Teatro - Menotti Bianchi/'Int''o canciello

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

NOTICE: Mixed italian-neapolitan. In general, italics are for theatrical indications and are given in italian and dialogs are mostly in neapolitan.

Teatro dialettale napoletano  (1911)  by Menotti Bianchi
'Int' 'o canciello

[ 263 ]

A
G. Antona-Traversi



'INT' 'O CANCIELLO


dramma in un atto


[ 264 ] [ 265 ]

PERSONE


---




Salvatore.

Totonno.

Carmela.

Peppeniello.

Aniello.

'On Gennaro.

Gaitanino.

'O piantone

Na guardia 'e P. S.

[ 266 ] [ 267 ]
LA SCENA


La camera di sicurezza, umida, oscura e malsana.
In fondo, sulla sinistra, una porta ferrata; sulla destra si stende fino alla parete, il «tavolaccio» sul quale dorme Peppeniello, un ragazzetto di otto anni. Egli nel sonno ha qualche lieve singulto. A tratti a tratti si lamenta anche. Salvatore, che veste ancora l'abito del galeotto, è seduto sulla sponda del tavolato, fuma e guarda con occhio di commiserazione il ragazzo dormiente.
Aniello, passeggia su e giù per la camera, con le braccia incorciate, e con la testa abbassata sul petto; fa le volte del leone e fischia insistentemente.
Da una finestra, in alto, custodita da una forte inferriata, entrano i primi barlumi dell'alba, un'alba uggiosa e triste senza fine.
[ 268 ] [ 269 ]

ATTO UNICO
____



SCENA I.


Salvatore, Aniello e Peppeniello.


Salvatore


'E' pigliato l'acqua a passà? 'A fenisce cu stu sisco?

Aniello


(Con ironia) Scusate: nun sapevo ca 'o sisco mio tuccava 'a nervatura a vostr'eccellenza!

Salvatore


(Scattando) Animale! Nun 'o vide ca 'o guaglione dorme?

Aniello


Ma che, v''e figlio?

Salvatore


Nun me seccà! (Aniello seguita a passeggiare ed a fischiare. Salvatore s'alza e con impeto l'afferra per la gola) Te rompo 'a faccia, pe quant'è certo Dio!
[ 270 ]

Aniello


Chià, chiano!... Tenit''e mane 'e fierro... Che d'é, nun 'o sapiveve dicere 'e n'ata manera?

Salvatore


Accussì se chiacchiarea cu tte.

Aniello


Embè!... Che v'aggia dì'? Avite ragione!... Stammo cca dinto.. (La chiave gira nella toppa ed apppare 'o Piantone che sostiene 'on Gennaro ubbriaco fradicio).

SCENA II.


detti, Gennaro, Piantone


Piantone


Trase, e statte zitto! Cca, nun se chiacchiareia.

Gennaro


Felice notte! (Saluta attorno con la mano) 'A primma veppeta 'a dammo a chi ce ha cacciate!... Vevite, vevite sempe vuie!...

Salvatore


'I comme sta accuoncio!...
[ 271 ]

Piantone


(Batte con la mano sulla spalla di 'on Gennaro) Amico, tu c siente, ca t'aie 'a sta zitto?...

Salvatore


Ma nun 'o vedite ca parlate cu nu peretto? (Aiuta 'o Piantone a fare sedere 'on Gennaro) Viene cca, assettete... Eh, accussì!.

Piantone


E mo accuccia, si no te metto 'o taccariello mmocca e bonanotte!

Gennaro


(S'alza e mette un dito nell'occhio d' 'o Piantone) A me?... Io so' nu galantommo! Che vene a dicere stu taccariello mmocca?.... Avite capito ca io so' nu galantommo? (A Salvatore) A buoncunto che vò di' stu taccariello?

Salvatore


Ha ditto, ca te vò mettere 'a mussarola, si nun te staie zitto.

