Teatro - Menotti Bianchi/Rosa Esposito

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

NOTICE: Mixed italian-neapolitan. In general, italics are for theatrical indications and are given in italian and dialogs are mostly in neapolitan.

[ 82 ]

ROSA ESPOSITO


lavoro premiato al Concorso drammatico del « Mattino »


RELAZIONE
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

L'unico e solo premio, per la commedia dialettale, è stato aggiudicato a Menotti Bianchi, autore di Rosa Esposito, col motto: « Chi la dura la vince. »
Rosa Esposito è lavoro di effetto, in grazia del quale i tipi, benchè vivi e veri, son ritratti di scorcio. Più curato è il movimento scenico che non il carattere. Il sentimento è giusto, persino nella colpa. Il motivo drammatico è trovato con delicatezza, trattato con maestria. Svelto il dialogo, eccellente la forma.

Napoli, 25 gennajo, 1902.



LA COMMISSIONE: E. ScarfoglioM. SeraoF. VerdinoisA. TorelliG.M. ScalingerRiccardo ForsterF. RussoF. G. StaraceG. Bellezza.




[ 83 ]

PERSONE
__



Rosa Esposito.

Vito.

Taniello.

Margarita.

Matalena.

Nannina.

Filumena.

Venditore di lupini.

Popolani.


[ 84 ] [ 85 ]

LA SCENA


Il « basso » di Rosa Esposito, d'una pretensiosa e banale ricercatezza. Nel fondo, una porta a vetri, che dà sulla via Anticaglia, antica e lurida via che nemmeno il sole meridiano riesce ad illuminare. A sinistra, un maestoso letto di ottone lucente, coperto da una ricchissima coltre di seta damascata; sulla parete, a capo del letto, alcune imagini di santi, una piletta di porcellana, un ramoscello d'ulivo, ed una candela istoriata, con un rosario di madreperla. Dall'alto del soffitto pende un ricco candelabro, con lume a petrolio e candele. A destra, un panciuto cassettone di mogano antico, sul quale spicca una statuetta della Madonna Addolorata, chiusa in un'alta campana di vetro. Innanzi alla sacra imagine arde una lampada rossastra. E un meriggio autunnale, un po' oscuro, in quella cameretta popolare, ove è diffuso un senso di tristezza e di sconforto. In un angolo della camera bolle una pentola con legumi, su d'una fornace di tufo. [ 86 ] [ 87 ]

ATTO UNICO
____

Rosa è seduta dietro i vetri. È pallida. Si alza e va lentamente a rimestolare i legumi; poi ritorna a sedere e a guardare nella via.

SCENA I.


Rosa e Venditore di lupini.


Rosa


E che sarrà? (Lungo silenzio).

Vend. di lupini d. d.


(Dà la voce a distesa, quindi passa davanti il basso di Rosa. Sul capo ha il catino col lanternino acceso):

Guagliò, viene 'e prova!
Io songo 'o lupenaro 'e ogne ghiuorno!
Salatiè!...


Rosa


'O lupenaro!... Nientemeno, l'avummaria!...
[ 88 ]

Vend. di lupini


(Soffermandosi davanti il basso di Rosa): Maè, 'e lupine?...

Rosa


(Fa segno di no. Il venditore scompare). E nun vene ancora! (Pausa). Ah, Madonna mia, a te mm'arraccumanno! (Prega).

SCENA II.


Matalena e Rosa.


Matalena


(Entra, con un scialle sulle spalle, e con affanno dice a Rosa): Ah! Nun ne pozzo cchiù! So' curruta comm'a na pazza!

Rosa


Ch'è stato?... Assettateve... Ch'è succieso, neh, Matalè?... Taniello?...

Matalena


(Ansimante) Mo...

Rosa


(Tastandola) State tutta nfosa... Ma ch'è, ch'è stato?
[ 89 ]

Matalena


'O marito vuosto...

Rosa


Vito?...

Matalena


È asciuto d''e ccarcere!

Rosa


Maritemo!... È... asciuto d''e carcere?!.. (Cade a sedere).

Matalena


S'è ncuntrato cu 'a siè Carmela, 'a mugliera d''o ferracavalle...

Rosa


Ah, Matalena, e che me dicite! Che me dicite!...

Matalena


Isso stesso ha fermata 'a siè Carmela, sott'a ll'Arco d''e turniere... Dice: « Neh, siè Carmè, si vedite a muglierema, facitele assapè ca so' asciuto 'a Niseta » ...

