Teatro - Menotti Bianchi/Notte

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

NOTICE: Mixed italian-neapolitan. In general, italics are for theatrical indications and are given in italian and dialogs are mostly in neapolitan.

[ 303 ]

A
Salvatore Di Giacomo



NOTTE


fuga in un atto

[ 304 ] [ 305 ]
PERSONE
---



Aniello
'onn Amalia
Cuncetta
Peppeniello
Rusella
Taniello
Carmeniello
Nunziatina
Furturella
Assunta
Gnesella
Vito
Tore
Biase
Mimì
Due Guardie di P. S.
Popolani
(comparse)

[ 306 ] [ 307 ]
LA SCENA


A Cariati, al crocevia, su i quartieri di Toledo, fra i tortuosi vicoli della vecchia Napoli, in una paurosa notte di pioggia, s'erge, di fronte al vicolo cieco « Caricatolo » un sontuoso calvario, innanzi al quale i fedeli del rione, liberati dal colera del 1884, accendono ogni sera una lampada votiva davanti il quadro dell'Addolorata che sta ai piedi del Gesú. La fiammella agonizza, rossiccia. Dietro la croce, discende a precipizio, la via « Croce Cariati ». A quando a quando, fuggevolmente si vede balenare, in fondo, alla via, il Vesuvio in eruzione, e tutto il caseggiato che discende fino alla città sottostante.

Alla destra del calvario, vedesi un basso, al quale si ascende per una scaletta di pietra, parapettata di tufo gialliccio, lumacata; sul parapetto fiorisce, in un vaso di creta, una pianta di garofani in fiore.

Tutto è avvolto nella fitta oscurità della notte. Piove e lampeggia.

Sulla sinistra, dietro la porta socchiusa del basso di donna Amalia, brilla un fioco riverbero di luce di candela che si riflette sul lastrico bagnato e sulla paglia sparsa dinanzi alla casa. Non ostante l'ora tarda, e la notte piovosa, qualche finestra è ancora socchiusa, qualche volto femmineo si protende, guardando verso la casa della morte. [ 308 ] [ 309 ]

ATTO UNICO
------



La via è deserta. Passano rari popolani che si segnano davanti al calvario e si soffermano per poco dinnanzi al basso di donna Amalia, dove si veglia l'agonia di un giovane che muore per amore.

SCENA I.



Aniello e Amalia (d. d. il basso)


Aniello


Io mo moro!... Mo moro!...

Amalia


No, core 'e mamma, no; nun o di'!.. (Passa una popolana).

Aniello


Ma', chiammateme nu prevete (Tossisce) Io mo moro!... Me voglio fa' l'ora 'e Dio.

Amalia


Figlio mio!... Mo t''o manno a chiammà.. E comme, madó!... Nun te vuò smovere no?
[ 310 ](Si ode un pianto dirotto. Due donne si segnano e si soffermano davanti il basso, in ascolto).

Aniello


Ma', nun chiagnere... Io moro, perdono a tutte quante. (Un forte colpo di tosse).

SCENA II.


Due guardia di P. S., Peppeniello e Amalia


(Due guardie di P.S., con l'impermeabile, attraversano la via, dalla sinistra alla destra, con passo cadenzato, uguale. Poco dopo, dal basso di Aniello esce di corsa Peppeniello. 'on'Amalia immediatamente appare sulla soglia del basso e lo chiama).

Amalia


Aspè, Peppeniè!... Piglieto 'o mbrello, ca sta chiuvenno.

Peppeniello


Che ghiate penzanno! Io vaco e vengo!... (Fa per correre).

Amalia


E siente!... Doppo ca è chiammato 'o santissemo a' parrocchia, accattè doie connelotte 'a don Andrea. (Si asciuga una lagrima). Te': 'e quatto sorde. [ 311 ]

Peppeniello


E non sarriano bone 'e doie cannele d''a Cannelora, ca stanno appese 'o lietto?...

Amalia


Va! e viene ambresso.

Peppeniello


Duie minute e sto cca!...

SCENA III.


Amalia e Cuncetta.


Cuncetta


(Esce dal basso e si avvicina a 'onn'Amalia, che piange appoggiata con le braccia allo stipite della porta). 'Onn'Ama', Aniello ve vò.

