Teatro - Menotti Bianchi/Voce d''e ccose

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

NOTICE: Mixed italian-neapolitan. In general, italics are for theatrical indications and are given in italian and dialogs are mostly in neapolitan.

Teatro dialettale napoletano  (1911)  by Menotti Bianchi
Voce d' 'e ccose

[ 343 ]

A
Camillo Antona-Traversi



A VOCE D' 'E CCOSE


notturno in un atto

[ 344 ] [ 345 ]
PERSONE
---



Arturo.
Assuntina
'Onna Teresa,
'a foggiana
On Biagino,
cafettiere.
Pascariello,
guaglione 'e cafè
Nu venditore
'e giurnale.
Don Ciccio,
maestro elementare.
Reporter.
Brigadiere di P. S.
in borghese.
Guardia di P. S.
in borghese.
Luca,
conduttore di tramvays.
Mimì,
scugnizzo.
Checchina,
cerinaia.
Emiliella,
cerinaia.
Voce d'un carrettiere.
Na cumpagnia 'e giuvinotte cu chitarre e manduline.

[ 346 ] [ 347 ]
LA SCENA


L'antica piazzetta a Portanova, nella notte inoltrata. A destra, sulla terza quinta, la vecchia chiesa con la sua facciata biancheggiata, e coi gradini in pietra vulcanica.
Sul davanti, alla prima quinta, il
«Caffè dei buoni amici», caratteristico ritrovo notturno, con tondini di marmo e sediolini disposti in ordine, sul marciapiede, dinanzi la porta. A sinistra: una casa di tolleranza, così detta: « 'A Foggiana » dalla facciata giallastra, con persiane verdi, allumacate, dalle griglie marcite, cadenti per l'incuria e per il tempo.
Di fronte alla chiesa, si eleva un Calvario con Gesù in croce, cinto da una ringiera di ferro. Dinanzi al Cristo agonizza una lampada votiva.
In fondo, la via del Pendino, che forma arteria dell'intricato laberinto dei vicoli e dei chiassuoli.
La scena offre delle curiose e strane visioni, che solo Napoli sa dare nelle tiepide notti, coi suoi caffè popolari che non si chiudono mai, e con le sue strane riunioni di gente poverissima, di figure losche, di fantasmi umani, senza un passato, e senza avvenire.
[ 348 ] [ 349 ]

ATTO UNICO


---


Mimi, un ragazzo, di poco più che 12 anni, dorme raggomitolato su gli scalini della Chiesa; una bambina, Checchina, gli s'è addormentata accanto, stringendo tra le piccole mani la cassetta di legno con le poche scatole di cerini.
Pascariello, il garzone, dorme a gimitello sul tondo di marmo, dinnanzi al « Caffè dei Buoni Amici».

SCENA I.


Checchina e Mimi


Mimi


(Sollevando il capo) Neh! 'e' visto niente?

Checchina


Ch'è stato?

Mimi


Nun 'e' visto a uno ca fuieva?

Checchina


No, nun l'aggio visto.
[ 350 ]

Mimi


Io si.

Checchina


(Piagnucolosa) Iammuncenn''a casa...

Mimi


Ma tu si' pazza?... Vance tu.

Checchina


Accumpàgneme tu... Io sola me metto paura. (Si vede un'ombra disegnarsi in vicinanza: è la piccola Emiliella. Un gallo canta il suo «Chicchirichì».

SCENA II.


detti e Emiliella.


Checchina


(Chiama l'amica) Miliè!...

Emiliella


(Con voce piagnucolosa) Vuie state lloco? Che stiveve facenno?...

Mimi


 Miliè, 'e' fatte 'e cinche sorde pe te ne [ 351 ]

Emiliella


No. Ne tengo uno sulo....

Mimi


Di' 'a verità: Te si' mettuta a chiagnere?

Emiliella


Sì... Comme faccio a turnà a' casa?... Mammà me vatte, e papà me ne caccia d''a casa!

Mimi


Papà?! Tu qua' papà me vaie cuntanno? Chillo nun t'è pate.

Emiliella


Mammà accussì vò c''o chiammo (Ricanta il gallo).

Mimi


S'è fatto iuorno.

Checchina


E mammà mia nun fa 'o stesso cu nuie?...

Mimi


Si mo ce sentessero!...
[ 352 ]

Emiliella


E i' comme faccio?...

