai, sc' un s' infidass a senté sö; apëna ch' ël le sënt, i crëscel les iames, y le püre om, ch' é lassura, ne vëiga plü la tera dessot. L' Orco vá spo ia en galop, sura ciüc y pedruns fora por spinac y blas, fin che le püre om toma jö, y al pó pa ciamó ester ligher y contënt, sc' al ne s' á frozé les iames y les costes; sües mans y le müs é döt sgrafedá y ël á pa ma da fá a se desbalé fora dales trognores. L' Orco s' un sciampa y lascia n tof da Dî nes verdes; por chësc dijon: al tofa sciöche l' Orco. 

Traduzione L’Orco della Valle.}} Qualche cosa di particolare quei della Valle già devono sempre avere; così hanno anche tut’altro Orco che noi altri Ladini. L’Orco della Valle secondo si narra è simile all’Orco della Boemia. Egli è di disposizione naturale cattiva e la gente lo teme assai per le sue gherminelle. Le padrone della Valle hanno sempre da lamentarsi delle sue cattiverie: egli le secca coi pollastri, colle galline, colle oche, colla botticella da burro, col forno, colla stanza da latte, col lavar la biancheria e coll’imbiancar la tela; è proprio una miseria. Il peggio tocca a chi è per istrada, se non abbada bene a

quello che fa. Tutt’ad un tratto invece del bel tempo si ha nuvole e pioggia, d’inverno poi l’Orco copre le strade di neve, cosichè non distinguendole più si cade sul ghiaccio; nello stesso momento si ode l’Orco nel bosco prorompere in alte risa. All’improvvisa, non si sa come, si si trova sviato ed errante per ogni dove, in mezzo a rupi ed a pini, affaticandosi tutta la notte, finchè la mattina si è sul medesimo posto, ove si era la sera.

Delle volte fattosi piccola boccia si mette in mezzo alla strada ed appena passatovi alcuno cresce in modo, che diventa una gran palla e rotolone tiene dietro al viandante, cui, comunque corra, minaccia di atterrare e di schiacciare, finchè costui cade mezzo morto dallo spavento, poi si sente l’Orco ridersela e burlarsene.

Anche qual cavallo sul pascolo si può vederlo, come si avvicini ad uno insinuandosi con lusinghe e nitrito a modo dei cavalli. Ma guai a colui, che osa montarlo, giacchè appena lo sente, gli crescono le gambe, e il povero uomo, che lo monta, non vede più la terra di sotto[1].

L’Orco va poi di galoppo passando attraverso arbusti e sassi per pruni e campi di biade, finchè l’infelice cade a terra, il quale può chiamarsi contento e felice, se non gli si sono rotte le gambe e le coste; le mani e la faccia sono tutto graffiate ed egli dovrà ben durar fatica per cavarsi fuori dai cespugli. L’Orco poi sene scampa lasciando un puzzo che Dio cene guardi; perciò si dice: puzza come l’Orco.

  1. per la grandezza immensa, che assumeva il cavallo.