Amalia


'O vedite cca!.... (Si asciuga gli occhi). È Dio, siè Cuncetta mia, ca accussì vò!... N'aggio fatto priarie, n'aggio mannate messe all'aneme pezzentelle.... Niente! Niente!.....

Cuncetta


Vuluntà 'e Dio!... Segno ca accussì era destinato, 'Onn'Amà!.....
[ 312 ]

Amalia


Parlate bello, parlate!... Mm'è figlio!..

Cuncetta


E chi ve dà tuorto. Aniello, pe essere troppo nu buone giovene, s'è arredutto accussì. Avite visto che smanie ca tene 'sta sera?

Amalia


Siè Cuncè, io so' mamma, e nun mme 'nganno. Chi sa si figliemo 'a tira anfino a dimane!... Me l'hanno acciso, me l'hanno!..

Cuncetta


Veditene 'a fine, 'onn'Amalia mia. L'hanno 'a chiagnere a lagrime 'e sanghe chello c'hanno fatto a chillo guaglione!

Amalia


(Singhiozza) Ah! Nun me ne scurdarraggio maie e po' maie 'e chillo figlio!... Che core, siè Cuncè, che core!... Ha perdunato a tutte chille che l'hanno fatto male. L'avite sentuto?

Cuncetta


E vuie pure, avite 'a perdunà.

Amalia


(Con scatto) Io no!... Maie, maie!... Me n'aggia vevere 'o sanghe 'e chella scellerata, me n'aggia vevere!...
[ 313 ]

Cuncetta


'Onn'Amà, dich'io, pecchè va pigliate tanto cu chella povera scunzulata?

Amalia


'A difennite?...

Cuncetta


No, ca nun 'a difenno; ma l'avisseve 'a vedè comme è arredotta... Chiagne matina e sera, e propio ogge m'ha ditto ca vuleva venì ccca pe se menà 'e piede d'Aniello.

Amalia


Ma, io, ce l'aggio scunzigliato.

Amalia


Avite fatto buono!... Nun saccio comme le sarria venuta.

Aniello (d. d)


Aiutateme!... Mo moro!... Oi' ma'!... (Le due donne si precipitano nel basso).
[ 314 ]

SCENA IV.


Peppeniello e Cuncetta


Peppeniello


(Arriva di tutta corsa e grida) Siè Cuncè! (Concetta esce dal basso) Sta venenno 'o Santissimo!... Vene 'o sottaparroco.

Cuncetta


Peppeniè, fallo trasì p''o palazzo. (Fa per rientrare nel basso).

Peppeniello


'E vulite 'e cannelotte?...

Cuncetta


Appiccele tu stesso nnanze a Gesù Cristo. (Indica il Calvario)

Peppeniello


Tenite nu fiammifero?...

Cuncetta


Aspè!.. (Entra nel basso, mentre Peppeniello aggiusta i ceri innanzi al Calvario. Quindi riesce e dice al ragazzo) Peppeniè te'.
[ 315 ]

Peppeniello


Va bene accussì?... È schiuòppeto.

Concetta


(Con le mani giunte in atto di preghiera). Ah! Gesù Cri, fance 'a grazia!... (Rientra nel basso. Il viatico, non visto, è entrato in casa di Aniello. Si ode il tintinnio del campanello; una luce viva di candele e di frasche accese risplende nella via. Assunta appare sulla loggetta alla destra del calvario con un lume acceso, che depone sul parapetto; poi si inginocchia e prega. Nunziatina, Furturella e Gnesella escono dalla destra, si fermano e s'inginocchiano dinanzi al basso di Aniello... Così pure Vito, Tore, Biagio e Mimì, i quali con devozione si curvano e si tolgono il berretto. La pioggia è cessata. Si sente il pianto di 'Onn'Amalio e il campanello del Viático che si allontana nella notte oscura. Il basso di Aniello resta nella oscurità. Le donne si alzano, gli uomini si rimettono il berretto. Assunta toglie il lume e rientra).

SCENA V.


detti, Taniello e Carmeniello.


Taniello


(All'amico) S'ha fatto pure 'e sacramente, 'e' visto?... Povero Aniello!

Carminiello


Era nu bravo amico.
[ 316 ]

Taniello


Ch'aggia di'?... É stata corpa mia? Che ne putevo sapè!...

Carmeniello


Corpa toia?... E pecchè?... Segno ch'aveva succedere accussì.

Taniello


Chi 'o ssape? Forse sarrìa stato meglio si nun ll'avesse ditto 'a verità.

