Teatro - Aniello Costagliola/Calzoleria Majetta

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

NOTICE: Mixed italian-neapolitan. In general, italics are for theatrical indications and are given in italian and dialogs are mostly in neapolitan.

Teatro  (1929)  by Aniello Costagliola
Calzoleria Majetta

[ 10 ] [ 11 ]

“ Calzoleria Majetta „
DRAMMA IN UN ATTO
_______

[ 12 ] [ 13 ]
LE PARTI:

Giacinto Majetta.
Nanella.
Erricuccio.
Turillo 'o lavurante.
'A se' Matalena.
'O brigadiere Schisà.
'A guardia Matutino.
'O guardaporta Abbamonte.
'O Cavaliere Ardichella.
Martulella 'a fruttaiola.
'On Giuvanne 'o canteniere
Maniglia 'o Galantariale.
'O barbiere Buonvicino.
'On Pascalino 'o pustiere.
'O giurnalista.
L'usciere.
Zi' monaco.
Due agenti di polizia.
La folla.
Voci interne


A Napoli: nel rione della Pignasecca. Oggi.

[ 14 ]
L'AMBIENTE



« Calzoleria Majetta »
Un camerone rettangolare. Basso il soffitto, costruito a vôlte. A destra, la porta di strada, con imposte a vetri opachi. Nel fondo, un vano ad arco, ricoperto da una pesante portiera rossa, a fiorami; a traverso la portiera, quando questa si apre, si scorge una scala di legno, che conduce ad una camera soprastante. In capo al vano, nel centro della parete, un grande orologio a pendolo.
Le tre pareti sono occupate, per i due terzi della loro altezza, da vetrine e scansìe, pur chiuse da imposte a vetri. Nelle vetrine e nelle scansìe, si vedono, in bell'ordine, scarpe e scarpine di tutte le dimensioni, per donna, per uomo, per bambino. Allineati sul davanti, da destra verso sinistra, tre deschetti, con tutti gli utensili ocorrenti alla manifattura delle scarpe, e tre sedioline di paglia, senza dorso. Un'ampia tavola è nell'angolo di sinistra del davanti, ricoperta da un tappetto logoro e sbiadito; e su la tavola un enorme paio di forbici, un coltello senza manico, e molte pelli, di diverso colore, tagliate. Anche a sinistra, ma un po' verso il fondo, una macchina per cucire. In torno alla tavola, tre sedie di Vienna. Un breve divano, con la copertura rossa, a destra del vano. Qualche altra sedia. Presso il divano, a terra, è disteso un tappetino, anche rosso, consunto.
Un pomeriggio di state.

[ 15 ]
SCENA PRIMA


Nanella, Majetta, Turillo.


Majetta (è in maniche di camicia, diritto presso il tavolo. È intento a tagliare con un coltello senza manico un pezzo di cuoio marrone. Un lungo grembiule di tela grigia gli covre la parte anteriore della persona, e gli si annoda sul collo e nei fianchi. Ha l'aria stanca e triste; ogni tanto, depone le forbici, e si concentra, come assalito da un pensiero tormentoso).
Turillo (siede presso la panchetta centrale. È anche in maniche di camicia, e veste un grembiule simile a quello di Majetta. Dà lucido alla suola di una scarpina, che stringe fra le ginocchia e il petto curvo. Lavora sveltamente).
Nanella (china sul piano della macchina, punteggia gli orli di una sottana di mussola. A tratti, guarda di sottecchi suo padre, con un evidente moto di pena).


(Quache momento di silenzio, interrotto dal monotomo cigolìo della macchina).

(Il vecchio orologio batte l'ora, a lentissimi rintocchi: mezz'ora dopo il mezzodì).


Majetta. (a Turillo:) — A proposito: si' stato add''o signurino 'e Benvenuto?
Turillo. (senza interrompere il suo lavoro:) — Stammatina, a primma matina, princepà.
Majetta. — Be'. E che mmasciata t'ha fatta?
Turillo. — Ha ditto ca dimane manna isso 'o guardaporta cca.
[ 16 ]
Majetta. — Sempe 'a stessa letanìa! (Deciso:) Alle corte: stasera tòrnece; e dille ca io nun pozzo aspettà cchiù, ca 'e denare mme servono! (Sorride amaramente, e brontola:) So' signure! Tèneno e pussèreno! E nun vonno capì co 'o cummercio è na rota! (Sbuffando:) E vabbè!


SCENA SECONDA


Detti. — Ardichella.


Ardichella (un ometto su la quarantina, magro e tutto gesti. Ha la barbettina nera, a punta, e il monocolo perennemente incastonato nell'orbita. Veste di nero, elegantissimo. Parla rapidamente, senza pause, e si muove come tormentato da un irrefrenabile tic nervoso. Dopo di aver fatto battere la punta del suo bastone di ebano su le lastre della porta di strada, entra chiamando:) — Giacì, Giacì.
Majetta (lasciando cadere il coltello sul tavolo, e correndo verso di lui, con ansia:) — Cavaliè?
Turillo. — 'O scellenza!
Nanella (senza muoversi, sorride un po', e saluta con un lieve cenno del capo).
Ardichella (a Nanella, galantemente:) — Signorina! (A Turillo, d'un tono familiare:) Ciao, galantò! (A Majetta, accennando dell'occhio ai due giovani:) A proposito, Giacì: quanno 'e pruvammo sti cunfiette?


(Il cigolìo della macchina si interrompe bruscamente).


Ardichella (sorridendo a Nanella:) — Ànchete! Che s'è spezzato l'aco?


(Pudica e un po' confusa, Nanella abbassa gli occhi).


Turillo (quasi balbettando:) — Signurì,... 'o scellenza,... vulite pazzià?
Ardichella. — E pecchè? Si te vulesse fa' 'o cumpare?
[ 17 ]
Turillo. — Tant'onore putèssemo ricevere!
Ardichella. — Dimme nu poco, overo: quann'è? quann'è?
Turillo. — Quanno vo' Dio, e... quanno vo' papà. (E accenna con la mano a Majetta).
Ardichella. — Quanno vo' papà? Embè, a chi s'aspetta? (A Majetta:) Sa', Giacì: vuttammo e' mmane, pecchè... mme spiego?...è l'aria ca 'o mmena! (E ride:) Ah ah ah!
Majetta (ansioso e trepidante:) — Dunque?... Cavaliè?...
Ardichella (con una strizzatina d'occhi gli fa intendere che vuol parlargli da solo).
Majetta. — Nanè, tu e Turillo iate ncoppa 'o mezzanino a verificà 'o cunto d''a manifattura.
Turillo(comprende. Subito, depone la scarpina sul deschetto, si alza, si avvolge il grembiule nei fianchi, e si avvia sveltamente verso il vano del fondo). — Cavaliè, ce date 'o permesso?
Nanella (si alza anch'ella, e si avvia verso il vano). — Permettete, cavaliè?
Ardichella. — Fate. Fate. E buon lavoro!


(Nanella e Turillo scompaiono dietro la portiera. Su la scala di legno si ode per poco il rumore dei passi).