Gennaro


Ma che, so' fatto cane?
[ 272 ]

Salvatore


Iammo, statte zitto! Nun vide ca 'st'anema 'e Dio sta durmenno?

Gennaro


(A Salvatore) Scusate... Diciteme: chesta è lucanna? E 'o lietto mio addò sta? (Cerca il letto) 'O taccariello! Ma che vò di' stu taccariello?... 'O taccariello mmocca a un galantommo? Voglio vedè!...

Piantone


Guè! Comme-te-chià?... Tu 'e' capito ca t'aie 'a sta zitto?

Gennaro


N'ata preghiera: 'A tenite na tazza 'e cafè? (Fa atto di recere).

Salvatore


Vide addò 'o ghiette!

Gennaro


Ma che, sto mbriaco? E chill'ato ca me vuleva mettere 'o taccariello mmocca! Io nu sto mbriaco, ma che saccio... me pare comme si avutasseme tuorno tuorno tutte quante. Songo io o nun songo io?... Masto, vevite [ 273 ]pure vuie; doppo veve chi ce ha cacciate, e bevo pure io!... E bevo semp'io! (Cade sul tavolato).

Piantone


Ma chisto overo è na peròccola!

Gennaro


Peròccola siete lei, brigatiè! Basta, nun fa niente; vevite pure ('o Piantone esce).

Gennaro


Embè, che d'è, ve ne iate? Chesta è n'offesa! (A Salvatore) Pe favore, tenisseve nu sicario? (Salvatore gli offre la pipa) «No, questa me disturba; e poi v'ho pregato ca io so' nu galantommo. Voi per chi mi avete preso? Voi mi conoscete? »

Salvatore


'On Giesuè! durmite, si avite 'a durmì.

Gennaro


Ma io ve voglio dicere chi songo io... Sulo Linardo avrei potuto fare quello che ò fatto io mmano a Francisco! Eh, staie lustro! Ogne vota ca me vedeva 'o Re erano pezze!

Salvatore


Ma quale?... Chelle ca tiene 'o cazone?


[ 274 ]
Gennaro


(Si alza per mostrare che pezze non ne ha) Io so' nu galantommo! Pezze nun ne tengo!... (Nel mostrare il calzone, cade)

Salvatore


E staie buono lloco! (Si apre la porta. 'O Piantone fa entrare Totonno e spinge nella camera Gaitanino, che, non vedendo 'on Gennaro steso a terra, gli cade sopra).

SCENA III.


Gaitanino


'St'animale è muorto ('O Piantone) E vuie, nun sapite tenè nu poco cchiù 'e maniera? ('O Piantone gli ride sul muso).

Salvatore


(A Totonno) Scusate: dateme na mano... È mbriaco.

Aniello


Ma che d'è, uno nun se po nemmeno mbriacà, pe se scurdà 'e guaie suie? (Totonno dà una mano a Salvatore per alzare da terra 'on Gennaro, che borbottando si gitta [ 275 ]pesantemente sul tavolato. Gaetanino siede a terra, sulla sinistra).

Piantone


Buon divertimento! (Fa per uscire)

Salvatore


Stanotte è trasuta 'e quaglie!

Totonno


'E povere figlie 'e mamma, cca, nun mancano maie.

Piantone


E pecchè nun dicite 'e ribusciate?

Gaitanino


E vuie chi site, ca fate 'o zetiello?... Sott'a 'sta scorza, ca tenite ncuolla, ce stanno certi pelle p''o lietto!

Piantone


Fate silenzio! Canaglia! ('O Piantone esce e gira la chiave nella toppa).

Totonno


(A Salvatore) Vuie ascite?
[ 276 ]

Salvatore


Doppo diece anne!...

Totonno


Vuie ascite e io traso.

Salvatore


'A Niseta?

Gennaro


A Niseta ce sta l'aria bbona.

Salvatore


Durmite, si avite 'a durmì!