Furtunata


(Alle donne che la circondono) Cca nun se ne capisce niente, pecchè chi 'a conta cotta e chi 'a conta cruda.

Gnesella


'O certo è ca Aniello, a comme se dice, ha pigliato 'sta scippa centrella pe mezzo d''a 'nnammurata...

Taniello


(A Carmeniello) Che stanno dicenno?...

Carmeniello


Parlano d'Aniello.. So' femmene, se sape..
[ 317 ]

Taniello


E che diceno?

Carmeniello


Ch'hanno 'a dicere?.., Nun se sape? 'E ssolite chiacchiere.

Taniello


Tutte contro 'e me, 'o saccio. Aggio tuorto; si nun avesse parlato sarria stato meglio.

Carmeniello


Chesto po' no; anzi sarria stato peggio, siente a me... Aniello t'era amico...

Taniello


Ma io 'o voglio vedè pe l'urdema vota... lle voglio parlà pe chiarì tutte cose pe rimorso 'e coscienza.

Carmeniello


Si' pazzo?... Chillo sta 'e chella manera!

Taniello


Io ll'aggia parlà!...

Carmeniello


Taniè, ma tu si' pazzo?!
[ 318 ]

Taniello


Io nun me pozzo dà pace... Ma comme, era na bella cosa si lle faceva sposà chella femmena... ca io? E l'amicizia, allora?... e l'onestà?

Carmeniello


Ma, dico io: tu nun ce 'o putive avvertì primma?...

Taniello


Primma?... Ma isso me n'ha fatto sempe nu mistero d''o bene ca vuleva a Rusella.

Carmeniello


E Rusella?...

Taniello


Pure 'o stesso. É femmena... E quanno cchiù 'e na vota ce l'aggio addimannato, se l'ha anniato sempe...

Carmeniello


Che busciarda, assassina!...
[ 319 ]

SCENA VI.


detti e Assunta.


Assunta


(Uscendo sulla loggetta dice, al gruppo che parla in fondo sottovoce) Guè, state facenno suggità?... Chi veco! Furturella, Gnesella, e pure vuie, 'on Vito?... Bravo! Simmo tutte d''e nostre!

Vito


Me so' truvato a passà 'a cca, e me so fermato pe vedè addò ieva 'o Santissimo!

Forturella


(Ad Assunta) Assù, 'è visto?...

Assunta


È nu sparpetuo, Furturella mia!... Io sola saccio chello ca passa ogne notte chella povera 'onn'Amalia, ca p''a malatia d''o figlio s'ha levato anfino 'e chiuove d''a casa. (Scende nella via).

Vito


Povera femmena!... E isso, povero giovane che ha appezzato 'a pelle!...

Forturella


'On Vì, vuie 'o canusciveve?...
[ 320 ]

Vito


Si 'o cunuscevo?.. Comme! Eramo amice.

Tore


Mannaggia 'e femmene e chi 'e ccrede!...

Mimì


Se ne pozza perdere 'a semmenta!...

Gnesella


Schiavo oscellenza! Vuie ate uommene pure site na bella mercanzia...

Assunta


Aspè! Si vulimmo, àve ragione Tore: nun è sempe pe causa vosta ca succedono tanta guaie?...

Biase


Se capisce!

Mimì


'A verità, Aniello ne puteva fa' a meno 'e ne piglià na malatia... Nun ce steveno cchiù femmene a Napule?...

Vito


E già! 'O ragiunamento d''o ciuccio!...
[ 321 ]

Mimì


Pecchè?...

Vito


Pecchè è bello chello ca 'o core piace..

Assunta


Comme no!... L'avisseve avuto 'a vedè quanno Aniello sapette ca Rusella era stata disgraziata.....

Biase


E chi nce 'o dicette?...

Assunta


Chillo stesso c'aveva fatto 'o guaio.

Gnesella


Che mfamità!... Nun disprezzanno, Rusella è na bella figliola overo...

Mimì


E c'arta fa?

Assunta


'A capera.

Gnesella


Arta liggiera!...

Taniello


'E ssiente quante ne stanno dicenno?.. [ 322 ]

Carmeniello


Lassa 'e di', che te ne 'mporta!... A stu paese, e 'a penzà na cosa, accussi s'ausa... 'O cetrangolo spremmuto ce se dà nu caucio 'a coppa...

