El popò malaa

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
[[]]  (1947) 
by Delio Tessa
De là del mur

XXII

El popò malaa

(Il bambino malato)

Te fa mal ancamò?
Lassa stà ch’el te passa
el bobaa! Tocca no,
vedet chì?... se desfassa
giò la benda... Signor!
Per tornalla a fà su
bogna andà dal dottor!...
... No, no, no, ghe vemm pu
da quell brutt cattivon...
io cossa l’è ch’el t’à faa?
l’à rugaa in del bugnon,
vera, sì, col cuggiaa...
Ghe vemm pu... no, no, no.
El guariss de per lu
el bobaa... el toccom no
vera e nun ghe vemm pu!
Adess nun vemm a cà
drizz filaa, propi, sì
e sta sira el papà
el faremm immatì,
peccia nun... «coss t’ee faa
ch’inscì - el dis - e el bugnon
in dov’è che l’è andaa?»
(cerca, cerca el bugnon...)
«El gh’è pu... mi soo no
in dov’è che l’è andaa!»
... Te fa mal ancamò?
Te gh’ee tanto bobaa,
pover nan, citto, na!
Cossa l’è ch’óo de toeutt?
Andemm dent a comprà
el bombon? coss te voeutt?
O Madonna Signor!
poss no el naviselin,
el voeur minga el dottor,
el fa mal al panscin...
I canimej putost!...
... no?... i benis!... nanca queij?
ti voeut no? ... veuj che rost
che te see... tanto meij,
quindes ghej resparmiaa!
... cara vita, t’è chì
par che l’abbien squartaa!
T’ee capii? fa no inscì,
se de no già t’el sét
vaa... gh’è là on cappellon,
mi gh’el disi e te vêt
denter drizz in preson,
ah no eh! ... donca allora
là, tas giò che l’è ora!

Ti fa male ancora? Lascialo stare che il bibi ti passa! Non toccare, ecco vedi?... si disfa la benda... mio dio! Per riavvolgerla bisogna andare dal dottore!... No, no, non ci andiamo piú da quel brutto cattivone... cos’è che ti ha fatto? ha frugato nel bubbone, vero, sí, col cucchiaio... Non ci andiamo piú... no, no, no. Guarisce da solo il bibi... non lo tocchiamo, vero, e non ci andiamo piú! Adesso andiamo a casa dritti di filato, sí, proprio, e stasera il papà lo faremo ammattire, aspetta noi... «che cosa hai fatto, qui», lui dice, «e il bubbone dov’è andato?» (cerca cerca il bubbone...) «Non c’è piú... non so dov’è andato!» Ti fa ancora male? Hai tanto bibi, povero piccolo, zitto, via! Cos’è che devo prenderti? Entriamo a comprare il dolce? che cosa vuoi? Oh Madonna, oh Signore! No, il navicellino non posso prendertelo, non vuole il dottore, fa male al pancino... Le caramelle piuttosto... no?... i confetti... neanche quelli? non li vuoi?... oh che tipetto che sei... tanto meglio, quindici centesimi risparmiati!... cara creatura, ecco, pare che l’abbiano squartato! Hai capito? Non fare cosí, sennò... già lo sai, guarda... ecco là un vigile, io glielo dico e tu vai dritto in prigione,... Ah no, eh!... suvvia dunque, taci un po’ che è ormai tempo .