Rosa


Accussì... ha ditto?
[ 90 ]

Matalena


E c''o sango a ll'uocchie, 'onna Ro'!

Rosa


Ave ragione!... È giusto!... È troppo giusto!...

Matalena


Io po', 'a verità, pe ve di' comme 'a penzo, nun mme mettesse tutta 'sta paura. Cierti bote — comme se dice? — sò cchiù è nnoce ca 'e vvoce.

Rosa


Chi?... Vuie che dicite? Ma vuie a Vito nun 'o sapite, Matalena mia!

Matalena


E nun ce penzate, ca po essere ca s'acconcia tutte cosa...

Rosa


(Come a sè stessa). Ah, Taniello, Taniello, e che m''e' fatto fa'!

Matalena


Ce vo' curaggio...
[ 91 ]

Rosa


Ah, povera a me, povera a me!... E si vene Vito?!... E si trova a chill'ato?!...

Matalena


E, pecchesto, nun ve perdite 'e curaggio.. Facite quacche cosa... penzate a nu sottarfuggio... Comme v'aggia di'?...

Rosa


(Con sconforto). E che pozzo penzà?.... Venesse... So' priparata a tutto... Io ll'aggio vuluto, e ben a mi sta!

Matalena


Uh, mamma mia! E pecchè ve perdite 'e curaggio? E a chella figlia ca tenite ce penzate, o nun ve mporta cchiù manco d'essa?

Rosa


Povera Margaretella!

Matalena


Figlia 'e Taniello, è ovè? Eh! E mo vedite che succede, quanno 'o marito vuosto 'o vvene a sapè!

Rosa


(Con dolore) Povera Margaretella! (Piange).
[ 92 ]

Matalena


che chiagnite a fa'?

Rosa


Fosse na cosa ca se putesse annasconnere!... Margarita m'è figlia e ll'aggia tenè cca, vicino a me. Vito l'ha da sapè pe forza. E Vito, po' vedite Matalè... Vito m'accide!

Matalena


Giesù! Arrassusia! A che ghiate penzanno!

Rosa


E po' vedite! Po' 'o vedite!

Matalena


E che vulite fa'? Penzate ca 'o tiempo passa...

Rosa


E c'aggia fa'? Dicite vuie stessa... che pozzo fa'? Comme mme pozzo revulà? Io me veco perza... 'O curaggio m'abbandona!

Matalena


(Come vinta da un'idea). Ah!... Aspettate!.. Aggio truvato...
[ 93 ]

Rosa


Matalè, aiutateme!... Aiutateme vuie!...

Matalena


'A piccerella addò sta?

Rosa


Che bulite fa'?

Matalena


Addò sta?

Rosa


Cca bicino: addo Cristina, 'a cummarella...

Matalena


Mannatela a piglià.

Rosa


E pecchè? Dicite...

Matalena


Uh, mamma mia! E bi' si se persuade!
'A vulite mannà a piglià?

Rosa


(Corre alla porta e chiama ad alta voce, a distesa, una ragazzina di dodici anni, per istinto molto pettegola). Neh, Nannì!... Viene cca... Siente...
[ 94 ]

SCENA III.


dette e Nannina.


Nannina


(Entra) Che v'aggia servì?

Matalena


Viene cca, siente...

Rosa


Siente chello ca te dice Matalena...

Matalena


Siente... Tu saie 'a stalla d''o si' Taniello? Cca bicino, a San Paolo... Va llà, chiàmmete 'o si' Taniello 'e parte e dincello accussì: — Ha ditto 'onna Rosa ca cchiù tarde vene essa addo vuie, e nun ve muvite 'a cca.

Nannina


Va bene... E pecchè?

Matalena


Chiste nun so' affare ca t'apparteneno. Tu 'a mmasciata 'a vuò fa'?
[ 95 ]

Nannina


(Indecisa). Io aggio che fa': aggia i' addo mammema...

Rosa


(Va al «comò» e prende da un tiretto un fazzoletto di seta colorato). Siente, Nanninè, famme stu favore! Te', chisto è nu bello fazzuletto 'e sera. Tienatillo pe ricordo mio.

Nannina


(Pigliandoselo). Mo vaco...

Matalena


Aspetta! Siente... Quanno tuorne d''a stalla, va addo Crestina, 'a cummarella 'e 'onna Rosa. Là truove 'a piccerella, Margarita...

Nannina


Che ll'aggia di'?

Matalena


Niente... T''a piglie e 'a puorte cca.

Rosa


Nanninè, tu 'e' capito buono?

