Teatro - Menotti Bianchi/'A figlia d''a Madonna

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

NOTICE: Mixed italian-neapolitan. In general, italics are for theatrical indications and are given in italian and dialogs are mostly in neapolitan.

Teatro dialettale napoletano  (1911)  by Menotti Bianchi
'A figlia d' 'a Madonna
[ 119 ]

A 
Giovanni Verga



'A FIGLIA D' 'A MADONNA
dramma in un atto



[ 120 ] [ 121 ]
PERSONE
---


Amalia.
Gaitano.
'Nnarella.
Furtunato.
Catarina.
'O Pezzecato.

Nannina. giovanette della sartoria
Milia.
Cuncettina.
Teresina.
Peppenella.
Giuvannina.
[ 122 ] [ 123 ]
LA SCENA


Nel basso di donna Amalia, in un tiepido mattino di primavera, le giovani della sartoria si affaticano a finire un abito da consegnare.
Nel fondo della camera, si apre la porta d'ingresso, con invetriata e portierine, che dà nel larghetto di SS. Apostoli.
Sulla sinistra, un tavolo ingombro di scatole, stoffe e modelli di carta; poco discosto la pupa (il manichino) e una porta che mette nella camera da letto di donn'Amalia. Sulla destra, un armadio con luce di Venezia, un divano, due poltrone. Sul davanti, una macchina da cucire,
Nella camera è un po' di disordine e di confusione; ma il tutto è decente, pulito.
[ 124 ]
[ 125 ]

ATTO UNICO
----


Le giovani, sedute in giro, si affrettano a finire un abito che devono consegnare. Parlano, ridono, cinguettano fra loro.

SCENA I.


Nannina, Milia, Cuncetta, Giuvannina, Teresina e Peppenella.


Milia


(Cuce e canta sottovoce):


Da lu cielo cadette na stella,
Mmiez'a l'acqua de Santa Lucia;
Io currette, nciampanno p''a via,
Chella stella pe ghire a piglià.
'O mare e ba!
'O mare e ba!
Sienteme, sienteme,
Sienteme cca!


(Interrompe il canto) Auff!... Nun me ne fido cchiù!.... M'abbrusciano ll'uocchie! (Va allo specchio e si ravvia i capelli).
[ 126 ]

Nannina


Emì, viene a faticà, ca si vene 'onn'Amalia...

Milia


Ma che te cride che songo 'e fierro?...

Cuncetta


Neh! E pecchè mme faie 'a cianciosa?...

Giuvannina


Ma chi t''o fa fa'?...

Milia


I' nun songo avvezza a faticà comm'a nu cavallo!... Ll'uocchie m'abbrusciano, e nun ce veco cchiù.

Teresina


Si ll'uocchie te fanno male, sciacquatille cu nu poco d'acqua.

Milia


(Che ha finito di guardarsi nello specchio). E mo, se mmarita pure 'Nnarella!... E bravo! Zompa chi po, dicette 'o granavuòttolo!

Nannina


Che d'è, te dispiace? 'O dice 'e na manera...
[ 127 ]

Milia


Io?

Nannina


Quase comme si te dispiacesse.

Milia


Si' pazza!... Sulamente...

Giuvannina


Sulamente?

Cuncetta


Che cosa?... Di'! Di'!...

Milia


Niente... Dicevo ca tutte sti ffiglie 'e... tèneno 'a bona sciorta.

Nannina


'Nnarella è na bona figliola, e po' sape l'arte meglio 'e te e meglio 'e me.

Milia


'O ssaccio. Ma si nun truvava a donn'Amalia...
[ 128 ]

Nannina


overo; ma tu saie pure ca, si s'è fatta ricca, 'onn'Amalia, è stato pure pe l'abilità 'e 'Nnarella.

Milia


Ma...

Nannina


Ma che ma e ma!... 'Nnarella è 'a penna 'e tutte 'e ffigliole, e tutte quante nuie nun lle putimmo purtà manco 'e scarpune!

Milia


(Con risentimento) Pe rèula toia, i' nun porto 'e scarpune a nisciuno. Io tengo na mamma e nu pate... mentre essa è figlia d''a Madonna!

