Teatro - Menotti Bianchi/'O sfregio

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

NOTICE: Mixed italian-neapolitan. In general, italics are for theatrical indications and are given in italian and dialogs are mostly in neapolitan.

Teatro dialettale napoletano  (1911)  by Menotti Bianchi
'O sfregio

[ 23 ]

A 

Marco Praga



'O SFREGIO


dramma in un atto
[ 24 ] [ 25 ]
PERSONE
___


Tore.
Gennarino.
Nannina.
Rusella.
Matalena.
'Onna Cuncetta.
Nu pizzaiuolo.
Nu solachianiello.
Nn maruzzaro.
Voce del friggitore.
Gente 'e strada.
[ 26 ] [ 27 ]
LA SCENA


A Porta Capuana. Nell'ora crepuscolare, il movimento intenso e caratteristico del popolo comincia ad attenuarsi. Le ombre cominciano a discendere sull'alta porta di pietra oscura, sormontata dalla marmorea effigie di S. Gennaro. Qualche lume si accende in lontananza, e la fanchiglia della via ampia rilette biecamente i primi lumi rossastri. La piazza sembra, ora, stanca della tumultosa vita popolare di tutto un giorno.
I venditori di pesci, di frutta, di castagne lesse raccolgono nel cesto l'ultima mercanzia, e si avviano. Ora, il movimento si accentua nelle pizzerie e nelle bettole, che s'illuminano d'una luce lenta e fosca, che discende dai lumi a gas, polverosi e affumicati.
Il tramonto è strano. Tutto sembra strano in questo focolario di bassa vita, pel quale, nell'ora grigia, si vedono a quando a quando indugiare uomini di mala vita e donne di malo affare.

[ 28 ] [ 29 ]

ATTO UNICO
_____


Un ciabattino, seduto sulla cesta che contiene le suole e i ferri del mestiere, batte su d'una pietra un pezzo di suola perchè si stiri.
Un venditore di lumache, col suo tegame illuminato da un lanternino rossiccio e fumigante, è circondato da figure misere, alcune sedute alla turca, altre in piedi, che acquistano qualche soldo della sua mercanzia. Egli mette nei varii piattelli le lumache e le freselle, che si bagnano del sugo rosso. A quando a quando, dà al vento il suo grido ampio e caratteristico.
La notturna, losca vita di miseria e di vizio comincia a svolgersi nel tenebrore della sera che discende.

SCENA I.


Pizzaiuolo, Ciabattino, Maruzzaro e Popolino


Pizzaiuolo


(Batte con le mani la pasta sulla lastra di marmo, dando la voce):

È c''o fungetiello e 'alice!
E vide soreta che te dice! ...
Soreta dice: Magnatella!
E mmàgnete 'a pizza c''o fungetiello!
[ 30 ]
SCENA II.


detti e Garzone.


Garzone


(Esce dalla pizzeria, gridando): Una 'e otto, e doie 'e quatto c''a pummarola!...

Pizzaiuolo


Jammo, votta 'e mmane! (Mette la focaccia sulla pala che il giovane ha messa sul pancone) E falla còcere bona, ca 'o signore è rusecatore!...

Garzone

(Nel rientrare griderà): Pronto c''a pala!

Pizzaiuolo


(Prende dell'altra pasta, e dà la voce):
Cheste songo 'e sotto 'o Vesuvio!....
Nc'è scurruta 'a lava 'e ll'uoglio!...
(dopo seguita):
V'aggio fatto 'e pastiere!
Cheste so' mmeglio 'e chelle 'aiere!
Se l'ha magnate pure 'o cavaliere!....


SCENA III.


detti e Rusella.


Rusella


(Ha rialzata la veste da un lato, porta gli zoccoletti di stoffa rossa fiorata, di giallo, nella mano un ombrello da uomo per la pioggia. Si [ 31 ] toglie la scarpina e la scaraventa al ciabuttino). L' 'e' cusuta c''a sputazza?... Tiene mente!... Nun 'o bide ca s'è scusuta?

Ciabattino


Chià!... N'ato ppoco mme sciaccàveve!... Vuie cunzumate 'e ffierro!...

Rusella


(Saltella su d'una gamba, per non mettere il piede scalzo a terra; si accosta al «maruzzaro» e dice al ciabattino): Jammo!... Fa ampressa, si no mme sporco 'e ccazette! (Cava dalla saccoccia del grembiale del pane e lo dà al «maruzzaro»): Fallo spugnà bbuono. (Appoggia il piede su d'uno scannetto).

Maruzzaro


Rusè... io ve facesse spugnà pure ll'ossa!

Rusella


Neh! E pecchè?

Maruzzaro


Pecchè site malamente... cu st'uocchie 'e malandrine!

Rusella


(In tono canzonatorio). Overo?!... U . Tiene mente, tie'!.. E io mo nun 'o ssapevo !.
[ 32 ]

Pizzaiuolo


'On Pascà!... Avite ditto proprio buono!... Rusinella overo ca tene 'e ccose belle!... 'A penna!...

Rusella


(Al pizzaiuolo). Ched'è?... Vuie pure, mo?! Nun 'o bedite ca ve site fatto viecchio?

Pizzaiuolo


Comme se dice? Gallina vecchia fa buon brodo!...

Rusella


Sì, ma 'a gallina vecchia è tosta a digerì!

