Teatro - Menotti Bianchi/'A mercante

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

NOTICE: Mixed italian-neapolitan. In general, italics are for theatrical indications and are given in italian and dialogs are mostly in neapolitan.

[ 427 ]

A
Gerolamo Rovetta



'A MERCANTE


(la morte)


commedia in un atto

[ 428 ] [ 429 ]
PERSONE
---



'Onna Sufia 'a Nirone,
mercantessa.
'Onn'Amalia.
Criscienzo,
cocchiere da molo marito di 'onna Sufia.
D. Eugenio,
impiegato al Monte della Misericordia.
Luca,
artista pittore.
Emilio,
studente.
Salvatore,
aperaio di Guppy.
Mariano,
muratore.
D. Ferdinando,
medico.
Cuncettina,
Franceschella,
ragazza al servizio di 'onna Sofia.

[ 430 ] [ 431 ]
LA SCENA


Il basso di Donna Sofia, la mercantessa. Sulla sinistra un gran letto d'ottone lucente, con una ricca coperta di seta damascata, a colori volgarmente sgargianti. Al capezzale un'imagine dell'Addolorata con le sette spade d'argento in petto, chiusa in una cornice ovale dorata. Poco più in giù un acquasantino di argento antico, accanto al quale pendono due candele listate di carta colorata. Ai due lati del letto due comodini di mogano, massicci.
Di contro un armadio a due luci, due sciffoniere con sopra due grandi quadri; una oleografia di S. Vincenzo Ferreri, ed una stampa di S. Anna. Dinanzi alle sacre imagini stanno lampade e candelabri.
In fondo è la porta d'entrata. Alla destra una cristalliera piena di stoviglie e di argenteria. Tutto il mobilio è quasi ammucchiato, senza ordine, nè stile, in quella casa di popolana arricchita, come in un magazzino di rigattiere.
Dal soffitto pende un lampadaro di cristallo con steariche rosse. Sedie di Vienna per la casa; ai piedi del letto una dormosa; nel nel mezzo, un tondo con marmo bianco.
Sono le ore antimeridiane di un giorno di Marzo, mite e odoroso.


[ 432 ] [ 433 ]
ATTO UNICO
---




SCENA I.


Sufia e Criscienzo


(Sofia è seduta su di una paltrona; è pallida, sofferente. Criscenzo le siede vicino e cerca di confortarla).

Sufia


(Con un filo di voce). É fenuta pe me!... Mm''o sento!..

Criscienzo


Nun ghiastemmà, ca finchè c'è vita, c'è speranza.

Sufia


(Con tristezza) 'O ssaccio... Tu comme aie 'a di', pe mme dà curaggio? Rieste vidovo nun ce penzà, e te può spusà a 'Nnarella cu 'e denare mie.

Criscienzo


E sempe 'a stessa canzona!


[ 434 ]
Sufia


Tu 'a vuò bene a 'Nnarella... e chi sa si nun so' state 'e ghiastemme soie!...

Criscienzo


Tu qua' Nnarella vaie cuntanno?...

Sufia


N'ato poco, e t''a spuso... e c''o sanghe mio, c''o sudore d''e fatiche meie...

Criscienzo


Sufì, penza a sta' bona! Che vai mettenno mmiezo, mo! Mmece 'e te mettere 'ngrazia 'e Dio, ca te l'ha ditto pure 'o cunfessore.

Sufia


(Con terrore) 'O cunfessore?! 'O cunfessore... è overo, chesto m'ha ditto: «Sufì, figlia benedetta, miettete 'ngrazia 'e Dio, na vota pe sempe... » E ave ragione... Giesù Cristo pe chesto m'ha fatto arreducere accussì, e po' se n'è scurdato!...

Criscienzo


Vattennne, ca Dio nun abbandona a nisciuno... e specialmente a chi se pente... Fa chello che t'ha ditto 'o cunfessore, e nun te n'incarricà. [ 435 ]

Sufia


E chesto farraggio. Aggio mannato già a chiammà pe Francischella na bona purzione 'e gente, p''e pave che tengo dispenzate, e l'aggio mannato a di' ca nun voglio manco nu cientesemo 'e 'nteresse... Me voglio ritirà sulo 'o capitale, e niente cchiù. Faccio buono Criscenzo?

Criscienzo


Buono.

Sufia


(Addita il comò) Tira 'o primmo teraturo d''o cumò: llà ce stanno sei fazzulette 'e seta, e sei scialletielle 'e lana; pigliatille e vide d''e vennere pe chello ca me costano... cinche lire l'uno e... ammeno accussì scacciammo 'a tentazione...

Criscienzo


Va buò: po' se ne parla 'e chesto.

Sufia


No: primm''e mo... Tu nun saie nuiate mercantesse che passione tenimmo pe stu mestiere... Simmo tentate ogne minuto sicondo...

Criscienzo


(Va a chiudere il tiretto). E va be': io mo nzerro e me porto 'a chiave cu mme.