Cuncetta


E s'ha da rispettà, pecchè è na povera disgraziata ca sta sotto 'o manto d''a Madonna. Emì, vuò sapè na cosa? Tu me pare comme si n'avisse 'mmiria.

Milia


A me?! Manco p''a capa!... È pecchè essa vo' fa' troppo 'a saputa!...

Teresina


E pecchè, che lle vuò dicere?...
[ 129 ]

Nannina


Comme! Nnarella fa 'a saputa?! Siente a me, Emì: tu ne vuò di' a forza male.

Cuncetta


E va buono, mo; vuttàmmela a fenì 'sta veste, ca sta pe venì 'onn'Amalia.

Teresina


Nun credo. È asciuta cu 'Nnarella p'accattà l'oro.

Giuvannina


E sposa sùbeto?

Teresina


Ogge danno parola. Furtunato nun ce sta 'int''e panne!... Va, vene, zompa, abballa: pare che tene 'argiento vivo!...

SCENA II.


dette e Furtunato


Furtunato


(Che ha udito le parole di Teresina) Eccoce cca!... (Tutti si voltano).

Teresina


Stèvemo parlanno male 'e vuie.
[ 130 ]

Furtunato


E i' ve ringrazio! (Rivolgendosi a Nannina) E 'Nnarella?... 'Onn'Amalia?

Nannina


Songo asciute. So' ghiute a fa' cierti spese....

Furtunato


Ll'avevo capito.... Quanno nun ce sta 'a gatta, 'e sùrece abballano!

Teresina


Furtunà, chesto nun 'o putite dicere...... Pecchè, nun ce avite truvate faticanno?

Fortunato


È giusto; ma 'a lengua nun steva a 'o pizzo suio.

Milia


(Insinuante) Nun dicevemo niente 'e male... e particularmente, po', 'e vuie e de chella preta 'e zucchero d''a spusella vosta.

Furtunato


(Guardando con significato Emilia e le altre ragazze) Già ch''o dicite vuie, nun ve credo!... Tenite na lengua ca 'o Signore v''a pozza benedicere!
[ 131 ]

Milia


Pe di' bene sulo d''o prossemo, sì...

Teresina


(A Nannina, sottovoce): Che faccia tosta!...

Nannina


(A Cuncetta) È ffenuta!.. Ancappa, ancà!... Cùsece 'e bettune... (Tutti si alzano. Chi mette le sedie a posto, chi si toglie dalle vesti i fili di cotone, chi si ravvia i capelli. Peppenella, con la granada, pulisce il pavimento, ingombro di ritagli).

Nannina


(A Peppenella) Tiene mente là.... Piglia chill'aco e chelli spìngole...

Milia


(A Peppenella, con mal garbo) Nun si' bona proprio a niente!...

Peppenella


E già, nisciuno sape fa' niente cca!... Sulo essa sape fa' tutte cose!

Milia


(Dandole uno scapaccione) Scopa, sco'!
[ 132 ]

Peppenella


(Risentita) Stateve cuieta cu 'e mmane!

Nannina


Emì, lassa 'a i'!

Furtunato


(A Nannina) Io me ne vaco.

Milia


Ve ne iate senza vedè 'a sposa?

Fortunato


Vengo cchiù tarde. Quanno torna 'Nnarella, le dicite ch'aggio accattato 'e pperne....

Tutte


Uh, 'e vulimmo vedè!....

Furtunato


Oh!... Chesto, no!

Nannina


È giusto! L'ha da vedè primma 'a sposa...

Furtunato


Nun è pe chesto.... È ca me pare comme si facesse na cattiva azione.
[ 133 ]

Milia


(Insinuante) 'I' quanto 'a vulite bene!...

Furtunato


Sì, è overo ca 'a voglio bene... e ve giuro ca nun mm''a sposo p''e denare ca tene!...

Nannina


È overo! È overo!

Furtunato


Ce ne stanno poche 'e figliole comm'a 'Nnarella!

Milia


Dico ca sì! Ma vuie parlate comme si se fosse perduta 'a semmenta d''e boni ffigliole!

Nannina


Pecchè, nun è overo?... Ogge 'e ffigliole penzano sulo a s'alliscià, a se 'mpupazzà e fa' 'ammore... Già, vuie nun capite chello che voglio dicere...