Checchina


Va buò: nun piccià. Duie sorde t''e dongo io, ca n'aggio fatte sette.

Emiliella


E ll'ati duie chi mm''e dà?.. Tengo famme...

Mimi


(Porgendole del pane). Iammo, cca sta 'o pane... Ne teneva nu bello piezzao dint''a sacca.

Emiliella


(Addenta voracemente il pane) Comm'è sapurito!... Me pare pane 'e Spagne!...

Mimi


E dimme: soreta nun c'è turnata cchiù a' casa?

Emiliella


Chi t''a dà! Chi l'ha vista!... Mammà, dopp''o fatto...

Mimi


'E Vicenzino?
[ 353 ]

Emiliella


Già...

Mimi


Chillo llà è malamente... Mo è passato pure cammurrista. E soreta, Assuntina, nun saie manco addò sta?...

Emiliella


Addò sta?

Mimi


(Indica la casa di tolleranza) Llà!... Pecchè, nun 'o ssaie?

Emiliella


No, apparola! Ll'aggio vista stammatina. E che bella veste ca purtava!...

Checchina


È ghiuta nchino?

Mimi


Vicenzino, 'o cammurrista, s''a magna viva viva... Io 'o saccio. Aggio ntiso io stammatina ca Arturo 'o tintore, chillo giovene ca faceva 'ammore cu soreta, lle diceva: « Lass''o i' a chillo! Vienetenne a' casa mia »
[ 354 ]Ma Assuntina ha risposto 'e no, pe paura 'e Vicenzino. Chillo è na mala spina!...

Emiliella


Allora, nun è cuntenta?

Checchina


'I quant'è scema chesta!

Mimi


Ha avuta na mala sciorta. Si lle fosse asciuto nu signore, allora sì...

Checchina


Ascesse pure a nuie signore!...

Mimì


'I che scema! Vuie site piccerelle...

Emiliella


Neh, pecchè? Nuie nun 'o putimmo servì?

Mimi


Ma io mo che v'aggi''a dicere, a vuie? Chelle femmene so' servute cu 'e guante. M'avite capito? Addeventano, comme se dice?... Addeventano 'e... cocotte!
[ 355 ]

Emiliella


Ma che vò dicere sti cocotte?

Mimi


'E nnammurate...

Emiliella


(Con ingenuità) Mo aggio capito: se sposano ...

Mimi


(Maliziosamente) Già, se sposano... comme s'è spusata Assuntina... Ma chelle tèneno 'e llire, 'e brillante, 'a carrozza, tutt''o bene 'e Dio...

Emiliella


'A verità... Io nun te capisco...

Mimi


Mo me spieco cchiù meglio. Aie 'a sapè... (Il silenzio profondo viene lacerato da un acutissimo fischio). Zitte!... So' mariuole...

Emiliella


Io mme metto appaura!...

Checchina


(Prende per mano Emiliella). Fuimmencenne. (Rimbomba un colpo di rivoltella).
[ 356 ]

Mimi


(Si leva, spaventato) Ll'hanno fatta!.. Fuimmencenne... (Fuggono, alle spalle della chiesa. Il garzone del caffè si sveglia di soprassalto, e guarda attorno, spaurito)..

Voce del Brigadiere d. d.


Arresta! Arresta!

Voce della Guardia d. d.


Ferma! Ferma!

SCENA III.


Biagio e Pascariello


Biagio


(Appare sulla soglia del caffè e con ironia dice:) Comme te pare? T''a faie a suonno?

Pascariello


Chillo, 'o suonno... Sto allerta tutta 'a santa iurnata...

Biagio


Va fa' 'o cafè... Nun 'o vide, ca sta schiaranno iuorno?
[ 357 ]

Pascariello


Vuie nun avite sentuto niente?

Biagio


Che cosa?

Pascariello


'A botta 'e rivultella?

Biagio


Quacche mariuolo assecutato d''ambulanza.

SCENA IV.


Detti e Luca


Luca


(A Pascariello) Na piccola.

Pascariello


Pronti!

Biagio


Biagio


(Rientra nella bottega) Avite fatto matino?

Luca


Songo 'e servizio a' Turretta.
[ 358 ]

Biagio


Che brutta vita è 'a vosta!