[ 436 ]
Sufia


Accussì pure va buono... Ma saie ched'è? Io vuleva 'ntruità subeto subeto 'e denare mieie, pecchè, capisce?.... a prezzo 'e costo tu l'avarrisse vennute ampresso ampresso... Ma basta: nun fa niente: stanno nchiuse 'int''o cumò, e pure è 'o stesso.

Criscienzo


Penza a Dio, ca te fa santa.

Sufia


Ch'aggia fa'? Perdo chello pucurillo ca m'aveva abbuscà... Tanto pe tanto mo è ghiuta 'a varca a mare! Accussì po essere ca me levo 'o vizio. (una breve pausa, poi con rimpianto) Vizio! E già... ch'aggia dicere mo? nu vizio, ca s'abbuscano 'e dudece carri c''a pala...

Criscienzo


Se sape: 'o ciento pe' ciento 'o mese.

Sufia


E chello ca se perde nun nce 'o mmiette? Parle bello, parle... E t'aie sta' zitto pure... si no appurano 'o debole, nisciuno pava cchiù.


[ 437 ]
Criscienzo


Sì, ma tu nun 'e' perduto maie nu sordo... Si tutte 'e banche se sapessero fa' pavà, comme te saie fa' pavà tu, t'assicuro ca nun se sentessero tante fallimente.

Sufia


Povera a me! Già: tu me si' state sempe cuntrario.

Criscienzo


Se capisce!... 'A cuscienza nnanz''a tutte cose...

Sufia


E mo ca te lasso 'e denare mieie, cu che cuscienza t''e piglie?

Criscienzo


Primma 'e tutto, chesto nun succederà maie, pecchè tu staie bona, ma si, a ffunno 'e mare pozza i', succedesse, io ne facesse sempe dicere messe a l'aneme pezzentelle.

Sufia


'O ssaccio... tu si' ommo 'e cchièsia e quanno muore truove 'e porte d''o paradiso aperte... A me m'attocca l'inferno... 'O ssaccio... 'o ssaccio... (piange)

Criscienzo


Tu chiagne? E che so' sti lacreme? 'N capo a te, ca tutte 'e pec cature vanno 'a casa [ 438 ]'o diavolo? Si, staie fresca... Si sapisse quante se ne sarvano pe nu minuto, nu sicondo sulo 'e pentimento sincero... E tu ll''e' avuto!

Sufia


Sufia


Accussì fosse overo!

Criscienzo


Ce vò 'a fede: 'a fede sulamente.

SCENA II.


detti e Franceschella


Franceschella


'Onna Sufi?

Sufia


Guè, Franceschè, si' stata a du tutte quante?... Ll'e' ditto ca 'e voglio assolutamente, nicessariamente?...

Franceschella


Gnorsì. Comme m'avite ditto vuie. Sulo a Cuncettina 'a sarta nun l'aggio truvata; 'e figlie m'hanno ditto ch'è ghiuta anfino a ncoppa 'agenzia 'e don Mariano pe fa' nu pigno...

Criscienzo


Povera guagliona! S'è zeffunata 'a ch'è muorto 'o marito! Cinche aneme 'e Dio; [ 439 ]e tutte 'e cinche comme songo 'e dete d''a mano!

Sufia


Guè, a la fine è figliola: ce stanno tanta vie pe ghì a Roma!

Criscienzo


Cuncettina, però, comme tu saie, è na bona figliola...

Sufia


Chi campa deritto, campa afflitto! (Dolendosi). Ah! Mamma d''o Carmene! Che dulore! Cca sta 'o mmale mio, cca dinto!... (Toccandosi la pancia).

Criscienzo


Signò, miettece 'a mana toia!

Sufia


Na furnace cca dinto!... Me sento ardere 'e stentine 'n cuorpo... Ah! San Giro beneditto! Vengo scàveza a nfino a Puortice, si mme faie 'sta grazia... Criscè!... Siente... Nun te sfastirià... Me vuò fa' nu piacere?

Criscienzo


Si putisse passà nu mumento 'a chella mariola d''a Rossa...


[ 440 ]
Criscienzo


Pecchè?

Sufia


M'ha dda dà vinte lire; e nfino a ogge ancora m'ha dda mannà nu srodo...

Criscienzo


E parle 'e te mettere 'n grazia 'e Dio?

Sufia


Allora, comme dice tu, me vuò fa' perdere pure 'o capitale?

Criscienzo


Siente a me: aizele 'a mano...

Sufia


(A poco a poco accalorandosi) Aizele 'a mano?! E già! Tu te ll''e faticato cu ll'anema 'e mammeta! Ch'aggio ditto ca voglio 'o 'nteresse? Io voglio 'o sanghe mio, 'o sanghe mio sulamente... E sì! MO lle manno pure nu cumprimento appriesso! Si avesse tenuto a n'at'ommo vicino, a ll'ora 'e mo... chi sa... Ma aggia sta' bona!... Puverella a essa.