Maruzzaro


(Ride unito a gli altri). Bona chesta ! ... V'ha cuóvete 'int''a scella!.. Teniteve 'a posta!

Ciabattino


Mia signò, venitevenne, ca io v'aggio servita...

Rusella


(S'accosta, saltellando su d'una gamba). Miettammillo! (Appoggia il piede sulla coscia del ciabattino, e alza la veste in modo da mostrare il polpaccio della gamba). Jammo!... Fa ampresso!
[ 33 ]

Ciabattino


(Palpeggia la gamba di Rusella). Oh anema d''e piede 'e puorco!... Tenite tutto stu bene 'e Dio!...

Rusella


È robba fatta in casa...

Pizzaiuolo


'E sfugliatelle 'e Caflisce!

Maruzzaro


(Dà la voce): 'O maruzzaro d''a festa!... Siente 'addore, siè!... (Con un cencio pulisce i piatelli. Il piccolo gruppo di avventori si va diradando a poco a poco).

Rusella


(Al ciabattino). Io te saluto!

Ciabattino


E ched'è?... 'E sorde..

Rusella


(Lo canzona). T''e ddonco dimane... Si Di' vo'!... 'E' capito?... Si Di' vo'!
[ 34 ]

Ciabattino


E chisto è n'ato guadagno! M'aggio fatto 'a croce!...

Pizzaiuolo


Lieve mano!

Maruzzaro


(Si alza). Si' Rusè, tèccheve 'o pane... (Dà il pane inzuppato a Rusella).

Rusella


E tècchete 'o sordo.

Maruzzaro


(Si alza, e portando la mano al lato della bocca dà la voce):

Oh, che bella cosa!
Cunfiette ricce e palle 'e Silimone
magnàveno cheste!
E siente 'addore siè!
(Poi dice al ciabattino):
Si' ma', na mano.

Ciabattino


Eccome cca. Ve ne iate?

Maruzzaro


E che ce sto' a fa'?.. Faccio 'o giro... (Al pizzaiuolo) Bona sera!
[ 35 ]

Pizzaiuolo


Pure a buie! (Entra nella bottega, gridando): Guagliò, 'o lume!

Maruzzaro


(Uscendo canta a distesa):

Oh, che bella cosa!
Quanto cchiù notte se fa,
cchiù 'e ccorne mme cacciano cheste!
E siente 'addore sie'!
Maruzze a fronna 'e rafaniello!
C'è asciuto 'a dinto nu castiello
cu tre figliole ngannatore,
'o re, 'a rigina e 'o mperatore!
E siente 'addore sie'! (Esce).


SCENA IV.


detti e Gennarino.


Gennarino


(Al ciabattino, che con i denti stira la sucla). Tira! Tira!

Ciabattino


Gue', don Gennarino bello!... Mo mo se n'è ghiuta Rusella...

Gennarino


(Marcato). Ah!... E pe do' è ghiuta?
[ 36 ]

Ciabattino


Si nun sbaglio, a' parte d''o Vasto. S'ha fatto pure mettere nu punto a 'o scarpino...

Gennarino


Be'!... E allora stateve buono, masto Pascà. Mo l'arrivo.

Ciabattino


Ve saluto... (Stirando la suola con i denti). I' che vita!... (Batte il martello sulla suola). Mo' vedimmo si t'arrienne!... (Seguita a battere il martello).

SCENA V.


detti e Nannina.


Nannina


(S'incontra con Gennarino). Eh!.. Comme currite!.. Iate 'e pressa?

Gennarino


(Accarezzandola). I' comme staie bellella cu sta veste!... Mme pare 'a Madonna 'o Carmene, mme pare!... Parola mia, ca.....

Nannina


Don Gennarì!... Embe'?.. A chello che beco, nun rispettate cchiù a Tore!...

Gennarino


E pecchè, si è lecito?
[ 37 ]

Nannina


Tore nun v'è amico?

Gennarino


A me? E chi 'o conosce?

Nannina


Ah!... Forze ce avite avuto che dicere?

Gennarino


Io? No!...

Nannina


Ireve tanto amice... e mo?... Va buò: aggio capito...

Gennarino


C'avite capito?

Nannina


Aggio capito... Ve site offeso, pecchè Tore, aiere, dette nu schiaffo a Rusella...

Gennarino


(Con disprezzo). Tore è nu carogna! Sape fa 'o spallettone surtanto cu 'e ffemmene.... Ma m'avite 'a credere: chillo pàccaro nce 'o faccio pavà caro!.. Isso me sape. [ 38 ]

Nannina


'On Gennarì, pe norma vosta, Tore nun se mette paura 'e nisciuno, e se sape fa' ragione 'e tutte manere...

Ciabattino


'On Gennarì!... Me fa meraviglia 'e vuie, ca ve mettite cu cierta gente...

Nannina


Ne', pezzentò! Che buò venì a dicere?... Cca addurammmo 'e rose e giesummine!

Gennarino


(Annusa per l'aria) I' c'addore!.. I' che prufumaria!... Oi ne'!... Vattenne!..

Nannina


Avite fatto buono ca m'avite avisata... pecchè se dice: «Ommo avvisato...»

Gennarino


Miezo stravesato!
[ 39 ]

SCENA VI.


detti e donna Cuncetta.