Luca


V''o giuro ca si, nun fosse p''e figlie, me ne iarrìa ogne iuorno a' Villa 'o Popolo, a scarfarme 'a panza 'o sole, comme nu ricco pruprietario...

Biagio


'E figlie so' belle...

Luca


'O ccredo, ma costano caro!

Biagio


Vuie me date 'o premmesso?... (Entra in bottega).

Luca


(Guarda verso il Calvario, e si scopre) Giesù Crì!... Me metto sott''a prutezziona toia. Sàrvame d''e disgrazzie!
(Da lontano giunge il canto d'un carrettiere, interrotto, tratto tratto, dagli « Ah! » per avviare la bestia. S'ode anche il cupo rumore delle fuote, e il tintinnìo dei sonagli). [ 359 ]

Canto del Carrettiere d: d:


Bellezza, che bellezza vuie teníte!
'E stelle stanno 'n cielo e vuie durmite;
(Ah!... Ah!... Colpo di frusta)

Scetateve c''ammore abbampa e coce!
Passa nu carrettiere e dà sta voce...
(Ah!... Ah!... Colpo di frusta)

Pascariello


(Reca in un piccolo vassoio una tazza di caffè ed un bicchiere d'acqua) 'A capa tazza 'e cafè!...

Luca


(Sorseggia il caffè) 'I comme scotta!...

Pascariello


Cafè Moka.

Luca</center<


Luca


'E cicoria e favucce!...

Pascariello


Pe nu sordo!

Luca


Ma nun t''e' 'a scurdà ca mo 'o cafè va pe niente...
[ 360 ]

SCENA V.


Detti e Ciccio


Ciccio


(Si avvicina al Caffè, e siede al tavolino, salutando Luca). Come si va?

Luca


Comme vò Dio...

Pascariello


Prufessò, c''o solito senzo?...

Ciccio


Ma se lo sai, santo Iddio!... Pecchè me rompe 'e scatole?

Pascariello


I' v'aggio spiato pecchè...

Ciccio


Perchè sei un asino! (Pascariello entra nel caffè, sorridendo).

Luca


Prufessò, comme se porta 'o guaglione mio?
[ 361 ]

Ciccio


Comme s'ha dda purtà?... Nun è buono a niente. Pecchè, tu nun 'o ssaie?

Luca


E io ve ringrazio!...

Ciccio


Già!... tu, come padre... avresti voluto che ti avessi detto ca era nu scenziato... Siente a me, mànnalo a ll'arte. Farai na santa cosa. Tanto, la penna, non ha dato mai nulla...

Luca


Vuie overamente dicite?

Ciccio


Parlo con la verità tra le mani. Che cosa guadagno, io? Si sapisseve 'e guaie mie...

Pascariello


(Reca un vassoio identico a quello recato a Luca). È servito 'o prufessore. (Nel silenzio, si ode l'abbaiare d'un cane).

Ciccio


Maledetto cane!... Nun me fa repusà tutta 'a notte!
[ 362 ]

Pascariello


È 'o cane d''o canteniere.

Ciccio


(A Luca) È l'inferno, stu quartiere! Cani, gatti, grida, colpi di rivoltella, donnacce...

Pascariello


Prufessò, pure vuie?...

Ciccio


Statte 'o posto tuo! Chi te dà tanta confidenza?

Pascariello


(Rattiene a stento le risa) Ma io....

Ciccio


Insolente, non ridere!... Imbecille!

Luca


Prufesso. Napole è nu paese ca pure quanno dorme parla nzuonno, canta, se move. E nu mbriaco c'allucca... Nu guaglione verrezzuso...
[ 363 ]

SCENA IV.


Detti e Giornalaio.


Giornalaio


(Salutando) A sti signore... (a Pascariello) Pascariè, na presa d'XXXXX. (Pascariello entra nel caffè).

Ciccio


Vanno 'e giurnale?... Che novità?

Giornalaio


Nisciuna. Stanotte, manco nu muorto, manco nu ferimento!.., sperammo 'a Dio...

Luca


Che cosa?

Giornalaio


Ca succedesse quacch'aggrisso! Che ssaccio, na botta 'e curtiello...

Ciccio


E bravo!... Ecco la civiltà!