Criscienzo


Figlia mia, 'o Pat'Eterno te sta aspettanno cu 'e braccia aperte e tu... [ 441 ]
Sufia


Ma comme aggia fa'? Io m''o scordo, me scordo 'e tutte cose... (Si commuove). Sto 'n punto 'e morte, è overo, ma me vene n'arraccia, ca mme farrie passà brutto nu guaio.

Criscienzo


Nun 'mporta: nun te piglià collera... ('onna Sufia si riversa con la testa sulla spalliera della poltrona). 'E' visto? Tu t'arragge e te faie cchiù male. Nun penzà a niente, ca 'e denare veneno cu 'e piede loro.

Sufia


Si, aie ragiona: nun voglio curà niente cchiù. Sulo 'a salute mia... (alla ragazza di servizio) Francischè, 'e' avisato a tutte quante che venessero?...

Franceschella


Nun dubitate. M'hanno ditto ca mo veneno.

Sufia


E quanno po'?... Criscè, da nu fazzuletto 'e seta a Francischella... (Criscienzo fa per cercare la chiave del comò nella saccoccia, quando Sufia lo ferma con la mano) Ma tu mo già 'e' nchiuso 'o teraturo... Ce 'o daie n'ato iuorno. [ 442 ]
Franceschella


C''o commeto vuosto, 'onna Sufi. IO nun vaco truvanno chesto.

Criscienzo


(Sottovoce alla ragazza) Nun ce penzà: 'o fazzuletto t''o dongo io dimane.

Sufia


(Sospettosa) Che ll' 'e' ditto?

Criscienzo


Che fosse iuta a chiammà 'o miedeco.

Sufia


E pecchè? Io nun 'o voglio...

Criscienzo


Chesta è n'ata fissazione...

Sufia


Vattenne ca chillo è nu 'mbruglione.

Criscienzo


Pure chesto!

Sufia


Pecchè? Nun aveva ditto ca era gravidanza?!


[ 443 ]
Criscienzo


Tutte quante ponno sbaglià.

Sufia


Seh! Isso sbaglia, e io me ne vaco 'o campusanto!

SCENA III.


detti e Ferdinando.


Ferdinando


(Dalla soglia) È permesso?

Sufia


Guè! 'E vuie stevemo parlanno...

Ferdinando


Forse per la bevanda, che è un poco amaretta?

Criscienzo


Già... Dice ca è nu poco amara.

Ferdinando


Figlia mia, a la fine è nu calmante. E poi, come si dice? amaro, tienelo caro!

Sufia


No... No... Io nun voglio niente cchiù! Voglio murì!


[ 444 ]
Ferdinando


Ma la scienza non lo permette.

Sufia


'I che scienzia ca tenite vuie! M'avite pigliata pe prena, m'avite.

Criscienzo


Sufì! Sufì!... Accumminciammo?!

Sufia


Vattennne, va te fà squartà tu pure!... 'O miedeco! È meglio ca ve mettite a fa' 'o ferracavallo, mmece d'accidere 'a carna vattiata...

Ferdinando


Ma, don Crescenzo! Questo è troppo!

Criscienzo


Duttò, cumpatitela: è 'a malatia.

Ferdinando


Vedete... Solo per rispetto vostro mi sto zitto. (a donna Sofia) Poi, del resto, voi siete la padrona di farvi curare da chi vi pare e piace. Pagatemi, e felice notte.

Sufia


Ve pavo?! E che m'avite fatto sta' bona? [ 445 ]
Ferdinando


Oh, bella questa! Secondo voi, per essere pagati, dovremmo guarire tutti? Eh! E starriemo frischi!

Sufia


E allora è meglio ca ve mettite a fa' 'o schiattamuorte!

Ferdinando


(A Crescenzo) Ma la sentite!?

Criscienzo


Sufì!...

Sufia


Ma che te si' miso 'n capo, tu e isso? Ve credite ca 'e denare se ietteno?

Ferdinando


Questo non m'importa.. Vi ho curato per più di due mesi, e quindi...

Sufia


V'aggia ringrazià pure appriesso? Vuie pe nu miracolo 'e Giesù Cristo nun m'avite accisa prima d''e iuorne mieie...

Ferdinando


Ecco quanto mi tocca di sentire per non essere stato cauto...


[ 446 ]
Criscienzo


Duttò! Chella è femmena, e parla addò va va!

Ferdinando


Ma la mia dignità...

Sufia


Nè... don comme ve chiammate vuie, ma che ve credite ca io tengo 'e mmane attaccate? 'A dignità!... Guardate chi parla 'e dignità!

Ferdinando


Ora, basta

Sufia


Pecchè? M'avisse 'a vattere? (fa per alzarsi) Mo, me faie saglì 'o sanghe 'a parte 'a capa!...

Ferdinando


A me?!

Sufia


Si, a te!

Criscienzo


(Si alza e si pone fra i due; avvicinandosi di più al medico, gli dice sottovoce) Don Ferdinà, tenite nu poco 'e prudenza, si no chella ve vatte.

Ferdinando


Bene pagatemi, e finiamola.