Taniello


(Trattenuto da Carmeniello). Ma io...

Carmeniello


Che 'e perzo 'a capa?... Lassa 'e di'!... (Taniello parla concitato con l'amico).

Gnesella


(Ad Assunta) E vulite fernì 'e ce cuntà 'o fatto?...

Assunta


Sempe pe ditto, sora mia, ca po' 'a verità 'a sape Dio!...

Nunziatina


E dicite, dicite chello che sapite.

Assunta

È sempe 'a stessa storia! Nu giovane chiammato Taniello, tanto tiempo fa, faceva 'ammore cu Rusella e, comma succede spisso e vulentiere, 'sta povera figliola cadette.. Vuie mme capite... Po' fuie abbandunata.
[ 323 ]

Nunziatina


L'uommene fanno tutte accussì!

Gnesella


Faccio buono io, ca 'e faccio spantecà!...

Assunta


Rusella, però, nun se perdette 'e curaggio, e doppo poco tiempo se truvaie Aniello, ca se n'annammuraie comme a nu pazzo.

Mimì


Mo accumencio a capì, 'o bi'!...

Assunta


Sempe comme m'hanno cuntato, diceno ca stu Taniello, quanno appuraie ca l'amico suio, Aniello, s'era miso cu Rusella e sa vuleva spusà, se dichiaraie su dui' piede, e sbelette tutto 'o fatto. Avite capito?... Ora mo, nun se sape si 'o facette pe gelusia, o pe nun tradì l'amicizia.

Vito


O l'uno o l'ato, facette na mala azione!..

Carminiello


(A Taniello) Taniè, jammuncenne...
[ 324 ]

Taniello


(A 'on Vito) E pecchè, si è lecito, facette na mala azione?...

Vito


(A 'on Vito) E pecchè, si è lecito, facette na mala azione?...

Vito


(Sorpreso guarda Taniello) Sentite: io nun saccio... s'avev''a sta zitto.

Taniello


A lengua vosta, venea di' ca l'aveva fa' messere?...

Assunta


Giuvinò, scusate, ma vuie chi site?...

Taniello


Song'uno ca sape tutte 'e particulare 'e 'sta storia sfortunata!...

Carmeniello


(Sottovoce) Statte zitto, Taniè... Ma che vuò fa'?

Gnesella


E allora cuntatincella vuie.

Taniello


(Risoluto) Si, ca va conto, e ve dico ca Taniello se cumpurtaie onestamente, quanno [ 325 ]a tiempo arapette ll'uocchie a ll'amico suio cchiù caro e affezionato.

Carmeniello


(Tira l'amico per un braccio) 'A vuò fernì o no?

Assunta


Lassate 'o parlà, giuvinò!

Vito


Ammeno se chiariscono 'e ccose.

Gnesella


Na vota ca ce truvammo...

Taniello


Aniello, giovane aonesto e faticatore, nun se puteva spusà Rusella, e 'st'amico, ca 'o vuleva bene assaie, sarria stato nu 'nfame se nun ce l'avesse avvertito...

Vito


Ma Aniello nun 'o credette... Pecchè?

Taniello


Pecchè a stu munno scellarato sempe accussì succede... Aniello, p''o troppo bene ca vuleva a Rusella, credette ca ll'avevano [ 326 ]cacciata na calunnia: e po', essa s'anniaie, e giuraie e scongiuraie ca nun era overo...

Assunta


Puverella!...

Biase


Ve vulite fa' nu nemico? Dicite 'a verità.

Mimì


Si, accussì è...

Tore


E Rusella?... Pur essa puverella, c'aveva 'a fa'? Puteva di' a ll'ommo ca vuleva bene: « Io t'aggio 'ngannato »?... È na parola!

Gnesella


Forse sarria stato meglio... Certo, mo, (indica il basso di 'onn'Amalia) nun avriano visto stu sparpetuo.

Mimì


Mimì


N'ha pigliato 'a mala salute..... Povero Aniello!

Nunziatina


Comme s'è arredutto!.. Che simmo nuie!...

Mimì


'Sta sera starrà peggio assaie. Te', vide cca, hanno menato pure 'a paglia pe terra, pe nun fa' sentì 'o rummore d''e ccarrette. [ 327 ]

SCENA VII.


detti e Cuncetta.


