Tosann in amor

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
[[]]  (1947) 
by Delio Tessa
De là del mur

XXXII

Tosann in amor

(Ragazze innamorate)

Per nozze P. B.
I moros quajcossolina
gh’àn di passaritt de gronda!
El register della Cura,
i scartofi del nodar
nun ghi làssom a la gent
madura, ai marsinoni!
Sposalizi della sciora
Moral cont el Dinar!
Tornemm a la natura
libera... all’allegria!
I moros quajcossolina
gh’àn di passaritt de gronda!
Se la tosa l’è bionda,
se l’è bianca, se l’è granda
come ona lus la manda!
Te la vedet andà
calma... in sul fà
de quj veli che slontana
in favor della breva...
... e l’è questa... sorella
de quella patanflana
savia ch’è minga bona
de dì de no...
Caterinin
del bon coeur che la rid
e la piang quand la voeur!
Ma quell’altra... - scantona! -
... tosa che sta sul sò...
ti-m’in-fott... lionada
come el ramm de cusina...
- guai a ti! - la ten su
alt de gamba el Bigio!!
Melanconega come
ona giornada d’acqua
la Luisoeu in cà
l’è semper lì
settada giò
a fà la gatta-morgna...
la gh’aveva ona cioma
spessa color di cuni;
ghe l’àn tajada e inscì
l’è tornada on popò.
La canta alla finestra!
appena che l’è in pee
la canta!... tutt el dì!...
... legrioeu ... legrioeu...
virisella... tencietta...
Fresca come ona rosa
la torna in sul mezz-dì
con la musica noeuva!
«Ma comè...
l’è l’ora del mangià
e te sonet el piano!»
... Giò... dalla portinara!...
«Comprom on para d’oeuv...
cor...
... tè ... per la parigina!...»
... e el sal?...»
... ciamech alla vesina...
proeuva!...»
«...ona presa de sal...
... in piasè...
... vegni... vegni...»
La cà l’è el barilott
di strij... te la consegni!
«I ciav... i ciav...»
L’à perduu el mazz di ciav!
«... e el cappell?... dove l’è?...»
I moros quajcossolina
gh’àn di passaritt de gronda!
Gh’avevom sta mattina
on ciel!
on ciel
trionfal fra i ciomm di platen!
e mi, come per solet,
andavi cont el coo
in di nivol...
in de qui nivol là che in sempiterna
viaggen fra terra e ciel!
... andà ... (la Vita!... on lumm...
- boff! - ...
ch’el vent el smorza!)
... de centenara... (andà)... in centenara
d’ann... contra ai millesem
che vegnarà!
... e in ona cassettina
su, me vedevi mi,
redutt in ona cassettina
piccola... tutt lì...
desmentegada in scima...
BRACCIO - a mo’ d’esempi -
D: OSSARIO DI PONENTE...
e su la pagina
d’on liber...
(la Lilla la sarà
morta e stramorta)
vedevi in stampa: KELLER
ELISABETTA - e poeu:
PITTRICE
DEL VENTESIMO SECOLO
NACQUE ... FIORÌ...
ma semper
allora...
allora come adess,
in on’altra mattina
de giugn... per altra vita...
s’cioppon de breva
e piatt de lattimel...
nivol che in sempiterna
viaggen fra terra e ciel!
Immensitaa
greva d’ona zittaa
d’azzal e de cristall!
Blocch hin i cà, squadraa;
hin i strad come taij!
Al de là di cristaij...
(el Mond - me figuravi -
lontan... del Gran Millesem!)
ona gent se vedeva... come i avi...
se moveven... viveven...
fina in fond,
fina in fond l’era in vista!
Tutt in vedrina... e gent,
e coss... penser!
Umanitaa
trista e sapienta!... orba
termidera che va...
... lenta...
ciappada
dent in d’on ingranagg
che lavora!...
... e desora
per tutti... come l’aria
limpeda...
... in eterna...
quella maledizion
d’ona legg che governa
unica... volontaria!

Gli innamorati qualcosina hanno dei passeri delle grondaie! Il registro della parrocchia, le scartoffie del notaio, noi li lasciamo alla gente matura, ai parrucconi. Sposalizio della signora Morale con il Denaro! Ritorniamo alla natura libera... all’allegria! Gli innamorati qualcosina hanno dei passeri delle grondaie! Se la giovane è bionda, se è bianca, se è grande, manda come una luce! La vedi andare calma... sul fare di quelle vele che slontanano col favore della breva... e, questa, è sorella di quella paciona savia che non è capace di dire di no... Caterinetta dal buon cuore, che ride e piange a volontà! Ma quell’altra... - gira al largo - ... ragazza che sta sulle sue... spavalda... lionata come il rame di cucina... - guai a te! - fa rigare dritto il Bigio! Melanconica come una giornata di pioggia, la Luisella in casa è sempre lí seduta a fare la gattamorta... aveva una chioma spessa, colore dei marroni; gliel’hanno tagliata e cosí è tornata una bambina. Canta alla finestra! appena in piedi canta!... tutto il giorno! ...allegra... allegra... vispa... brunetta... Fresca come una rosa ritorna verso mezzogiorno con l’ultima musica! «Ma come... è ora di andare a tavola e suoni il piano!»... Giú... dalla portinaia!... «Comprami un paio d’uova... corri... tieni... per il gelato...» - «... e il sale?...» - «chiedi alla vicina... prova!...» - «una presa di sale... per favore... vengo... vengo...» La casa è un pandemonio... te la raccomando! «Le chiavi... le chiavi...» Ha perso il mazzo delle chiavi! «... e il cappello?... dov’è?...» Gli innamorati qualcosina hanno dei passeri delle grondaie! Avevamo questa mattina un cielo! un cielo trionfale fra le chiome dei platani! e io, come al solito, andavo con la testa tra le nuvole... tra quelle nuvole lassú che viaggiano in eterno fra terra e cielo!... andare... (la Vita!... un lume - buff! - che il vento spegne!)... di centinaia... (andare)... in centinaia d’anni... incontro ai millenni che verranno!... e in una cassettina, su in alto, io vedevo me, ridotto in una piccola cassettina... tutto lí... dimenticata là in cima... BRACCIO - a mo’ d’esempio - D: OSSARIO DI PONENTE... e sulla pagina di un libro (la Lilla sarà morta e stramorta) vedevo stampato: KELLER ELISABETTA - e poi: PITTRICE DEL VENTESIMO SECOLO... NACQUE... FIORÍ...

... ma sempre, allora... allora come adesso, in un’altra mattina di giugno... per altri vivi... cumuli alzati dalla breva e piatti di lattemiele... nuvole che in eterno viaggiano fra terra e cielo! Immensità greve di una città di acciaio e di cristallo! Blocchi, sono le case, squadrati; le strade come tagli. Al di là dei cristalli (il Mondo lontano - mi immaginavo - del gran Millennio!) si vedeva una gente... come le api... si muovevano... vivevano... fino in fondo, fino in fondo era in vista! Tutti in vetrina... e gente e cose... e pensieri! Umanità triste e sapiente!... cieco termitaio che si muove... lento... preso dentro un ingranaggio che lavora!... e sopra, per tutti... come l’aria limpida... in eterno... quella maledizione di una legge che governa, unica e dispotica.