[ 447 ]
Criscienzo


Sufì, figlia mia benedetta, nun te sbollere! (sottovoce) Tu 'o ssaie ca 'e miedece doppo c'accideno, s'hanno a pavà 'e stesso.

Sufia


E chillo tene chella bella maniera!...

Ferdinando


Ma, scusate: vuie parlate a schiovere.

Criscienzo


Venimmo a nuie. (al medico) Quanta visite avite fatte?

Ferdinando


Sentite: non parliamo di visite, perchè sono più di duecento.

Sufia


Ched'è? Ogne vota ca veneva era na visita?

Ferdinando


Ve site scurdata ca venevo 'a matina, 'o mezzogiorno e 'a sera?

Sufia


Ih, comme 'o vennite caro! Na scarfatura 'e seggia m''a passate pe visita? [ 448 ]
Criscienzo


Va be' pavalo, e nun fa' chiacchiere...., Duttò, quanto avite 'avè?

Ferdinando


Che debbo dire? Fate voi.

Criscienzo


Dicite vuie, ca è meglio.

Ferdinando


Be' fate duecento lire.

Sufia


(Ha uno scatto e salta dalla sedia come spinta da una molla) Duiciento scannaturate 'n canna!.. E chi 'e tene duiciente lire!

Ferdinando


'E denare mancano a me, non a voi... Capisco ca ve sape a duro; ma non c'è che fare.

Sufia


E si nun ve voglio dà manco nu sordo?

Ferdinando


E se vi mando una citazione?


[ 449 ]
Sufia


Io nun tengo che perdere...

Ferdinando


Questo poi lo vedremo, si tenite che perdere...

Criscienzo


Nonzignore, chesto nun ce ha dda essere (a sua moglie) Piglie 'e denare e dammille a me, ca mo acconcio io 'o duttore...

Sufia


Ma quanto vuò, 'a me puverella?

Criscienzo


Damme cinquanta lire: iammo.

Sufia


Cinquanta lire?!

Ferdinando


Ma per fare che cosa?

Criscienzo


Pe ve pavà...


[ 450 ]
Ferdinando


Cinquanta lire! Mavuie forse state pazzianno?

Criscienzo


No, io dico seriamente...

Sufia


Povere denare mie!

Criscienzo


Facimmo iusto sissanta.

Ferdinando


Che vendiamo all'asta pubblica, forse?

Criscienzo


Sissanta lire, meh!

Ferdinando


Impossibile!

Criscienzo


Ottanta.

Sufia


Guè, ma che ghiammo arrubbanno? Tu a quanto vuò saglì?


[ 451 ]
Ferdinando


Per farvi vedere quanto sono galantuomo, datemi cento lire, e finiamola.

Sufia


Mio signò, vuie nuvanta lire 'e vulite? No? E allora facite chello ca vulite vuie.

Criscienzo


(Sottovoce al medico) Duttò, pigliatevelle, ca ve dongo io l'ate diece lire.

Sufia


(A Franceschella) Si' rimasta llà mpalata! Te muove o nu' te muove? Llà, int''o tiraturo d''a culunnetta, piglia 'o sacchetiello d''e denare.

Franceschella


(Esegue l'ordine della padrona e porta il sacchetto. 'Onna Sofia incomincia a cavare da esso due tondi da cinque lire che consegna al marito). Chesto succede! Quanno 'int'a na casa arriva a mettere pede 'o miedeco... So' duie... tre... quatto... cinche... [ 452 ]
SCENA V.


detti e Eugenio.


Eugenio


È permesso?

Sufia


Don Eugenio! Favorite. Favorite.

Eugenio


Grazie.

Sufia


Francischè, piglia na seggia a 'onn'Eugenio.

Eugenio


Non vi pigliate fastidio: m''a piglio io stesso. (piglia una sedia e siede).

Criscienzo


Senza ceremmonie... Io tengo 'e mmane 'mbarazzate.

Sufia


(Al marito) Avimmo cuntato?

Criscienzo


Cinche cuoppe.


[ 453 ]
Sufia


Sei... sette... otto... nove... diece...

Ferdinando


Scusate, sti solde sono pe me?

Sufia


Pecchè? nun 'e vulite?

Ferdinando


Ma io non sono venuto a riscuotere con l'asinello.

Sufia


Pecchè, non so' denare?

Criscienzo


Va bene, duttò, nun fa niente; (al medico mettendogli nella saccoccia i tondi da cinque lire). 'O vedite cca: ve ll'aggio sistemate io stesso. (poi sottovoce) Aggiate pacienza... Nun 'a cuntrariate... È malata, capite? (alla moglie) Sufì, e ll'ati quaranta lire nce 'e daie 'e carta?

Sufia


Si 'e tenesse, pecchè no?

Ferdinando


(Irritato) Ma!...


[ 454 ]
Criscienzo


Allora nce 'e daie 'argiento?

Sufia


'E bi' cca: duie cuoppe 'e vinte lire l'uno. (al medico) Avite 'avè niente cchiù?