Cuncetta


(Entra in fretta). Neh, 'on Gennarì, avisseve visto a figliemo, Tore? (Vede Nannina e fa un atto di disprezzo).

Gennarino


No.

Nannina


Maè, si 'o veco, v''o manno subeto...

Cuncetta


Grazie tante: nun v'incomodate... Anze faciarrisseve meglio si 'o lassasseve. 'O Pate Eterno avarrìe 'a fa' perdere 'a semmenta d''e femmene comme a buie!...

Nannina


E pecchè? Che me l'aggio appezzato io vicino 'a vunnella, a 'o figlio vuosto?... Vedite buono: è isso ca me vene sempe appriesso... Cu me nisciuno ce perde niente...

Cuncetta


'O ssaccio, 'o ssaccio!... Vuie ll'avite fatto 'a fattura!...

Nannina


E che sapite ca faccio 'a fattucchiara?
[ 40 ]

Cuncetta


Peggio! Peggio!...

Nannina


(Si stropiccia le mani). 'Onna Cunce',... abbarate bene comme parlate!... Ca, si me scappa 'a pacienza, io po' ve perdo 'o ppoco 'e rispetto.

Gennarino


Manco rispetto p''a mamma d''o nnammurato tuio tiene?!

Cuncetta


(A Gennarino) Fernimmela!... (A Nannina). E tu, siente a me, lassa 'a figliemo... ca figliemo s'ha da fa' 'e fatte suoie e s'ha da spusà a chi dico io... (A Gennarino). Ve saluto!

Gennarino


Ve saluto! (Donna Cuncetta esce).

SCENA VII.


Gennarino, Nannina e Garzone.


Garzone


(Accende il lume). Si' ma', mo v'appiccio pure 'o lume: accussì ce vedite meglio.

Ciabattino


Nun ce veco cchiù; mo me ne vaco pur io. (Smette di battere la suola).
[ 41 ]

Gennarino


Io mo vurrìa sapè tu che ce truove 'e bello cu Tore... Fa buono isso ca te vatte e se magna 'e ccarne toie.

Nannina


E che si' meglio 'e Tore, tu?... Tu nun t''e' mpignate 'e rrusette 'e Rusella?.... Ll''e' rummasa senza manco n'aniello pe s''o mettere a 'o dito!...

Gennarino


È overo ca m'aggio mpignato 'e rrusette; ma ammacaro io 'e denare mm''e bevo... Ma Tore 'e lleva a tte, p''e ddà...

Nannina


A chi?

Gennarino


E va nce 'o spie.

Nannina


E tu nun 'o ssaie?...

Gennarino


Io nun faccio 'o sbirro 'e pulezia...

Nannina


E allora nun è overo, nun te credo... Si' nu busciardo...
[ 42 ]

Gennarino


(Con risentimento). Io?!...

Nannina


Tu, si!

Gennarino


Ah! Nun ce cride? E fa comme te pare e piace... (Saluta il ciabattino). Masto Pascà, ve saluto!...

Ciabattino


(In fretta). Stateve buono, 'on Gennarì...

Nannina


(A Gennarino). Sentite...

Gennarino


Oi ne', io nun tengo tiempo 'a perdere... Mo aggio che fa'...

Nannina


Embe'... si mme dicite Tore cu chi spenne 'e sorde... io ve dico quacche cosa ca ve riguarda.

Gennarino


A chi? A me?

Nannina


Eh!.. A buie.
[ 43 ]

Gennarino


Parla!...

Nannina


No. Primma vuie...

Gennarino


Tore sta annemmecato cu na cumpagna d''a toia!

Nannina


Ah! Aggio capito!... 'O nomme 'e sta... mia signora... 'o sapite?

Gennarino


No, 'a verità.

Nannina


Eppure... vedite... ve riguarda...

Gennarino


Rusella?!...

Nannina


'O dicite vuie... Pe me, nun v'aggio ditto niente...

Gennarino


Rusella!... Rusella!.. Ah, scellarata!...

Nannina


Io nun ce aggio creduto... Ma.. sapite... (Vede venire Rusella) Ah! 'A vedite lloco 'amica vosta.

Gennarino

Zitto!
[ 44 ]

SCENA VIII.


detti e Rusella


Rusella


(A Gennarino). Io t'aggia parlà...

Gennarino


Arriva a tiempo.

Rusella


Pecchè?..

Gennarino


Saie che m'ha ditto Nannina, poco fa?.. M'ha ditto ca io nun t'abbasto... Ca tu aie bisogno d''o supplente...

Rusella


Io?

Gennarino


Nannì!... Dincello tu...

Nannina


(A Rusella) E pecchè? T''o buò annià?

Gennarino


(Stringe Rusella per il braccio, e con rabbia). Te scanno!... Pe quanto è vero Dio, te scanno!...
[ 45 ]

Rusella


No! No!... T''o ghiuro nnanz'a Dio!... (a Nannina). E tu mm''e' visto, tu?

Nannina


Io, no... Ma 'o ssanno tutte quante...

Rusella


Busciarda!... Busciarda!...

Nannina


Po essere... Ma Tore...

Rusella


Ah!... È stato Tore che t''a ditto?...

Gennarino


E nègalo, sanghe d''a...! Mo capisco pecchè Tore ogne bota ca mme vedeva faceva 'o bello!

Nannina


(A Rusella) E mme facive l'amica, tu?!

