Teatro - Menotti Bianchi/Trezza d'oro

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

NOTICE: Mixed italian-neapolitan. In general, italics are for theatrical indications and are given in italian and dialogs are mostly in neapolitan.

[ 199 ]

A
Renato Simoni



TREZZA D'ORO


commedia in un atto


[ 200 ] [ 201 ]

PERSONE
---



'Onna Carmela.
Trezza d'oro.
Biasiello. (*)
Paolo.
'On Giuvanne.
Nannina.
Nu viecchio signore.
Aniello.



(*) La parte di Biasiello può essere sostenuta dalla prima attrice giovane. [ 202 ] [ 203 ]

LA SCENA


In portineria. Una piccola camera con una porta a vetri nel fondo. Dietro i vetri si vede una breve corte e lo svolgersi delle scale marmoree che s'innalzano fino ai piani superiori. A destra un quadro di legno con cinque portavoci di ottone giallo e lucido, allineati. Un po' più alto la rastrelliera per le lettere con qualche lettera e qualche giornale. A sinistra una vecchia cristalliera con stoviglie rustiche. Nel mezzo della camera un tavolo grezzo con un tappeto logoro e sfuggente. Intorno, alcune sedie impagliate. Le pareti sono ornate del ritratto del Re e della Regina in oleografia volgare. C'è anche l'immagine di un Santo e qualche figura tratta dalle pagine della Scena Illustrata o da altra rivista a colori.
C'è anche una mensoletta di gesso con un mezzo busto di Garibaldi pure in gesso. Sulla sinistra della prima quinta una porta che dà nell'unica stanza che fa da camera da letto.
E un mattino di state, ambiguo e quasi oscuro in quell'ambiente sottomesso.

[ 204 ] [ 205 ]

ATTO UNICO
---



Donna Carmela, è seduta vicino al tavolo e sorseggia il caffè, che versa da una piccola caffettiera di latta nel coverchio. È pensierosa. Dalla camera da letto giunge il canto della ninna-nanna che Trezza d'oro canta alla sua creatura. La vecchia si commuove e si asciuga una lagrima.

SCENA I.


Ninna-Nanna

— Vienece, suonno; vienece da li monte
Viene, palluccia d'oro, e dàlle 'n fronte!
— E dalle 'n fronte, e nun mme la fa' male!
Ca è piccerella, e 'a nonna mo vò fare!
— E nonna, nonna — nonna, nunnarella!
Lu lupo s'ha mangiata 'a pecurella!
— Ah, pecurella mia, comme faciste,
Quanno mmocca a lu lupo te vediste?!


SCENA II.


donna Carmela e Trezza d'oro


Carmela


(A Trezza d'oro che cammina sulla punta dei piedi, e volge la testa indietro per assicurarsi che la bambina dorme) S'è addurmuta?... I' che nziria c'aveva pigliato! Vuleva afforza 'a pupata d''a figlia d''a maestrina.
[ 206 ]Aviv''a vedè cu che preputenza ci 'a sceppava d''e mmane, alluccanno: «È 'a mia!... È 'a mia!...» Ce n'è vuluto p''a fa' capace! Si nun era pe Biasiello, ca s'è truvato a tiempo, t'assicuro ch''a pupata se sarrìa fatta tant''o piezzo!

Trezza d'oro


Site vuie che l'avvizziate malamente...

Carmela


È piccerella...

Trezza d'oro


A sett'anne, se capisce chello ca se fa...

Carmela


Già!... Comme si tu a sett'anne nun ire cchiù verrezzosa d'essa... Nun te parlo 'e chillo lazzarone 'e Biasiello... Chillo, è stato sempe 'a disperaziona mia...

trezza d'oro


Ma però tene nu bello core!...

Carmela


Nun t''o nego; ma ten''a capa sciacqua.
[ 207 ]

Trezza d'oro


È nu guaglione ca nun se fa fa' scemo. È nu poco manisco, ma è nu buono figlio.

Carmela


A quinnece anne 'a capa s'ha dda tenè 'o pizzo suio. Ma quanno, quann''o purtarrà nu sordo 'int''a casa? Maie?...

Trezza d'oro


S'aveva 'mparà n'at'arte?...

Carmela


Se 'ncapricciate ch'aveva fa' 'o pittore, l'artista, 'o nguacchia tela... Ma aggio paura ca Biasiello nun sarà buono manco a ianchià na cucina...

Trezza d'oro


'O ccride tu!

Carmela


Pecchè, m''o vuò chiammà artista?.. Pulecenella saglienno 'e scale d''o Tribunale dicette ca era avvucato.. Accussì figlieto. Pecchè va a ll'Istituto 'e Belle Arte è addiventato artista... Comme si p'essere artista, bastasse 'e purtà 'o cascettino d''e [ 208 ]culure e 'o ciuffo 'a malandrino!.... Comme va ca nun ll' 'e' chiammato addirittura prufessore?...

Trezza d'oro


Nun esaggerà... Biasiello s'è purtato buono, e 'st'anno, certamente farrà na bella figura. 'O quadro suio...

Carmela


Ha fatto nu quadro?...

Trezza d'oro


E quanto è bello!... E ce ha miso 'o titolo: «I lazzaroni».

Carmela


Ha saputo scegliere!... 'E cumpagne suie...

Trezza d'oro


Mammà, tu si' malamente a parlà accussì.

Carmela


Vattè... ca chillo è nu scugnizzo!... Ha pigliato tutto d''o pate. Da chillo... (Si batte la mano sulla bocca).

Trezza d'oro


(Con risentimento) Mammà!...
[ 209 ]

Carmela


'O difienne?.. Faie buono!.. Che se n'è fatto? Te lasciaie accussì...

Trezza d'oro


Chi sa, se nu iuorno...

Carmela


Io tengo 'e capille ianche... e l'uommene 'e ssaccio 'a dinto e 'a fora...

Trezza d'oro


Ma Pauluccio nun n'avete colpa; fu 'o pate. E tu 'o ssaie, ca 'o mannaie fora...

Carmela


Che me vaie cuntanne tu... Già, 'a colpa fuie tutta d''a toia.