Nannina


Nannina


Pozzo i'?
[ 96 ]

Matalena


Va, va. C'aspiette? (Nannina va via, correndo).

Rosa


Matalè, io nu' v'abbasto a ringrazià! Chello ca facite pe me, 'o Signore v''o renne ncopp'a chelli ccriature voste!

Matalena


Sentite, 'onna Ro'. Cca Vito vene certo. E 'o mmeglio è ca nun se truvasse facce affronte cu Taniello.

Rosa


Vuie che dicite?! Io, si ce penzo, tremmo tutta quanta!...

Matalena


Be'!... Pe mo, quaccosa s'è fatta. Nannina ghiuta 'avvisà a Taniello. E mo io faccio n'ata funzione: vaco addo Filumena, 'a mamma 'e Taniello, e lle dico ca se tenesse 'o figlio a' casa, pecchè Vito è asciuto da 'e ccarcere, e po succedere n'aggrisso...

Rosa


E Margarita? Pecchè l'avite mannata a chiammà?
[ 97 ]

Matalena


'A piccerella v'è figlia e ha da sta' cu vuie. E po', Taniello nun è ommo c'abbada a 'e figlie. Nun saccio, ma mme pare ch'è meglio c''a piccerella v''a tenite cu vuie... (Guarda verso la porta) Giesù, s'è fatto notte tutto nzieme!... Io me ne vaco...

Rosa


Mme vulite lassà?

Matalena


Pe cumbinazione. ... tenisseve na capa d'aglio?

Rosa


(Prendendo sul cassettone alcuni spicchi d'aglio e dandoli a Matalena): Tenite cca: quante ne vulite... Ve ne iate?... Mme lassate?

Matalena


Ve lasso 'a bona nuttata. E nun ve mettite appaura, ca tutto s'acconcia. Bona notte.

Rosa


Bona notte.....
[ 98 ]

SCENA IV.


Vito e detta


Rosa


(Rimane pensosa un momento. Poi, come se si ricordasse, corre alla porta e chiama) Matalè!.. Sentite!... Ah!... (retrocede. Vito le sta davanti, entra e chiude la porta). Vito!

Vito


(Con violenza). Si, io, grannissema scellarata nfame!

Rosa


Perdòneme, Vito, perdòneme!...

Vito


Perdòneme?! A te, a te ca m''e' fatto addeventà l'urdemo ommo d''a terra?!

Rosa


(Con dolore). Vito! Vito!

Vito


Tu nun m'aspettave, è ovè? È stata na brutta surpresa! Tu te credive ca nun sarria maie cchiù asciuto 'a Niseta, e ca nove anne [ 99 ]nun sarriano passate maie? Mo sto cca, invece. Te tengo 'int''e mmane (come per acciuffarla) Addò sta Taniello?

Rosa


Siente, Vito... Siente...

Vito


M'aggia vevere 'o sanghe vuosto, nfame, nfame assassine!...

Rosa


Siente.. Lassame a stu nfame destino mio!... Nun perdere 'a libertà n'ata vota!... Lasso o i', a Taniello...

Vito


(Con ira): Ah, malafemmena!

Rosa


Accideme, Vito! Ma nun mme di' sta parola! No, nun m'o mmereto!

Vito


(Guardando intorno e con ironia). E te lagne d''a vita che faie, cu tutto stu bene 'e Dio int''a casa? Teh! Cummò, lietto 'attone, robba nova. Tiene pure 'o pignato ncopp''o ffuoco... 'O si' Taniello ha da venì; ll'aspiette. Embè, mo ll'aspetto pur io (siede a cavalcione su d'una sedia).
[ 100 ]

Rosa


'A nomme è Dio, Vito, siente, nun te ncuntrà cu chillo nfame!

Vito


Te miette paura ca 'o faccio quacche cosa? Nun avè appaura.

Rosa


No, nun è pe chesto...

Vito


Te ce sì affeziunata? E giusto...

Rosa


No, no, Vito! Chillo è nu nfame!... Tu nun saie chello c'aggio patuto cu isso!... È pe te ca io mme metto paura! Pe te, sulo pe te!...

Vito


Ricordete c'accedette a Tore pe te! Aggio sufferto nove anne!... Nove anne 'e priatorio!

Rosa


Vito!

Vito


E mo pure a chist'ato!
[ 101 ]

Rosa


E tu nun ce pienze a chello che faie?....

Vito


Nfame, assassine ca site state tutte quante! M''o mmeretavo io?... Di', m''o mmeretavo?