Rusella


Gennarì, fallo p''a Madonna!.. Fallo pe mammeta, Gennarì!... Io so' nnucente!
[ 46 ]

Gennarino


Vattenne! Va 'e cconta a n'ato, sti chiacchiere!... Io saccio chello c'aggia fa'... Si nun fosse overo, Tore nun t'avarria dato 'o pàccaro!....

Rusella


Sì, è overo... Isso me dette nu schiaffo!... Ma fuie io 'a primma ca l'offendette... E cca sta Nannina, ca 'o po di' (A Nannina). È overo?. .

Nannina


Eh, sì,... è overo... Ma te vuo' annià ca l'atriere stiste ncopp''o Campo, nzieme cu Tore?

Rusella


Io?... Siente... Tu faie nu peccato murtale, Nannì! Nu peccato murtale!... (A Gennarino) Io so' nnucente! Famme chello che buò!

Gennarino


Ferniscela, ca te canosco.... Tu si' chiara comme a ll'acqua d''e maccarune!

Rusella


(A Nannina) Pecchè rire? Ch''e' visto a Pulecenella!... Vi' che nciucessa!... (Si copre la faccia con le mani). Ah! Madonna mia!... 'Assamme sta' zitta!... Si parlo... [ 47 ]

Nannina


Ched'è, si parlo?.... Che buò venì a dicere? (Si stropiccia le mani).

Gennarino


(A Rusella) Iesce!... Vattenne a' casa... e abbara a te!...

Rusella


Me ne vaco, sì; me ne vaco.. (A Nannina). Cu ttico po' facimmo 'e cunte...

Nannina


Quanno vuò tu!... Nun mme faie mettere appaura cu sti minacce .. 'o ssa'!...

SCENA IX.


detti e Garzone del pizzaiuolo


Pizzaiuolo


(Col garzone) 'E' capito 'e vuttà 'e mmane?

Garzone


(Con sulla testa il vassoio di latta nel quale son le focacce) Patrò, lassateme accurdà 'o strumento! (Cava dalla saccoccia l'ocarina).
[ 48 ]

Pizzaiuolo


'E' capito 'e venì subeto?

Garzone


Arrivo cca, ncopp' a' Ferrovia, e torno subeto..... (Intuona una canzone popolare. Esce. Il pizzaiuolo rientra nella bottega).

SCENA X.


detti e Matalena


Matalena


Bongiorno, Gennarì. (Guarda attorno come chi cerchi qualcuno).

Gennarino


A chi iate truvanno, Matalè? A Tore?

Matalena


L'avisseve visto?

Gennarino


No.

Nannina


Mia signò! Che nce avite che ce spartere cu Tore?
[ 49 ]

Matalena


E buie?

Nannina


Se vede ca nun site 'e stu quartiere, pe nun me canoscere.

Matalena


Vuie fusseve Nannina 'a Capuana?

Nannina


A servirve!... E pecchè facite sta faccia?

Matalena


Ma vue nun sapite chi songo io?

Nannina


E chi si'?... 'A rigina?

Matalena


Chi songo io, nun l'aggia dicere a buie!... Ma una cosa ve dico: lassate 'o sta' a Tore, ca Tore nun fa pe vuie.

Nannina


Overo?... Chillo mo mme sposa pure...

Matalena


Se sposa a vuie?!... Iate!... Tore nun è giovane 'e chesto.
[ 50 ]

Nannina


E che buò venì a dicere?

Matalena


Voglio venì a dicere ca Tore nun se sposa a te... ca si' na mala femmena!...

Nannina


Ah!... (Si avventa; ma Gennarino la trattiene.)

Matalena


Ca tu m'accide, Tore è 'o mio!

Nannina


Ma te ne miette scuorno, cu sta faccia 'e bizzoca fauza?...

Matalena


Tore è 'o mio! M''ha giurato!

Nannina


'O tuio?!... Ah!... Pe chella Vergene Mmaculata!... (Fa per avventarsi; ma Tore viene a tempo, e minaccioso la afferra per la gola).
[ 51 ]

SCENA XI.


detti, Tore e voce del friggitore.


Tore


Nun t'azzardà 'e lle torcere nu capillo, ca t'accido!... Te scamazzo!

Matalena


(L'abbraccia e l'accarezza) Ah!... Tore mio! Grazie!...

Tore


(Quasi pentito di averla difesa). E tu, vattenne!... Nun mettere cchiù pede cca mmiezo; si no, so' guaie pe te.

Matalena


Ah! Tore!... 'E' fatto comme a Ponzio Pilato... Primma cundannaie a Giesu Cristo e po' se ne lavaie 'e mmane...

Tore


Si t'aggio difesa, è stato surtanto pe frateto.

Matalena


(Con dolore) E... sulamente pe chesto?...
[ 52 ]

Nannina


Ma tu te ne vaie, o no? (Fa atto di mettere la mano in saccoccia).

Tore


(Trattenendole il braccio) Che vuò fa'?!....

Nannina


(Minacciosa a Matal.). Mo 'a putarrisse fenì...

Matalena


Me ne vaco... sì, mme ne vaco... Ma ricòrdete.... (Prorompe in singulti)

Gennarino


To'!... Quanno avite fatto, v'avesse 'a dicere na parola...

Tore


A me? A 'o cumanno vuosto!.... (Parlano sotto voce).