Trezza d'oro


È overo, 'a colpa fuie tutta d''a mia... ma, io ero na guagliona,.. tenevo appena dicessette anne.. e a chell'età manca 'o iudizio... Dio accussì ha vuluto! E po'... che pozzo pretennere cchiù 'a Pauluccio?..... (Indicando la camera da letto) E chella peccerella? Comme farrìa nu iuorno a dirle: Saie.. patete fuie n'assassino... Saie, patete.. è [ 210 ]muorto 'n galera?... Me fa scuorno d'essere stato 'a mugliera 'e chill'ommo T''o giuro!... Sarria stato cchiù cuntenta d'essere stata 'a femmena 'e tutte, ch''a mugliera 'e n'assassino...

Carmela


Ma, Assuntulella, tene nu nomme...

Trezza d'oro


Bello nomme!.. Ne po i' superba...

Carmela


Ma 'o tene. Mentre Biasiello, è nu bastardo...

Trezza d'oro


(Con scatto) Mammà!. Biasiello s''o farrà nu nomme, e nu nomme annurato... (Lungo silenzio).

SCENA III.


dette e don Giuvanne


Giuvanne


(Fa capolino e resta sulla porta stringendo sotto il braccio la chitarra avvolta in un cencio colorato) Se po trasì?

Trezza d'oro


Site vuie, 'on Giuvà...
[ 211 ]

Giuvanne


Si, songh'io... (Si avanza).

Carmela


(Lo guarda) Ma ch'è!. Stat'arraggiato?..

Giuvanne


So' venuto pe' ve di' ca 'o nepote vuosto è assassino!

Trezza d'oro


Pecchè, che v'ha fatto?

Carmela


'O ssoleto... una d''e ssoie...

Giuvanne


Chillo guaglione fernarrà malamente.... certo 'n galera.

Trezza d'oro


'On Giuvà, abbadate comme parlate!...

Giuvanne


Avite ragione... Vuie site 'a mamma e cierti parole ca se diceno 'int''arraggia fanno male... Ma, quanno io me veco [ 212 ]sfracassà 'o strumento... (Svolge la chitarra dal cencio) Guardate, guardate cca che m'ha fatto...

Trezza d'oro


Trezza d'oro


Ma, nun sarrà stato Biasiello...

Giuvanne


Isso!... Isso!. L'aggio visto proprio io quanno m'ha menata 'a preta...

Trezza d'oro


Carmela


Pecchè 'o difienne? Nun 'o canusce, tu, a figlieto...

Trezza d'oro


Mammà, avite pacienza... No, io, nun ce pozzo credere....

Giuvanne


Facite malamente a pigliarne 'e difese... Si vuie sapisseve cu che razza 'e cumpagne s''a fa... 'O signore ce scanza e libbera... sarriano capace 'e ve passà 'a revista pure 'int''e sacche...

Trezza d'oro


'On Giuvà, fernitela! A figliemo io 'o canosco.... (Don Giuvanne fa spallucce)
E guaie a vuie, si Biasiello ve sentesse.
[ 213 ]

Giuvanne


E se sape!. Ll'avarrìa dà 'o riesto appriesso...

Carmela


'E' visto comme se retiraie aiere ssera? Ch''e panne stracciate e senza cappiello. E dicite, 'on Giuvà, 'sta preta pecchè v''a menaie?...

Giuvanne


Avit''a sapè ca io passavo nzieme c''o cumpagno mio, don Alessio, nnanz'a ll'Istituto 'e Belle Arte, ca s'avarrìa chiammà invece delle brutte arti, quanno na morra 'e giuvinotte, ch''e cappielle a' sgherra, nce abbistaieno e accuminciaino a sfruculiarce: « Fate largo ai prufessori di S. Carlo! » Nuie zitte, e seguitaieme a cammenà p''e fatte nuoste... Quanno, tutte nzieme, ce sentimmo chiovere ncuollo na tempesta 'e scorze 'e purtuallo e aute purcarie... Nuie alluccàmmo, e chilli figlie 'e gran... (Si tappa la bocca con la mano) a ridere... a fa' ammuina. Alessio, 'o cumpagno mio, se vuleva menà aizanno 'o clarino cumme a nu mazzariello, io 'o mantengo.. e na preta.. puffete.. me sfunnaie 'a chitarra...

Carmela


E po'?..

Giuvanne


E po' che, 'onna Carmè?
[ 214 ]

Carmela


No, dicevo... Comme iette a fernì?...

Giuvanne


Iett'a fernì ca se ne fuiettero...

Trezza d'oro


E pecchè, avite data 'a colpa a Biasiello?

Giuvanne


Pecchè, 'o capo popolo era 'o figlio vuosto...

Trezza d'oro


Ma chesta nun è na ragione pe credere c''a pretate l'ha menata figliemo. A' fine d''e cunte po'... si è stato Biasiello, ve pavammo 'a chitarra... e bonanotte...

Giuvanne


Mo iammo buono!... 'A chitarra è overo ca era vecchia; ma vecchia comm'era puteva custà na ventenella 'e lire.

Carmela


'On Giuvà.. vuie che dicite! Cu vinte lire n'accattate na duzzina...

Giovanne


'E cartone!... E vuie allora dateme chello ca vulite vuie. Che v'aggia di'?
[ 215 ]

Trezza d'oro


Lassate primma c'addimanno a figliemo. Ma, abbadate 'on Giuvà... ca si nun è overo chello ca m'avite ditto, Biasiello nun se ne sta!.. Vuie 'o canuscite... Penzatece bbuono...

Giuvanne


(Resta pensieroso, poi si gratta il lobo dell'orecchio) A me m'è parso...

Trezza d'oro


(Con un sorriso) 'O vedite, comme ve ne venite: «A me n'è parso!» Allora, nun 'o ssapite cu certezza? Iucate a lana pierde....

Giuvanne


A me, me l'ha ditto Alessio ch'è stat'isso.

Carmela


Alessio?... Ma si chillo è cecato?

Trezza d'oro


'On Giuvà, scusate, ma chesto nun è 'a vuie!...

Giuvanne


Vuò vedè, ca mo, aggio pure tuorto?...

Carmela


(A suo figlio) Sceta a chillo galioto.
[ 216 ]

Trezza d'oro


(Si avvicina alla porta) Biasiè!. Biasiè! Susete!... Viene a cca!...

Voce di Biasiello d. d.


'O 'i cca! Sto truvanno 'o cappiello!...

Carmela


S'è scurdato ca l'ha perduto... Che capa! che capa!

Trezza d'oro


Viene cca, ce sta 'on Giuvanne 'o sunatore...