Rosa


Nun fuie io, no!... Siente... Quanno tu iste carcerato, io a poco a poco m'avette 'a vennere tutta 'a robba d''a casa. Po' venette 'a miseria... e che miseria!... Iette addo mammeta... e mammeta me ne cacciaie... (movimento di Vito) Sì, mammeta!... Stette diuna duie iuorne, e pe duie iuorne 'e seguito na femmena 'e chelle ca se vanno accattanno l'onore 'e ll'ate runziaie 'a parta mia pe mme fa' fa' chello ca io nun vulevo... Na sera, mentre me retiravo, morta 'e famme, stracqua, disperata, ncuntraie a Taniello...

Vito


(Con scatto) E nun era meglio ciento vote ca te fusse posta a fa' 'a mala femmena? Ma tu a Taniello 'o vulive bene! E 'o vuò bene!

Rosa


No! No!
[ 102 ]

Vito


Taniello, pe me fa' nu sfregio, t'ha vuluto tenè cu isso!... E io l'aspetto cca. Ha da venì!...

Rosa


No! No! Fuie nu tradimento!... Pe forza!.. Io nun vuleva!

Vito


Va, va, busciarda! Io nun te credo!

Rosa


Nun mme ne caccià, Vito! Fallo pe tutte 'e muorte tuoie! Sienteme, sienteme almeno!

SCENA V.


detti, Margarita e Nannina


Margarita


Mammà, che buò? (guardandola con meraviglia) Ch'è stato?

Vito


(Rimane estatico) Uh! Dio! Dio! Dio!...

Rosa


(Abbraccia la bambina) Figlia mia!
[ 103 ]

Nannina


Taniello nun ce steva... So' ghiuta primma a' stalla e po' a' casa soia... Nun steva manco a' casa... E chisto chi è, neh, 'onna Ro? 'O marito vuosto?

Rosa


(Seccata) Va. Va.

Nannina


Bonanotte (nell'uscire, guarda con meraviglia Vito).

Margarita


Mammà, tu chiagne?!... E pecchè?... Ch'è stato?...

Rosa


Niente, figlia mia...

Margarita


Chi t'ha fatto chiagnere?... Papà?... Chillo te fa' sempe chiagnere!

Vito


(Cupo) Figlia a Taniello?!.. E nun era meglio ca fosse muorto ngalera?!

Margarita


(A Rosa) Ma pecchè chiagne?
[ 104 ]

Rosa


Vito, tu aie ragione, sì, ciente vote e no' una! Ma io te giuro ncopp'a st'anema 'e Dio ca sulo a te aggio vuluto bene! E te ne voglio ancora, sempe, sempe! T''o giuro!... Crideme! E, si nun mme cride, accideme, ca te vaso 'e mmane!

Margarita


(Con spavento, si gitta nelle braccia della madre) Mammà! Mamma mia!...

Vito


(Indicando la bambina) Chella... chella parla pe tutte!

Rosa


Ah, si sapisse comme ll'aggio mparato a vulerte bene!

Vito


(Mordendosi il pugno) Ma quanno mme pozzo vennecà? Maie?

Rosa


No, Vito! No! Tu a Taniello nun l''e' 'a tuccà! Che buò fa'? Vuò fa' n'ato riato!?

Vito


E mo 'o tuorne a difendere?! 'O difiende n'ata vota?!
[ 105 ]

Rosa


No! Io nun 'o pozzo vedé, nun 'o pozzo suffrì!... Ma è pe te ca me metto paura! Pe te!

Margarita


Mammà, tu che dice?! Nun vuò cchiù bene a papà? E che t'ha fatto? T'ha vattuta? Ah, chillo papà!

Vito


Taniello è n'assassino!

Margarita


Chi? Papà?!... E pecchè?... E vuie chi site?

Rosa


Vito! E st'anema 'e Dio che peccato ha fatto?

Margarita


Mammà, e chi è stu Vito? Nun è chillo c'arraccumannammo ogne sera a' Madonna? (a Vito) Vuie site Vito? E pecchè chiagnite? (gli si avvicina con dolcezza, e con la mano gli terge una lagrima).

Vito


(Dolcemente commosso) Va... va addo mammà...
[ 106 ]

Margarita


(Non si muove). Nun chiagnite! (Guarda sua madre) Site stata vuie?... Pecchè?... Nun m'avite ditto ca era tanto buono? E mo... pecchè?... (A Vito) E vuie pecchè facite chiagnere a mammà?... Che v'ha fatto 'e male? Me'... facite pace... dateme sta mano... (gli prende la mano) Mammà, dateme 'a mana vosta... (cerca di far avvicinare Vito a Rosa).