Gennaro


All'ubberienzia! (Si addormenta)

Salvatore


Me chiammo Salvatore Merenda. Mammema venne 'a robba vecchia ncopp''e Fuosse.

Totonno


'A canosco.

Totonno


'A canosco.

Salvatore


Che n'è 'e mammema?... Parlate...
[ 277 ]

Totonno


Che ve pozzo dicere?... È da paricchio ca nun 'a veco.

Salvatore


'A stessa risposta! Tutt'accussì! Ma diciteme, facitelo pe Dio!... Sapite quacche cosa? Fosse... morta?!

Totonno


Che ghiate penzanno!

Salvatore


Tengo nu core niro niro... Me sento nu brutto presentimento!

Totonno


E io?... Dimane hanno appuntata 'a causa mia, e chi 'o ssape si...

Salvatore


Ma c'avite fatto?

Totonno


(Sottovoce) Aggio arrubbato! (Si nasconde il volto nelle mani).

Salvatore


Vuie?! (Si allontana con disgusto).
[ 278 ]

Totonno


Ma nun pe me, no; ce so' stato furzato. Guardate, guardate sti mane, so' chiene 'e calle... Aggio faticato sempe tutta 'a vita mia. So' mane 'e mariuolo cheste?... Dicitelo! So' nu sventurato! Chesto songo io e nient'ato (Piange)

Gaitanino


'I comm'è longa 'sta nuttata!

Peppeniello


Oi mà!...

Salvatore


Povero guaglione!

Totonno


(Che si è seduto sul tavolato, si volta e guarda il ragazzo) Se more 'e friddo! (Si toglie la giubba e copre Peppeniello) Accussì sta cchiù meglio!

Peppeniello


(Si lamenta nel sonno) Papà! Papà! Nun mme accedite!

Salvatore


Parla nzuonno!.. (Guarda il ragazzo) Se sta scetanno.
[ 279 ]

Peppeniello


Madonna mia! Addò sto?

Salvatore


Nun avè appaura!

Peppeniello


E addò sta mamma? Addò l'hanno purtato? Teneva na ferita 'n capo... 'o sanghe le scenneva pe ncuollo.

Salvatore


Comme te chiamme?

Peppeniello


Peppeniello.

Salvatore


E che l'hanno fatto a mamma toia?

Peppeniello


Papà l'ha vattuta!

Salvatore


E a tte, pecchè t'hanno arrestato?

Peppeniello


Nun 'o saccio!... M'hanno pigliato e m'hanno purtato cca.


[ 280 ]
Salvatore


Addò staie 'e casa?

Peppeniello


Sott''e Caserte.

Totonno


Povere figlie 'e mamma!

Salvatore


(Cavando dalla saccoccia del pane nero) Vuò nu poco 'e pane? È ancora chello 'e Niseta.

Peppeniello


(Porta il pane alla bocca, ma lo lascia cadere sul tavolato) Nun ne voglio, no... Voglio a mammà mia.

Salvatore


E nun chiagnere. Dimane matina te porto io a' casa toia. Pulèzzete l'uocchie.

Peppeniello


E me fanno ascì 'a cca dinto? Io nun tengo a nisciuno cchiù. Papà l'hanno purtato a San Francisco e a mammà 'o spitale d''a Pace.

Salvatore


E va buò, ce penzo io! Nun chiagnere cchiù. [ 281 ]

Peppeniello


Vuie site nu buon'ommo... Papà mio, nun è comme a buie. (Mostra la giubba) 'E chi è 'sta giacchetta? È 'a vosta? Pecchè m''avite misa ncuollo? (con un sorriso desolato) Nce aggio fatto 'o callo... Quante e quante notte aggio durmuto mmiez''a via, c''o friddo, c''o chiovere... Mammema chiagneva, e pateme me chiammava: «Figlio 'e... » e diceva 'a mala parola!

Totonno


Che barbarie!