Giuvanne


(Raccomandandosi) Ve ne prego, nun le dicite subbeto 'o fatto d''a chitarra... Pigliatelo c''o buono.. Chillo beneditto figlio tene certe mmane longhe, e io, nun mme ce voglio mettere a tuzzo..

Trezza d'oro


Nnanze a me se starrà cu doie piede 'int'a na scarpa!

Giuvanne


Sta venenno! V'arraccumanno, pigliatelo c''o buono... vedarrate ca cunfessarrà tutto...
[ 217 ]

SCENA IV.


detti e Biasiello


Biasiello


(Senza cappello, con la giubba lacera ad una manica. Esce della porta a sinistra). Mammà, pecchè tutta 'sta pressa? (Vedendo 'on Giuvanne) Ah, pe stu viecchio rimbambito?...

Giuvanne


Accuminciammo buono!....

Trezza d'oro


Accussì rispiette 'e viecchie?... Ricordete ca 'on Giuvanne sta 'int''a casa nosta...

Biasiello


(Accostandosi a don Giovanni con atto minaccioso e sottovoce) E va bene!.. e va bene! Po' facimme 'e cunte.... Staie aparato!...

Carmela


Di' 'a verità: che ll''e' fatto a don Giuvanne?

Biasiello


Io?... Niente!... Chi 'o canosce?
[ 218 ]

Trezza d'oro


Sì, tu!...

Biasiello


(A don Giuvanne) Ah! vuie m'accusate? (Minaccioso) E tenite pure 'o curaggio 'e venì 'int''a casa mia?... (Alla madre) Oi ma'! Chisto v'ha ditto 'a verità?...

Carmela


Ha cuntato tutto...

Biasiello


Ma comme vuleva isso?...

Trezza d'oro


Di', si' stato tu a romperle 'a chitarra?...

Biasiello


Io?.. NO!.. Fuie n'ato giovane 'e ll'Istituto... Ma, 'on Giuvanne, v'ha ditto ca nce offennette?

Carmela


Chesto no.

Trezza d'oro


'On Giuvà... 'o sentite?

Biasiello


Mammà, tu 'o ssaie si te voglio bene, e a te na buscìa nun 'a dico... Si, è overo ca [ 219 ]lle menaieme 'e scorze, ma isso... (Gli si avvicina e fingendo di prenderlo per la manica della giacca gli dà un pizzicotto da farlo gridare) ma isso, ce chiammaie: Mariuncielle. Allora, uno d''e nuoste, offeso, cu nu caucio lle scassaie 'a chitarra...

Trezza d'oro


Nun fuste tu, ca lle menaste 'a preta?

Biasiello


Qua' preta?... (A don Giuvanne minaccioso e facendo atto di mettergli un dito nell'occhio) Tu 'e' ditto ca so' stat'io?.. Di'?...

Giuvanne


(Intimorito) Nonzignore, nun aggio ditto chesto... Ma chisto è nu diavolo scatenato!.

Trezza d'oro


Biasiè, 'e mmane 'o pizzo lloro...

Biasiello


(A don Giuvanne) E mo, sa' che te dico? 'A ll'Istituto non ce passà cchiù... Arricuordate 'e solde che t'aggio fatto abbuscà ogne vota ca tu e chillu ietteco d''o cumpagno tuio veniveve a romperce 'e scatole... Guaie a te!.. Va a fa' bene a 'st'affamato...
[ 220 ]

Giuvanne


Eccellenza!.. scusate...

Biasiello


(Dandosi dell'aria e passeggiando) E va bbuono!... Pe 'sta volta si prumiette 'e nun 'o fa' cchiù, aizammo 'a mano...

Carmela


Chi te fa fa' 'o ferlocco?.. Quanno 'o miette nu poco e' iudicio?... Maie?...

Giuvanne


Quanno chiovene passe e fiche secche!

Biasiello


Mammà, 'o vi'? ch'è isso...

Trezza d'oro


'On Giuvà, a vuie ve piace d''o sentere?

Biasiello


A te po' te l'aggio ditto chello ca t'aggia fa'!... A chill'avanzo 'e spitale d''o cumpagno tuio nce aggia penzà nu poco meglio: V'aggia distruggere... uommene inservibili!

Giuvanne


(Togliendosi il cappello) E io ve ringrazio!.. Ha cacciat''a sentenze.
[ 221 ]

Biasiello


'Nfamà nu figlio 'e mamma...

Giuvanne


E già, dire 'a verità, vò di' 'nfamà 'a gente.

Biasiello


E mo sapite ch'avite 'a fa'? Venitece quanno meno putite a' casa mia...

Carmela


E tu chi si'?... (A sua figlia) 'O siente? È asciuto n'ato patrone...

Trezza d'oro


Biasiè, tu si' 'a disperazione mia!... (Ha uno scoppio di pianto).

Biasiello


Mammà, mammà mia!... perduoname... (Le accarezza i capelli d'oro) Comme so' belle 'e capille tuoie. Hanno ragione 'e chiamarte Trezza d'oro.. Pure papà te chiammava accussì. (Trezza d'oro singhiozza nel cavo delle mani) No... nun chiagnere!... (Minaccioso verso don Giovanni) Tutto pe colpa toia... Ma, guaie a te!...
[ 222 ]

Trezza d'oro


Biasiè.. no.. nun voglio!... Stu penzà tuio te purtarrà sfurtuna.. Tu si' grussiciello e' è 'a mettere iudicio... Cca, dinto 'a 'sta casa manca 'o capo 'e famiglia.. e tutte 'e speranze mie so' mise ncuollo a te!

Carmela


'O voglio vedè stu iuorno...

Biasiello


(Sicuro e con alterigia) Si, mammà!.. Venarrà stu iuorno, e tu p''a priezza me stregnerraie 'int''e braccia toie... (Si asciuga una lagrima) Io nun songo malamente, comme me credite. Io.....

Trezza d'oro


(Lo abbraccia e lo accarezza) No, no! Nun te voglio vedè chiagnere...

Giuvanne


(Quasi commosso) Fernitela!. Mo me metto a chiagnere pur'io.

Biasiello


(Gli calpesta un piede) Cuccutrillo!
[ 223 ]

Giuvanne


(Zoppicando con dolore) No, chisto è diavolo!.. È diavolo...