Cuncetta


(Appare sulla soglia del basso). Bona ge'!... che v'avite fatto afferrà?... 'O ssapite ca ce sta nu malato, ca s'ha fatto pure 'e sacramente?

Assunta


Si, si, avite ragione... Gnesè, io ve saluto...

Gnesella


Bonasera e salute, Assù... Neh, bonasera a tutte!...

Vito


Bonanotte! Bonanotte!...

Assunta


(A Concetta) Comme sta?

Cuncetta


Chiù 'a llà, che 'a cca.

Assunta


Cuncè, se ve serve quaccosa... senza cerimonie... chiammateme.
[ 328 ]

Cuncetta


Ve ringrazio, Assù!

Assunta


Dateme 'o permesso... (Rientra in casa).

Cuncetta


Stateve bona... (Tutti, a poco a poco, escono; meno Taniello e Carmeniello).

Taniello


(Si avvicina a Cuncetta). Cuncè!

Cuncetta


Uh, Taniè! Vuie?...

Taniello


Io... Pecchè?

Cuncetta


Aniello s'ha fatto 'e sacramente...

Taniello


'O ssaccio... Cuncè, crediteme, pe quanto è certo Dio, io so' nnucente!...
[ 329 ]

Cuncetta


Taniè, iate, cuntatelo a n'ata...

Taniello


Pure vuie?!...

Cuncetta


Vuie l'avite acciso, a chillo povero giovene, vuie, vuie!...

Taniello


So' stato io?... E che v'aggia dicere!... Eppure, sentite, 'a tutte quante me putevo aspettà na calunnia, ma 'a vuie no!... Basta: 'o Signore v''o perdona. Si ve cerco nu favore, m''o facite?..

Cuncetta


Che vulite?... Parlate.

Taniello


Vurria vedè Aniello pe l'urdema vota.

Cuncetta


Ve faccio pazzo?!

Carmeniello


(All'amico). Che vaie penzanno?... Iammuncenne...
[ 330 ]

Taniello


No, io 'a cca nun mme movo... I' tengo 'a cuscienza netta...

Carmeniello


(A Cuncetta) Iammo, ca si vulite 'o potite cuntentà. Che ce sta 'e male?... Lassate nu mumento 'a porta aperta, chillo, Taniello 'o vede 'a cca fora....

Taniello


'A cca, si, 'a cca!... Io me cuntento.

Cuncetta


(Incerta). Ma nun po essere... E si se n'addona 'a mamma?...

Taniello


Ma io nun mme faccio vedè.

Carmeniello


Meh, iammo, facitelo cuntento.

Cuncetta


Vuie che bulite, che bulite 'a me?... Si fosse pe Aniello, chillo già v'ha perdunato..
[ 331 ]

Taniello


(Con gioia) M'ha perdunato?!

Cuncetta


Si... È 'onn'Amalia ca sta ustinata cu vuie e cu Rusella... Ce pazziate, a perdere nu figlio giovane giovane?

Taniello


E chi po dicere 'o cuntrario...

Carmeniello


Iammo, Cuncè, facitelo cuntento.

Cuncetta


Vuie me cumprumettite...

Carmeniello


Nun avite paura.. È custione 'e nu mumento...

Cuncetta


(Risoluta) Embè, allora, subeto subeto; mo lasso 'a porta aperta e vuie 'o vedite.. V'arraccumanno però... (Entra e lascia la porta aperta).

Taniello


(Va a guardare e indietreggia). Madonna mia!....
[ 332 ]

Carmeniello


'E' visto mo? e iammuncenne

Taniello


'O voglio vasà!...

Carmeniello


(Lo trattiene). Pe l'accidere cchiù ampresso?

Taniello


(Torna a guardare). Se sta muvenno. Dio, comme s'è cagnato!

Carmeniello


Iammuncenne. Se po truvà ascì 'onn'Amalia...

Taniello


(Con l'ansia di chi vuole avere il perdono.) Aspè, n'ato mumento!...

Carmeniello


Che vuò fa'?... (Lo allontana dal basso. In questo, Cuncetta chiude la porta).

Taniello


Ah! Che barbara sorte!... (Sospirando, si volta per guardare Aniello, ma la porta s'è chiusa). Hanno nchiuso!...
[ 333 ]

Carmeniello


Facimmece duie passe...

SCENA VIII.


detti e Rusella


Rusella


(Avvolta in uno sciallo nero, s'incontra con Taniello vicino al calvario. Riconoscendolo, gli dice:) Tu cca?!...