Giornalaio


E nuie comme campammo?... 'O giurnale tanno se venne, quanno porta nu fatto 'e sanghe... 'O riesto so' chiacchiere.
[ 364 ]

Pascariello


Anice! (Il giornalaio lo tracanna d'un fiato. Il cane abbaia di tempo in tempo).

SCENA VII.


detti e Arturo


Arturo


(Viene correndo dallo svolto della via, come chi è inseguito: va presso Pascariello, agitato, supplichevole). Salvàteme! Pe carità salvàteme! Ll'aggio fatta!...

Pascariello


Ch'è fatto?

Arturo


Vicenzino... Llà adderetto 'a Vecaria!...

Ciccio


Vi siete rovinao!.. Che cosa avete fatto?

Arturo


'E gguardie 'o sucutavano... Io l'aggio avuto 'e faccia... e fermannose, m'ha alluccato: «Va vide 'a nnammurata toia... Ll'aggio accisa io... » M'è ghiuto 'o sanghe a ll'uocchie... e ll'aggio dato na botta 'e curtiello sott''o core...
[ 365 ]

Luca


Vuie, avite acciso a Vicenzino?

Arturo


M'è parzo... É caduto pe terra. Nun aveva accisa Assuntina?... Fu isso ca le levaie 'a stima, e 'a ittaie 'int''a mala vita... 'Nfame!.. S''a vennette a' Fuggiana...

Pascariello


Fuitevenne!... Fuitevenne!

Arturo


No, voglio parlà primma cu 'a Fuggiana! (Va a picchiare alla porta di 'onna Teresa). Arapite, 'onna Terè! Arapite!

Teresa


Chi è?

Arturo


'Onna Terè, songo io...

Teresa


Chi site? Che bulite?

Arturo


Songh'io, Arturo... Assuntina sta lloco?
[ 366 ]

Teresa


No. Pecchè?

Arturo


E arapite! Nun vedite? Sto ncopp''e spine.

Teresa


Sto venenno!...

Ciccio


(Ad Arturo) Ma, voi finirete col confessare il vostro delitto... E se Vicenzino v'ha detto una bugia?...

Arturo


No, no, nun è na buscia.

Teresa


(Esce dal portoncino; ha uno scialletto su le spalle) Ch'è stato?...

Arturo


Assuntina?...

Teresa


Nun ce sta. Se n'è fuiuta stanotte. Ma io 'a faccio piglià...

Arturo


Ll'ha accisa!... Ll'ha accisa!...
[ 367 ]

Teresa


Vuie che dicite? Chi è stato?...

Arturo


Vicenzino! Vicenzino!

Teresa


Giesù, Giuseppe, Sant'Anna e Maria! Io ce l'aveva ditto 'a tanto tiempo. Nun m'ha vuluto sèntere! Puverella! Che bona guagliona ca era!...

Arturo


(Guarda attorno. Va verso il fondo, si interna in un vicoletto. Poco dopo s'ode la sua voce disperata) Assassino! assassino!

Teresa


(Accorre. Poco dopo riappaiono Luca e Arturo, trascinando il corpo di Assuntina). Morta?...

Luca


Accussì pare...

Arturo


(Scuotendo il cadavere dolcemente) Assunta!.. Assuntina mia!
[ 368 ]

Luca


È morta. Nun 'o vedite 'o sanghe ncopp''a camicetta? (Raccolta il coltello). Teh, teh!... cca sta pure 'o curtiello...

Teresa


(Tastando una mano della morta) Madonna, e comm'è fredda!

Arturo


Nu cerino!... Facite ampressa!

Luca


(Trae di tasca la scatola dei cerini ne accende uno, e lo pone dinanzi alla bocca della giovane). È morta!...

Arturo


(Con gran dolore) E' morta, è morta, è morta! (Abbraccia il cadavere, e lo bacia disperatamente). Assunta! Assunta!
[ 369 ]

SCENA VIII.


Detti, Brigadiere, Guardia e Biagio


Brigadiere


Che cosa succede qui?

Ciccio


Una disgraziata uccisa dal suo amante.

Guardia


(Si avvicina al gruppo) Largo, largo al brigadiere!

Brigadiere


Morta?

Luca


Morta.

Brigadiere


In che modo?

Pascariello


Cu na botta 'e curtiello.

Luca


Chist'è 'o curtiello a fronna 'auliva.