Ciabattino


(Che ha visto tutta la scena). Ah! Ah!... Mo se mbroglia 'o tiempo!... Abbìa, abbì! (Prende la sporta, sotto il braccio e va via).
[ 53 ]

Voce del friggitore (d. d.)


Guagliù, tengo 'o panzarotto!... Currite! È cauro cauro 'o crucchè!... Vì' cumm'è liggiero 'o panzarotto! (dà a voce):


Annascuso d''o patrone,
Faccio 'e rrote d''a carrozza!
'O patrone m'ammenaccia!
'A patrona me ne caccia!
Pecchè troppo belle 'e ffaccio
Sti zeppole c''a vurraccia!


Gennarino


E allora va bene: te credo... Tu nun sì' ommo 'e di' buscie... Chesta è 'a mano, e facimmo comme si nun fosse stato niente..... (Si stringono la mano).

Tore


'E ffemmene nun s'hanno 'a credere maie. Cu 'e nciucie lloro, so' capace 'e ce mettere 'o curtiello mmano e ce mannà 'ngalera!...

Gennarino


Ve lasso libero!... (Saluta, portando due dita al cappello, ed esce).

Nannina


'Assamme sentere... Che vo' chella femmena 'a te?... É 'a nnammurata toia?...
[ 54 ]

Tore


(Ride). Ma no!...

Nannina


Io te saccio... Cu essa faie 'o sentimento, mentre po'.... cu mmico.... faie chello ca vuò tu.... e quanno vuò tu!.... (risoluta) Sa che c'è di nuovo?... Ognuno se fa 'e fatte suoie, e stasera nun ce venì a' casa mia, ca... truove 'o pizzo occupato.

Tore


(Con minaccia). Nun 'o di' manco pe pazzia, ca te caccio l'anema 'a pietto!...

SCENA XII.


detti e Matalena


Matalena


To'!...

Tore


Pecchè si' turnata?

Nannina


(Con sorriso canzonatorio) Eh!... Bello mio, l'ostreca nun se scòzzeca tanto facilmente 'a vicino 'o scoglio...
[ 55 ]

Matalena


Cca mo vene mammeta... Te vo' parlà.

Nannina


E allora io mme ne vaco: Ve levo 'o fastidio... (Scherzando) Faciteme vedè cose belle!... Quanno 'e pruvammo sti cunfiette?... Sarranno iute nu poco 'acito!... Ah!.... ah!.... (Esce)

Tore


Si' cuntenta 'e mme fa' fa' sti figure?...

Matalena


Ma nun 'o bide comme me so' arrudutta?... Ma core 'npietto ne tiene? 'O tenive surtanto quanno m''e' perduta!

Tore


Acqua passata...

Matalena


No, Tore, no!... È na nfamità!...

Tore


Matalè!... Fallo pe santa Matalena benedetta!... Nun me ncuità cchiù!...
[ 56 ]

Matalena


E accussì t''e' pututo scurda tutte 'e prumesse ca me facive?... 'e tutte 'e giuramente?...

Tore


Statte zitto!...

Matalena


No, niente! Voglio parlà!... Tu mm''e' fatto perdere 'o scuorno!.... Tu m''e' distrutta!... Tu....

Tore


Zitto! Statte zitto!...

Matalena


Che me ne mporta!... 'O sanno?... E quanno l'hanno saputo?.... Se diciarrà ca io so' na disgraziata e tu nu nfame.. Si, si... un nfame... che t''e' arrubbato chello ca io tenevo 'e cchiù santo!

Tore


Matalè... zitto!... Stammo mmiez''a via. Tu pienze a chello che faie?... Tu m'arruine!...

Matalena


Io mme so' menata a 'e piede 'e mammeta, e ll'aggio cuntato tutte cosa... Essa m'ha perdunato!...
[ 57 ]

Tore


Ma io nun accunzentarragge maie... Io nun 'a pozzo lassà a Nannina.

Matalena


Nun 'o di', To'! Nun 'o di', ca me faie ascì pazza!... Ah!.... Chella femmena t'ha affatturato. Te si' perzo!... Te si' perzo!...

Tore


Tu può di' chello che buò tu... Ma io...

Matalena


Nun te pozzo spusà... È overo?... Vuò dicere chesto?

Tore


(S'ode il lento suono d'una campana). Voce 'e Dio!... 'A siente sta campana? Va, vattene 'int''a chiesa, e cerca perdono a Dio d''e peccate tuoie!...

Matalena


Aie ragione!... Ma chi m'ha fatto peccà?... Tu!... Tu, nfame! Tu!...

Tore


(Le ottura la bocca con la mano). Ma che me vuò fa' passà nu guaio?!...
[ 58 ]

Matalena


(Indicando il suo cuore). Io, cca dinto, ce tengo 'e cinche chiuove 'e Giesù Cristo...

Tore


E fatte capace na vota e bona!

Matalena


Ah!... Si mme putesse iettà a 'e piede d''a Madonna, lle cuntarria tutte 'e ppene meie... (Risoluta). Ma 'a fernesco io!... T'aggia fa' chiagnere a lacreme 'e sanghe!... Addio! (Fa per andar via).

Tore


Addò vaie?...

Matalena


E a te che te ne mporta?...

Tore


(La prende per la mano). Matalè, tornatenne a' casa...

