Sei sonetti milanesi sul soggetto della commune tristezza

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Sei sonetti milanesi sul soggetto della commune tristezza
by Giuseppe Carpano

Isepp Carpan (1751-1825)‎

Sei sonetti milanesi

SEI SONETTI MILANESI SUL SOGGETTO DELLA COMMUNE TRISTEZZA (1780)

I.

Signor tanc' lacrem de la gent daben
e i vôs omnipotent d'i poveritt
e 'l vedè che no gh'era on œucc' seren,
on cœur de tigher, che no fuss contritt:

Signor, l'è vars nagott? e pur i ditt:
che l'orazion de cœur tutt coss l'otten?
Ah, ne L'i tolta per i nost delitt,
s'hoo da cred, che L'i tolta a fin de ben!

L'è ver, che gh'em a st'ora a consolass
per bontaa vosta on SUZZESSOR COMPAGN.
El Sô ch'è daa sgiò jer inchœu el renass.

Ma la gran botta al cœur la n'è vegnuda
e benchè siem segùr de nô avenn dagn,
sentem impunemanch che L'emm perduda.