Milia


Nun tutte 'e ddete d''a mano songo socce!
[ 134 ]

Furtunato


Ve saluto! (Sulla porta di uscita, si rivolta e dice a Nannina): Nun ve scurdate 'a mmasciata... E dicitencello ca vengo subeto.

Nannina


Nun dubitate: ve servo. (Alle ragazze) Mo ve ne putite i': nce 'o dico io a donn'Amalia... Nun ve scurdate 'e venì 'a cca a n'at'ora... 'Nnarella dà parola, e si venite lle facite piacere.

Teresina


Ve pare! Nuie avimmo 'a essere 'e pprimme!...

Tutte


(Allegre) Iammo, iammuncenne!...

Milia


(Con ironia) Salutateme 'a maesta... e nun ve scurdate 'e dicere a 'Nnarella ca Furtunato l'ha purtato 'e pperne! Ah! ah!.... (Ride ed esce).

Nannina


Che faccia 'e cuorno! (Va alla porta, come per dirle qualche cosa; ma s'incontra con la maestra e 'Nnarella).
[ 135 ]

SCENA III.


Nannina, Amalia e 'Nnarella


Amalia


Pe ne mannà 'e ffigliole, 'a veste è fernuta?

Nannina


Sissignore.

'Nnarella


E Furtunato è venuto?

Nannina


Nun l'avite 'ncuntrato?

'Nnarella


No.

Nannina


Nun so' manco diece minute ca se n'è ghiuto.

Amalia


Sulo o cu 'a famiglia?

Nannina


Sulo. (Rivolgendosi a 'Nnarella) Furtunato v'ha purtato...
[ 136 ]

'Nnarella


Che cosa?

Nannina


Nun 'o ssapite?

'Nnarella


No.

Amalia


'O rialo p''a parola.

Nannina


Si, e m'ha ditto: « Di' a 'Nnarella che l'aggio accattato 'e pperne ».

Amalia


E te l'ha fatte vedè?

Nannina


No. Milia 'e buleva vedè; ma isso l'ha ditto ca no, pecchè l'aviveve 'a vedè primma vuie.

'Nnarella


(Con gioia). Quanto me vo' bene, quanto!...

Amalia


Può essere cuntenta, figlia mia. Furtunato te vo' bene overamente.


[ 137 ]
Nannina


Ogge ll'uommene vanno caro!... Nun te dico po' 'e buone!... Se contano ncopp''e deta!

SCENA IV.


dette e 'O Pezzecate


'O Pezzecato


(Fermandosi sulla porta, col cappello a cencio in mano; ma con aria spavalda). È premmesso 'e salutà a don'Amalia?

Amalia


M'avite 'a dicere quacche cosa?

'O Pezzecato


Vuie 'o ssapite chi me manna, e bularria... (indica 'Nnarella).

Amalia


(Che ha capito). Parlarme 'e chill'affare?

'O Pezzecato


Si nun ve dispiace...

Amalia


No. Assettateve.
[ 138 ]

'O Pezzecato


Mille ràzie! So' stato assettato fino a mo dint''o «Cafè degli amici... »

Amalia


A piacere vuosto... Nannì, tu curre a purtà 'a veste a' signora..... e ricordete 'e venì subeto, ca ce divertimmo nu poco... ('O Pezzecato fa nu sorriso quasi d'incredulità). Nun te scurdà, sa'...

Nannina


(Che avrà di già preso e messo l'abito nella scatola). Nun ce penzate: sarraggio 'a primma a abbraccià sta sora bella! I' vaco... (Sottovoce, indicando 'o Pezzecato) Ma che bo'?.... Tene na faccia nun saccio comme...

Amalia


Nun ce fa' caso... È venuto a parlà cu maritemo.... Va, vattenne.

Nannina


Allora me ne vaco? (Rivolgendosi a 'Nnarella) Ce vedimmo subeto?

'Nnarella


(Salutandola con la mano) I' t'aspetto.
[ 139 ]

Amalia


Tu, figlia mia, vatte a mettere n'ata veste.

'Nnarella


Fa ampresso, e vieneme a fa' cumpagnia.

SCENA V.


