Dialogo Ilario e Gaudenzio

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Dialogo Ilario e Gaudenzio  (1870)  by Michele Agostini
ladin da Col
grafia moderna
Il.

Bona sera e benvenuto compare! L é n pez che no ve vede. Com' éla juda sul viaz per la Pustraria? Conteme valch novità.

Gaud.

In conclusion son content d'esser stat encia a Lienz e da chele bande. L temp é stat semper a favor: Ne piova ne sol no m' à molestà gran fati. E per chesta rejon ai fat mez el viaz a pe. La val de la Drava é bela fin a Mittewald. Chel canal poi fin a Leisach e rincresseol. Ma a Leisach se presenta n bel cuadro, se vede Lienz e tante vile dut intor. La picola zità é bela e monda, no miga come nte zerte zità de l'Italia e massima in zerti villaggi. A Lienz no n é palazi ne gran signori, che se sà, ma gnanca gran povertà. Duta la situazion é superba. In Italia vedé n vilazio, doi o trei palaz, laite doi o trei sior o tirannelli, e l rest zent barache e povertà e miserie.

Il.

La é così. E le campagne? e l raccolto?

Gaud.

La jent se contenta. A S. Candido e Sillian le biave madure pressapuoch come a Col. Ma a Lienz la raccolta l' eva pì avanzada. Se dijeva de avè patì per mancanza de piova. Ogni tant na picola piova, che bagna n momento la crosta. Infati ai osservà, che l formenton somenà darè la siala l eva apena come l nost a Col.

Il.

La jent?

Gaud.

La jent é bona in ogni cont. La dimostra religion soda e timor de Dio. Son stat azetà per dut con bele maniere, e son obbligatissimo. Basta osservà i picoi scolari, per cugnesce la jent de n luoch. N puoch decà de Sillian ai incontrà i scolari che vigniva da la scola, i picoi davant e le picole darè, duc senza l minimo strepito, sodi puliti, i me saludava e se n jiva per i fati suoi. A la domanda, come se ciamassa la sua vila, i m' à dit, che se ciama Arnbach. Me pensave: Bela diferenza da chisc e chi dei nuosc vijign a Caprile, Alie e Zenzenie, che par tanc de sbiri e fioi de Belial.

Il.

Ah si! Sia pur benedetta la nazion tirolesa, che conserva la religion e un po' di ordine. Grazie a Dio sion encora tirolesi.

Gaud.

Ma su sto confin se sta mal affatto. Oh se fossa possibile vende dute le mie bagatele e scampà de fora in Pustraria, sarave ben dut auter vive. E che la pensa così no son miga sol. Me dijeva da puoch un da nosta vila, che se i ne met sotto l' Italia, el se fà portà encora sul let de la mort fora da mont.

Il.

Ci voleo? La providenza à destinà così. Ne tocarà avè pazienza e combinà le cose a la meio coi confinanti.

Gaud.

Sì, ma dijé ci che volé, la é dura in ogni cont. Prima ne mancia la strada per la comunicazion col Tirol da podè provede l nezessario da chela banda senza dazio. Compré ades biava, forment, sorech in Agort, paghé dazio a Caprile e in Colaz, calcolé l agio. Ci ve resta a la fin? E senza dazio no se passa, provéla, che starè fresch.

Il.

Avè piena rejon. Le guardie de la finanza di e not in ronda come se no fossa auter che ladri a Col e Vinaulonch, l ricevitor semper su la fenestra co la mira a la stangia a vede, se un passa o urta laite, propio come l aragn, che spia da la sua tana, se na mossa và a se picà nte la tela, e po fora, sauta al pelo.

Gaud.

Pazienza encora. Lori fà l suo ufizio. E po sul confin de stato cheste l é cose nezessarie. Se no fosse valch de peso -

Il.

Ci voleo dì?

Gaud.

L' é massima empie i costumi corrotti, e dut l mal, che co la brava libertà é stat somenà in Italia fin a sto confin. Bogna sentì i spropositi e le resìe che i parla finamai tra la jent bassa, massima la joventù. L mal s' avanza come n' onda negra fin a ste mont, ma spere, che l confin no l passarà. Grazie a Dio la jent nosta à n bon criterio e n puo de sentimento cristiano, e no se lassarà inganà, ma giudicarà l ' albero dai frutti.

Il.

Avè rejon, anzi me par che encia tra de lori un o l auter cugnesce, che la novità no n à portà i fruti che i sperava. Diversi se n lassa fora, che i starave pì volentiera con noi tirolesi.

Gaud.

Sì, n frego a la ota i l' à capida, ma sul prinzipio i eva ben duc de la medesima pasta, e spetava il secondo Messia,

Vittorio
Eh siamo finalmente liberi dalla tirannia dei todesch! Viva Vittorio, credendo, che l vegnissa delongo co le mule de Paoletto ciariade de genue a paié duta la cracheja. E festa del statuto, e festa de Vittorio e sona pur chele puore ciampane. Quante beatitudini! Infinamai un s' à pensà, jà avarà sentì, de menà sue armente (vace) fora per piaza fornide con gherlande a uso tirolese.

Sarà stat le set vace n frego grasse de l'Austria, ma delongo dapò l é capità le set magre a se le divorà.

Il.

ai vedù? I é restai incantai a sentì il nuovo prezzo del sal, del tabach, la carta, la imposta su la masena, e po incamerà i beni da le gejie. Viva l' Italia una! Ades che la gran bala é passada, i sent l mal de testa, lauda l' Austria, benedeti i todesch, almanco na gran part de la bassa popolazion la pensa così. No n é tant, che un davant la botega dal tabach se levava in ponta de pe e se rampinava su per l mur per dà n baso a l' acuila austriaca. E massima la puora jent, che ven su per limojina sarave ben contenta de podè tornà sot a l' Austria, sot a l' acuila, che davant i butava nte le spazadure. Gaud. S. Marco! La sarave bela, se encora i no la capissa. Nte la scola nuova dei liberali italiani i dà leziogn, che insegna la creanza encia ai asini.

Il.

È verissimo. I se l' à meritada, ma zerti e forsi la maor part à falà per ignoranza, l é stà n ingan ordì dai siori, che prometteva (impermeteva) un paradiso in terra. De na cosa me faje marevea, che finamai l clero é stat così fazile a crede tanta impostura e s' à lassà mete su finamai a se giavà stes la fossa. Ades el vorave sautà fora el, ma no n é pì temp.

Gaud.

Almanco i preve ava da capì chel tant. Ma encia la popolazion bassa no n é tant perdonabile. I vedeva pur, che la revoluzion perseguitava l Papa e la chiesa, e ogni religion.

N orbo lo vedeva, che bognava dezide: Volon stà col S. Padre, e no con chela marmaia, che l perseguita.

Il.

Diaol! La é ciara.

Gaud.

Vardé mo i tirolesi; e popolo e clero i varde del bon vers, à la mira a Roma, al Papa, ai vescovi, i no crede miga, che sie dut oro chel che lus a Viena. No credaron mai, che l matrimonio zivil paghe i debiti, e strope i bus de la cassa erariale.

Il.

Dighe encia mi, ston mal encia noi, e podon lassé in pas i taliagn. Idio ne la mande bona a noi e a lori. Bona not.