SCENA V.


detti e un vecchio Signore


Signore


Bebè è in casa?

Trezza d'oro


Sissignore!

Signore


V'è il portavoce?..

Trezza d'oro


(Indica il portavoce) Numero tre...

Signore


(Si avvicina al portavoce) Eccolo! (Toglie il fischietto e soffia nel portavoce, quindi rimette il fischietto a posto. Aspetta. S'ode un fischio. Toglie ancora il fischietto e parla) Con chi parlo?... Con Bebè?... Benissimo! Non avete conosciuta la mia voce? Io sono il Marchese del Fiore! (Biasiello si soffia fortemente il naso facendo trombetta! Il signore lo guarda irato) E così?.. Non mi fate comprendere nulla.
[ 224 ]

Biasiello


(Facendo lo gnorri) Tengo nu catarrone... tengo!

Signore


Vuol fare una passeggiata?.. Le manderò la vittoria.. No?.. Ha da fare?.. Come?..

Biasiello


(A don Giuvanne) E accussì che state a fa' llà 'mpalato?

Giuvanne


Me ne cacce?. . .

Signore


(Nel portavoce) Non sento! Qui in portineria si parla... (Si rivolge a Biasiello) Vi prego un po' di silenzio... Ma questa non è la maniera...

Trezza d'oro


(Con rimprovero) Biasiè!...

Biasiello


Ma ched'è! Manco parlà se pò?... Sto o no 'int''a casa mia?..

Signore


(Con risentimento) Allora perchè mettete quì i portavoci?
[ 225 ]

Biasiello


Ce l'avite 'a dicere 'o patrone 'e casa.

Trezza d'oro


Biasiè, tu nun tiene nient''a fa'?

Biasiello


Vurria pittà nu quadretto; ma cca ce sta poca luce.. Aggio fatto na penzata...

Giuvanne


Sarrà certo na penzata d''e ssoie...

Biasiello


(A don Giuvanne) Aspè.. ca te voglio fa' 'o ritratto...

Giuvanne


A me?.. Tu? E si bbuono?

Biasiello


Pecchè, nun me faie capace?

Giuvanne


Nun dicevo chesto...
[ 226 ]

Carmela


(Al signore che aspetta per poter parlare al portavoce) Scusate, signò. Biasiè, 'o signore ha dda parlà. Statte nu poco zitto...

Biasiello


(A don Giuvanne) Vaco a piglià 'o cassettino d''e culure e 'o cavalletto e vengo subeto. (Esce a prendere l'occorrente per dipingere).

Trezza d'oro


(Al signore) È nu diavolo, chillo guaglione..

Signore


(Nel portavoce) Perdonatemi; ma non è colpa mia se non ho udito... Dite?.. Ah! Ho capito.. Sarà per un'altra volta.. Posso venire questa sera?.. Grazie!.. Sì, sì, verrò subito... (Rimette il fischietto al portavoce).

Trezza d'oro


(Al signore) Signò, scusate... Chillo guaglione tene argiento vivo...

Signore


È abbastanza malcreato.
[ 227 ]

Trezza d'oro


Ve cerco scusa...

Signore


Lo mandi alla scuola. Imparerà ad essere un pò più educato.

Biasiello


(Ritornando) Mammà, ma pecchè pierdo 'o tiempo a parlà cu chisto?

Signore


(Minaccioso) Insolente!.. Tu sai con chi parli? Ridicolo!

Biasiello


(Afferrando una sedia) Ve perdono 'a parola, sulo pecchè state 'int''a casa mia..... si no...

Signore


Se no?..

Biasiello


Ve l'avarria fatto annuzzà 'n ganna... (Don Giuvanne lo trattiene) Mmece 'e fa' 'o giu, vinotto, 'o checco, vedite 'e metterve 'ngrazia c''o Pateterno... Nun 'o vedite ca state cchiù 'a llà, che 'a cca? [ 228 ]

Signore


Me la pagherai!.. Insolente!.. Scostumato!.

Carmela


Biasiello! Biasiello!...

Biasiello


(Al signore) Tu vuò nu cunziglio d'amico?... Si me truove p''a via, avota strata....

Giuvanne


(Al signore) Sentite a me, avutate strata... Va 'a penna a fa' vulà 'e pprete...

Signore


(Il signore esce minacciando) Ci vedremo.

Biasiello


(Gli grida dietro) Quanno vuò tu!.. marchese 'e stu..... stivale.

Trezza d'oro


Tu ce ne farraie caccià d''o patrone 'e casa...

Carmela


(Alla figlia) Lass''o fa'!.. Chillo ce porta tutte chille solde cu ll'arta soia.. È ghiusto... Mo fa pure 'o rre cumanna scoppole..
[ 229 ]

Biasiello


Ma comme, io aveva vedè a mammema ca cercava scusa a chillo viecchio pittato?

Trezza d'oro


Si' stato tu! Si' stato tu!

Biasiello


Doppo ca isso m'ha sfruculiato..

Giuvanne


(Con calma) Ma tu, nun ragione...

Biasiello


Tu nun capisce 'o riesto 'e niente, e statte zitto!...

Giuvanne


(Sempre pauroso) È comme dice tu!... Sissignore, àve ragione Biasiello...

Biasiello


(Alla nonna) 'O vedite c'aggio ragione? (Dispone il cavalletto, vi appoggia una tela e prepara la tavolozza con i colori) E po', a me, me secca 'e vedè a mamma mia suttumetterse. 'A mamma 'e n'artista ha dda essere superba, orgogliosa.. tanto pe nu poco 'e rispietto a ll'arte! (La madre lo bacia con affetto).
[ 230 ]

Carmela


Tu 'o 'mpare malamente!

Trezza d'oro


tutt''o pate!.. Tutt''o pate!

Biasiello


(Rimane pensoso) Patemo?... Tu me dicive ch'era tanto bbuono...

Trezza d'oro


Tanto buono!... Sì, è overo.

Biasiello


E murette luntano. In America, è ovè?

Trezza d'oro


Sì...

Biasiello


(Alla madre) Ah, no!.. Nun te voglio vedè chiagnere.. Songo nu 'nfame.. (Si asciuga le lagrime).

Giuvanne


(Commosso) Me facite chiagnere pure a me.

Biasiello


Zitto!.. Cuccutrillo!...
[ 231 ]

Giuvanne


Guè, ma ce l'ave proprio cu me!... Mo me ne vach'io...