Ardichella (scherzoso:) — Neh, Giacì, stammo sicure?
Majetta (con tutta l'anima, sforzandosi di sorridere un po':) — Manco si fosse io stesso! Chillo guaglione è comme si mme fosse figlio!
Ardichella (serio:) — Capisco. Io pazzeo.
Majetta (avidamente, come sospeso tra la speranza e il timore:) — E... dunque?... Signurì?...
Ardichella (rannuvolandosi e sbuffando:) — Bubbaaah!... Caro Giacinto,... bisogna rassegnarsi...
Majetta. — Cavaliè?!
Ardichella. — Là, nun s'è potuto cumbinà niente!
Majetta. — Niente?!
[ 18 ]
Ardichella. — Purtroppo! Ogge scenne l'usciere: o paghe, o...
Majetta. — E mm''o dicite accussì?!
Ardichella (spallucciando:) — Embè!... Caro mio...
Majetta. — E io comme faccio?!... Ma comme!... Nun s'è pututo vedè?... Nu poco 'e dilazione...
Ardichella. — Ho fatto l'impossibile, caro Giacinto! Ho parlato c''o direttore, c''o cassiere, per farti ottenere un piccolo respiro... Niente! Mm'hanno risposto: «Si è già accordata una lunga dilazione. Ora, l'effetto è in protesto da parecchi giorni... Capirà: il giro degli affari...» Sa', Giacì: 'e ssòlite chiacchiere...
Majetta (disperatamente:) — 'O siquestro!... Ma io vaco mmiez'a na via!... È n'assassinio!
Ardichella. — Via!... Non esageriamo!
Majetta. — ...Pe milleduciento lire!... Pe na miseria!... Doppo quarant'anne... Povera casa mia!... Povera casa mia!... (Nasconde il volto nelle mani, come per dolore ed orrore).


(Un breve silenzio).


Ardichella (tormentando il suo monocolo:) — Eh! So' disgrazie, che ce vuò fa'? (Una pausa). Ma... nun putisse ricorrere a qualche amico? Che so... pagando un piccolo interesse...
Majetta. — Ce aggio penzato. Erricuccio è asciuto stammatina, primma 'e schiarà iuorno, pe fa' nu tentativo add''o cumpariello, a Puòrtice; e nun è turnato ancora. Forse, 'o cumpare ll'avarrà trattenuto, pe...
Ardichella. — E... dunque? Vedi bene che tutto si aggiusta... Mme dispiace ca nun te pozzo servì io... Sa': momentaneamente...
Majetta. — Grazie, cavaliè. Ne so' cunvinto. Sperammo ca Erricuccio cumbinasse cose bone; e si no... Mme credite, signurì? 'O relore nun è pe me, ma pe chella povera figlia, pe chillo povero Erricuccio... (Supplichevole:) Cavaliè!... Cavaliè, vedite vuie...
Ardichella. — Ma tu si' grande assaie, sa'! Embè! Io
[ 19 ]
mo te sto' preganno! (Una pausa). Che cosa si potrebbe fare? (Come riflettendo:) Vediamo, Vediamo...
Majetta. — Vedite, cavaliè!
Ardichella (dopo breve riflessione, decidendosi:) — Be'. Mo vado a fa' n'ultimo tentativo, col notaio, con l'usciere... Il tentare non nuoce. Tentiamo (Stendendo la mano a Majetta:) Va. Statte buono.
Majetta (stringendogliela:) — Cavaliè, io mi affido a lei...
Ardichella. — Vedrò... Farò quanto potrò... E te faccio sapè 'a risposta. Ciao! (E se ne va, di fretta).
Majetta (lentamente, ritorna presso il tavolo, e riprende il suo lavoro).


(Un silenzio).


SCENA TERZA.


Majetta, il brigadiere di polizia Schisà, la guardia Matutino, altre due guardie, il portinaio Abbamonte, 'on Giuvanne 'o canteniere, il barbiere Buonvicino, 'on Pascalino, Maniglia 'o galantariale, Martulella, il giornalista, un monaco, la folla. Poi, Nanella.


(Giunge dalla via il clamore di una turba, che si avanza, vociando confusamente, verso la bottega. Più la folla procede, più il clamore si fa assordante, e qualche voce si distingue nel tumulto).


La folla (dall'interno, urlando, imprecando, fischiando:) — 'A puteca 'e Majetta! — Cca! Cca! Cca! — E nun vuttate! — Mannaggia! — Chiano chiano! — Nu mumento! — Facite passà 'o brigatiere; — 'O scellenza, passate!
Matutino (dall'interno, minaccioso:) — Sgombrate! Largo! Ostia! Largo!


(Fin dall'inizio del tumulto, Majetta è corso presso l'
[ 20 ]
uscio di strada, lo ha aperto un po', e a traverso la breve apertura or guarda la sua via, sorpreso e intento).


(La porta si spalanca subitamente. Irrompono nella bottega il brigadiere
Schisà, la guardia Matutino, e le altre due guardie. La folla li segue, vociante, lottante, accalcantesi. E nella folla si confondono Abbamonte, 'on Giuvanne, 'on Pascalino, Martulella, Maniglia, Buonvicino, il giornalista, e un enorme monaco francescano. Matutino e le altre due guardie si sforzano invano di contenere l'invasione).


Matutino (affannosamente:) — Ehi!... Silenzio!... Sgombrate!... Sacr...!


(Il tumulto si attenua alquanto).


Schisà (un omaccione. Ha i baffi neri e folti, lo sguardo duro, il berretto di sghembo. Si avanza risolutamente verso Majetta, e chiede, d'un tono imperioso:) — 'O princepale?
Majetta — Ai comandi vostri.


(Di tra le pieghe della portiera, in fondo, appare il volto di Nanella. La giovane rimane in ascolto, gli occhi sgranati, ansimante).


Schisà — 'O lavurante addò sta?
Majetta (preoccupatissimo:) — Turillo?...
Schisà. — Che ne saccio, io! Turillo... Francisco... Nicola... Addò sta?
Majetta (indicando il vano del fondo:) — Ncoppa.
Nanella (emette un breve grido angoscioso:) — Ah!... (E dispare dietro la portiera, chiamando disperatamente:) Turì!... Turì!... Turì!... (La voce di lei svanisce in uno schianto).
Schisà. — Va benissimo! (A Matutino:) Tu fa muntà 'a guardia a' porta: e... sfullammo! sfullammo!
Matutino (diritto e impettito, ode gli ordini; poi, saluta militarmente). — Pronti, brigadiere!
[ 21 ]
Schisà (a Majetta:) — Princepà, favorite vuie pure.
Majetta (stordito e inconscio:) — Agli ordini!


(Schisà e Majetta spariscono dietro la porta del vano).

(Intanto, la folla è cresciuta; ed ora si pigia, trattenuta o stenti dalle guardie, presso il vano del fondo. Il tumulto si rinnova, più vivo e compatto).