Matalena


E tu 'int''e braccia 'e chella mala femmena. Va, va!

Tore


(Con rimprovero). Matalè!...
[ 59 ]

Matalena


No, no; tu si' nu buono giovene, tu si' 'e buon core... Nun me può lassà accussì... Io songo 'a toia, tutta d''a toia... Tutta!...

Tore


Va, va! Mm''e' seccato!

Matalena


(Si covre il volto). Ah! Madonna mia!... Nun 'o ricanosco cchiù!... Tu mme l''e' cagnato!

SCENA XIII.


detti e donna Cuncetta.


Tore


(A sua madre, con ira). Che site venuta a fa'?...

Cuncetta


So' venuta pe te levà 'a dint'a sta lota!

Matalena


Pe carità, cunzigliatelo vuie, oi ma', ca accussì ve pozzo chiammà...
[ 60 ]

Cuncetta


(A Tore) Iammo.... Viene a' casa, ca Totonno, 'o frate 'e Matalena, è venuto addo me...

Matalena


Ah! Madonna mia!...

Cuncetta


Totonno sape tutto, e io ll'aggio giurato ncopp'a chell'anema benedetta 'e maritemo ca tu te spusave a Matalena.

Matalena


Ah!... Mamma mia bella!... Io nun so' degna 'e sta' vicino a vuie!...

Cuncetta

No, figlia mia!... Tu si' na povera disgraziata!... (Si accosta a Maddalena e la abbraccia. Poi, a Tore). Te faccio dunazione 'e tutta 'a rrobba mia. Totonno dà 'a dote a Matalena... Quattuciento ducate.

Tore


Nun voglio niente 'a nisciuno!... Nun me scucciate cchiù!... Iatevenne!

Cuncetta


(Con ira). Te smaledico 'o llatte che t'aggio dato!...
[ 61 ]

Matalena


(Otturandole la bocca con la mano). No! No!... 'E ghiastemme d''e mamme còglieno! Iammo, iammuncenne! (Escono parlando. Tore entra nella pizzeria).

SCENA XIV.


Gennarino


(Viene, fumando un «napoletano», con aria spavalda. Si avvicina alla pizzeria, chiamando): Patrò!...

Pizzaiuolo d. d.


Pronto!... (Dopo poco, esce) 'O cumanno!

Gennarino


Sta lloco Rusella?...

Pizzaiuolo


No. Ce sta l'amico vuosto: Tore. Che brutta cera ca tene!...

Gennarino


Tempesta!

Pizzaiuolo


E dilluvio!...
[ 62 ]

SCENA XV.


detti e Rusella.


Rusella


'E' fatto pace cu Tore? 'E' visto si avevo ragione io?

Gennarino


Ce simmo dichiarate, e ll'aggio avuto 'a credere... E po' Tore m'ha cercato scusa d''o paccaro c'aviste.

Rusella


Vattenne!... Tore, primma 'e cercà scusa a quaccheduno, se facesse fa' a tanto 'o piezzo... Chillo è carne perduta!...

Gennarino


(Con spavalderia) Ma io...

Rusella


Va buò!... Meglio accussì...

Gennarino


Mo simmo cchiù amice 'e primma..

Pizzaiuolo


Mme date 'o permesso?..
[ 63 ]

Gennarino


Patrò, io ve ringrazio...

Pizzaiuolo


'E che? (Entra nella bottega).

Rusella


Nannina s'è misa n'ata vota c''o canteniere 'e Virgene... Parlavano a core a core!...

Gennarino


Overo?...

Rusella


Chella, Nannina, 'int''arraggia, è capace 'e chesto e ato.

Gennarino


Tore nun è ommo 'e se tenere st'affronto.

Rusella


(Gli fa cenno di tacere) Zi', zi'! 'O vi' cca Tore.

Gennarino


Mamma, ma'! E che brutta cera!
[ 64 ]

SCENA XVI.


detti e Tore


Tore


(Con dolore, accasciato). Nun me ne fido cchiù!... Nun me ne fido cchiù!...

Rusella


Ch'è stato?... Che te siente?...

Tore


Niente!... Niente!...

Gennarino


Niente è troppo poco...

Rusella


Se capisce!... Quanno s'appurano cierti brutti fatte, uno po' c'ha da di'?.. Niente! È overo, To'?

Tore


'E nnutizie brutte pure passano.. 'O guaio è chello ca po succedere!

Rusella


Che v'è succiesso?
[ 65 ]

Tore


Nun l'aggia di' a te!...

Gennarino


(A Rusella) Ma io t'aggio ditto tanta vote... (Atto di minaccia).

Tore


È cosa 'e niente.. Lassa 'a i'...

Rusella


Io mme faccio 'e fatte mieie... Si aggio ditto na parola, è stato a fine 'e bene...

Tore


E io te ne ringrazio...

Gennarino


Ma, santo Dio!, vuie ati ffemmene site tutte 'e stesse!... Una cchiù nciucessa 'e n'ata!

Tore


Mo dice buono! (Afferrando il braccio di Gennarino). Ma io me n'aggia vevere 'o sanghe!

Rusella


Ma mo che buò fa'?... [ 66 ]

Gennarino


(A Rusella). Tu nun tiene che fa', stammatina?

Rusella


Ll'aie cu mmico?

Gennarino


Eh, cu ttico!

