Rimme do Todaro Conchetta

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Rimme do Todaro Conchetta
by Todaro Conchetta
da-e Rime diverse do 1612
-clicca in sci asterischi pe amiâ l'errata corrige
[ 170 ]

RIME DI TODARO

Conchetta.


A chi è caxon miè cuoe, che mi ve lasce,
E che stagghe da vai* cosi lontan,
Con ra barestra detoghe ro pan
Esse ghe posse, cun* cancaro ghe nasce:

A Tora l'è impossibile che giasce
Ninte; ma tutto buetto a ro miè can,
Per miracoro vivo, e staggo san
Ra speranza de veive aora me pasce:

Ben che a me dixe ancou*, se ti no mui
Luego, questa Cittè t'inricchirà,
Cosi a me chianta chi con questi agui;

Nissun no crerà moe*; che no ro sa;
Che ra speranza de guagná dri scui
Me fasse desperà, come a me fa.



Mié cuoe, che senza vui staghe a diporto
Fossia ve creì? ben v'inganne,* che son
Apointo come Nave, o Garion
Spedio, ma senza vento a miezo porto;

Ma se chianzo, e m'astizzo e con raxon
perche fortunna chi me tegnie a torto
Chiù sarà intro fá veiria ro conforto,
E intro spará zonzendo ro canon

[ 171 ]

L'arte dro navega* sarà finia
Per mi, e a vui ro fressoro* riondo,
E l'agoggia darò dra caramia.

Perche sarò lantó rero a ro mondo,
E porrò di ch'haggiando amò per ghia
D'Hercole intre colonne ho deto fondo.


Vaggo pensando che l'è un meize bon,
Che no m'hei scrito, e in questo dubio incorro
Peretta, che ode meigo* haggié ro morro
(Me mancherè questa atra) haveì raxon;

Ma se no ve n'ho detto* occasion,
Questo è in frusso dro Cié, cosi descorso,*
Si me strenzo intre spalle, e no me corro
Perche intre l'anno ora* desgratia e son:

E in l'anno dra mé morte posso di,
Che questa vitta è de morí desposta,
Quando ro nume mié sé morto in vui;

Ma ancora in dubio e l'ho ve scrivo aposta
N'aspieto intanto per poeime a[s]chierí
O lettera o lettéra per resposta



Parto, me pá mille agni, e vuì resté;
Ziro ro mondo come fa una muera,
A ra fin quando torno, e ve n'andé;
Questo ro zuego pá dra correzuera;

Mentre aora stava con ra tremuiruera

[ 172 ]

D'andà via senza veive annima mé,
O che a sé puira dri bandij de fuera,
O che d'Amó seì scorsa, a cà torné.

Ra mé fortuna no ha vossuo sta votta,
Che stagghe chiù a ro fresco, e con ressioro,
Za che fuego d'Amó per vuui* me scotta:

Onde se dro mié cuoe seì ro tesoro,
Ghe è apointo aora con voì vegnuo ra frotta,
Ch'haveì vitta d'argento, e trezze d'oro.



Che viegne a veive Amó m'insta, e m'assedia,
Vegnuo che son, non v'ho ancon vista in chiera,
Ni chiù ni manco porreiva esse, ond'era,
Son giusto come un'orbo a ra comedia.

Ma se fortuna, o Amó non ghe remedia,
Me veireì per non veive intra lettèra;
Se donca vuì seì ra mé vitta viera
mié cuoe sareì caxon d'unna tragedia?

Mi che per veive solo un má si cruo
Fin chi ho passao de reizeghi, e maranni
Ho da morì meschin senza un saruo?

Annima mé non m'azonzei chiù affanni
Ni fé, che in questa scena, onde vegnuo
Son per innamorao, ghe reste un xanni.



Cosi con vuì m'è scarsa ra mé stella,
Cosi de rero in vui quest'oeggi affronto

[ 173 ]

Che s'intro cuoe no havesse ro confronto,
Spesso dubiterê, se vui seì quella:

Ma s'Amó me tormenta, e m'amartiella
Lonzi da vui mié cuoe fé vostro conto,
Ch'otra, ch'in veive ogni desgusto e sconto,
Ra speranza che cazze, o m'apontiella;

Che, se a chi un* ricco aniello con gra* pria
Perso per quarche di, puessia in trovnro*
Ghe passa ra passá marinconia;

Voì sei ra gioia, e quello aniello caro,
Ma se ro truevo, ahime fortunna stria
Perche non sonié degno d'infiraro?