Matutino (acceso in volto, e con voce aspra e forte:) — Sgombrate! Su! Via! Sgombrate! (E insieme con le due guardie cerca di spingere la moltitudine verso l'uscio di strada).
Voci confuse. — Ncoppa 'e Cchianche! — 'O signurino 'e Benvenuto! — Una botta!
'On Pascalino (ad Abbamonte:) — 'O lavurante?!
'On Giuvanne (ad Abbamonte:) — 'O signurino 'e Benvenuto?!
Abbamonte. — Ll'ha scannato, pe ll'arrubbà!
Zi' monaco. — Libera nos, Domine.
Martulella (una popolana florida e pingue. A Maniglia, scandolezzata:) — Neh! Vuie sentite?!
Maniglia (un vecchietto asciutto e sbarbato. Porta sul petto, sostenuta alle punte di una cinghia, che gli gira dietro il collo, una grande scatola di legno, colma di rasoi, pettini, bocchini ed altri piccoli oggetti di pastiglia. A Martulella, guardando in alto e sospirando:) — Eh! Vuluntà 'e Dio!
Il giornalista (un pertichino, miope e un po' incurvato al sommo delle spalle. Cerca di farsi largo a traverso la folla, e acuisce lo sguardo avido verso il vano).
Voci confuse. — Aspettate! — Facitece vedè! — Chesto ched'è! (Si ode qualche fischio).
Schisà (dall'interno, severo:) — Matutì! Nu poco 'e silenzio!
Matutino (respingendo la folla e digrignando:) — Mannaggia l'anima d''e mamme vostre! Mme volete fa' compromettere con i superiori!... Andiamo! Su! Via!
Voci confuse. — Guè! Oh! — Nun vuttà!
[ 22 ]
'On Pascalino. — A uno 'a vota!
'On Giuvanne. — Fatte cchiù llà! Tu mm'affuoche!
Maniglia (stringendo la scatola contro il petto:) — Auànte p''o magazzino!
Martulella (al monaco, che la preme:) — Zi' mò! A gròlia 'e Dio! Vuie mme scamazzate!
Zi' Monaco (gesuitico:) — Benedetta figlia mia! È la ressa! È la ressa! (Sospettoso e mortificato, si allontana cautamente).
Le due guardie. — Avanti! Via! Sgombrate! (E si sforzano sempre più di respingere la folla).
Voci confuse. — E mo! — Nu mumento! — Nu poco 'e maniera! (Urla e fischi)
Matutino (inferocito:) — Sacrestia!... Tutti così, sti napoletani!... Su! Su! (Col fodero della daga colpisce la moltitudine ripetutamente). Ce vonno pe forza 'e piattonate! Via! Via! Via!


(La moltitudine si disperde: grida, bestemmie, ululati).


'On Giuvanne (colpito sul dorso, a Matutino:) — Sacrestì! Tu mme sfeliette!
Martulella — E cèchece! Che maniera!
Maniglia. — Ca cca 'a mercanzia va pe ll'aria!


(Nel trambusto, il giornalista, che vuole a forza intrufolarsi, è respinto violentemente).


Il giornalista. — Razza di malcreati!
Voci confuse. — Oh oh! — Lassa 'o i'! — 'On Ciccì! Ti scasso i vetri!


(La folla esce, sempre tumultuando; se ne odono per poco, ancora, i clamori su la via. Nella bottega son rimasti Abbamonte, 'on Giuvanne, Martulella, 'on Pascalino, Maniglia, Buonvicino, il giornalista, Matutino, le due guardie).


Matutino (stanco, nervoso, ansimante:) — Figli de
[ 23 ]
cani! So' n'affare serio, sti meridionali! (Alle guardie:) A voi! Piantonate 'a porta, e non lasciate passare manco a Domeneddio!


(Le due guardie escono).


Il Giornalista (accostandosi a Matutino, con grazia un po' esagerata:) — Scusi. Se non le dispiace, mi dica...
Matutino (alquanto burbero:)— Che cosa?
Il giornalista. — ...come è andata la faccenda.
Matutino. — Chi è lei?
Il giornalista. Reporter del « don Marzio ».
Matutino. — Giornalista?
Il giornalista. — Precisamente.
Matutino. — Un momentino. (Va presso il vano, e parla un po' forte, a traverso l'apertura della portiera). Brigadiere!
Schisà (dall'interno:) — Che c'è?
Matutino. — C'è, qui, un giornalista, che vorrebbe...
Schisà. — Mannannillo!
Matutino. — Pronti! (Ritorna al giornalista).
Il giornalista. — Dunque? Che le ha detto il collega?
Matutino. — Collega! Scusi: è nu brigadiere, lei?
Il giornalista. — Pubblicista, prego. Ma c'è l'affinità. La stampa illumina la giustizia, nelle sue investigazioni.
Matutino (sorride, con una strana smorfia d'incredulità. Poi:) — Il brigadiere dice che non è questo il momento... Po favorire in ufficio, lei?
Il giornalista. — Ecco... Veda... Non si potrebbe, ora?
Matutino. (seccato:) — Ma il brigadiere la prega...
Il giornalista. — E non si disturbi. (Sorridente, cerimonioso:) Vuol dire che ci vedremo in Questura. Ciao.
Matutino — Riverisco.


(Il giornalista se ne va, sbuffando. E anche Matutino sbuffa la sua noia).


Matutino (ad Abbamonte e agli altri, che si affollano, cianciando, presso il vano:) — Ancora qua, voialtri?! Accidenti!
[ 24 ]
Abbamonte (con gravità:) — Nu mumento. Noi siamo il portinaio della vittima. È il dovere che ci chiama.
Matutino (agli altri:) — E voi?
'On Pascalino. — Appuntà, nui simmo amice 'e casa...
Matutino. — Che amici e amici! Che c'è ricevimento, qua? (Accenna a spingere Martulella).
Martulella (un po' risentita:) — Guè! Guè! (Piano, brontolando:) 'I' comm'è amaro, 'o sargente!
Matutino (duro e insospettito, alla donna:) — Che mastichi giaculatorie, tu?
Maniglia. — Niente, mariscià. Cumpatitela... So' femmene.
Martulella (continua a brontolare:) — Seh! E guardeme n'ato poco! Che mme vulisse purtà a Santa Maria Agnone?
'On Giuvanne. — Oi' ne'! Ma che vulisse fa' nu rebellione!
Buonvicino. — Embè, che serve? Chillo, 'o marisciallo, è cosa nosta.
Matutino. — Fate silenzio voi! E badate ca se sento volà na mosca, ve metto a' porta, senza misericordia! (E va a piantarsi presso il vano, diritto e immobile).
Martulella (ad Abbamonte, con sincera pena:) — Neh, 'on Stanisilà, ma ne site sicuro ca è stato proprio Turillo?
Abbamonte. — Sicurissimo, figlia mia benedetta! Ll'aggio visto trasì io, cu ll'uocchie mieie, 'int''o palazzo.
Martulella. — Ma ve fusseve ngannato? Chillo, Turillo, è nu giovene accussì cuieto, accussì sistimato.
'On Pascalino. — Ecco: certe volte, l'apparenza inganna.
Abbamonte. — Niente affatto, 'on Pascalino mio! Ll'ha ditto 'o signurino, 'n punto 'e morte!
'On Giuvanne. — Sensa! 'O muorto ha parlato?!