Ferdinando


(Intascando il danaro) Nonsignore... Ah! Povero Esculapio!... Statevi bene. Vi ringrazio... Statevi bene... (esce).

Criscienzo


Conservatevi...

Sufia


Te pozzano addeventà gravunelle, sperammo a Dio!

Eugenio


'Onna Sofia... In verità, io non so che cosa volete da me. Io mi trovo perfettamente in regola col pagamento....

Sufia


Sissignore, sissignore... Io 'e vuie nun ne pozzo chiudere vocca... V''aggio mannato a chiammà pe ve dicere ca 'o 'nteresse ca m'avite 'a dà v''o benedico. [ 455 ]
Eugenio


(Con meraviglia) Dite sul serio?!

Sufia


Sufia


Don Eugenio mio, io sto assaie malata e me voglio mettere nu poco 'ngrazia 'e Dio.

Eugenio


Quanto siete buona!...Ma che ve sentite?

Sufia


'O male mio sta cca dinto... (si tocca la pancia),

Eugenio


Povera 'onna Sufia!

Sufia


Sulo Dio me po salvà! A isso, a isso sulamente tengo fede!

Eugenio


Non dubitate, guarirete subito... E diciteme na cosa: mo io non vi debbo più nulla?

Sufia


(Con scatto) D''o nteresse? Ma 'o capitale me ll'avite dà quanto cchiù ampresso è possibele. [ 456 ]
Eugenio


'Onna Sofia mia, se non viene il ventisette del mese, non vi posso servire... Voi lo sapete. Il Pio Monte della Misericordia paga il ventisette. Però vi avverto che non vi porto tutto. Quanto più posso: ecco.

Sufia


Facite vuie... Vuie site nu galantomo... Chi sa! Forse, quanno venite 'e vintisette, nun me truvarrate nemmeno.... Ma vuie 'e denare 'e putite consegnià a Criscienzo... Avite capito?

Eugenio


Non dubitate. Fino all'ultimo centesimo.

Criscienzo


Site rimasto cuntento?

Eugenio


Contentisimo, vi pare! Fino a mo, pagando solo gli interessi, ho pagato già tre volte il capitale.

Criscienzo


E che vulite di'?

Eugenio


Voglio dire ca... na vota ca me trovo abballanno, voglio pavà pure 'o nteresse, e [ 457 ]da voi non voglio essere benficato nemmeno un soldo.

Sufia


(Sorpresa) Ah sì!? Giesù! Va a fa' bene ncoppa a 'sta terra!

Eugenio


Io ve ringrazio d''o bene vuosto... Il mio desiderio è di pagarvi tutto.

Criscienzo


Ma sapite ca site nu bello tipo?

Eugenio


Io non voglio niente da voi. Comm''o vulite capì?

Sufia


Gué! Nun v'alderate... Facite comme vulite vuie... 'E vintisette quanto me purtate?

Eugenio


Cinquanta lire.

Sufia


Sentite a me, io ll'ati cinquante 'e nteresse v''e perdono.

Sufia


Sentite a me, io ll'ati cinquante 'e nteresse v''e perdono.

Eugenio


Io nun 'e voglio... Avrete tutto. Dovessi toglierlo di bocca ai miei figli!


[ 458 ]
SCENA VI.


detti e Luca.


Luca


(Un giovanotto smilzo e nervoso. Gesticola sempre). M'avite mannato a chiammà, 'onna Sufì? Ma, avite avè 'a buntà d'aspettà n'ato ppoco... Ora mi trovo assicco a denare e nun tengo nemmeno per pagarvi gl'interessi.

Sufia


No: nteresse nun ne voglio cchiù; aggio aizato 'a mana a tutte quante!

Luca


(Con gesto di grande sorpresa) E comme va?

Sufia


Pe fa' na bona azione.

SCENA VII.


detti, Tore e Mariano


Tore


Salute e bene!

Mariano


'Onna Sufi, sèveri voste!


[ 459 ]
Sufia


Turì, Marià, v'aggio mannate a chiammà pe ve dicere ca nun voglio cchiù 'o nteresse d''a pava ca tenite mmano.

Tore


(Che ha già i soldi nelle mani) Allora vene a di' ca m''astipo n'ata vota 'int''a sacca? Guè, 'onna Sufia s'ha fatto cuscienzia!

Sufia


Io v'aggio dato denare, e nu' pezze vecchie. Cca 'a cuscienzia nun ce trase.

Mariano


Ave ragiona 'onna Sufia. 'A cuscienzia nun ce trase.

Tore


Ched'è? Ve site pigliata collera?

Criscienzo


Tò, fanne a meno 'e sti chiacchiere.

Luca


Ave ragione 'on Criscienzo... Certe cose non bisogna dirle.


[ 460 ]
Tore


Embè, allora stammece zitte!

Sufia


(In tono lamentevole, come per dolore) Ah! Nun mme fido cchiù! Io mo moro!

SCENA VIII.


detti e Amalia.


Amalia


Comme iammo, 'onna Sufi?

Criscienzo


Nun 'a vedite? Se sta turcenno 'e chella manera!