Brigadiere


Dev'essere morta sul colpo.
[ 370 ]

Pascariello


Nun avarrà avuto manc''o tiempo 'e dicere: « Mamma, scànzeme! »

Brigadiere


(Indicando Arturo). Chi è stu giovane?... L'amante?

Arturo


(Solleva la testa) N'amico.

Guardia


(Dopo aver parlato a bassa voce col brigadiere). Non vi pare?

Brigadiere


(Anche a voce bassa). Non lo perdere di vista... Credo pur io... (Si volge a 'on Biagio e gli parla da solo a solo). E voi non ne sapete niente?...

Biagio


Ncuscienzia...

Brigadiere


Sapevo la risposta. E questo giovane 'o canoscite? (Indica Arturo).

Biagio


Sì, è nu giovene d''o quartiere...

Brigadiere


Che arte fa?
[ 371 ]

Biagio


'Arefice d''o ffino.

Luca


Cca parlammo parlammo, e nun se piglia nisciuna dicesione 'onna Terè.

Teresa


E che ce pozzo fa' io puverella? M''a pozzo carrià ncoppa? Sarria nu sacrileggio.

Brigadiere


Il cadavere non si può rimuovere. Bisogna lasciarlo qua, fino a che non arriva il Pretore.

Guardia


È la legge.

Brigadiere


(Facendo allontanare tutti) Largo! Largo! Scostatevi! (A 'onna Teresa) Tenite na coperta? Nu lenzuolo?

Teresa


Ve servo subeto. (Rientra in casa, e ne esce poco dopo recando una coperta che getta alla meglio sul cadavere).

Luca


Quanno è destinato!... Giesù! Giesù!
[ 372 ]

Giornalaio


Almeno, è succiesso quaccosa... Nu micidio, nu muorto... e na storia d'ammore!...

Ciccio


(Lo guarda) Ma te staie zitto!...

SCENA IX.


Detti e il Reporter


Reporter


(Al Giornalaio) Ch'è stato?

Giornalaio


Hanno accisa na femmena...

Reporter


Presto, presto, ca 'o giornale va in macchina. Tu saie niente?

Giornalaio


'A verità, niente... Ma lloco ce sta 'o bricatiere.

Reporter


(Rivolgendosi al Brigadiere) Scusate...
[ 373 ]

Brigadiere


Abbiamo da fare, sapete. Pe mo non è possibile.

Reporter


Ma io sono del Mattino...

Brigadiere


Ah! dite... Volete,naturalmente, qualche notizia...

Reporter


Così... Almeno qualche accenno del fatto... Il nome... la causale... (Cava un taccuino sul quale segna gli appunti fornitigli dal Brigadiere).

Brigadiere


Un assassinio.

Reporter


Un morto?

Brigadiere


Una morta.

Reporter


E la stessa cosa... Dunque?...

Brigadiere


Io ne so meno di voi.

Reporter


Come? Comme se chiammava?
[ 374 ]

Teresa


Mo ve serv'io. Assuntina 'a Casertana.

Reporter


Era di Caserta? Ma il cognome?

Teresa


Di Domenico.

Reporter


Zitella?

Teresa


Nonzignore...

Reporter


Ah! Capisco. (Segnando nel taccuino) Donna libera. Chi l'ha uccisa?

Brigadiere


Non si sa ancora.

Arturo


(Scattando) È stato Vicenzino, 'o nnammurato suio.

Brigadiere


(Ad Arturo) E voi che cosa ne sapete?

Arturo


(Si confonde) Io?
[ 375 ]

Reporter


Ora ne so abbastanza... Il cronista farà il resto. Signori! (Saluta il brigadiere e via di corsa).

Brigadiere


(Ad Arturo) Favorite con me... Voi ci potete illuminare.

Arturo


(Turbandosi) Io?

Brigadiere


Si, voi... Non avete detto che la vittima l'ha uccisa Vicenzino? Dunque, ne sapete qualche cosa?

Arturo


(Confondendosi) Sapeva a Vicenzino, ca cchiù 'e na vota ll'aveva ammenacciata... Allora essa veneva addo me...

Brigadiere


Ah, capisco. (Fissa Arturo insistentemente) Ah! veniva da voi?...

Arturo


Sì.

Brigadiere


E voi, le eravate... parente?
[ 376 ]

Ciccio


(A Luca) Mo se tradisce.