Biasiello


Te ne vaie? E 'o ritratto?...

Giuvanne


I' m'aggia abbuscà 'a iurnata...

Biasiello


Ecco cca!.. (Lo fa sedere) 'Inta n'ora, te prumetto 'e farte 'o capo ritratto!

Giuvanne


Vedimmo che sape fa' 'o pittore! (Biasiello si mette all'opera).

Trezza d'oro


Mo esco nu mumento pe vedè d'asiggere chelle poche lire d''a signora 'e de Mari... 'Int''a casa nun ce sta 'a croce d''o centesemo...

Carmela


Pecchè, nun 'e cirche a ffiglieto? Tanta fummo...

Biasiello


Nonò, venarrà, venarrà, stu iuorno.
[ 232 ]

Trezza d'oro


Fosse vocca d'angelo 'a toia!

Carmela


Chi 'o ssa se 'o vedo stu iuorno...

Biasiello


No',.... tu aie da campà cient'anne.... (Si alza e l'accarezza).

Carmela


Va, ca si' nu ruffianiello!... (L'abbraccia e lo bacia),

Biasiello


'A pace è fatta... Mo so' cchiù cuntento.

Giuvanne


Ma io me stanco a sta accussì 'mpalato!

Biasiello


Ancora aggia accumincià...

Giuvanne


Vi' che pacienza! (Trezza d'oro entra in camera).

Biasiello


(A don Giuvanne) 'O cumpagno tuio 'a fa tarde?...


[ 233 ]
Giuvanne


Chi sa che lle sarrà succiesso.

Trezza d'oro


(Esce dalla camera avvolta in uno scialletto) Mo torno. Mammà, si 'a piccerella se sceta datele 'o bibberò...

Biasiello


Pe chesto ce penzarrà 'on Giuvanne...

Giuvanne


Io?.. E sulo 'a nutriccia aggia fa'! (Trezza d'oro esce. A donna Carmela) 'A piccerella sta malata? Che tene?...

Carmela


E 'e che manera! Trezza d'oro, nun 'o ssape.. Se penza ca è na cosa 'e niente...

Biasiello


'O miedeco l'ha vista?..

Carmela


'O miedeco, ca ieva ncoppa d''a maostrina, so' cinche iuorne ca nun se fa vedè... [ 234 ]E fuie isso ca me dicette c''a piccerella se ne puteva i' da nu mumento a n'ato.

Biasiello


E chesto, a mammà, ce s'aveva di'..

Giuvanne


Sicuro!.. È ghiusto!..

Biasiello


Si nun ato farcelo capì a poco 'a vota... (A don Giuvanne) Statte fermo!... Nun te movere!...

Carmela


(A Biasiello) E tu, comme iesce accussì stracciato, senza cappiello?..

Biasiello


L'aghe pecchè ce stanne?.. P''o cappiello nce arrangiammo...

Carmela


Dice tu: ce sta mammema ca ce penza!...

Biasiello


No.. Si venno a' Promotrice te faccio vedè che bello «Bursalino» ca m'accatto. (A don Giuvanne) Te vuò sta cuieto?.. Tu tiene 'arteteca!
[ 235 ]

Giuvanne


Guagliò, io me stanco!.. Fa' ampressa!...

SCENA VI.


detti e Nannina


Nannina


(Con un paniere di verdura) Bongiorno, 'onna Carmè!..

Carmela


Nannì... si tu?...

Nannina


Chiammateme ciuccia, 'nvece 'e Nannina! Pe na miseria vonno tenè 'a serva c'ha dda fa' pure 'a cammarera... I' scopo, io faccio 'a casa comme a nu specchio, i' faccio 'a spesa, servo a tavola e accumpagno pure 'a signurina a' passiata... E po' me s'ammenaccia ora e mumento, 'e cacciarme sott''o colpo.

Carmela


Nannì, nun ve lagnate...

Nannina


Già, vuie parlate bello, pecchè nun sapite che schiattamiento 'n cuorpo! 'A
[ 236 ]signurina se crede 'avè che fa' sempe cu 'e sculare... Ma nu bellu iuorno 'a nchianto, e me ne vaco.. È na schifezza!... (Va al portavoce e vi soffia dentro con dispetto) Guardate cca, me fa aspettà c''o pisemo che porto...

Giuvanne


Si nun sbaglio, vuie 'a cesta l'avite pusata 'n terra!

Nannina


'On Giuvà, vuie che facite? 'o sunatore?... E penzate a sunà... si sapite sunà!...

Biasiello


Firme 'sta ricevuta!.. Ma comme? t'aie 'a 'ntricà sempe d'affare d''a gente? Abbada 'e guaie tuoie!...

Nannina


(Impaziente) Uffà!!...

Carmela


Nannì, avite tuorto!... Nun ve lagnate d''a patrona vosta. 'A maestrina è na bbona figlia, ca se fatica 'a vita soia.

Nannina


Diece lire 'o mese e nu muorzo 'e magnà... Miseria bella nun m'abbandunà!... (S'ode il fischio del portavoce) Signurì, [ 237 ]acalate 'o panaro, o aggia saglì?... (A donna Carmela) Che v'aggio ditto?.. Pozzo saglì cu tutta 'sta robba?...

Carmela


Nu poco a' vota s'arriva 'mparaviso!

Nannina


Si na femmena ce trase, chella aggia esser'io...

Biasiello


Cu tutte 'e panne, Nannì?...

Nannina


E pure cu 'e scarpe, si attocca! (Prende il paniere e fa per uscire) Bona iurnata, 'onna Carmè!... (Ritorna) E .. 'a piccerella, comme sta?...

Carmela


Sempe 'o stesso!.. Salutateme 'a signurina, e ringraziatammella d''o penziero c'ha tenuto.

Nannina


Era essa c''o vuleva sapè...

Carmela


Io l'aveva capito!
[ 238 ]

Nannina


Ve saluto! (Esce)

Giuvanne


(A Biasiello) Vi' che lengua!.. E na limma.

Biasiello


Fa 'a serva...

Giuvanne


Se dice ca tutte 'e femmene 'e servizie so' smaledette 'a S. Pietro...

Biasiello


E 'o pecchè 'o sapite?...

Giuvanne


Chesto no. Accussì dice 'a gente.

Biasiello


'A saccio io 'a ragione...