'Onn'Amalia e 'O Pezzecato


Amalia


Mo stammo sule: putite parlà... Che v'aggia servì?

'O Pezzecato


(Sottovoce) Catarina, 'a mamma 'e 'Nnarella...

Amalia


Che bo'?

'O Pezzecato


Comme, nun capite?

Amalia


Si nun parlate, comme pozzo capì?

'O Pezzecato


Catarina nun bo' stu matremmonio, pecchè dice ca 'a figlia soia se l'ha da mmaretà essa.
[ 140 ]

Amalia


(Con uno scatto) Essa?!... Essa?!... E chi è sta femmena ca vene a mettere pede avante a me?

'O Pezzecato


Comme, chi è?... È 'a mamma. Ve ne site scurdata?

Amalia


Io, i' songo 'a mamma!... I' che l'aggio tenuta 'int''e braccia meie! I' che l'aggio dato 'o latte mio! I' ca mme l'aggio crisciuta comm'a nu sciore! I ch'aggio perzo 'e notte sane sane vicino a 'o letticciullo suio, si teneva nu dolore 'e capa! Io, i' sola songo 'a mamma, pecchè l'aggio data 'a vita, cu 'e vase mieie!...

'O Pezzecato


Ma Catarina....

Amalia


Ma addò steva 'sta Catarina, quann'io, c''o parpeto 'mpietto, cu l'uocchie chine 'e lacreme, 'a sceppava 'a dint''a ll'ogne d''a morte?.... Mo nun 'o ssaie, mo?... Catarina, 'sta Catarina... sta... (Movimento del Pizzicato) mala femmena ieva p''e strate cchiù zuzzose [ 141 ]a vennerse, pe te cunzignà mmano, quanno se retirava 'a notte, tutto chello che s'aveva abbuscato... Annieiatello! Annieiatello!...

'O Pezzecato


(Alzando la sedia, minaccioso) Si nun parle buone, te spacco 'a capa!

SCENA VI.


detti e Gaitano


(Entrando, con una bottiglia in mano, guarda minaccioso 'o Pezzecato) Bravo! Me piace! Faie 'o forte cu 'e ffemmene!... Saie pe quanto nun te caccio 'e stentine 'a fore!

Amalia


(Spaventata e frammettendosi ai due) Taniè!...

Gaitano


Tu lèvete 'a miezo!.... Vattenne!.... Lassece sule. (al Pizzicato) Stèvemo dicenno...

'O Pezzecato


Ecco cca, 'on Gaità. 'Onn'Amalia, 'a mugliera vosta, m'ha offeso... m'ha chiammato ric.... E vuie 'o ssapite quanto rispetto tengo pe buie e p''a casa vosta. [ 142 ]

Gaitano


Allora è n'ato pare 'e màneche.... (A sua moglie) Tu capisce ca nun s'offende chi vene 'int''a casa nosta?

'O Pezzecato


Comme sapite, i' songo ambasciatore e...

Amalia


(A suo marito, con calore) Ma tu saie ch'è benuto a dicere st'appoialibbarda?... Catarina se vo' piglià a 'Nnarella!... (Singhiozza).

Gaitano


(Con calore) Comme?!... E cu qua' deritto?... (Ironico) Già... Essa è 'a mamma!...

Amalia


'A mamma!... Ma i' l'affucarria primma 'e nce 'a cunzignà 'int''e mmane soie!

Gaitano


Nun c'è stu caso 'e bisogno. 'A legge sta a' parta nosta. Mo mo, me l'ha ditto 'o cummissario.

Amalia


Dunque, nun c'è paura?
[ 143 ]

Gaitano


Nun avè paura. Mo vengo 'a copp''a sezione.

SCENA VII.


dette e Catarina


(Entrando, con un sorriso canzonatorio e con le braccia arcuate sui fianchi). Putimmo salutà st'amice?

Amalia


Vuie, vuie cca?!...

Catarina


Vedite... i' aspettava a stu mio signore (Indicando 'o Pezzecato) cu 'a piccerella... E siccomme l'ha pigliato a luongo, so' benuta io, pe ce spiccià cchiù ampresso. Aggio fatto buono?