Salvatore


E a mammeta, 'a vuò bene?

Peppeniello


Assaie! Chiagneva sempe, quanno papà me vatteva. E certi vote, quanno stevamo sule, diceva: « Perdonelo a papà tuio! Chillo, quanno sta bevuto, nun ragiona! » (A poco a poco si addormenta).

Salvatore


S'è addurmuto n'ata vota! Viato a isso!

Totonno


'On Salvatò, aiutatelo, si putite, ca facite opera 'e carità.


[ 282 ]
Aniello


Uffà!... Mo abboffo!

Gaitanino


Che vutamiento 'e stommaco!

Salvatore


Vuie, site gente senza cuscienzia!

Totonno


Ma vuie ne tenite figlie a 'e ccase voste? No? E allora stateve zitto!

Aniello


'E figlie?.. Io? Maie, furtunatamente. Io campo d'aria e miseria. 'A state, dormo ncopp''e marciappiede; 'e vierno, 'int'a nu furno. Chi è cchiù felice 'e me?... Manco 'o Re!

Salvatore


E 'sta vita te piace?

Aniello


A me? Si. Io strascino 'sta vita p''e strate 'e Napole, comme na mala femmena strascina 'a vunnella pe dint''a lota! (Un silenzio) Chella ca vuie disprezzate, a me piace... Campo? Nun me 'mporta comme...
[ 283 ]
Arrobbo? Embè! È nu peccato, forse? No, pecchè io arrobbo a chi ne tene cchiù 'e me.

Salvatore


Ma, si' sempe nu mariuolo?

Aniello


Sì, è overo, m''o diceno tutte quante; e cchiù spisso m''o dice chi arrobba cchiù 'e me!

Totonno


Va buò! Nun ne parlammo cchiù.

Aniello


E pecchè? Io chello ca dico è 'a verità. Mo, m'aggio fatto piglià d''e guardie pecchè me murevo 'e famme. È l'unica carità c'avimmo d''o Guverno. Arrubbammo? Iammo 'a dinto, e magnammo. Comme vedite, pe gudè 'sta carità s'ha dda arrubbà a forza. E io arrobbo.

Salvatore


Va, ca si' n'ommo perzo!

Aniello


Eppure, tu nun si' meglio 'e me! Tu viene 'a ll'isola. (Salvatore lo guarda con disprezzo) Tu me guarde? Che mme vuò venì a dicere? Ca forse 'e' acciso p''annore?... Pe na femmena, forse?
[ 284 ]

Salvatore


E che ne saie tu d''a vita mia?

Gaitanino


'A vita toia è comm''a vita 'e tutte quante late. Se fa nu passo, se sciulia e bonanotte.

Salvatore


Io nun so' comm'a vuie...

Gaitanino


Nun capisco chello che vuò di'. 'O cert'è ca viene 'a ll'isola. Dunque, quaccosa 'e' fatto, pe te fa' cundannà.

Salvatore


E hanno fatto bbuono! Io nun me lagno.

Gaitanino


'A verità, io nun te capisco.

Salvatore


Tu, nun me vuò capì!

Aniello


(Canzonatorio) Chi 'o diciarrìa ca è nu carcere? Pare na scola, chesta. (Canticchia:)

« Fronn'e vurraccia, »
« si nun te piglie a me te taglia 'a faccia! »

[ 285 ]
Salvatore


Tu nun si' nu gnurante. Tu si' nu scellarato!... Ma comm'è pussibile 'e nun vulè bene a nisciuno?

Aniello


Ma, a chi aggia vulè bene, pe sapè?

Gaitanino


Io voglio bene sol''a morte ca nun me chiamme.

Salvatore


E 'a morte s'è scurdata 'e te. E tu camparraie pe scuntà tutt''e peccate ch'è fatto.

Gaitanino


(A Salvatore) Famme fumà!

Salvatore


(Con asprezza) No!