(Mormorio di sorpresa e di terrore, nel gruppo)


Abbamonte. — Eccuccà: in brevi termini, 'o fatto cammina accussì.
[ 25 ]
(I cinque ascoltatori si raccolgono intorno al vecchietto, intenti).


Abbamonte. — 'O signurino, ogne viernarì a matino, mme mannava addo n'amico d''o suio, nu cabalista, p'avè 'e certe, p''o sàpeto. Ogge è viernarì. E stammatina, sicondo 'o ssòleto, io so' asciuto a primma ora, pe ghì' a piglià 'e nummere. Sotto 'o palazzo, aggio asciato a Turillo, ca traseva. — « Stanislà, 'o signurino sta ncoppa? » — « Neh, Turì! A chest'ora! » — « Embè: nun 'o ssapite ca io tengo ll'arta suggetta? » — « Be'. Sta ncoppa ». E mme ne so' ghiuto. So' turnato doppo quacche uretta. E so' sagliuto ncopp'add''o signurino, pe lle cunzignà n'ammiloppe ca mm'aveva data l'amico... Tuzzuleo... Nisciuno risponne... Tuzzuleo n'ata vota... Niente! Faccio i' 'o campaniello 'n terra... È ben inutile!... E che po essere?... Ca lle fosse venuto quacche inzulto?!... Capite? 'O signurino era bastantamente avanzatiello..... (Con ansia affannosa:) Allora, aggio chiammato ll'inquiline d''o palazzo: 'on Custanzo 'o ntrèppeche, l'ispettore Chianese... Avimmo scassato 'a porta... Simmo trasute... E ch'avimmo visto?!... 'O signurino steva 'n terra... 'int''o saluttino... scannato comm'a nu vitiello!...
Martulella (atterrita:) — Mamma d''a Libera!
'On Giuvanne. — 'O fatto è trùvolo!
Buonvicino. — Povero signore!
Maniglia (guardando il cielo, e sospirando:) — Signore, accuoglielo 'n gloria! Nu poco secaturnese era; ma... nu sant'ommo!
'On Pascalino. — E po'? E po'?
Abbamonte. — Ce simmo accustate... Risciatava ancora... — « Signor Benvenuto? Signor Benvenuto? Come l'è andata? Chi vi ha ferito? » — ha spiato l'ispettore... — « 'O scar...pa..ro! »... — « Ma chi? chi? — aggio spiato io. — 'O giovene 'e Majetta? »... Mm'ha guardato... Ha sturzellato ll'uocchie... E nun ha parlato cchiù. Era muorto.
[ 26 ]
(Un silenzio lugubre).


Abbamonte. — N'avimmo date parte a' Sezione. È sciso 'o giùrice. E meno male ca s'è truvato l'ispettore Chianese presente, si no passavo pur io 'o lòteno.
Martulella. — Giesù, Giuseppe, Sant'Anna e Maria! (E si fa il segno della croce).. Iusto mo stu fragello, 'int'a sta ricca casa! Chillo steva a ghiuorne a ghiuorne pe dà parola cu 'a signurina Nanella! Povera figliola! Nun s''a mmeretava sta sciorte!... E mo ca 'o ssape 'on Erricuccio?! Chill'angelo 'e figlio ne piglia certo na malatia! Vo' tanto bene 'a sora, e steva tutto priato p''o matremmonio d''a signurina cu Turillo! E mo?...
'On Giuvanne. — Eh! E mo se sposa cu 'a catena d''o furzato, 'on Saveratore! Ll'è benuto faglio 'o risigno, ll'è benuto! Pecchesto, stammatina, 'o mio signore è venuto a' cantina, e mm'ha urdinato nu quarto 'e chello agliardo e nu ruoto 'e mulignane. Guè! E mm'ha pavato nnante, cu na riecelira nova nova! Steva 'n pòlesa, l'amico! Mh'ha ditto ca s'aveva pigliato na pavulella, pecchè ogge è 'o nomme d''a mamma, e teneva tavula 'a casa (Con asprezza ironica:) 'A pavulella! Chillo sta a 'e piere 'e Pilato, peggio 'e me, e va facenno tavule e tavulelle! Vuleva dicere! Butto ce steva sotto!
Martulella (alquanto adirata:) — 'O 'i' lloco 'on Giuvanne, 'o 'i'! Mme pare Pessina! Tanno è cuntento, quanno saglie e scenne p''o Tribunale! Ch'avite saputo ca ll'ha arrubbato, Turillo, a 'o signurino?
Abbamonte. — E se sape, bella mia! 'O cascettino, addò 'o signore teneva 'e denare, s'è truvato apierto.
Maniglia. — 'O fatto è lampante!


SCENA QUARTA


Detti.Voci interne, poi Schisà.


(Le parole di Maniglia sono interrotte da un tramestio, come di persone lottanti, nel vano del fondo. Si
[ 27 ]
odono le voci di Turillo, di Nanella, di Schisà, di Majetta. Poi, appare Schisà di tra le pieghe della portiera. La voce di una guardia. La voce di un cocchiere. Le voci della folla).


Turillo (dall'interno, con voce aspra, roca, affannosa:) — È n'abuso!... È nu scagno!... Io nun ne saccio niente!... Brigatiè!... Brigatiè!...
Schisà (dall'interno, imperiosamente:) — Fermo! Tu t'arruine, accussì!
Turillo (come dianzi:) — E sì! E sì!... Voglio murì!... Faciteme murì!
Schisà (come dianzi:) — Matutì 'E fierre!
Matutino. — Pronti! (E dispare nel vano).
(Abbamonte e gli altri si raccolgono presso il vano, curiosi e intenti).

Abbamonte. — Ll'ammanèttano!
Martulella. — Maronna mia!
'On Giuvanne. — Oltraggio e ribellione!
'On Pascalino. — Ma ch'è pazzo?!
Buonvicino. — N'ato lòteno!
Maniglia. — Ah, Signò!
Turillo (dall'interno, prima pietoso, poi minaccioso:) — Lassateme!... Lassa!... Mannaggia!...
Nanella (dall'interno, supplichevole:) — No, Turì!... No!...
Turillo (come dianzi:) — E nun mm'attaccate!... Nun mm'ammanettate!... Pe Giesucrì...!
Matutino (dall'interno, energicamente:) — Ehi!
Majetta (dall'interno, con voce soffocata:) — Che faie?!
Nanella (dall'interno, rantolando:) — Ah!
Schisà (appare di tra le pieghe della portiera. È livido. Vôlto all'interno:) — Nun 'o lassà! Ca chisto se fa schizzà 'e ccerevella 'n faccia 'e mmura! (Si avanza borbottando:) È pazzo! Nun ce so' criste! È pazzo!


(Gi astanti si scostano prudentemente, ma curiosi di notizie).