Gaitano


Avite fatto buono, pecchè chello che v'avevo 'a mannà a dicere pe ll'amico vuosto, mo v''o dico a buie.

Catarina


Accussì me piace! ('Nnarella, non vista, appare sotto la porta) 'A franchezza!
[ 144 ]

Gaitano


A 'Nnarella nun 'a dongo nè a buie, e manco a 'o figlio d''o Pateterno! Essa spusarrà a Furtunato, pecchè accussì voglio i'!

Catarina


(Fregandosi le mani) Bravo!... Bravo!... Me piacite!... Chesto significa parlà chiaro... (Rivolgendosi a 'o Pezzecato) E tu che ne dice?... Si' restato 'mpalato lloco, comm'a na mazza 'e scopa?...

'O Pezzecato


(Annoiato) Ch'aggia a dicere?... Significa ca na vota che nun 'a vonno cunzignà c''o buono, nce 'a pigliammo cu 'a forza.

Amalia


(È per slanciarsi, ma viene trattenuta dal marito). I' te caccio l'anema, a te e a sta femmena!

Amalia


(Con spavalderia). Iammo: nun facimmo cchiù chiacchiere, e cunzignateme a figliema!.
[ 145 ]

SCENA VIII.


detti e 'Nnarella


'Nnarella


(Che tutto ha udito, si fa arditamente avanti). Tu me si' mamma tu?!...

Catarina


Si, io, io! (Fa per abbracciarla).

'Nnarella


Nun me tuccate!... (Gittandosi fra le braccia di Amalia, poi fra quelle di Gaetano). Mamma!... Mamma mia!.. Papá mio!

'O Pezzecato


Quanta vuòmmeche!

'Nnarella


(Avvicinandosi a Caterina, risoluta). Tu, tu cu qua' deritto viene a minaccià 'sta povera famiglia?... Sta povera gente c'ha fatto tanto pe me! Nun me iettaste 'int''a rota, comme se fa cu na mappata 'e pezze vecchie?... Chi m'ha crisciuta per diciotto anne?. Chi m'ha fatto addeventà na femmena onesta? 'E bi' cca: so' state sti duie, ca tu [ 146 ] ammenacce; sti duie, ca me pigliaieno 'a dint''a Nunziata, e me vuletteno cchiù bene 'e na figlia!... Allora nun te ricurdaste 'e chella mappatella ca iettaste 'int' a chella casa addò 'e ccriature moreno a centenara?... Faciste buono!... Chi sa che n'avarrisse fatto 'e me criatura... 'e me puverella!

Catarina


(Facendo la voce dolce). 'Nnarè!... Si' tu che parle accussì a mamma toia?!

'Nnarella


Sì, mo saccio tutto... I' songo una 'e chelli povere figlie nate pe cumbinazione! E tu te cride ca io te so' figlia?... Ca tu me si' mamma? No, no! Tu nun me può di': «me si' figlia». No! No! 'A mamma nun lassa maie 'a figlia soia: s''a tene sempe astrignuta 'int''e braccia: le dà tutta 'a vita soia: s''addorme 'n braccia, s''a vasa...

Catarina


Ma tu m'accide! Vide comme me faie chiagnere!

'Nnarella


Va, va!... Tu nun saie comme se chiagne, no!

Catarina


Tu me si' figlia, tu!
[ 147 ]

'Nnarella


E mo che m''e' vuluto fa' sapè che me si' mamma, dimme, dimme pàtemo chi è!

Catarina


Pàteto?... Pàteto...

'Nnarella


Dimmello, dimmello, mo! Nun me fa scuorno niente cchiù... Dimmello: è nu mariuolo? (Indicando con disprezzo 'o Pezzecato) È n'ommo comm'a chisto?

Catarina


Pàteto...

'Nnarella


'O bi' ca nun 'o saie manco tu?... 'O bi' ca nun 'o saie scegliere mmiez a tutto 'accunte tuoie?

'O pezzecato


Lasse 'a i'! Nun bide quant'è 'ngrata?!

'Nnarella


Nun t'abbastava 'e venì 'int' a 'sta casa? Avive 'a mannà pure a chisto?