Giuvanne


E sarrìa?

Biasiello


S. Pietro, primma d'essere chillo santo ca è, faceva 'ammore cu na serva...
[ 239 ]

Giuvanne


Comme, vuleva bene a na serva?...

Biasiello


Propio! Ma nu iuorno, chesta 'o tradette cu nu centurione, nu surdato rumano, a 'o quale, S. Pietro, lle tagliaie na recchia quanno iette a arrestà Gesù Cristo 'int'a ll'uorto.

Carmela


Scummunicato!... Statte zitto!... Chesto è peccato!...

Giuvanne


Mo capisco!... L'avetta ricanoscere e se vennecaie.

Biasiello


Nun sulo chesto: ma quanno avette 'e cchiave d''o Paraviso, ne cacciaie tutt''e sserve. Ecco pecchè se dice ca 'e femmene 'e servizio so' smaledette 'a S. Pietro...

Giuvanne


Vi' che vò di' leggere 'e libbre!...

Carmela


Bella cosa! S'addeventa turco.....
[ 240 ]

Giuvanne


Pecchè, vuie nun 'o ccredite 'o fatto 'e S. Pietro?...

Carmela


Una avarrìa essere nu scemo comm'a vuie, pe credere a sti pallune...

SCENA VII.


detti e Trezza d'oro


Trezza d'oro


(Entra e si toglie lo scialletto e dice alla madre) Niente!...

Carmela


Niente?... E comme?...

Trezza d'oro


M'ha ditto 'e turnà 'int''a semmana...

Carmela


Pe na miseria!... Nun te disperà...

Trezza d'oro


Si me dispero è pecchè nun ce sta nu sordo 'int''a casa.. E si a' piccerella le serve quacche cosa?...
[ 241 ]

Carmela


Sperammo ca no.

Trezza d'oro


Ha chiagniuto?...

Biasiello


No, mammà. Nemmeno nu strillo...

Trezza d'oro


Mo veco 'e me fa' dà quaccosa 'e sorde d''a mercante...

Carmela


L'avimmo 'a dà paricchio.

Trezza d'oro


Vaco a vedè 'a criatura...

Biasiello


Povera mammà!.. (A don Giuvanne) Statte cuieto!.. N'ato mumento e aggio fernuto...

Trezza d'oro d. d.


Ah, figlia!... Figlia mia!...
[ 242 ]

Biasiello


(S'alza di scatto) Ch'è succiesso?... (Fa per entrare in camera, ma si incontra con la madre pallida ed agitata).

SCENA VIII.


detti e Trezza d'oro


Trezza d'oro


(Ha uno scoppio violento di pianto) Morta!.. Morta!...

Carmela


(Portandosi le mani alla testa in alto di disperazione) Figlia mia!.. E comme è morta?. Accussì? Senza nu lamiento?... Figlia mia bella!!....

Biasiello


(Si precipita nella camera e ne riesce subito, esultando) No, mammà, no! È viva. È viva!...

Carmela


Viva?...

Biasiello


Sì!... Sì!... Quann'io so' trasuto ha apierto ll'uocchie...

Trezza d'oro


(Conclusa, fa per entrare nella camera) Tu nun me 'nganne?.. È 'a verità?...
[ 243 ]

Biasiello


Ma sì!... T''o ghiuro!... (Trezza d'oro entra nella camera).

Carmela


(Dondolando la testa) Chi sa, qua' iuorno, ce resta sotto a una 'e sti mosse!.. 'O miedeco m''o dicette..

Biasiello


Sperammo 'e no!

Trezza d'oro


(Con gioia entra) È viva!.. È viva! (Alla madre) Comme me sbatte 'o core! Mammà, valle a dà n'uocchio.. Nun me fido d''a vedè accussì sbattuta...

Carmela


(S'alza a stenti) Ah, gamma benedetta!.... Me s'è addurmuta... (Entra in camera zoppicando).

Biasiello


Lassammo sta... Sarrà pe n'ata vota... (Toglie ogni cosa e lo depone in un angolo.)

Giuvanne


E Alessio nun se vede. Che lle sarrà succieso?...
[ 244 ]

Trezza d'oro


E tu, nun vaie a' scola?...

Biasiello


(Con imbarazzo) Nun teng''o cappiello... (A don Giuvanne) Me prieste 'o tuio?...

Giuvanne


E io?...

Biasiello


(Ha un'idea. Va alla rastrelliera delle lettere e prende un giornale) Ecco ccà! A tutto ce sta 'o rimmedio, sulo a' morte no. (Piega il giornale a forma di cappello, come quello che usono i pittori da camera).

Giuvanne


E bravo!... Pitta pittò!...

Biasiello


Nun è cappiello pure chisto? Me pigliarranno pe nu pittore 'e stanze, e che fa?... Sempe pittore songo...

Trezza d'oro


Addò vaie?..

Biasiello


Vac''a scola e torno subeto (Esce di tutta corsa). [ 245 ]

Trezza d'oro


È nu buono figlio...

Giuvanne


Peccato ca tene 'e mmane pesante...

Trezza d'oro


E vuie, 'on Giuvà, nun me sapite cunziglià nu mezzo pe fa' denaro?...

Giuvanne


Sora mia, si 'o sapesse, nun starrìa cca...

Trezza d'oro


Nun pozzo fa' manco nu pigno... Nun tengo manco ll'uocchie pe chiagnere... E si me capita na disgrazia? E si aggia chiammà 'o miedeco?

Giuvanne


E chi ve dà tuorto? Ma, 'e denare mancano proprio quanno uno 'e va truvanno... (Appare sotto la porta Aniello).

[ 246 ]

SCENA IX.


detti e Aniello.


Aniello


(Col sacco dei capelli) 'A maestrina sta ncoppa?...

Trezza d'oro


Putite saglì. (Pausa) Pecchè me guardate, aniello?...

Aniello


Guardavo 'e capille vuoste. Pareno d'oro...

Giuvanne


Ve fanno gulìo?... No pe niente, 'o vicinato, 'a chiamma Trezza d'oro.

Trezza d'oro


V''e vulite accattà?... Mo me truvate 'e genio.

Aniello


Pazziate?... Pazziate pe cient'anne... Ce vonno e miliune, ce vonno.

Trezza d'oro


Quanto m''e pavate?.. Sentimmo.
[ 247 ]

Aniello


Nu tesoro!...