Amalia


E 'o miedeco ch'ha ditto?

Sufia


Ch'aveva 'a di'! Chillo mariuolo!...

Amalia


Si avisseve ntisa a me, a ll'ora 'e mo... chi sa!


[ 461 ]
Sufia


Avite ragione! Avite ragione! Aggio tenuto 'a capa tosta.

Amalia


Ma, si vuie vulisseve, starrieme ancora a tiempo.

Sufia


(Con gioia) Ancora a tiempo?! 'Onn'Amà vuie dicite overamente?

Amalia


Nu tentativo, a la fine, nun ve costa niente.

Sufia


E 'o putimmo fa' mo?

Amalia


Mo stesso.

Sufia


Uh! Aneme d''o Priatorio! Fose angelo 'a vocca vosta, 'onn'Ammà!

Amalia


Però, avimmo 'a restà sole sole.


[ 462 ]
Sufia


Sì... sole... tutte 'e doie... Neh, bella ge', vuie ce facite 'a gentilezza 'e ve ne i'? P''e denare, v''a vedite cu maritemo. E ricurdateve ca ve l'aggio date 'argiento... Me l'avisseve 'a purtà 'e bronzo?

Tore


Stateve a penziero sicuro.

Mariano


Nun ce penzate. Doppo ca nce aggia pavà 'a cagnatura...

Luca


Statevi bene. Allora, a vostro marito?

Sufia


Sì... sì... a maritemo.

Eugenio


A rivederci. <br/<

Sufia


Stateve buone tutte quante (escono tutti).

Criscienzo


(A 'onn'Amalia) Io pure aggio 'ascì?
[ 463 ]

Amalia


'On Criscè, vuie pure.

Criscienzo


Ma ch'avit''a fa'? Si 'o miedeco nun ce 'a pututo!

Amalia


'On Criscè, me dispiace ca site vuie!..... Comme cheste fosse stata 'a primma c'aggio fatto sta' bona!.... 'Onna Sufia tene 'o diavolo 'n cuorpo... Vuie capite o no?... E a fforza 'e scungiure ce ll'aggia fa' ascì...

Criscienzo


Ched'è? Mo è diavolo mo?...

Amalia


È diavolo, gnorsì.

Criscienzo


Ma, dich'i', pe do' ll'è trasuto?

Amalia


Quanto site buono! 'O diavolo se mpizza pure...

Criscienzo


Sarrà!


[ 464 ]
Amalia


Nun ce penzate ca v''a faccio sta' bona, subeto subeto.

Sufia


Giesù Cristo mio! Mo se vede!

Amalia


Meh! Nun perdimme tiempo.

Criscienzo


Io mo vengo, allora (esce).

Sufia


Nun tricà, ca io me metto paura... Veco tant'ombre nere attuorno a me.

Amalia


'O vedite? Io nun me sbaglio maie. 'Onna Sufi, primm''e tutto nzerrammo 'a porta.

Sufia


Nzerratela c''a chiave...

Amalia


Accussì stammo sicure (chiude).
[ 465 ]

Sufia


Che ce vò?

Amalia


'Onna Sufia mia, nun ve pigliate collera... Cca, primma 'e tutto ce vonno 'e llire.

Sufia


(Trepidante) E... quanto ce vò?

Amalia


Vedite... pecché site vuie... pecchè ce canuscimmo 'a tanto tiempo... me date duiciento lire.

Sufia


Accussì assaie?! Mo me vene na cosa!...

Amalia


P''a salute se fa chesto e ato!

Sufia


(Forzatamente rassegnata). Embè, quanto vulite vuie... Ma sto bona overamente?

Amalia


Ncoppa a chesto, nun ve pozzo risponnere... a colpo sicuro. Quann''o vulite sapè, vonno mille lire.
[ 466 ]

Sufia


Mille lire?!

Amalia


Tanto ce vò. E m'avite 'a dà primma n'anticipo...

Sofia


(Accesa dalla speranza) V''o dongo...

Amalia


Cincuciento lire nnanze, e nun ve credite ca v'afferro pe ccanna... Sti cose se pavano a caro prezzo. Ve ricurdate 'a Nnarella? Nun teneva 'a stessa malatia vosta?

Sufia


(Dandole cento lire) Pe mo chesto.... Appriesso quanto vulite vuie.

Amalia


E vulite vedè comme è overo ca tenite 'o diavolo 'n cuorpo? Diciteme na cosa: ve sentite nu fuoco n'abbruciore dint''a panza?...

Sufia


Sì.

Amalia


Ve vene sempe 'o desiderio 'e iastemmà, 'e fa' peccate?...
[ 467 ]
Sì...

Amalia


Embè, chisto è 'o diavolo...

Sufia


Madonna d''a libera!... Io mo moro d''a paura!

Amalia


Ma io ve salvo, però.

Sufia


'Onna Amalia mia, pe carità, levateme 'a tentazione! Io sto 'int''e mmane voste. Vuie m'avite 'a fa sta' bona. Io faccio tutto chello che vulite vuie!...