'O Pezzecato


(Minaccioso). Fernimmela!
[ 148 ]

'Nnarella


(Esaltata, quasi piangendo). Ascite! Iatevenne 'a dint'a 'sta casa!... Ascite! Nfame assassine!... (Sviene fra le braccia di Amalia e Gaetano).

'O Pezzecato


Catarì, mo iammuncenne.

Catarina


(Sedendosi) Seh! Mo me ne vaco!... Staie lustra!

Gaitano


(Chiama da parte 'o Pezzecato). Fernimmela! A 'Nnarella vuie nun l'avite... Però, si me facite sta' cuieto 'int''a casa mia....

'O Pezzecato


M''o putiveve dicere primma.

Gaitano


Aviveve 'a venì addo me, e nun addo muglierema.

'O Pezzecato


E va bene. A Catarina nce penzo i'... e si nun se fa capace, le faccio nu liscio e busso... Va bene. Restiamo intensi... (a Caterina) Iammuncenne, Catarì...

Gaitano


Avite capito? Cca nun ce avìte 'a mettere cchiù 'o pede.
[ 149 ]

'O Pezzecato


V'aggio dato 'a parola mia... Ve saluto.

Catarina


E 'Nnarella?

'O Pezzecato


(Minaccioso, facendola alzare dalla sedia) Te vuò sta' zitta.

Catarina


I' nun me movo 'a cca!

'O Pezzecato


(Sottovoce). Mannaggia 'a... Nun 'e' capito!

Amalia


(Al marito, indicando la bottiglia che questi aveva in mano e che ha poggiata sopra un mobile). È acito, chello?

Gaetano


No, è spireto 'e sale.

Amalia


Va piglie nu poco 'acito

Gaitano


(Prende la bottiglia dello spirito di sale, ed entra nella camera; poi ritorna con l'aceto) Nun avè paura. E' cosa 'e niente. (Fanno odorare [ 150 ]l'aceto a 'Nnarella, che rinviene a poco a poco).

Amalia


Mamma mia! Che paura!

Gaitano


Ringraziammo a Dio ch'è fernuta accussì... Cu chella gente, bella mia, nun se sape maie chello ca succede.

Amalia


Zitto. Lle sta passanno...

'Nnarella


(Guardando intorno) Me vulevano purtà cu' lloro?! (Scoppia in un pianto dirotto).

Amalia


Nun chiagnere, core mio!... Che nce azzéccano mo sti llacreme?

'Nnarella


Io, io, figlia a chella femmena?!... Madonna! Madonna mia!... E che diciarrà Furtunato?!... I' nun m''o pozzo spusà cchiù!... No, no! Nu giovene onesto nun po... nun s'ha da spusà 'a figlia 'e na... Dio!... Dio!... (Con le mani sul viso, piange).

Gaitano

(Cerca di persuaderla) Furtunato 'o ssape ca tu si' figlia a' Madonna, e...
[ 151 ]

'Nnarella


Ma nun sape chi è màmmema!... No, no! Nun 'o pozzo 'ngannà! Sarria na 'nfamità!... E 'a famiglia soia? No, no!...

Amalia


Scemona!... Aiza st'uocchie... Guardece... Nun simmo nuie mammà e papà tuio?...

Gaitano


Nun faticammo pe te?..... Pecchè ce vuò 'ntussecà sti poche anne che ce resteno?

'Nnarella


(Abbracciandoli e laciandoli) Avite ragione... Si. Io tengo sulo a vuie, sulamente a vuie!... Camparraggio sulo pe vuie.

Amalia


Cu nuie e cu Furtunato...

'Nnarella


No no! Io nun 'o pozzo, nun l'aggia 'ngannà.

Amalia


Asciùttete st'uocchie, ca mo 'o vide 'e venì.
[ 152 ]

'Nnarella


(Esegue) Meglio accussì. Ce parlo; e le dico tutto.

Amalia


Ma...

Gaitano


Ave ragione, povera figlia! Tanto, nu iuorno o n'ato l'ha d''a sapè.

Amalia


(Ode un fischio) O vi' cca.

'Nnarella


(Alzandosi dalla sedia) Lassateme sola cu isso.

Gaitano


Io vaco a' puteca e torno subeto.

Amalia


E a chi nc''e' lassato?

Gaitano


A Tore, 'o lavurante.

