Risposta dro Cavallo a ra canzon de l'aze

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Risposta dro Cavallo a ra canzon de l'aze
by Gian Giacomo Cavallo
da Ra cittara zeneize do 1665
[ 30 ]
Risposta à rà Canzon dell'Aze drò Segnò
Giurian Rosso, feta da Gian
Giacomo Cavallo.


Sciou Giurian, che humò per cortesia
Dra vostra Muza à mette in tanto posto
In rò Parnaso un Aze, chi è l'opposto
Drò Decoro d'Appollo à dritta via.

Un'Aze con perdon dra compagnia
Chi no è bon per lesso ni pe rosto,
V'intendo per fa vei per contraposto
L'esselenza dra vostra Poexia.

Quando là in casa drò Segnò Fransesco
In Sestri à tora à ro bon prò ve fasse,
Fe ra canzon dell'Aze tanto tresco,

Ve zuro serto se me rompì re brasse,
Dissi tra mi Cavallo ti stè fresco,
Quest'Aze te farà portà re strazze.

O sciu tanto ve fasse;
Confessando ra groria tutta soa,
Ghe mando stò Sonetto con ra coa.

Perche restemo à doa
Za che gh'havei deto un chinze, e un fallo
Mandè resposta à ro vostro Cavallo,

Perche chiantaro in ballo,
Farà restà rà gente persuase,
Che reste rò Cavallo un piezzo d'Aze.