[ 28 ]
Abbamonte (quasi azzardando la domanda:) — Brigatiè,... ch'è succieso?
Schisà. — E ch'ha da succedere!... È na crisi nervosa!... Chillo mme pare n'ossesso! S'ha fatta 'a faccia comm'a nu Santo Lazzaro!... Steva dànno 'e capa 'n faccia 'o muro!... Ll'aggio avuto 'a fa' mettere a forza 'e fierre. E si no, che purtammo nu cadavere, ncoppa?... Chiammate na carruzzella!
(Tutti si affollano presso la porta di strada).

Martulella. — Che pena! Che pena!
Gli altri (gridando fuori:) — Na carruzzella! Chiammate na cetatina!
Schisà (forte, ad una delle guardie di fuori:) — Jovinè! Na carruzzella.
La voce di una guardia. — Ehi! Cocchiè!
Le voci della folla. — Na carruzzella! — Tetì! Avota! — Cca! Cca!
La voce di un cocchiere. — 'E piere! 'A guardia! 'Àteme 'o passaggio! (Si ode lo schioccar della frusta).
Schisà (sempre guardando fuori:) — Ancora sta folla, lloco! ma che facimmo l'opera, cca?
Le voci delle guardie. — Largo! Largo! Sgombrate!


(Un gran brusìo di voci externe).

(In tanto, Turillo è apparso sotto l'arco del vano. Ha i polsi costretti nelle manotte. È pallidissimo, tremante, sconvolto, e cerca di divincolarsi dalle strette di Matutino).


SCENA QUINTA.


Detti. — Turillo, Matutino, Nanella, Majetta.


Turillo (a Matutino, lottando:) — Nun tirà!... Nun mme tirà!... Lassa!
Matutino (implacabile:) — Sta fermo! Che forza de boia! Cu tutte 'e ferri, spara pugni, ch'è nu diavolo!
[ 29 ]
(Entra Majetta. Ha la faccia terrea, gli occhi gonfi. Sostiene fra le braccia Nanella, la quale abbandona la testa sul petto di lui. La giovane è quasi svenuta. Egli la conduce lentamente presso una sedia, nel fondo, e la fa sedere, e le sta, diritto, accanto, come a proteggerla silenziosamente. Martulella si accosta alla coppia).


Turillo (in tanto, continua a resistere e a protestare, eccitandosi sempre più). — E nun astrègnere!... Fallo p''a Maronna, nun astrègnere! Io nun aggio fatto niente!
Schisà (affabilmente:) — Calma, Calma.
Matutino. — S'è sfregiato comm'a nu Cristo!
Turillo. — Brigatiè! Brigatiè! Pe carità! Chisto è nu scagno!... Brigatiè!... Chi mm'ha nfamato, accussì? (Piange d'ira, di dolore, di vergogna. Tutti lo circondano, e cercano di confortarlo).
'On Giuvanne. — Abbara a chello che faie!
Maniglia. — Penza a chella povera vecchia!
Buonvicino. — Tu faie peggio, accussì!
'On Pascalino. — Càlmete! Càlmete!
Turillo (inconsolabile:) — Ma io nun ne saccio niente! Io nun aggio fatto niente!... È nu scagno!... 'O princepale addò sta?


(Come annichilito, Majetta non si muove e non risponde).


Turillo (volgendo lo sguardo in torno, invoca:) — Princepà!... Princepà! (Vede Nanella e Majetta), Nanè!... Princepà! Parlate vuie... Cca mettono 'n croce a Giesucristo! (A Matutino:) Lassateme!... Lassa!
Matutino — E finiscila! Sacr...!
Majetta (con uno sforzo evidente, muovendo qualche passo verso il giovane:) — Turì... (Ma non può altro dire: la sua voce è rotta da una commozione intensa).
Turillo. — Princepà! Princepà, vuie sentite?!... E parlate vuie!... Dicitincello vuie ca chisto è nu scagno!... Princepà!
[ 30 ]
SCENA SESTA.

Detti. — Matalena. La voce di una guardia.
La voce del cocchiere. Le voci della folla

Le voci della folla (confusamente:) — 'Assate passà! — 'Assate passà, sigurì! — È 'a mamma! — 'Assate 'a passà! È 'a mamma!
Matalena (dall'interno:) — 'Assàteme passà!... Addò sta 'o figlio mio?... Addò sta?... 'Assàteme passà! (Entra. Una vecchierella bianca e sottile. È fuori di sè. Cerca in torno con los guardo, avidamente, il suo figliuolo; ma non riesce a vederlo. E continua a invocare e a delirare:) Addò sta?... Addò sta?... Diciteme addò sta 'o piccerillo mio!
Turillo (con uno strazio ineffabile nella voce:) — Oi' ma'!...
Matalena (subitamente si volge, corre alla voce, si stringe, quasi si abbarbica sul petto di suo figlio, e rantola, con un grido dell'anima:) — Turì... Figlio mio!
Schisà (cercando di trattenerla, delicatamente:) — Vicchiarè...
Turillo (pietoso:) — 'Assate 'a i', brigatiè!... È mamma mia!... Che male po fa' na povera vicchiarella?
Matalena (supplichevole, a Schisà:) — Signurì!... Signurì, io ve saccio... Vuie nun tenite 'o malo core... Nun mm''o maletrattate, 'o figlio mio! (E cerca di afferrare le mani di Schisà, per baciargliele). Io ve vaso 'e mmane... Nun mm''o maletrattate, signurì! E faciteme sta cu isso, accussì! (E si abbandona nuovamente sul petto di Turillo).
Schisà (alquanto intenerito:) — E va bene... va bene... Ma cca, no... Cchiù tarde, venite ncoppa...
Matalena. — Venite ncoppa... Ncoppa?... Addò?... (Si solleva lentamente, contempla con uno sguardo sospettoso il figliuolo; scorge le manotte ai polsi di lui; grida in uno schianto:) Ah... Ammanettato!... Ncatenato comm'a nu 'aliota!... Figlio mio! (E cade fra le braccia di Martulella, che le sta vicino, gemendo con poca voce:) È overo, è overo chello che mm'hanno ditto!
[ 31 ]
Turillo (con tutta l'anima, uscendo con Matutino, che quasi lo trascina:) — No! Oi' ma'! Nun ce credere!... Mm'hanno nfamato! Mm'hanno nfamato!


(Turillo e Matutino escono. Li seguono Schisà, Abbamonte, 'on Giuvanne e don Pascalino).