Amalia


'E' fernuto 'e cummiglià l'asteco d''o Marchese?
[ 153 ]

Gaitano


Ce vo' tiempo ancora. Perciò aggio pigliato l'ato spireto 'e sale. I' mo torno.

Amalia


E nun te puorte 'a butteglia?

Gaitano


No; pe mo pozzo arremedià...

Amalia


Viene ampresso.

'Nnarella


Sì, venite ampresso, papà... Tengo nu brutto presentimento.

Gaitano


Oi ne', si' pazza?!

SCENA IX.


detti e Furtunato.


Furtunato


(Allegro) Eccome cca. Aggio anticipato, e so' venuto 'n cumpagnia cu l'amico.

Gaitano


Qua' amico?... I' veco sulamente a te...
[ 154 ]

Furtunato


L'ato 'o tengo 'int''a sacca.

Gaitano


Che cosa?

Furtunato


'O rialo.

Gaitano


Mo aggio capito. Addio. Io vaco a' puteca.

Furtunato


E nun vulite vedè 'o rialo?

Gaitano


(Uscendo) Mo che torno...

Furtunato


Casa e puteca!... Che ommo!

Amalia


Furtunà, i' vaco nu mumento add''a cummara Rosa. Ve lasso nu mumento... Mo ve pozzo lassà...

Furtunato


Iate. Nuie v'aspettammo.

Amalia


(A 'Nnarella, uscendo) Curaggio, core mio!... Ah!...
[ 155 ]

Furtunato


(Accompagna Amalia alla porta, poi corre a dare un bacio a 'Nnarella, che lo allontana) E pecchè?... Pecchè nun me vuò dà nu vaso?... Tu 'e' chiagnuto?!... Ch'è succieso? Dimme, dimmello!... Che t'è succieso!

'Nnarella


Furtunà... (Soffocata dai singhiozzi)

Furtunato


Ma che te siente?... Parla!

'Nnarella


Io so' na disgraziata! Io nun so' degna 'e te spusà!... No, no! Nun te pozza spusà!...

Furtunato


(Con sorpresa) Tu?!... No, no!... Tu si' na pazza!...

'Nnarella


Io fino a mo sapeva ch'era d''a Nunziata; ma nun sapevo che màmmema era viva.

Furtunato


E chesto te fa chiagnere?!... Che scemona!... Scemòna!...
[ 156 ]

'Nnarella


Ma tu saie, tu saie chello che fa màmmema?

Furtunato


No.

'Nnarella


Allora nun m''o dimannà!

Furtunato


Mammeta?! Parla, dì!...

'Nnarella


Fa 'a malafemmena!... (Prorompe in pianto).

Furtunato


(Si copre il volto) Dio!... Dio mio!...

'Nnarella


È stato nu suonno!

Furtunato


(Cade sulla sedia) E che diciarrà 'a famiglia mia?!...

'Nnarella


Io t''o dicevo... io... Tutto, tutto è fenuto!

Furtunato


Fenuto! Fenuto!
[ 157 ]

'Nnarella


Sì, è fenuto... Va, curre add''a famiglia toia primma ca vene cca, còntele tutto, nun l'annasconnere niente... Ièttete a 'e piede 'e mammeta, e dille: i' voglio bene assaie assaie 'a figlia 'e na...

Furtunato


Zitta!... Tu nun ce aie nisciuna colpa, tu... Ma 'a famiglia mia?!... (Con disperazione) Madonna! Madonna mia!

'Nnarella


(Sofferente) Nun te disperà... Guarda.... I' avarria bisogno 'e curaggio... Invece t''o dongo io a te... Siente... Curre a' casa toia, conta tuttecosa a' famiglia toia, ca... forse... nun sarranno tanto 'nfame 'e ce spartere!

Furtunato


No, no! È inutile! Io canosco a màmmema...

'Nnarella


(Con amarezza e dolore) Allora... tutto è fenuto! Io 'o ssapevo.