Totonno


(A Salvatore) Dimane vuie ascite, e io passo 'o carcere.

Aniello


Ah! tu pure si' d''e nuoste?

Gaitanino


Addio, cumpagnò!
[ 286 ]

Totonno


Sì, ma tra me e vuie ce passa 'o mare! Io aggio cercato 'a fatica comme se cerca 'o pane, vuie 'a cantina e 'a mala vita. A poco 'a vota, me vennette fino all'urdemo spruoccolo d''a casa, e na notte, m''o ricordo comme si fosse mo, cercaie 'a lemmosena, si 'a lemmosena; ma nun purtaie niente a' casa. Muglierema, 'e figlie mieie, chelle povere criature, m'aspettavano, allancate, affamate! I' traso, e me guardano. 'O cchiù peccerillo, Vicenzino, cu na faccia ianca comm''a cera, chiagnenno, m'afferra p''a mano e: — « Papà, me moro 'e famma! » Ah! chella voce fuie nu turmiento, na curtellata 'o core! (Un silenzio) Fuiete d''a casa comm'a nu pazzo. 'O primmo ca 'ncuntraie mmiez''a via, lle dicette: «Tengo quatt'aneme 'e Dio ca se moreno 'e famme! Dateme quacche cosa! » Ma chillo me rispunnette: « Si giovene, va fatica ». A chelle parole nun ce vedette cchiù. L'afferraie pe pietto; e lle sceppaie 'a catena. Pe chella sera 'e figlie mieie nun se muretteno 'e famme!... (Cade sul tavolato e si nasconde la faccia tra le mani).

Salvatore


Pover'ommo!

Aniello


M''a gente 'ha capito pecchè te si' sacrificato?
[ 287 ]

Gaitanino


A me pare ca no, pecchè t'hanno arrestato.

Aniello


Che maraviglia! Nuie simme nate pe nce arrubbà l'uno cu ll'ato!

Salvatore


Comme 'e vote n'ommo se 'nganna! Cca dateme 'a mano!

Totonno


Io ve ringrazio, 'on Salvatò. Sti parole so' parole sante!

Aniello


E giudece però nun 'a penzano accussì!

Salvatore


'A gente 'e core po giudicá, no chille c'arapeno 'o libro da legge e sputano sentenze!