A caxo l'atro giorno e me n'andeì
Sorva una fregatinna un pó a pescá,
E una donna si bella e ghe troveì,
Che a parse unna atra Dea nasciua(;) d'in má;

E mille maravegie me ne feì
In veighe un bolentin puoe manezá,
Perche apenna caraò, duì pesci, e trei
Botta per botta ghe veivi pigiá

Onde a me parse un'atra nueva Arcinna,
Che con nuoeva maniera, e nuoevo incanto
voresse impí de pesci ra sò chinna.

Mi assi peschei, e se ben no havé tanto
Ra lesca come lié piaxeve*, e finna,

[ 174 ]

A ri oggiè de pescá portei ro vanto.


Dra vitta dro villan son bello matto,
Sempre ra liezo, e me ra tiegno amente;
Staggo a veì, che sto libero m'intente
De manezá ra Sappa, e ro penatto.

Se ro liezo chiù gueri un di m'accatto
Un sigoriello, e puoe galantemente
M'accompagno, e si chianto ogni parente
Con ro pimo* villan, con chi m'imbatto.

Vuì segnó Gian Vincenzo havei virtù
De fá, che re castagne, e i fighi secchi
Le manderan come confieti zù.

In miezo zà dre piegore, e dri becchi
Me poero tanto haora ghe penso sù.
Sorte mandame là tra sassi, e stecchi.



Za che de mi cerché relation
Per nó haveime moe visto intro mostrazzo,
Aposta questo schizzo de mi fazzo
E a vuì ro mando come a mië patron;

Ve diggo in prima, che ricco non son,
Ma che non son tampoco un poverazzo,
Nó tratto con nissun da faramazzo,
E ogn'un tratta con mi come è raxon:

Mi n'ho bellezze, ma solo un pó d'ere
Son grande, e viesto, e si me fazzo honó,

[ 175 ]

E se nò spendo, e spando nò ghe voere;

Mantiegno fuoe de caza un servitó,
Perche vivo suggetto ancora a moere;
Ma mille votte chiù soggetto a Amó.



Me dechiero, son schietto, e si no adullo
Mi non scrivo toscan per no saveì
Ne che tampoco sé Pueta ve creì,
Che n'intendo Virgilio ni Catullo:

Ma scrivo a ra Zeneize per trastullo,
E ben spesso per raggia, come veì,
Fazzo in un'hora duì sonetti, e treì
E n'ho in trei meisi impio quasi un faullo,*

Che mi ri buetto la cosi de tiesta,
E cosi a vista d'oeggio te ri taggio,
Che n'ho cervello andá per feste in chiesta;

Questo ve diggo ben, che non rettaggio:
Dro resto so, che no haveran requesta,
Ma non ne paghereiva un spigo d'aggio.



Meschin Ro Porco si resta* de fuoe,
che nissun moe s'arregorda* de lié;
Quando re Crava, ro Lion, ro Buoe
Foin mizzi in Cié per lampe, e sexendé;

Ma con ri vostri versi, o bella suoe,
Haora se trueva in su ri sette Cié,

[ 176 ]

E tanto a re atre bestie di se puoè
Sorva, quanto za sotta, a parei miê.

Povero porco, che se n'eri vui
De longo o stava dentri caroggetti
Con ro mostazzo a mueggio intri porcuì.

Ro mondo haora puoe vei, che ri berzetti,
anzi re penne bonne dri scrittui
Fan ri porsi sgorá come oxeletti.



Questo pieto ro lete ne desprexa,
Ch'o sé più cado, e fresco, e tanto preizo.
L'è arbo com[e] lete dro Pareizo,
Ma l'è feto de ceira de veniexa;

Questa ceira è ra lesca, Amò l'aprexa
Da fassane ogni cuoe, che o l'haggie aceizo,
Ro mé ro sa, ne me ne chiamo ofeizo,
Si sempre o bruxa come lampa [...]

Ben una cosa si me fa stupí,
So, che ceira non ghe* viegia, ne nuoeva,
Che non fazze ro fuego intenerí;

Ma se duro l'ardó tá pieto truoeva,
Che l'è lete a ra vista posso dí
Ceira a ro tocco, e marmaro a ra pruoeva.