Trezza d'oro


Aniè, nun mme tentate. Ca i' so' capace 'e m''e vennere overamente.

Aniello


Vuie pazziate!...

Trezza d'oro


Vulimmo fa' 'st'affare?...

Aniello


I' so' sicuro ca nun m''e darrisseve manco pe tutto ll'oro d''o Munno... Ve saluto! (Esce e sale dalla maestrina).

Voce di Carmela d. d.


Trezza d'oro!... Trezza d'oro!... Viene, c''a criatura se sbatte... (Trezza d'oro si precipita nella camera).

Giuvanne


Nun v'allarmate... Nun v'allarmate!... (Resta a guardare sulla soglia. Rientra Trezza d'oro sconvolta, pallida) 'A piccerella?...

Trezza d'oro


Na mossa!... Madonna e che pena!... Me more!... Nu miedeco!... 'On Giuvà, [ 248 ]currite vuie... (Cade su d'una sedia) Figlia, figlia mia!...

SCENA X.


detti e Biasiello


Biasiello


(Resta immoto, tenendo in mano un cappello a cencio, sotto la porta) Mammà!...

Trezza d'oro


É Dio ca te manna!... Curre o' spitale 'a Pace... Nu miedeco!.. subeto!...

Biasiello


Corro!... 'O primmo ca trovo, 'afferro e 'o porto cca!...

Trezza d'oro


Curre!... Fa priesto!... (Biasiello esce).

Giuvanne


Mammà, calmateve, sarrà una d''e solete mosse. Nun ve spaventate...

Trezza d'oro


Che paura!... Madonna!... Madonna!...
[ 249 ]

SCENA XI.


detti e Aniello


Trezza d'oro


(Vedendo il compratore di capelli che scende lo chiama) Aniè!... Aniè!...

Aniello


(Sulla soglia) M'avite chiammato?...

Trezza d'oro


Si... Trasite... (A don Giuvanne) 'On Giuvà... iate a vedè 'a piccerella... Mammà è vecchia... Io mo vengo... (D. Giuvanne esce).

Aniello


Tenite 'a piccerella malata?...

Trezza d'oro


I' campo 'e palpete e paure...

Aniello


A che v'aggia servì?...

Trezza d'oro


(Risoluta) Ve voglio vennere 'e trezze... Pigliatevelle...

Aniello


Dicite overo?... Vuie pazziate!...
[ 250 ]

Trezza d'oro


(Sciogliendosi le treccie) Facite ampressa... Tagliate!...

Aniello


(Cava dalla saccoccia le forbici) Me manca 'o curaggio...

Trezza d'oro


Ch'ommo site?.. Ve site pentito?

Aniello


Io?... 'A parola è una...

Trezza d'oro


(Agitata) Tagliate! Facite ampresso!...

Aniello


Ve dò diece lire?...

Trezza d'oro


E quanno tagliate?

Aniello


(Le taglia le due treccie) È fatto!... Chesto so' 'e diece lire. (Trezza d'oro si copre il capo col fazzoletto di seta che ha alla gola. Si asciuga una lagrima e cade sulla sedia. Aniello la guarda ad esce, facendo una scrollatina di spalle. Trezza d'oro fa per entrare [ 251 ] nella camera, ma s'incontra con don Giuvanne) 'A piccerella?...

Giuvanne


Calmateve... Dorme ca pare n'angelo...

Trezza d'oro


aggio fatto 'e sorde p''o miedeco...

Giuvanne


Brava!.. E comme avito fatto?...

Trezza d'oro


Po' v''o dico!...

SCENA XII.


detti e Biasiello


Biasiello


(Rosso, affannato entra in portineria) Sta venenno! Mo vene!...

Trezza d'oro


Addò stà?...

Biasiello


So' venuto 'e tutta corsa pe t'avvisà... E 'a piccerella?

Giuvanne


Sta meglio!...
[ 252 ]

Biasiello


Respiro!.. 'E' 'a vedè che bell'ommo, e che bella maniera ca tene. Appena ll'aggio ditto 'e che se trattava, ha pigliato 'o cappiello è m'ha ditto: Va tu, ca io mo vengo. (Va alla porta) Sta venenno!...

SCENA XIII.


detti e Paolo


Paolo


(Dà il cappello ed il bastone a Biasiello). Dov'è la bambina?

Trezza d'oro


(Lo fissa lungamente) Sta cca... (Indica la camera).

Biasiello


È rinvenuta...

Paolo


Che cosa soffre?...

Giuvanne


(Interrompendo) Vedite Duttò... Cca se tratta... (Biasiello lo tira per la giacca) Tu che vuò?

Biasiello


(Sottovoce) Nun te fa' canoscere...
[ 253 ]

Trezza d'oro


Soffre 'e cunvulsione... Fa paura, se sbatte tutta... Pare che allora allora me mora!

Paolo


Non vi spaventate... Noi la guariremo.

Biasiello


Vulesse 'o cielo!...

Paolo


La bambina è di là?... (Indica la camera da letto).

Trezza d'oro


Si.. Ve faccio strada... (Entra nella camera, il medico la segue).

Biasiello


'E' visto, comm'è educato chillo signore?.. Appena è trasuto s'è levato 'o cappiello, mentre tu trase comme a nu ciuccio...

Giuvanne


Che vuò dicere?... Cu vuie ce stà 'a cunfidenza...

Biasiello


Ma chi t''a dà 'sta cunfidenza?...
[ 254 ]

Giuvanne


(Vedendo il cappello a cencio) T''o si fatto a' scola?... (Fa il gesto di rubare).

Biasiello


Pe chi m''è pigliato?... Dillo n'ata vota!.. (Con serietà) Quanno piglio e mm'arrubbavo... N'aggio truvato uno ca me ieva buono, e me l'aggio miso...

Giuvanne


Aggio capito... Nun te l''è arrubbato, ma te l''e' pigliato... Si nun è zuppa è pane 'nfuso...

Biasiello


(Vedendo venire la madre e il medico) Zitto! Vengono 'a chesta parte.. Eppure chillo signore è tale e quale...

Giuvanne


(Curioso) A chi?...

Biasiello


Nun t''o voglio di'... Schiatta!!...
[ 255 ]

SCENA XIV.


detti, Trezza d'oro e Paolo


Trezza d'oro


Me l'assicurate Duttò?...