Salvatore


(A Totonno) Curaggio. Vuie che pena putarrate avè? Ve ponno cundannà a tre, a quatto mise, a n'anno, si pure! Io aggio sufferto diece anne. So' stato diece anne [ 288 ]'n galera. Pecchè me cundannaieno? me cundannaieno pecchè io m'avevo fatto giustizia! «Avite 'a sapè ca 'e genitore mieie, pe ve fa' capace a vuie, erano gente 'e basso ceto, ma ricche, e penzaieno 'e me mannà a' scola fino a strappantiello. Me vulevano fa' sturià pe farme addeventà nu piezzo gruosso; ma nn poco 'e cumpagne, nu poco 'a capa, ca nun steva a segno, svugliato, distratto, tutto nzieme cagnaie vita e bonanotte! Ah! Si m'avessero 'mparata n'arte, quanto sarria stato meglio!... Si, pecchè chello poco 'e leggere e scrivere m'ha fatto cchiù male ca bene... Io aggio acciso a muglierema, ma no comm''a femmena ca 'nganna 'o marito, ma comm''a femmena ca tradisce 'o bene, 'a passione, 'ammore! (Ai due ladri) Vuie ridite?... Già, vuie nun capite niente; pecchè nun avite mai vuluto bene a nisciune! Io aggio vuluto bene a chella femmena comm'a nu pazzo, e 'a voglio bene ancora, doppo diece anne ca l'aggio accisa. E me ricordo 'e rose 'e chella vocca... me ricordo 'e capille nire comm''a pece... ne tengo ancora nu cierro astipato, annascuosto dint'a 'st'abbetiello. Si sapisseve quanto aggio sufferto! Me credite? Io ne parlo e sudo friddo tutto quanto! (Totonno gli tocca la mano). Nun avite paura: è niente. Dunque, dicevamo? Se chiammava 'Ntunetta. Era na bella figliola, sempe allera, sempe... Pareva na rosa. E io l'aggio accisa! 'Ntunetta era na femmena perduta, e io, c''a vuleva bene, nun abbaraie nè a pregiudizie, nè a niente, [ 289 ]e m''a spusaie, cu tutto ca 'e genitore mieie nun vulevano. E patemo, salute a vuie, ne murette p''o dispiacere. Pecchè m''a spusaie? Nun 'o saccio io stesso. Forse pecchè, spusannela, me pareva ca nun avesse avuto 'o core 'e me ngannà; e mme ngannaie! IO l'accidette, cu na botta 'e curtiello! Una! Una sola! 'A colpa nun fuie d''a mia... Io nun arragionavo cchiù... Io vedette tutto russo. Mme se cummigliaieno 'e sanghe! E nu zampillo 'e chello sanghe me schizzaie 'n faccia, Dio! che mpressione! So' diece anne e 'o sento ancora cca! (Si tocca la guancia destra) Io l'avevo già perdunato, crediteme, e quanno 'a vedette stesa longa 'n terra, cercaie 'e l'aiutà, chiagnette; ma 'Ntunetta era morta! Allora fuiette. Ma pecchè? Io m'aveva accidere vicino a essa. Nun l'avevo accisa forse p''ammore? Po' m'arrestaieno, nun me ricordo doppo quanta iuorne. E dint''o carcere, me menaie ncopp''o tavulaccio e m'addurmette. Pare ancora nu suonno! Po', comme v'aggio ditto, me cundannaieno a diece anne. Nun me ne so' lagnato, nè me lagno; m''o mmeretaie pe tanta ragione. 'E femmene comm'a chella nun se sposano. Pecchè, essa, tradenneme, facette 'o mestiere suio. (A questo punto bacia l'abitino e si asciuga una lagrima. Totonno gli si avvicina e lo conforta).
[ 290 ]

Aniello


E chesto è chello ca s'ave doppo avè voluto bene a na femmena! Traruto, 'ngannato e pazzo! Ma, chisto, è nu pazzo che ragiona!

Gaitanino


(Ad Aniello) T'è maie capitato 'e vedè na femmena pazza p''ammore?

Aniello


No. 'A femmena fa uscì pazzo! (Peppeniello si lamenta nel sonno).

Totonno


Stu povero disgraziato se sta lamentanno

Peppeniello


Madonna! Chi site vuie? (Fa per alzarsi).

Totonno


Nun te spaventà!

Peppeniello


Che brutto suonno!

Totonno


Che t''e' sunnato?
[ 291 ]

Peppeniello


Mamma mia! Io nun ce voglio sta cchiù cca dinto! Io me mette paura!

Salvatore


E pecchè te miette paura? Duorme, duorme me. 'A cca a n' ato ppoco ascimmo. Duorme. (Peppeniello si assopisce).

Carmela (d. d.)


Pe chillo santo ca tenite 'n Paraviso, facitemillo vedè. Tengo 'e guagliune a' casa ca m'aspettano. Pe pietà, p"e muorte vuoste, facitemmillo vedè! Totonno!... Totonno!...

Piantone (d. d.)


Andate, andate via! (Si sente il pianto di Carmela).

Totonno


Carmela! Carmela! (A Salvatore) È mu- glierema! Chill'assassine m' 'a fanno murì. È malata 'e core! (Scuote la porta) Apriteme! Apriteme!

Carmela (d. d.)


Totò, songo io!... [ 292 ]

Piantone (d. d.)


Andate via! Andate via!

Totonno


(Con sdegno) Assassino! Ommo senza core! (Piange a singulti).