Tore


Ma na vota ca staie speruta 'e parlà, jammo, chiacchiarea. Di' tutto chello ca saie; ma nun dicere buscie.

Gennarino


Iammo!... Fa poche chiacchiere!

Rusella


Mo... chiano chiano... 'A se' Carmela m'ha ditto ca Nannina, pe te fa' dispietto, s'è misa n'ata vota cu don Gaetanino 'o canteniere 'e Virgene.

Tore


E bravo!... Ma io nun so' muorto... 'E mmane 'e tengo ancora!

Rusella


Siente a me... Penza buono a chello che faie... 'A libertà è cara e amara!
[ 67 ]

Tore


Tu qua' libertà me vaie cuntanno!

Gennarino


(Gli stringe la mano). E bravo!... Si' stato sempe n'ommo 'e core!...

Rusella


(Vede venire la madre di Tore) To'! Mammeta!...

Tore


Mammema?!...

SCENA XVII.


detti e donna Cuncetta.


Cuncetta


Iammo a' casa...

Tore


Aggio che fa'!...

Cuncetta


To'! Nun me risponnere accussì... Ricordate ca te so' mamma... E t'aggio vuluto sempe bene!...

Tore


Auffà!...
[ 68 ]

Rusella


Io pure nce 'aggio ditto ca se ne fosse turnato a' casa soia, e 'a fernesse 'na vota e pe sempe cu chella femmena.

Cuncetta


(La guarda con disprezzo, e nasconde la faccia tra le mani). 'O bide a cuntatto 'e chi mm''e' misa?... To'... fallo pe stu lutto che porto!... Si vuo' bene a mammeta, vienetenne a' casa... Viene, me'..., ca ce sta...

Tore


Chi?

Cuncetta


Nun 'o ssaie?

Tore


No.

Cuncetta


Jammo! Viene! Viene arrepare a 'o male ch''e' fatto.

Tore


È overo! Aggio fatto na mala azione... So' n'ommo perduto!... Me mmèreto tutte 'e maledizione!... Ma', lassateme sta'... Chella femmena mm'ha fatto perdere 'e ccervella!... (Mentre donna Cuncetta parla con Tore, Gennarino e Rusella parlano agitati, sotto voce). [ 69 ]

Cuncetta


Nannina te manna 'n galera. To'!... Jammo! Fallo p''a bonanema 'e pateto, figlio mio! Vienetenne a' casa... (Lo trascina per un braccio).

Tore


Niente!... Mm'aggia vendicà apprimma! Ll'aggia sputà 'n faccia tutto 'o beleno ca m'ha dato!...

Cuncetta


Ma che buò fa'?...

Tore


E po' 'o bedite!

Cuncetta


Viene, fallo pe carità! Nun me fa dannà l'anema!...

Tore


Ma'!... Iatevenne. Io mo vengo...

Cuncetta


(Accarezzandolo e piangendo). Viene a' casa. 'O bide ca sto' suffrenno cchiù d''Addulurata a 'e piede 'a Croce!... M''e' 'a fa' chiagnere accussì, tu?! Tu ca si' tutta 'a vita mia!
[ 70 ]

Tore


(Si asciuga una lagrima, abbraccia e bacia la madre). Mamma mia bella, perdoneme!... So' nu scellerato!...

Cuncetta


Giesù Cristo mio, te ne ringrazio!

Gennarino


(A Tore). Dalle audienza, ch'''a mamma è santa comme 'a Madonna!...

Rusella


(Sottovoce). E nuie simme 'o diavolo tentatore!

Gennarino


Peggio!...

Tore


Statte buono! (Gli dà la mano).

Gennarino


A rivederci...

Cuncetta


Maie cchiù cca!... (a Tore) Iammuncenne! (Escono, parlando).
[ 71 ]

SCENA XVIII.


detti e Nannina


Rusella


Nun 'e' fatto a tiempo.

Nannina


'E che?

Rusella


Mo mo, è venuta 'a mamma 'e Tore, e tante ce n'ha ditto, ca l'ha fatto capace 'e se spusà a Matalena.

Nannina


Neh?!... E c'aggia fa'?... A me che me ne 'mporta?...

Gennarino


Eppure...

Nannina


Eppure, che?.. Nun me ne 'mporta niente!..

Gennarino


Nun ce credo...

Rusella


Tu 'o dice apposta...

Nannina


(Ride). Ah! Ah! Ah!
[ 72 ]

Gennarino


Tu ride?... Ma quanno poco fa 'e' saputo ca Tore se spusava a Matalena, 'e' fatto 'a faccia ianca...

Nannina


Che carugnone!...

Rusella


Te siente currivo?...

Nannina


Embè, si!... È overo... 'O voglio ancora be- e me sento...

Gennarino


Pògnere d' 'a gelusia.

Rusella


Però, Nannì, statte attienta... Tore ha ditto ca s'ha da vendicà... E chillo è n'ommo capace 'e tutto...

Gennarino


Statte attienta!... Chillo te ntacca 'a mpigna! (Ne fa l'atto).

Nannina


A me?
[ 73 ]

Rusella


No, a me...

Gennarino


Tu nun 'o ccride?...

Nannina


E cu qua' deritto?

Rusella


'A verità, io iesse ncoppa 'a Sezione, a parlà c''o cummissario.