Amalia


Ecco cca. Io so' pronta. Accuminciate 'a di' duie paternostre. E nun ve mettite paura si sentite quacche rummore, ca appriesso ce penz'io.

Sufia


(Recita atterrita i due paternostere).

Amalia


Addò ve sentite 'o dulore?
[ 468 ]

Sufia


(Indica il lato destro della pancia) Cca!

Amalia


(Spaventata) Cca?! A deritta?... Ah! Puverella a vuie! Si era a sinistra, era cchiù facile. Basta. Tentammo.. (S'inginocchia davanti a 'onna Sofia e le fa parecchie croci sulla pancia, mormorando parole incomprensibili). Ve sentite niente?

Sufia


Nu fuoco...

Amalia


Zitto, ca mo se scatena: «Spireto maligno!... Avummaria, grazia plena. Pe San Michele Arcangelo ca sotto 'a spata te tenette... Avummaria... Scràstete, sciògliete, scatènate 'a stu cuorpo 'e sta femmena! (Cava dalla tasca del grembiale una figura di San Michele e la mette sulla pancia di 'onna Sofia).

Sufia


(Implorante). San Michele! San Michele beneditto!

Amalia


(Tiene con ambe le mani la figura sulla pancia di 'onna Sofia ed esclama un'ultima volta) Scràstete, sciuògliete... scatènate... [ 469 ]Avummaria ecc. (Una breve pausa). Ve sentite meglio?

Sufia


Si, nu poco meglio: 'o dulore m'è passato.

Amalia


Allora è fatta 'a botta!... San Michele ha scacciato 'o diavolo. Pe tutto dimane, ve susite e cammenate.

Sufia


Vuie che dicite?! Io mo moro p''a cuntentezza!

Amalia


Nun ce penzate: è riuscito tuttecosa.

Sufia


A nomme 'e San Michele beneditto! Isso è stato ca m'ha fatto 'a grazia.

Amalia


Isso primma... e po' io... e me ne so' addunata, quanno v'aggio fatto 'e croce ncoppa 'a panza... pecchè m'aggio ntiso sotto 'e mmane comme a na cosa ca s'è muvuta e s'è arravugliata... Allora aggio ditto: è fatta. E vuie stessa 'a chillo mumento avite avuto 'a sentere nu brutto dulore.
[ 470 ]

Sufia


N'ato poco murevo! M'aggio ntiso ammancà 'o rispiro,.. è overo. Me sento bona e me pozzo n'ata vota chiaità 'o sanghe mio, cu sti quatte magnafranche ca conno sempe denare. Io 'o diceva ca 'o miedeco s'era sbagliato e s'ha pigliata nuvanta lire 'a me vergene vergene. Ha dda ittà nuvanta cate 'e veleno, sperammo a Dio! E chill'ato buono cristiano d''o cunfessore, che m'aveva cunsigliato d'aizà 'a mano, p''o nteresse, 'a tutte ll'accunte mieie!... Seh! Avevemo magnato a una taverna, forze, o ce ll'avevamo faticate nzieme!

Amalia


'E prievete?! Manco 'e notte v''e puzzate sunnà! Vuie dimane, piacenno a Dio, ve n'ascite e ghiate arrecogliere vuie stessa.

Sufia


Se capisce... 'e voglio accuncià io p''e feste. Accuminciammo 'a 'onn'Eugenio, chillo puducchiuso, ca s'è vestuto pure 'e carattele. Dimane me vesto, bello pulito, mo metto 'o crespo, 'a rusetta, 'e perne, 'anella 'e brillante; e mm''e vaco piscanno p''a mano attuorno... Seh! Me vulevano fa murì!.. [ 471 ]

SCENA IX.


detti e Cuncettina.


Cuncettina


È permesso? (timidamente)

Sufia


(Con dispetto) Guè, si tu? Che te manca? Che, pure tu me credive morta?

Cuncettina


No, 'onna Sufia mia, cient'anne 'e salute a chi male e bene ce vò...

Sufia


'O saccio, 'o saccio!... Ma che buò? Si viene pe denare, t''o dico 'a mo ca nun tengo manco nu cientesemo. 'Sta malatia....

Cuncettina


Ma io v'aggio pavata sempe. Io stammatina aveva 'a cunzignà otto cammise 'e musullina a na signora... So' ghiuta, e chella benedetta pozza essere, nun ce steva. Io nun vuglio assaie, che ve credite?...

Sufia


E m''e' purtate 'o 'nteresse ncoppa 'e vinte lire?
[ 472 ]

Cuncettina


Ma guardate: io vengo pe ve cercà quacche cosa, e vuie vulite 'o nteresse d''e vinte lire! Io nun ve l'aggio anniato. Dimane matina cunzegno e v''o porto.

Sufia


E dimane te piglie pure 'e denare, allora. Va bene?

Cuncettina


Tengo 'e criature ca m'aspettano a' casa. Io che lle dico?... 'Onna Sufì, io nun ve cerco assaie... Vuie me prestate doie lire e io dimane v''e porto aunite c''o 'nteresse 'e ll'ata pava.