Le voci delle guardie — Largo! Largo!
(Si accentua il mormorio della folla).
Matalena (ancor fra le braccia di Martulella, stancamente:) — Chiammate na carruzzella... Nun mm''o facite murì 'e scuorno, 'o figlio mio!... Chiammate na carruzzella.
Marturella (con dolcezza, accarezzandole i capelli:) — Sta fore, 'a cetatina. Sta fore. Nun dubitate.
La voce del cocchiere. — 'A miezo! 'A guardia! 'E piere, péccérì!... Ah! (La frusta schiocca).
(Si ode il rotolìo della vettura, che si allontana. Il mormorio della folla si sperde, a poco a poco).
Matalena (quasi inebetita, ricorda le ultime parole di Turillo, e or le va ripetendo intorno, come per farle bene intendere a coloro che le hanno udite:) — Avite ntiso?... Figliemo nun ha fatto niente... Ll'hanno nfamato!... Avite ntiso?
Martulella. — Embè, 'àteve curaggio!
Buonvicino. — Si è nu scagno, tutto vene a luce!
Maniglia. — 'Àteve forza, se' Matalè!
Matalena. — ma ll'avite ntiso, bona ge'?... Nun ha fatto niente Turillo mio!
Martulella. — E sissignore. Vo' di' ca nun hanno che lle fa'. Chella bella mamma d''a Pignasecca ll'ha da fa' 'a grazia!
Matalena. — 'O voglio vedè!... Addò s''o portano, mo?... 'O voglio vedè!
Martulella. — E sì, sì. Mo v'accumpagno io.
[ 32 ]
Matalena. — Cumpatiteme. So' 'a mamma Mme ll'aggio cresciuto senza pate... tantillo... accussì... (A Majetta:) Princepà! Sentite a na mamma... Nun ce credite. Turillo nun ha fatto niente (A Nanella, che nasconde il volto su le braccia incrociate, e singhiozza lievemente:) Nanè!... Figlia mia bella!... Mo nun tiene cchiù a Turillo tuio!... Turillo mio!... Figlio mio bello! (E se ne va, accompagnata e sostenuta da Martulella).


(Un silenzio).

Buonvicino (grave e pensoso, a Maniglia:) — 'O munno è nu mistero: cchiù 'o sturìe, e meno ne piglie spagliòccola!
Maniglia. È troppo giusto e reulare!... Salute a sta casa! (Ed esce sospirando).
Buonvicino (dopo qualche altro istante di riflessione:) — Basta. (A Majetta:) Princepà, io ve saluto. Aggia dà ora a chi mme dà pane. Se avete comandi...
Majetta. — Grazie, Facite 'e fatte vuoste.


(Buonvicino esce).
(La pendola batte l'ora: il tocco).


SCENA SETTIMA

Nanella, Majetta.


(Un lungo silenzio. Si ode soltanto, a tratti, il gemito sommeso di Nanella)

Majetta (appare desolato. Guarda la figliuola, qualche istante; poi le si accosta, e la chiama teneramente:) — Nanè!
Nanella (non si scuote; ma continua a gemere e a singhiozzare, con più acuta pena).
Majetta (quasi timido, accarezzandole i capelli:) — Nanè!... Figlia mia... (Non sa e non può aggiungere altro. Prende con ambo le mani, delicatamente, la testa della
[ 33 ]
giovine e la solleva un po', arrovesciandola su lo schienale della sedia, in modo da scovrire il volto di lei; poi si piega e le dà nu bacio in fronte).
Nanella (non geme più; apre gli occhi, e guarda Majetta, smarrita e ansiosa. D'un tratto, fa uno sforzo per sollevarsi, si aggrappa al collo di suo padre, e prorompe in una crisi di lacrime, balbettando parole monche e in parte incomprensibili). — Papà!... Turillo... no!...
Majetta (simultaneamente, stringendola fra le braccia:) — Figlia mia!... E no!... E no!...


(Un silenzio).


Majetta. — Meh! Nun fa' accussì... È nu sbaglio ca s''è pigliato...
Nanella inconsolabile, con poca voce:) — È peccato murtale!... Turillo nun ha fatto niente!
Majetta. — E sì... Nun ha fatto niente... (Staccandosi da lei, che ricade su la sedia:) Nun sapeva manià 'o curtiello manco pe staccà 'e ssòle, nun sapeva! (Muove qualche passo; poi si arresta bruscamente, come riassalito dal sospetto; e balbetta, quasi come parlado a se stesso:) Ma 'o guardaporta dice ca ll''ha visto trasì... 'O muorto ha parlato... E che significa? Ll'ha visto?... E quanno?... E comme?... « 'O scarparo »?... E che ce sta uno scarparo 'into Napule (È al centro della stanza, la faccia rivolta alla porta di strada).
Nanella (ripete ogni tanto, come un'eco lugubre agl'interrogativi di Majetta:) — No... No... No...
(Ancora, un breve silenzio).


SCENA OTTAVA.


Detti. — Erricuccio.

(Erricuccio appare di tra i battenti dell'uscio. È un giovine di ventidue anni. Veste elegantemente, di nero. S'indugia alquanto en la soglia; vacilla un po', e si
[ 34 ]
appoggia ad uno degli stipiti. È tutto invaso da uno strano terrore; ma si sforza di apparir calmo).
Majetta (non appena il giovine appare, con lieve tremore nella voce:) — Erricù!...
Erricuccio. — Papà? (Un fremito gli attraversa il corpo).
Majetta. — Si' tricato fino a mo?
Erricuccio (avanzandosi, con uno sforzo:) — 'O cumpariello... mm'ha trattenuto... Nun se truvava denare pronte.
Majetta. — E te l'ha date?
Erricuccio. — Sì
Majetta. — Meno male!... E lassammo fa' a Dio!


(Un silenzio).


Majetta (si accosta a Nanella, e la scuote dolcemente). — Nanè... Nanè, è venuto Erricuccio. (Ma la giovane è ricaduta nell'abbattimento: e non si muove, e non risponde).


Majetta. — Erricù... figlio mio... chiàmmela tu... fatte vedè...
Erricuccio (con passo lento e stanco, si accosta alla giovine; le pone una mano sul capo, e si sforza di parlare. Ma la mano gli trema, e gli trema la voce. Dice a stenti:) Nanè... Allegramente, Nanè... Tutto s'è aggiustato... Allegramente!... (Si china un po' su lei: ma subito si raddirizza, con uno scatto). Tu chiagne?!... Nanè?!...
Nanella (senza muoversi, e con voce lacerata dai singhiozzi:) — E sulo chiagnere pozzo!... Sulo chiagnere, Erricù!... Turillo...
Erricuccio (balbettante, smarrito:) — Turillo?... Ch'è stato, Turillo?... (A Majetta, gli occhi sgranati, la voce roca:) Addò sta Turillo?
Majetta (prudentemente:) — Mo vene... È asciuto nu mumento... Mo torna.
Nanella (scotendosi e sollevandosi dalla sedia, con uno sforzo:) — No, ca nun torna, Erricù!... Ll'hanno arrestato!
[ 35 ]
Erricuccio (come ad un urto violento, vacilla; per non cadere, si sorregge alla tavola. È assalito da un tremore indomabile. Ripete, come un ebete:) — Arrestato?!
Nanella (subito:) — Nun ha fatto niente, Erricù!
Majetta. — Niente... È stato nu scagno... Hanno ditto... Dice... Ma nun po essere... S'ha ngannata l'anema Benvenuto!
Erricuccio (subito, con un rantolo breve e mozzo, istintivamente:) — No! (Retrocede di qualche passo, strisciando su l'orto della tavola. È livido; le sue labbra si allargano e si stringono, con moto convulso. Dal capo ai piedi, egli è tutto un brivido. Le sue pupille si dilatano, nel terrore. Vorrebbe parlare, ma non può. E continua a balbettare, a tratti:) No!... No!... No!... (È giunto, così, ad uno degli angoli della tavola, verso il fondo, presso una sedia. Ora, tutti gli spiriti gli vengono meno. Egli si abbandona alla sedia, si nasconde il volto nelle mani, e piange dirottamente).
Nanella (atterrita, si leva, e corre accanto al giovine, invocando, in uno schianto:) — Erricù?!
Majetta (assalito da un atroce sospetto, sussulta, e corre anch'egli presso il giovine; ma si ferma alle spalle di lui, trepidante, in un'attesa angosciosa):


(Le tre azioni sieno rapidissime e simultanee).