Arturo


Nonzignore. Amico.

Brigadiere


Allora, amico pure di quel tale Vicenzino?
Io!? Me n'avesse vippeto 'o sanghe!

Brigadiere


Ci tenevate un odio? E perchè mo non ce lo tenete più?

Luca


(A 'on Ciccio) Ah! S'è perzo!

Brigadiere


(A 'onna Teresa) Conoscete questo giovane?

Teresa


Sissignore, 'o conosco (La guarda va a collocarsi alle spalle di Arturo).

Brigadiere


(A 'onna Teresa) Dite la verità, se no, peggio per voi: vi chiudo subito il locale...
[ 377 ]

Teresà


'A verità sto dicenno.

Brigadiere


E parlate subito.

Teresa


Chisto giovene, pe ve fa' capace a buie, è nu giovene...

Brigadiere


Lo vedo.

Teresa


Ca teneva nu penziere pe Assuntina...

Brigadiere


Era l'amante?

Teresa


Nonzignore. L'amante, comme dicite vuie, era chill'ato, stu tale Vicenzino.

Brigadiere


Lo so.

Teresa


'O bbedite, mariscià, io ve stongo dicenno 'a verità... Propetamente, stu giovene cca, 'a paricchio, faceva 'o ruciello attuorno [ 378 ]Assuntina, p''a luvà 'a dint''a malavita.... Ma Vicenzino, spisso spisso, l'ammenacciava, p''o fatto ca... Ma no p''ammore... ma p''o fatto ca...

Brigadiere


Ci campava...

Arturo


(Con ira e disprezzo) Era nu carugnone!

Brigadiere


Ho capito tutto. (Alla guardia indicando Arturo). Impossessatevi di costui. (La guardia lo tien fermo per le spalle).

Arturo


Lassateme! Lassateme, sanghe d''a...!

Brigadiere


Non ti ribellare... T'avimmo acchiappato. Tu sei quello che ha ucciso Vicenzino. (Arturo, atterrito, china il capo, tremando violentemente). Confessi? (S'ode il rintocco prolungato d'una campana di una chiesa vicina).

Arturo


(Alza la testa, e fisa in volto tutti). Pe 'sta santa campana che sona a matutino, pe 'sta santa iurnata ca sta schiaranno, sì, è [ 379 ]overo, ll'aggio acciso io a Vicenzino, e nun me ne pento! (I primi chiarori dell'alba si diffondono). Chillo nfame curreva, fuieva comm'a che! 'E botto, me esce 'e faccia, me ferma, e cu na resella me dice: « Va, va vide a Assuntina toia! Te ne vulive fuì cu essa? E va, va... te sta aspettanno. Sta lloco, 'n terra 'a Croce, mmiezo a Portanova! Va t''a piglie, va! » Nu velo m'è sciso nnant'a ll'uocchie... Nun ce aggio visto cchiù... E... vuie sapite 'o riesto.

Luca


Povero giovene! 'A passione leva 'e lume!

Ciccio


L'ammore è na brutta bestia!

Biagio


Ha fatto buono!... Vuie nun 'o sapiveve a 'on Vicenzino?... Chillo era nu pripotente.

Brigadiere


(Alla guardia). Portatelo alla Sezione. E telefonate alla Questura, per il Pretore... Il cadavere non può rimanere qui, sulla strada...

Guardia


(Ad Arturo, bruscamente). Andiamo.
[ 380 ]

Arturo


(Indica il cadavere di Assuntina). Pe l'urdema vota... Mme costa 'a libbertà!...

Brigadiere


(Esitando un istante). Ma...

Arturo


(Si precipita sul corpo di Assuntina, l'abbraccia, lo bacia, piangendo). Assunta! Assuntina!... Assunta mia!... (Il brigadiere allontana Arturo dalla morta, e lo consegna alla Guardia. Un suono di mandolini e chitarre giunge insieme alle voci che cantano « Or che la note è placida ... »

Arturo


(S'incontra con la compagnia chiassosa, mentre viene tradotto dalla Guardia) Ce sta na povera morta!... Llá, vedite!... (I giovani della comitiva si fermano. Cesano i suoni e il canto. Tutti portano la mano al cappello in segno di saluto alla morta. Arturo passa con la guardia).

FINE


Napoli, 7-10 dic. 1895.