Sufia


E chi m''e ddà?...

Amalia


Quanno chela nun 'e tene, ch'ha dda fa'?

Sufia


Vuie vedite!

Amalia


Se capisce, bella mia, vuie avite 'a levà primma 'o viecchio, e po' mettite 'o nuovo... A la fine, 'onna Sofia, nun campa 'e renneta! E si sapisseve chello ca se n'è ghiuto p''a malatia...
[ 473 ]

Sufia


M'hanno spugliata viva viva.

Cuncettina


(Con dolcezza) Ma io nun v'aggio cercato na somma. Se tratta 'e doie lire. Dimane ve ne porto tre.

Sufia


E pe chi m'''e' pigliata? 'A cuscienzia nun mme l'apporta; tu 'o ssaie ca me piglio quatto sorde a lira pe na semmana; tu dimane puorteme 'o nteresse d''e vinte lire e io t''e dongo 'e doie lire.

Cuncettina


Ma dimane nun me servono cchiù.

Sufia


E allora vattenne. I' che ce pozzo fa'! 'Onna Amà, dimane me venite a truvà?....

Amalia


Comme, no!...

Sufia


V'aspetto?

Amalia


Comme, no!...

Sufia


V'aspetto?

Amalia


Certamente, ve pare! Vulite niente 'a me?

Sufia


Voglio ca state bona.
[ 474 ]

Amalia


Manteniteve forte, e ce vedimmo dimane (esce).

Sufia


Bona iurnata! Bona iurnata!... (a Cuncettina) E tu? Staie ancora lloco? Nun te ne vaie?...

Cuncettina


(Con le lacrime agli occhi). 'Onna Sufì, facitelo pe carità tengo cinche aneme 'e Dio ca m'aspettano. Si fusseve mamma pure vuie me putarrisseve cunsiderà overamente! Vuie nun sapite chye vò di' sta parola!

Sufia


Ma pecchè nun cagne arte, dich'i'? Che te può abbuscà cusenno biancaria? Mo ce stanno tanta belli mestiere, ca se fatica poco e s'abbuscano 'e cape lire.

Cuncettina


(Con risentimento) A me m'è piaciuta sempe 'a fatica, pe revula vosta! Melgio purtá na vunnella 'e percalla, ca na veste 'e seta, 'onna Sufì! Io nun ne mangio 'e stu ppane!...

Sufia


Ma tu, 'e' capito, io che voglio di'?...
[ 475 ]

Concettina


E ce vò 'a zingara?... Basta: cagnammo trascurza ca è meglio pe me e pe vuie (tornando dolce). E che vulite fa'? Me vulite prestà 'e doie lire? Nun dibutate: dimane, 'a costo 'e me vennere 'n galera, ve ne porto tre.

Sufia


(Seccata) 'I che zecca cavallina! Ma comme 'o vuò sentere ca nun tengo denare?

Cuncetta


E addò vaco? A du chi vaco? Ah, Madonna mia, famme murì!... (Piange e cade su si una sedia. In questo mentre il dolore assale di nuovo 'onna Sufia, che siede contorcendosi).

Sufia


Ah! Madonna!... Madonna!... Io mo moro!. Aiutateme! Io mo moro!... (Cuncettina la guarda in atto di disprezzo, e si alza quasi per fuggire). Cuncettè!... Fèrmete!... Viene 'a cca!... Siente... Nun me lassà accussì... I' mo moro!... Aiuteme!... Aiuteme!... Pe carità!...

Cuncettina


E n''e' tenuta carità pe me, che t'aggio cercate 'o ppane p''e figlie mieie?! Tu si' n'anema dannata!
[ 476 ]

Sufia


No!... No!...

Cuncettina


Anema dannata! Comme a na cana 'e' 'a murì!

Sufia


Perdoneme... perdoneme!.. Siente... Viene a cca... Chiamma a quaccheduno (si contorce sempre più). Damme na mano...

Cuncettina


(Indietreggiando). No, tu me faie paura! (spalanca la porta) Tu si' dannata! Si' dannata!...

Sufia


No... Siente... No...

Cuncettina


No... Siente... No...

Cuncettina


Dannata!... (Esce. Sufia, brancolando, con dolore atrocissimo, cerca di giungere alla porta ma cade bocconi sul pavimento. Si alza abbrancandosi al letto; ma ricade tirandosi addosso la coperta). [ 477 ]

SCENA X.


detta, Francischella e Voce d: d:


Francischella


'Onna Sufi... 'o marito vuosto... (Vedendo 'onna Sofia a terra, da in un grido) Madonna mia! (Si avvicina, la chiama ripetutamente). 'Onna Sufì?... 'Onna Sufì?... (Con spavento, fugge, gridando). È morta 'onna Sufia! È morta 'onna Sufia!

Voci (in lontananza)


È morta 'onna Sufia!... È morta 'onna Sufia!...

FINE


Napoli, febb, 9-10-11 1897.