Erricuccio (rannicchiandosi su la sedia, sperduto e annichilito, come un bambino, rantola perdutamente:) — Turillo, no!... Papà!... Nanè!... Nun mme lassate!... Nun me lassate!...(Non ha più forza di parlare: e si accusa col gesto, percotendosi il petto)
Nanella (con un urlo lacerante:) — Ah!... (Cade dinanzi a Erricuccio, e si abbatte con la testa e con le braccia su le ginocchia di lui:) — Madonna mia!... Madonna mia!...
Majetta (simultaneamente:) — Tu?! (Con moto rapido; corre all'uscio di strada, e lo chiude. Poi ritorna presso il figliuolo: lo scuote con ambo le mani,
[ 36 ]
violentemente, come per incitarlo a parlare, a chiarire, a smentire). Cristo 'n croce!... Si' stato tu?!... No!... Nun po essere!... (Sorride e spasima, come in delirio:) Figliemo è pazzo!... Erricù!... Erricù, dimme ca sbarìe!... Ride, Erricù! Rideme 'n faccia!... Famme assicurà ca si' pazzo!...
Erricuccio (implacabile e pietoso:) — Turillo, no!... So' stato io!
Majetta. — Dio! Dio! Dio! (Si abbatte su di una sedia, presso a tavola, verso il fondo, e nasconde il volto nelle mani, inorridito e affranto. La sua persona quasi sparisce: se ne vedono soltanto le spalle incurvate).


(Un silenzio interrotto appena dal gemito affannoso, di Nanella).


Nanella. — Madonna mia!... Madonna mia!...
Erricuccio (con molte pause, come in un sogno lugubre:) — So' stato add''o cumpariello... E 'o cumpariello mm'ha licenziato cu doi' parole: « Dicite a papà ca nun 'o pozzo servì » (Desolato:) Comme se fa?... Si passa ogge e nun se paga, simmo perdute!... E papà?... E Nanella?... Pe mille lire!... Avimmo fatto bene a tanta gente... E mo ce votano 'a faccia, pe mille lire!... Comme se fa?... (Sussultando, come ad una trovata felice:) Aggio penzato a Benvenuto... È ricco... Dà denare a cambiale... Ce so' ghiuto... E Benvenuto ha ditto isso pure ca no! (Ricorda qualche battuta del dialogo, concitatamente:) — « Signurì, nun mme facite murì a papà... nun mme facite murì a Nanella. Vuie 'a canuscite piccerella, accussì, a Nanella... » — « No! » — Mille... pe duimila... pe tremila... e 'o magazzino pe garanzia... » — « No! »... Io priavo... Io chiagnevo... E isso: « No! »... Sempe no!... E nnanze teneva, apierto, nu cascettino... E dint''o cascettino... carte verde... carte rosse... Mm'abbrusciàveno ll'uocchie! (Di scatto, disperatamente, come un'invocazione suprema:) Signurì!... E 'a mano s'è stesa, nun vulenno... (Rievocando a rapidi tratti la
[ 37 ]
scena truce, tutto abbrividendo nell'evocazione:) — « Mariuolo! »... — « Nun alluccate!... 'E denare stanno cca... » — « Mariuolo! » — « No!... Nun m'arruinate, signurì!... Tenite... Ma nun mme sbruvignate! » — 'N galera! Mariuolo! »... E s'è susuto... Steva p'arapì 'a porta... N'ato mumento, e tutte gl'inquiline d''o palazzo sarrieno sagliute 'n coppa... Dio! Dio! Nun ce aggio visto cchiù!... Mm'è venuto sotta mano nu tagliacarte... Lle so' curruto 'n cuollo... (Fa due o tre volte l'atto di colpire. Poi, con raccapriccio:) Ah!... E ched'è, tutto stu sanghe?!... (Inorridito e gemente:) Nun ero io!... Nun ero io!...


(Un silenzio breve. E nel silenzio, ancora, il gemito accorante di Nanella. I gomiti appuntati su la tavola, la testa fra le mani, Majetta tace, atterrito).


Erricuccio (cupo e trepidante, come nell'atto del furto:) — Na carta 'e mille lire... Doi' carte 'e ciente lire l'una... Quanto abbasta pe ritirà 'a cambiale... E niente cchiù. (Una pausa). So' asciuto... E aggio cammenato n'ora... doie... tre... senza sapè addò ievo... Mme pareva comme si 'a gente se n'addunasse...(Tutto invaso dal terrore:) Mamma mia!... (Una pausa). E so' turnato... E mme pare comme si mme fosse cunfessato... E mo mme sento meglio... mme sento meglio...
(Ancora, un silenzio).


Erricuccio (accarezzando con la mano tremante la chioma di Nanella:) — Nanè,... sora mia... E nun chiagnere cchiù!... Meh!... Dà curaggio a papà... Papà mo tene sulo a te (Una pausa). Sulo a te... (Come vinto da un'idea improvvisa, sussulta, e soggiunge:) A te... e a Turillo.
Majetta (preoccupatissimo, alza la testa, e guarda Erricuccio, quasi intuendo il pensiero di lui).
Erricuccio (allontana delicatamente dalle sue
[ 38 ]
ginocchia il capo di Nanella, la quale, sempre gemente, si abbatte su la sedia! e si alza, ripetendo, come a ribadire un suo proposito intimo:) — A te... e a Turillo. (Muove qualche passo verso l'uscio di strada).
Majetta (si alza di scatto, e con passo rapido, va a piantarsi presso l'uscio, invocando, come a scongiurare una catastrofe imminente:) — Nanè!... Figlia mia!... Erricuccio se ne va!
Erricuccio (subito soffermandosi e agitando le mani in aria, come per soffocare il grido paterno:) — No, papà!
Nanella (istintivamente, cercando di sollevarsi e aggruppandosi allo schienale della sedia, grida con poca forza, ma con tutta l'anima:) — Erricù...
Majetta (senza neppure una pausa, incalzando:) — Se ne va! 'Ngalera se ne va! E nun 'o vedimmo cchiù!
Nanella. — Erricù!... (Protende disperatamente le braccia in avanti).
Erricuccio. — Sora mia! (Si precipita verso la giovine, quasi la solleva fra le sue braccia, si avviticchia a lei, balbettando, in un delirio di terrore, di tenerezza, di pietà:) — No!... No!... Nun te mettere paura!... Erricuccio nun se ne va!... Erricuccio nun se ne va!...