Paolo


Buona donna, noi medici, possiamo combattere un male, ma, non possiamo mai assicurarne la guarigione. La natura può più d'ogni altra cosa.

Trezza d'oro


Cioè... Dio!...

Paolo


(Con un sorriso) Propio... Dio può far tutto...

Trezza d'oro


Allora ce sta 'o pericolo?..

Paolo


No; ma ci vorrà del tempo...

Giuvanne


Lassate fa' a Dio... Chillo sape chello ca fa!
[ 256 ]

Biasiello


Ha parlato 'o filosofo!... (Paolo lo guarda e gli sorride) Che ne capite vuie?... E vò sempe parlà!...

Paolo


(A Trezza d'oro) Ha dello spirito questo ragazzo... È vostro figlio?...

Trezza d'oro


Si, m'è figlio.

Paolo


< (A Biasiello) E ti chiami?

Biasiello


Biasiello!

Paolo


Operaio?...

Biasiello


Mammà nun ha voluto farme 'mparà nu mestiere... Studio 'a pittura...

Paolo


Bravo! Sei un artista?... Vai all'Istituto di Belle Arti?...

Biasiello


Si. E chist'anno, aggio pure esposto nu quadro...
[ 257 ]

Paolo


Ma bravo!... (A Trezza d'oro) Vi raccomando di fare spedire la ricetta..,

Trezza d'oro


Biasiè, lasciace nu poco. Aggia parlà c''o Duttore... Te chiamm'io.

Biasiello


(A don Giuvanne) Avanti!... Marscè!...

D. Giuvanne


Pur'io?..

Trezza d'oro


Pe nu mumento.

D. Giuvanne


È giusto! (Prende la chitarra e dice a Biasiello) Allora vengo cu tte?

Biasiello


Jammo a fernì 'o ritratto... (Prende dall'angolo il cavalletto e la cassetta dei colori, e la tela).

Giuvanne


Ma quanno sarrà fernuto, m''o daie?
[ 258 ]

Biasiello


Se capisce!... Viene!... (Lo spinge nella camera da letto).

Trezza d'oro


(A Biasiello) Zitto, zitto!... T'arraccumanno..

Biasiello


Duttò, permettete!... Quando nun tenite che fa'... ve faccio pure a vuie 'o capo ritratto. Ve dispiace?...

Paolo


Sì, volentiere. (Biasiello e l'altro escono).

Trezza d'oro


(Lo fissa in volto) Guardateme!...

Paolo


Perchè vi debbo guardare?

Trezza d'oro


Guardateme! (Gli si avvicina)

Paolo


(Impallidisce, trema ed esclama) Trezza d'oro!!.. Trezza d'oro!!... Trezza d'oro!!.. (Cade tra le braccia di Trezza d'oro. Lungo silenzio).
[ 259 ]

Trezza d'oro


(Poi con un gesto rapido lo allontana) No!... No!... Polo, figliemo sta llà...

Paolo


E che mmale ce sta?..

Trezza d'oro


Po venì... Biasiello nun sape niente. Sa ca 'o padre è muorto...

Paolo


Biasiello m'è figlio? Ma io so' libero...

Trezza d'oro


Mo vulennolo, nun 'o putarrìa cchiù...

Paolo


Pecchè?... Chi t''o proibisce?... Ah!... Cchella piccerella?...

Trezza d'oro


No, nun penzà a male... Chella piccerella l'avette cu maritemo...

Paolo


Maritata?...
[ 260 ]

Trezza d'oro


Si; ma mo, so' vedova...

Paolo


(Con gioia) Allora si' libera?

Trezza d'oro


E tu, t''ha spusarrisse 'a vedova 'e nu galeoto?... Diventarrisse 'o pato 'e chella piccerella?...

Paolo


(Resta pensieroso) Ma Biasiello m'è figlio!...

Trezza d'oro


T'è figlio... Ma quanno l'avarrie ditto: «Saie.. i' te so' pate» l'avarraie ditto pure chello ch'è stata 'a mamma... No!. Paolo, no!. Tu nun 'o può vulè stu sacrificio... Tu nun mm''e' a dà stu scuorno, nnanze a figliemo...

Paolo


E tu, può rinunzià a non vedermi mai più?...

Trezza d'oro


L'ammore?... L'ammore è muorto. Nun esiste cchiù... Tu, mo' nun spusarrisse Trezza d'oro, no!... Ma, spusarrisse sulo 'a mamma 'e Biasiello.

Paolo


Non è vero, no!...
[ 261 ]

Trezza d'oro


No, nun di' buscìa...

Paolo


Perdonami!... Perdonami!...

Trezza d'oro


Te perdunaie da chillo iuorno ca nascette Biasiello...

Paolo


(L'abbraccia e la bacia in fronte) Oh! se tutte le donne ti somigliassero... Si' 'n angelo!...

Trezza d'oro


'E' sufferto?

Paolo


Molto... (La guarda con gioia) Oh! quei giorni!.. Tutto passa!.. (Fa per togliere il fazzoletto dalla testa) Fammi vedere i tuoi capelli d'oro.. Ti ricordi... Quanno te mettette 'o nomme 'e Trezza d'oro...

Trezza d'oro


E me remanette. E mo tutte mme chiammeno accussì.

Paolo


(Insiste) Famme vedè le tue belle trecce d'oro...
[ 262 ]

Trezza d'oro


(Con spavento) No!.. No!.. Lassa sta!.. Nun boglio!..

Paolo


Perchè?..

Trezza d'oro


(Con dolore fa cadere il fazzoletto) Guarda!

Paolo


Ch'è fatto? Pecchè?...

Trezza d'oro


'A piccerella mureva... e io nun teneva comme pavà 'o miedeco...

Paolo


Tu si 'n'angelo! 'N'angelo! (Si abbracciano. Trezza d'oro abbandona il suo capo il suo capo sulla spalla di Paolo. Dalla camera da letto giunge la Ninna Nanna, cantata dalla vecchia).

Ninna-Nanna


— Stu piccerillo è nato a ll'ora bona:
ora ca 'n cielo la messa se sona...

— Stu piccerillo è nato a ll'ora santa:
ora ca 'n cielo la messa se canta!

(Durante la cantilena, la tela scende lentamente).

FINE


(Durante la cantilenal, la tela scende lentamente).
Napoli, 20-25 agosto 1893.