Ho visto ancuoè dormí ra mé Rosinna
Desteiza dentro un praò, ch'a campezava

[ 177 ]

Come una rueza in sù ra verde spinna,
Bagná da ra rozá, perche a suava;

E non solo a unna rueza matutinna,
Ma quanto miegio ra considerava,
A ra stella d'Amó, se dra marinna
Humida a l'iescie fuoe, l'assemegiava.

Mirando esti suoi ra chioggia viera
Disse, seì, che ro fronte, anzi ro Cié
Manda per mantegní re suoì dra chiera,

De queste suoì che non brusan per zié,
Ni manco fa inpazzi dro só ra spera,
Amó fa, che sé un di ro giardinié.



Amò, se ben ti fé, che má me riezo
In pié, doreì de ti zà non me voeggio,
Chiù presto stá dentro mé chianto a mueggio
Che pigiara con ti, da mi m'eliezo;

Anzi dro chiento mié Peretta in miezo
Pá, che a sé dra marinna un duro suoeggio*
Perche in cangio de fame un pó bon'oeggio,
Ogni di sempre lié me fa ro piezo;

Mi l'honoro, ra servo, e de cuoe l'amo;
Liè me strapazza, e fuzze e m'odia forte
Amó ti puoe pensa* se vivo gramo;

De lié me duero ben; ma chiù dra sorte,
Chi unna chi e* ra mé vitta, e cerco, e bramo,
E liè si brama, e cerca ra me morte.


[ 178 ]

Per fá cercando Amó de l'humorista
Perdeì ra liberté che havé con meigo,
Donna m'innamorà subito vista
Se ben má vorentié ro collo chieigo:

Certa ch'a fui, ch'era personna avista
E m'accordeì per servitó con seigo
Vegnì puoe spendioù, ni feì mue* lista;
Cosi va, chi s'impaccia amó con teigo?

Non zà ch'andasse in chiazza con ra sporta,
ma in robe, in ori, in quanti, eque, e zibotto*
Spendeiva, e in atre fechie d'esta sorta;

Ma più visto a ra fin, ch'era un fanetto
Da pueì montá de gioù,* de donna accorta
A m'elezè per cameré segretto.



Per fá un sonetto, che sé un pó godibile
Bezuegna haveì gran tiesta, e bonna venna,
E voreighe doggiá da puoè ra schenna
Voi, Chiazza, in queste cose e sei terribile.

Ma a chi non vè con ri oeggi, e l'è incredibile
A di, che posse fá mieza dozenna
De sonetti in Zeneize de più* senna,
Cosa per mié pareì squexi incredibile.

Mi mue nò ne fazzo un, che viegne intriego,
Ch'o ghe bezuegna sempre, o piezza, ò zointa,
Onde dentro componnero [...]

[ 179 ]

Voì ch'heì venna de scrive tanto in quinta
Femene beive un gotto, e ve ne priego,
O quassesè vendeimene unna pinta



DIALOGO.


CHE ve fazze un sonetto? in come[n]sé.
Quanto ve creì, che deggie staghe a pruevo?
Un di a ro manco. Haora mi ve descruevo
Per un balordo, e per un pappachié.

Nè manco un quarto d'hora. Voi burlé.
Ve parrà giusto, che mi chiorle un'oevo?
Per veì questa provessa non me moevo.
Non v'accorzeì, che son za a ra meité?

Sté pù a veì ro fin, che me contento
Voì, che di, ch'un sonetto non se puoe
Faro de pié. L'ho dito, haora me mento.

L'homo, che è homo fé quello, che o voè;
Direi chiù, che me spremo, e che ghe stento?
Questo chi n'è un sonetto, eh pá Batuoè?



Vuoeggio fá un sonetto per capritio,
Guarde come so andeto a incomensaro,
Con tutto so bezuegna liveraro
Per non mostrá d'haveì poco giudicio:

Ma questa rima fastidiosa in icio

[ 180 ]

Sara* caxon non solo de pessaro,
Ma fossia, e sara* piezo, de strassaro,
E mandá questi versi in precipitio;

Taxei ch'ho feto ra testa, e ro busto
Ghe manca solamente haora ri pié,
Puessia o sarà compio, e sarà giusto

Fazzo pù ri sonetti vorentié,
Perche me pá cosi, che gli* haggie gusto;
Veivero chi, ch'o va zà da per liê.