Vito


(Ha uno slancio; carezza Margherita, poi bacia Rosa e se la stringe tra le braccia) Te perdono! Mme voglio scurdà 'e tutto!

Rosa


Vito! Iammuncenne 'a dinto a sta casa... Nce aggio patuto nove anne!... E Margarita?

Vito


Vene cu nuie, Ro'. Penza ca io mme so' scurdato 'e tutto. Ricòrdete ca io nun voglio fa' ridere 'a gente ncuoll'a me! Tu a chill'ommo 'e' 'a fa' comme si nun l'avisse maie canusciuto! Ca fosse muorto...

Rosa


Porteme, porteme cu te!...
[ 107 ]

Vito


Iammuncenne... Pigliete 'a piccerella...

Rosa


(Azione) Iammo.... Mo nchiudo, e lasso 'a chiave a Nannina... (Sulla soglia appare Filomena, poi Matalena).

SCENA VIII.


detti, Filumena e Matalena


Rosa


(Con grande sorpresa) Vuie, donna Filumè?

Filumena


(Ironica) Ched'è, ve disturbo? (a Matalena) E tu ca dicive ca nun era overo!...

Matalena


E chi ne sapeva niente?...

Vito


(Risoluto) 'E che se tratta? Che bulite?

Rosa


(Supplichevole) Vito!
[ 108 ]

Filumena


Io songo 'a mamma 'e Taniello.

Vito


Tanto piacere!... Me dispiace sulo ca nun aggio visto 'o figlio vuosto.

Filumena


Pe rèula vosta, figliemo nun è tanto doce 'e sale...

Vito


Sì? Tanto meglio. Po' se vede!

Rosa


(Supplichevole) Vito!

Filumena


Ma io so' mamma, e spero e nun le fa' passà ati guaie pe chesta bona cristiana.

Vito


Chi? 'O figlio vuosto? Ma io me n'avarrie 'a vevere 'o sanghe!

Matalena


(Sottovoce) Uh, mamma mia!
[ 109 ]

Filumena


È stata 'a mugliera vosta. Essa 'o ssapeva o nun o ssapeva ca aviveve 'a turnà da 'e ccarcere?

Rosa


Sentite, 'onna Filumè: ragiunammo: 'o figlio vuosto ha fatto comme a chillo ca se pigliaie 'o cane c'aveva perzo 'o patrone. Primma l'accarezzaie e s''o purtaie 'a casa. Po' l'accumminciaie a vattere ogne ghiuorno.

Filumena


E chesto mo che vo' dicere? L'aie cu Taniello?

Rosa


Sì! Cu isso. Ca 'e me, ca ero na bona femmena, n'ha fatto peggio 'e na....

Vito


(Con scatto) Statte zitta!..

Rosa


Ma chella 'o ssape, 'onna Filumena! Mo fa vedè!... Ched'è? Nun 'o ssapite ca Taniello mme pigliaie a trarimento? Ca mme mbriacaie? Ca io nun vuleva?.... Ve site scurdata 'e prumesse ca vuie mme facisteve?
[ 110 ]

Filumena


Nun saccio niente... Nun è overo...

Rosa


(A Matalena) Neh, Matalè?... Parla tu!..

Matalena


'Onna Filumè, vuie avite tuorto... 'O ssanno tutte quante, 'o ssanno! Sentite... Facite na cosa bona... Vedite 'e truvà e Taniello, e si 'o truvate v''o purtate a' casa... Si 'o trovo, io lle dico ca state malata... Accussì chillo piglia e corre a' casa...

Rosa


'Onna Filumè, chesta è 'a chiave... Tutta sta rrobba è d''o figlio vuosto...

Filumena


Ve site fatto cuscienza!...

Vito


Iate! Si no, comm'è overa 'a iurnata ch'è ogge, accummencio 'a vuie!...

Matalena


Iate, iate, 'onna Filumè....
[ 111 ]

Filumena


Si 'o vedite, mannatemmillo...

Matalena


(L'accompagna dolcemente verso la porta) E ghiate mo! (Quando sarà uscita): Puozze passà nu guaio! È bona sulamente a dà 'e renare c''o nteresse e se zuca 'o sanghe d''a povera gente!

Vito


Nfame! Assassine!...

Rosa


Vi', iammuncenne!

Matalena


E ve ne iate accussì? E nun ve pigliate ll'oro, quacche poco 'e rrobba?...