Salvatore


Chella c'avite fatto vuie è cosa 'e niente. 'A gente 'e core ce stanno ancora. Crediteme: ll'uommene non so' accussì malamente comme se dice!

Aniello


LI' uommene? Ma nun già 'e giudece!

Gaitanino


Ave ragione: chi cundanna nun è n'ommo. Pecche nisciun' ommo tene 'o deritto 'e cundannà a n'ato! Chi ce 'o dà stu deritto, pe sapè?

Salvatore


Siente, siè, che filusufia!

Gaitanino


Che d' è , nun te cummiene? 'A vocca pecchesta è fatta : pe parlà. [ 293 ]

Aniello


Se capisce: pe parlà e pe...

Salvatore


E pe ghiastemmà!

Aniello


È giusto... Ha parlato 'o galantommo, ca vene 'a ll'isola.

Salvatore


(Con scatto) Tu sì' na carogna! Tu si nu mariuolo, e pe chesto tutt' 'a gente te fuie oomme nu cane rugnuso!

Aniello


'O saccio, e me fa piacere!

Salvatore


Dimme: tiene ancor' 'a mamma toia, tu?

Aniello


(Si turba e guarda Salvatore con ira) Mammema ? E pecchè? Che vuò dicere?

Salvatore


Rispunne: 'a vuò bene? [ 294 ]

Aniello


Nu l'aggia dicere a tte!

Salvatore


Eppure, te se legge 'n faccia 'o rimorso. Parla: 'a vuò bene a mamma toia ?

Aniello


Feniscela! T' aggio ditto: feniscela !

Salvatore


Ah! Nun vuó ca se ne parla? Chi sa quanta vote l'avarraie vattuta, scellerato!

Aniello


Statte zitto! Statte zitto! (Si rintana con spavento in un angolo dal camerone).

Salvatore


Essa accussì te chiamma: scellerato!

Aniello


Statte zitto! Statte zitto!

Salvatore


No. Quanno iesce a libertà, mènet' 'e piede 'e mammeta e cerchele perduono. [ 295 ]

Aniello


Zitto! zitto! ca tu m'accide!

Gaitanino


Embè, io credo che tu, primm' 'e fa' 'o galiota, facive 'o prerecatore.

Salvatore


Io faceva l'ommo onesto! Tu no, pecchè tu 'e' arrubbato sempe.

Gaitanino


(Minaccioso) Abbara comme parle, pecchè...

Salvatore


Carogna! (La porta si apre ed entra 'o piantone con una guardia di P.S, in borghese).

SCENA IV.
detti, Piantone e Guardia in borghese


Piantone


(A Gaitanino) Che d'è, me faie 'o cammurrista?

Gaitanino


Embè, quanno stu mio signò m' offenne! [ 296 ]
Guardia


(Cava le manette) Iammo! Damme sti mane.

Gaitanino


(Sentendo dolore) Ah! Nu strignite.

Guardia


Andiamo! (Vede Aniello) Ah! tu cca staie? E bravo! n''e' fatto n'ata?

Piantone


'O ssà? è venuta mammeta e ha dimmannato 'e te.

Aniello


Quanno?

Piantone


Mo, poco primma.

Guardia


(A Gaitanino) Iammo, galantò! (Esce con Gaitanino).

Aniello


Si torna, dicitele ca venesse dimane a' Pretura. Aggiate pacienza.

Piantone


Sta cca fore. [ 297 ]
Aniello


Cu stu friddo? Ah, puvurella!

Piantone


Bona notte! (Esce).

Totonno


(A Salvatore) E vuie, restate ancora cca?

Salvatore


Forse a n'ato poco me purtarranno nnanze add''o rilligato.

Totonno


(Sospira) E accussì, ve ne iate? Viato a vuie! (Gli prende la mano) Si ve cerco nu favore, m''o facite?

Salvatore


Parlate.