Nannina


Io?... Io a fa' 'a spia?!... No!... Maie e po' maie!... Tu 'o ssaie meglio 'e me ca 'e ffemmene comme a nuie se fanno accidere ciente vote, ca fa' na nfamità 'e chesta...

Gennarino


Allora te fa piacere? (Fa atto di chi vuole tagliare la guancia).

Rusella


'O sfregio è segno d'ammore!

Gennarino


(A Nannina). E 'a bellezza toia?...
[ 74 ]

Nannina


Vattenne, ca Tore nun fa niente... Mo penza a ati ccose.

Rusella


Te sbaglie!... Tore s''a leva 'a preta 'a dint''a scarpa!

Nannina


Ma pecchè, io nun tengo chi me difenne?... Vuie a don Gaitanino 'o canuscite, e sapite ca a ll'occasione se sape fa' valè... Basta, Rusè: statte bona... Si 'o vide, dincello ca me lassasse 'n santa pace, ca si no lle po venì male.

Rusella


Ma tu sta sempe all'erta...

Nannina


Vattenne, ca Tore nun fa niente...

Gennarino


Eh!... Statte cu sta capa...

Nannina


E va buò... Po' vedimmo... Ve saluto.

Rusella


Nannì, fatte vedè... Mo avimmo fatto pace.
[ 75 ]

Nannina


(La bacia). Te'!... È fernuto tutte cosa... Gennarì, te saluto...

Gennarino


Addio!...

SCENA XIX.


detti e Matalena


Matalena


(Con disperazione, ansante per lunga corsa). Pe carità!... L'avite visto?.. Avite visto a Tore?...

Rusella


Ched'è?.... Ch'è succiesso?...

Matalena


Ah! Mamma d''o Carmene!...

Rusella


Ma ch'è stato? Parlate!...

Matalena


Nun me ne fido cchiù!... Me se chièieno 'e ggamme sotto... Mentre stevemo ienno a' casa 'e donna Cuncetta, nzieme cu Tore, e [ 76 ]parlavemo tanto bello, avimmo scuntrato a don Gaitanino, 'o canteniere d''e Virgene...

Nannina


(Premurosa) Be'?...

Gennarino


Appriesso...

Rusella


E...?

Matalena


Tore, appena ll'ha visto, ll'ha sputato 'n faccia..... È succiessa l'ira 'e Dio!... Strille.... mazzate... sanghe... Quanno l'hanno spartute, don Gaitanino, miezo muorto, l'hanno purtato a 'e Pellerine...

Nannina


Dio! Dio!... (Si mette le mani nei capelli, e fa per andar via).

Rusella


(La ferma). Addò vuò i', tu?... CHillo, Tore, si te vede, te fa 'a festa!

Nannina


Tutto pe causa mia!...

Matalena


E fattenne n'avantamento!...
[ 77 ]

Nannina


Ll'e' vuluto tu!.. Nun te sapive sta' a' casa toia?

Gennarino


E Tore è ferito?...

Matalena


No... Va fuienno...

SCENA XX.


detti, donna Cuncetta, popolo.


Cuncetta


(Che vede Maddalena). Matalè!... Ll''e' tuvato?

Matalena


Ll'aggio perzo 'e vista...

Cuncetta


Mamma d''e Ggrazie, aiutelo tu!...

Gennarino


Ma pe do' è fuiuto?...

Matalena


E chi 'o ssape?... Hanno ditto 'a chesta parte...
[ 78 ]

Matalena


Ah!... 'O vi' lloco!...

Tutti


(Si avvicinano a Maddalena). È isso!... E isso!

Matalena


Mamma d''o Carmene!... 'O secùteno ddoie guardie...

Rusella


(A Nannina). Fuie! Fuitenne tu!

Nannina


No!... Io 'o voglio vedè... Ll'aggia cercà perdono. È stata tutta pe colpa mia!...

Rusella


Tu si' pazza?!... Vattenne!... Tore, int''arraggia, te po accidere!...

Nannina


Meglio!... Lle vaso 'e mmane, si m''o fa!...
[ 79 ]

SCENA XXI.


detti e Tore


Matalena


(Lo abbraccia). Ch''e' fatto?

Cuncetta


Figlio mio!... (Tutti lo circondano).

Tore


(Col rasoio in mano). Lassateme, ca me secutano 'e gguardie!...

Nannina


(Si avvicina a Tore e con passione). To'!... Perdòneme!...

Tore


(L'afferra per il petto). Ah Scellarata!... (La ferisce col rasoio sulla guancia).

Nannina


Ah! Che m''e' fatto?!...

Tutti


(Con spavento). Oh!...
[ 80 ]
(Confusione. Tore fugge. Tutti circondano Nannina).

Cuncetta


Madonna mia, aiutalo tu!...

Matalena


Ah! S'è perduto, e pe sempe!...

Gennarino


(A Nannina). Si' cuntenta, mo?

Nannina


(Porta la mano insanguinata alla bocca e bacia il sangue della ferita). Io 'o perdono!... 'E ffacce belle se tagliano!... Mo Tore è tutto 'o mio!...

D. Cuncetta


(Con fierezza). Madonna mia! Fammillo vedè muorto, ma nun 'n braccia a sta mala femmena!...
(Due guardie appariscono, irrompendo in mezzo alla folla, che cerca di trattenerle).

FINE.


Napoli, 10-11 giugno 1886.