Furtunato


(Dondolando la testa) Fenuto!.... Tutto è fenuto!... ('Nnarella profitta del dolore di Furtunato ed entra nella sua camera. Silenzio)
[ 158 ]
Siente, 'Nnarè!... Cunziglieme... tu... Forse... (Vedendo che la giovine non c'è, si alza, va alla porta d'ingresso e guarda per ogni lato; indi fa per entrare nella camera di 'Nnarella. S'incontrano). Addò si' stata?... Tu... nun te mantiene all'erta!... Ch''e' fatto?!

'Nnarella


Tu ll''e' ditto: «Tutt'è fenuto!»

Furtunato


(Con disperazione) Ma ch''e' fatto?!... Parla!...

'Nnarella


(Perdendo le forze) Niente... È fenuta!...

Furtunato


(Corre alla porta e chiamma) 'Onn'Amà!... 'Onn'Amà! Currite!... 'Nnarella more!...

SCENA X.


detti, donna Amalia, Nannina, poi Milla, Cuncattella, Teresina, Giuvannina e Peppenella.


Amalia


(Accorre, spaventata) Figlia! Figlia mia!... Ch''e' fatto?...

Nannina


'Nnarè?!... Ch''e' fatto?!... Sora mia bella!...
[ 159 ]

'Nnarella


(Che già è caduta su di una sedia, con un filo di voce) Perdoneme, mammà! M'aggio vìpeto 'o spireto 'e sale!...

Amalia


Dio!... S'è mmelenata!

Milia


(Entra, tutta allegra, con le amiche, ridendo) Ah, ah! Comm'era curiosa!

Nannina


(Con rimprovero) Te staie zitta?

Milia


Pecchè?

Nannina


Nun vide?

Milia


Madonna!... 'Nnarella?!...

Nannina


Zitta!

Cuncettella


Ch'è succiesso?..
[ 160 ]

Nannina


(Alle ragazze, che l'hanno circondata, sulla porta) S'è avvelenata!

Amalia


(A Peppenella) Curre! Chiamma na carruzzella!

Furtunato


Subeto! A ll'Incurabele... (Peppenella esce).

'Nnarella


Perdunateme, mammà! Io 'o vulevo troppo bene e nun me fidavo 'e l'abbandunà... Isso nun me puteva spusà cchiù, e io...

Furtunato


Disgraziata!... Io nun t'aggio ditto chesto...

'Nnarella


(Sempre perdendo le forze) No! Nun putive! tu si' nu giovene onesto!... I' songo 'a figlia...
[ 161 ]

SCENA XI.


detti e Gaitano


Gaitano


(Facendosi largo tra la gente) Ch'è succiesso? (Vedendo 'Nnarella) Figlia!... Figlia mia!

Amalia


S'ha vippeto 'o spireto 'e sale!

Gaitano


(Dà un grido d'orrore) Dio!... È perduta!

Furtunato


E so' stato io, io, l'assassino!... Ma, pe carità, chiammate na carruzzella! Purtammela a ll'Incurabele!...

Gaitano


È inutile! Chesto è beleno ca nun perdona!...

'Nnarella


(Chiama Furtunato, con un segno della mano. Furtunato s'inginocchia ai suoi piedi) Perdoneme! Io nun te putevo essere mugliera...
[ 162 ]

Furtunato


No, no! Nun 'o dicere!

'Nnarella


(Sempre indebolendosi) Dio nun ha vuluto... Chisto è 'o destino 'e tutte 'e ffiglie d''a Madonna!

Furtunato


Ah! Che m'accedarria!

Nannina


Ma che vulite fa'!...

'Nnarella


Accuiètete, Furtunà! Accuiètete!...

Furtunato


(Con disperazione) Dio, Dio mio! Ma 'sta carruzzella nun vene?!...

'Nnarella


(Guardando la madre) Addio, mammà!... (Amalia la bacia) E tu... nun me perduone, papà? (Gaitano le si avvicina, piangendo).
[ 163 ]
E quanno maie tu 'e' chiagnuto accussì?!... (Gaitano, che non può trattener le lacrime, fugge in fondo). Puveriello!... Addio Furtunato...

Amalia


(Che ha sollevato la testa di 'Nnarella dalle braccia di Furtunato, ha un grido di dolore straziante). Morta!... Morta!...
(Le giovani della sartoria s'inginocchiano, in atto di preghiera).

FINE


Napoli, 21 agosto 1890.