Totonno


Quanno avite abbracciata 'a mamma vosta, pe favore, arricurdateve 'e passà p''a casa mia, e mme vasate a chelle povere criature. 'On Salvatò, vasatele, comme si fossero figlie vuoste!

Salvatore


V''o prumetto e 'o faccio cu tutt''o core!
[ 298 ]

Totonno


Io ve ringrazio... Ma si chelle povere criature v'addimmànano 'e me, p''ammore 'e Dio! Nun le dicite niente... Ammentate na scusa, dicite ca so' ghiuto 'a parte 'e fore pe faticà... e ca torno subeto.

SCENA V.


detti e Piantone


Piantone


(A Salvatore) Salvatore Murenda! Siete voi Salvatore Murenda? Il delegato vi aspetta.

Salvatore


Eccome. (Indica Peppeniello) E stu povero guaglione?

Piantone


(A Peppeniello, scuotendolo) Scètete! Susete!

Salvatore


Si po essere, si premmettete, 'o porto io d''a mamma.

Piantone


'A canuscite?
[ 299 ]

Salvatore


M'è cummara.

Piantone


Parlatene 'o Cummissario. Nun ha fatto niente. E state arrestato pe ozioso vagabondo.

Salvatore


(Al ragazzo) Vuò venì cu mme?

Peppeniello


E me purtate d''a mammà?
Si, te porto addò vuò tu. Iammuncenno!

Totonno


'On Salvatò, nun ve scurdate chella preghiera. Io sto 'e casa a Sant'Austino a' Zecca, vicino 'o turniero, addimannate 'e Carmela.

Salvatore


Addio!

Totonno


Vasateme 'e criature: e nun ve scurdate 'e me...
[ 300 ]

Salvatore


Addio!

Piantone


(A 'on Gennaro che russa) Susete, mbriachè!

Gennaro


Nannì, alleramente! 'Sta mmatina nun se fatica: è festa!

Piantone


Susete, su'!

Gennaro


Addò sto?

Piantone


È alleggerita 'a pella?

Gennaro


Embè, ce so' capitato n'ata vota! Avevo giurato 'e nun vevere cchiù.

Piantone


Iammo, nun me fa' perdere tiempo.

Gennaro


E iammo primm''e mo (Si precipita ad uscire dalla camera).
[ 301 ]

SCENA VI.


detti e Guardia di P. S.


Guardia


Si' tu Antonio Pallante?

Totonno


Sissignore: io propio.

Guardia


Seguitemi. (Fa per mettergli le manotte).

Totonno


Comme, pure a me?

Totonno


Pe forza. Non posso trasgredire gli ordini. Il regolamento parla chiaro.

Totonno


A piacere vuosto!

Guardia


(Con sorriso sardonico) Ve fanno male?

Totonno


Iammo, si avimma i'! (Totonno si avvia; la guardia lo segue. 'O Piantone chiude pesantemente la porta, che chiude a chiave).
[ 302 ]

SCENA VII.


Aniello solo


(Dopo un lungo silenzio, guarda attorno; s'alza e va all'inferriata per vedere se vede sua madre. Ritorna a sedere sul tavolato) Nisciuno!...

Canto a figliola (d. d)


Anielle, anielle!
A uno a uno tirete 'e capille!
Ietta lacreme 'e sanghe 'int''e cancelle!

Arena, arena!
Cerca perduono a mammeta luntana, e strafochete po' cu 'sta catena!...

(A questo punto, Aniello è preso dal pianto. Forti singhiozzi gli squarciano il petto. Grida con disperazione): Mammà! Mamma mia!... Perdoneme 'o schiaffe ca te dette!.....
(Cade in ginocchio piangendo dirottamente).

Canto a figliola (d. d.)


(Ricomincia più malinconico e va a perdersi in lontananza, a poco a poco)

Arena, arena!
Cerca perduono a mammeta luntana ...
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


FINE.


Napoli, 18 agosto 1894.