Taniello


(Con dolore) Si.. so' venuto pe vedè Aniello pe l'urdema vota...

Rusella


(Con spavento) Muorto?!...

Taniello


Nun ancora... Ma nun tene manco nat'ora vita....

Rusella


Nat'ora?!... Dio, io l'aggio acciso!... Ma tu cchiù 'e me!... Ah!... Nun truvarraie maie requie pe chello ca m''e' fatto!
[ 334 ]

Taniello


Tu aie ragione; ma io nun te voglio male, no. E si so' stato sincero cu Aniello...

Rusella


È stato.. pecchè 'o vulive bene, 'o ssaccio... e p''o troppo bene l''e' acciso!... Io nun te dico niente... Dio t''o perdona 'o male ca m''e' fatto.

Taniello


Aggio tuorto... È ghiusto! (Tirato dall'amico s'incammina per andar via).

Rusella


Addio, e sperammo 'e nun ce ncuntrà maie cchiù...

Taniello


(A Carmeniello) Tutte nemice, tutte! (Escono).

SCENA IX.


Rusella sola


Rusella


(Si getta ai piedi del Crocefisso) Gesù Crì! Tu ch''e' sufferto tanto 'n croce, pe nuie, perdona a 'sta peccatrice ca nun è degna manco 'e t'annummenà!... (Dal basso di ' [ 335 ]onn'Amalia si sente tossire Aniello. Rusella solleva il capo, si alza e risoluta corre a battere alla porta di Aniello).

SCENA X.


Rusella e Amalia


(Appare sulla soglia del basso, pallida, severa). Te stevo aspettanno.

Rusella


(Con voce di pianto) Aniello?... Pe carità, diciteme comme sta!

Amalia


E tiene 'o curaggio 'e m'addimannà?

Rusella


Diciteme tutto chello ca vulite, ma rispunniteme: comme sta?

Amalia


Vattenne! Vattenne! ca nun me te fido manco 'e te guardà!

Rusella


Ma c'aggio fatto?... C'aggio fatto ca me disprezzate 'e 'sta manera?
[ 336 ]

Amalia


Chello ca fanno 'e femmene perdute!.... M''e' ngannato nu figlio, m''e' ngannato!...

Rusella


Ngannato, è overo! Che v'aggia risponnere? Vuie site 'a mamma, e io, pe quanto me potesse disculpà so' sempe na scellerata 'nfame a ll'uocchie vuoste... Ma, 'sta scellerata, ll'ha voluto bene assaie 'o figlio vuosto: e prova ca mo mentre isso sta morenno se trova nnante 'a porta d''a casa soia.

Amalia


Pe le venì a dà l'uoglio santo!...

Rusella


Io?!.... E cu che core 'o putite di', 'onna Amà? È peccato murtale! Surtanto chillo Giesù Cristo beneditto, ca p''e peccate nuoste hanno miso 'n croce, po di' chello ca ce sta cca dinto... (Si tocca il lato del cuore).

Amalia


Nun 'o iastemmà!... Statte zitta!...

Rusella

'O iastemmo?... E già! Dicte buono pecchè io so' stata ca l'aggia miso 'n croce... [ 337 ]Giesù Crì! so' stata io ca t'aggio 'nchiuvato?. Si, si, so' stata io, e m''o mmereto d'essere trattata accussì!... C'aggia fa'? È 'o destino 'nfame ca me perseguita!...

Amalia


(Ironica) Povera 'nnucente!

Rusella


'Nnucente, si! Fuie n'ommo ca me lusingaie e me 'ngannaie. E io 'o credette, pecchè, senza mamma e senza pate. Si primma 'e 'ncuntrà stu scellerato, avesse 'ncuntrato a chill'angelo d''o figlio vuosto, tutto chesto nun sarrìa succiesso!...

Amalia


Ma tu avive 'a parlà: tu avive 'a cunfessà tutte a figliemo!

Rusella


E 'o potevo, io?:.. Quanno po' sapette ca Taniello sapeva tutto, me vedette perduta e.....

Amalia


Ll'aie 'a chiagnere a lagrime 'e sanghe!..

Rusella


Cchiù 'e chello c'aggio chiagnuto?... No, nun 'o ccredo, no!...
[ 338 ]

Amalia


E te lagne?... Tu si' stata 'a distruzione d''a casa mia sana sana!...