(Stanno avvinti l'uno all'altra, qualche istante).


Majetta (piega le braccia e il capo, e sospira)


(Un silenzio).

(Due o tre colpetti su le lastre dell'uscio di strada).


Majetta (sussultantdo:) — Chi è? (Si avvicina all'uscio, sospettoso).


(Simultaneamente, Erricuccio e Nanella si staccano, senza guardarsi. Nanella si abbandona alla sedia, presso il tavolo; Erricuccio si sostiene ad una delle panchette. Dopo breve esitazione, Majetta apre).


[ 39 ]
SCENA NONA.


Detti. — L'Usciere.


L'Usciere (un tipo gracile, sbarbato, sbilenco. Veste un soprabitino nero, attillato, e un po' logoro e sbiadito. Un gran cappello duro, dalle ampie falde, gli scende fin quasi su le orecchie. Parla con voce sottile, feminea; e ogni tanto tossisce. Porta sotto il braccio un rotolo di carte bollate:) — Il signor Giacinto Majetta!
Majetta. — Comandatemi.
L'Usciere (s'inchina e tocca appena con la punta delle dita le falde del suo cappello. Poi, prudentemente:) — Ce sta n'effetto vostro, sconato alla Banca popolare cooperativa di Napoli, e già scaduto. Vi si è accordata anche una dilazione, piuttosto lunghetta; ma voi non vi siete presentato allo sportello... Capirate benissimo... bisogna procedere a norma di legge... Ho lasciato gli amici fuori, per evitare la pubblicità... Dunque?...
Erricuccio (con grande padronanza di sè, quasi con orgoglio:) — Casa Majetta ha pagato sempre! E pag, a qualunque costo!
L'usciere. — Ne ero sicuro! I galantuomini si conoscono!
Erricuccio. — Quanto è?
L'usciere. — Ecco. (Inforca gli occhiali e consulta un po' gli atti). L'effetto, compreso l'importo delle spese del precetto e del protesto, ammonta a lire millecentonovantadue.
Erricuccio (da una saccoccia interna della sua giacca ha già estratto tre biglietti di banca, uno da mille e due da cento lire ciascuno. Ora toccandoli appena, con evidente repulsione, li consegn all'usciere:) — Mille... Mille e cento... Mille e duecento...
L'usciere. — La specifica è qua (e gli mostra uno degli atti).
Erricuccio (subito:) — Nun voglio riesto.
L'usciere. — Grazie. Lo dicevo io al notaio: « Vedrete: Majetta farà, come sempre, onore ai suoi impegni ». Saccio io addò stanno 'e ppecore zoppe! (Deponendo
[ 40 ]
su la panchetta centrale alcune carte:) Ecco l'effetto. Ed ecco gli atti. Perdonate il fastidio... Siamo esecutori di ordini, e dobbiamo fare il nostro dovere. (Tossisce un po'; poi, scappellandosi:) Signori! (e se ne va).


(Un silenzio. Erricuccio e Majetta si guardano fugacemente).


SCENA DECIMA.


Detti. — Matalena, Martulella.


La voce di un giornalaio


Matalena (accasciata, disfatta, appare su la soglia, e si avanza, sorreggendosi al braccio di Martulella). — Princepà! Princepà! Ll'hanno passato a 'e ccarcere, a Turillo mio!


(Un silenzio. Erricuccio sobbalza, ma riesce a contenersi, e si accascia su la sedia, che è presso la panchetta. Majetta lo invigila, con evidente preoccupazione).
Matalena (a Nanella:) — Signurì!... Nanè!... Vuie sentite?! Ll'hanno passato a 'e ccarcere, nnucentamente!... Nanè! Nun è overo ca Turillo nun ha fatto niente?


(Ancora un silenzio. Prona su lo schienale della sedia, Nanella nasconde il volto su le braccia congiunte; a tratti, singhiozza).


Matalena (intende la pena della giovine. Con frenesia dolorosa:) — Chiagne?!... Chiagne pe Turillo?!... Figlia mia bella! (E si slancia, come per abbracciarla e confortarla).
Marturella (trattenendola dolcemente:) — Nun facite chesto, se' Matalè! Nun vedite 'a signurina comme sta? Mo ce vo' 'o fatto, 'o princepale 'o vuleva bene comm'a nu figlio a Turillo. 'O signurino e 'a signurina, comm'a frate e sora.
[ 41 ]
Matalena. — E chi nun 'o vuleva bene a chillo zengariello mio!
Martulella. — Meh! Àteve curaggio! Si è dato nu scagno, chella Mamma d''a Pignasecca ha da fa' appurà 'a verità. Lle vulimmo purtà 'e ccere, lle vulimmo!


(Un silenzio).


Matalena (lentamente:) — Princepà, mme facite nu piacere?
Majetta (con premura). — Ciento, se' Matalè
Matalena. — Si nun ve dispiace, mme putite dà 'e panne 'e Turillo?
Majetta. — Tutto chello ca vulite.
Martulella. — Addò stanno? Addò stanno?
Majetta. — Ncoppa 'o mezzanino. (Indica il vano del fondo).


(Martulella sparisce frettolosamente nel vano. Si ode il suo scalpiccìo su le scale di legno).

(Un lungo silenzio).


Martulella (rientra, con in mano gli abiti di Turillo, avvoltolati in un panno grigio), — Tenite, se' Matalè (e le porge l'involto).
Matalena (come in un delirio, bacia le vesti del suo figliuolo, e tra i baci farnetica:) — 'E boglio astipà!... 'E boglio mantènere pulite pulite... Pecchè Turillo se l'ha da mettere, mo ch'esce... Sì... Pecchè Turillo ha d'ascì, ampresso ampresso... (a Martulella:) È ovè? È overo ch'ha d'ascì?
Martulella (subito, come ansiosa di metter fine a tanta pena:) — E sì, sì. Anze, sapite che vulimmo fa'? Iammuncenne, mo. Iammo ncopp''a Sezione. Vedimmo 'e parlà cu l'ispettore.
Matalena (come insanita:) — Sì... Sì... Iammo a parlà cu ll'ispettore... (Appoggiata al bracio di Martulella,
[ 42 ]
si avvia verso l'uscio di strada. A tratti, rompono il silenzio i singhiozzi brevi e radi della vecchietta).
Martulella (uscendo con lei, sospira:) — Ah, Giesucrì!


(Matalena e Martulella escono).

(Un silenzio).


La voce del giornalaio (cupa e lenta, quasi presso l'uscio di strada:) — 'O micìrio 'e coppa 'e Cchianche! « Roma »!


(Erricuccio e Majetta abbrividiscono, e guardano la terra. Nanella non piange più: sta come assorta).


La voce del giornalaio (lontana e lugubre): — 'O micìrio 'e stammatina! « Roma »!


(La pendola batte l'ora: mezz'ora dopo il tocco).


SIPARIO.