Vito


Niente! Ll'oro nce 'o torno a fa' io... Iammo!... (fa per partire).

Margarita


Addò iammo, neh, mammà?...
[ 112 ]

Rosa


A n'ata casa cchiù bella... Matalè, addio... Stateve bona...

Matalena


Dateme nu vaso... (si baciano)

Vito


Pe vuie 'a casa mia è sempe aperta.... Iammo, Ro'!... Margarì, damme 'a mano. (prende per mano Margherita. Mentre stanno per uscire, si odono le campane delle capre, poi il fischio di Taniello).

Rosa


(Soffermandosi) Taniello?!

Vito


Ch'è stato?

Matalena


(Tremante) 'On Vì!... È Taniello!... (si fa alla porta).
[ 113 ]

SCENA IX.


detti e Taniello


Taniello


(Tenendo in mano una lunga mazza, vede Maddalena e le dice): Vuie?!... E che facite cca? (vede Vito) Tu?!... Vito!

Vito


Embè... io... saccio 'o duvere mio... So' venuto pe ve ringrazià 'e tutto chello c'avite fatto pe muglierema... Pe ve di' ca so' asciuto vivo da 'e ccarcere!

Taniello


(Confuso) Io.... (Rosa prende per mano Margarita e fa per andare) Addò iate?...

Matalena


Sentite, Taniè: 'a mamma vosta ve vo'... Sta malata... Iate, iate, ca ve vo'!

Taniello


Nun di' buscie!
[ 114 ]

Vito


(Minaccioso) E quanno 'a fernimmo?

Taniello


Ma ched'è, mme vuò fa' mettere paura?

Vito


Mo no... Chisto nun è 'o mumento... Ma tu saie addò me può truvà... (a Rosa) Iammo!

Taniello


(A Rosa) Tu 'a cca nun iesce! (rivolgendosi a Vito) Sta femmena m'appartene!

Rosa


A chi? Meglio 'a morte, mille vote!

Margarita


(Piagnucolosa) Mammà, mme metto paura!

Matalena


Facitelo pe chell'anema nnucente

Taniello


Margarita m'è figlia!... Lassa sta criatura!
[ 115 ]

Vito


(Si mette davanti a Margherita) È figlia a te nnanze a Dio! Nnanz''a legge, è figlia a me!

Taniello


Scòstete! Sanghe d''a ... (alzando la mazza).

Vito


(Trattenuto da Rosa) Nun te movere!

Matalena


Taniè! P'ammore 'e Dio! Vuie che vulite fa'?!

Taniello


(A Rosa) Tu mo mme vuò lassà?!... Doppo ca t'aggio sfamata! Va, ca tu si' una 'e chella 'e Porta Capuana!...

Vito


(Viene trattenuto da Rosa e Matalena, che si vuole slanciare contro Taniello. In questo, avrà aperto il coltello che nasconde nella saccoccia) E tu si' nu carugnone!... Iesce!...

Matalena


Vergine Santissima!
[ 116 ]

Taniello


Iesce! (esce dal «basso». Vito, dopo di essersi svincolato dalle braccia di Rosa, impugnando il coltello, si precipita fuori).

Matalena


(Fermando Rosa, le dice): Addò, addò vulite i'?...

Rosa


È maritemo! Lassateme!

SCENA XI.


detti e Vito.


Rosa


(Corre alla porta; ma s'incontra col marito, che, senza cappello, terrorizzato, stringe ancora il coltello nella mano; avvedendosi dell'arma, con ribrezzo la gitta a terra, poi con disgusto si pulisce la mano insanguinata) Ah, Vito! Ch''e' fatto?!..

Vito


(Quasi per scusarsi dell'operato, dice): Io nun vulevo!... Isso ll'ha vuluto!...
[ 117 ]

Margarita


(Si precipita fuori, gridando): Papà mio! Papà mio!... Me ll'hanno acciso!...

Rosa


(Al quadro dell'Addolorata) Ah, Madonna Addulurata! Tu nun mm''e' vuluto perdunà!... (Al di fuori si odono le voci continue del popolino).

Vito


(Si precipita alla prota e la chiude; poi con spavento): Annascunneme!... 'A galera mme fa paura!...

(Il popolino, dietro la porta, bussa con chiasso. Un vetro va in frantumi. Si grida): Assassino! Assassino!
(Vito cade tra le braccia della moglie e prorompe in singulti).

FINE.



Napoli, 6-7 Nov. 1888.