Rusella


Io sto cca: facitene 'e me chello ca vuie vulite; ma nun m'anniate 'o bene d''o figlio vuosto, c'aggio amato cchiù e ll'uocchie mie!.. Io l'aggio 'ngannato, è overo; ma è stato pe nun 'o perdere...

Amalia


T'avive 'a zuffunà sotto terra p''o scuorno, e nun t'avive 'a fa' vedè cchiù!:..

Rusella


Io speravo.... Io aggio sempe sperato, 'onn'Amà!....

Amalia


E tu 'o vulive bene?... Tu?

Rusella


L'aggio amato comme se po amà 'a Madonna!... E l'ammore d'Aniello m'aveva fatto addeventà n'ata vota comm'era primma... V''o ghiuro!

Amalia


Nun ghiastemmà!... Statte zitta!... Vattenne!
[ 339 ]

Rusella


Site sempe 'a stessa femmena vuie; ma io c'aggio fa', c'aggia di' pe ve smovere?... Me vulite fa' ascì pazza?... (Con preghiera) 'Onn'Amà, facitelo pe chi tenite mparaviso: perdunateme: so' na povera sfortunata!

Amalia


Ma nun te n'adduone ca io sto tremmanno sana sana?... Ah, ca te vulesse sceppà 'o core 'a pietto, te vulesse!...

Rusella


Site senza core!

Amalia


Senza core, si... Ma vattene 'a nnanze a me, ca si te vedesse morta 'n terra te sputarria ciento vote 'n faccia!

Rusella


Dicite, dicite chello ca vulite vuie... Se ne sentette tante chillo Cristo beneditto.. (Indica il Calvario).

Amalia


Vattene, auciello 'e mala nova, 'annanze 'a casa mia!... Vattenne!...
[ 340 ]

Rusella


Me ne vaco; ma primma aggio 'a vedè Aniello... I' so' venuta cca p'essere perdunata... E vuie me l'avite 'a fa' vedè...

Amalia


(Va incontro a Rusella in atto di minaccia) Vattenne, si nun vuó na botta 'e curtiello sott''o core! (Rusella indietreggia) 'Nfame 'Nfame!

Rusella


(Risoluta). Acciditeme, si tenite o' curaggio. Si, acciditeme nnanz''a porta d''o figlio vuosto...

Amalia


(Minacciosa) Rusè, nun me tentà... (Afferra Rusella, e con la mano armata d'un coltello). T'accido!!...}}

Aniello (d. d.)


Ma'!... Oi' ma'!... (Si ode tossire Aniello)

Amalia


(Ha ribrezzo di quello che stava per commettere). È isso ca t'ha salvata!... 'O siente?... Tiene 'o coraggio d'aizà ll'uocchie sulamente
[ 341 ]

Rusella


(Abbassa lo sguardo) Dio ve risponne pe me!... (Ricomincia a piovere, tuona e lampeggia in lontananza).

Aniello (d. d.)


Ma'! Ma'!.. (Rusella si slancia per correre nel basso di Aniello. 'Onn'Amalia la ferma).

Amalia


'O vuò fernì e distruggere?...

Rusella


(Dà un grido) Aniè!... Core mio!...

Aniello (d. d.)


Rusè!... Rusè!.. (La voce si spegne).

Rusella


(Con scatto) Acciditeme, ma l'aggia vedè pe l'urdema vota!...

Aniello (d. d.)


Ma'!... Oi ma'!...
[ 342 ]

Rusella


(Si sofferma ed escalama:) Ah! Giesù Crì, Giesù Cristo mio! (Corre al Calvario e cade in ginocchio. 'Onn'Amalia si precipita nella casa e ne chiude la porta. Rusella prega).

Amalia (d. d.)


Figlio! Figlio! mio bello!...

Rusella


(Si alza, si precipita alla porta del basso e picchia ripetutamente) Arapite! Arapite!.. 'Onn'Amà!.... Aniè! Aniè!... (Qui è fioca e le forze le vengono meno. Rusella con le braccia protese scivola sulla porta, si piega su sè stessa, e resta accosciata, singhiozzando:) Aniè!... Aniè!... (Tace. Il temporale imperversa orribilmente. Le due guardie di P. S. di ronda attraversano la scena).

FINE



Napoli, 9-10 Settembre 1895.