Se chi ve mira s'abarluga, e strinna
Bella porsé* ben di che seì ro só;
Ma se da vuì ne veggo nascie amó,
Vuì sei ra viera stella matutinna.

Ma seè* lunna con mi che voea, e pinna
M'amermé, m'auesei* gusto, e doró,
Perche ancuoè n'ho da vuì chiù d'un favó,
Doman me fé re gronde in traversinna

Come ro só bruxeme, a* innamoreme
Come Venere pù, l'ho per fortuna;
Ma per piete*, quando me veì, mireme;

O quando l'un va sotta a l'ere brunna,
Con ro piaxei de l'altra illuminame;*
E cosi in tutto imiterei ra lunna.



Voi, che de tutti haveì chiù bella rama

[ 181 ]

D'orofoeggio, e seì Pueta da re feste;
No come mi, che ro son que pars este,
Vui, che seì cosi aguzzo, e cosi lama;

Voreì cosi delongo, che ra brama
Dri vostri versi dentro cuoè me reste?
Feme un sonetto un pó, viegne ra peste
m'hei cosi deto in tutto in tutto mama?

Chiazza puoè, che levaò d'in quello scoso
me son dra me carissima Peretta,
Non sò chiù cose se gusto, o reposo:

Cante per consoreme* un po un'horetta,
Che chì me fermo, e ra sanfornia poso
Per aspietave vuì con ra musetta.



Puoè che ro só ra sò lanterna cruoeve,
Ch'a ro mondo intro morro o tegne votta,
E ro lume, che luxe, e che no scotta
Prima che in Cie ra lunna se descruoeve;

Mi me n'escio de casa, amó me muoeve
L'annima brilla, e gusto a tutta botta,
Vaggo, che amó voè, che dra me devotta
Ro vivo sò ra viva lunna altruoeve:*

L'è un scuro inviero troppo desonesto,
Ma mirando ro Cie de lumi aceiso

[ 182 ]

Ro Cié me mostra andá seguro, e lesto:

Si diggo, o stelle belle, haora ho compreiso,
Che ra strá vuì m'arví l'è giusto, e honesto,
Se me ne vaggo in scoso [...]



A RO SEGNO LONARDO LEVANTO.


RO Golfo m'ha purgaò senza meixinna
Dro má dra Lombardia, son chi gagiardo,
E cosi grasso, e in ton, che scoro lardo,
Beneito sé quest'ere dra marinna:

A ra seira barchezzo e a ra matinna
A ro fresco d'un erboro l'aguardo,
Non ve poressi cré Segnó Lonardo
Come staggo con Monti in pavarinna.

Nuì femo dri disné, femo dre senne
Con ri compagni, e quarche merendetta,
Ma non bevemo moe vin d'ammarenne.

Nui ne voreimo, a dira, una cassetta,
E per fane ne havei de dotre menne,
Voì per pareì d'ogni un sei ra pandetta.

Scriveighe unna righetta
Me dixan villa vui, che o ne ra mande
Perche liè ne pò havei da mille bande;

Per questo instanzia grande
Mi ve ne fazzo, e si ve prego assé,

[ 183 ]

Che quanto prima poeì, ne ra mandé;

Ch'haggiandone un bozé
Da tutti ri segnoi dra vostra schutera*
Ne porressi incassá na mezeiruoera;

E azzò non ne sè fuoera
Chi no havesse de vin, feghe unna tassa
Ch'o ve preste per mettero ra cassa,

Ro papié me ghe lassa
Ma resto a dive, che ri fiaschi pin,
Averti, non mandá dri chiu picheri,*

Che quanto chiù de vin
Ne bagnerei re lerfe, e nui lantó
Sciugheremo chiù inchiostro in vostro honó

Ne farei stò favó?
Possemo nuì speraghe? cosi divo?*
Ma ro fareì che seì caritativo;

Atro chiù non ve scrivo,
M'era desmentegaò, che per ro costo
N'aspieté tanto amabile a ro mosto,

A ri trezze d'Aosto
De l'anno apruovo a ro seicento diexe
Che non pigiassi erró. Vin de seriexe.



M'è capitao de vin ri fiaschi sié,
Che dra mé musa a ro stagnon zá chin
Spoento havé l'egua, e perso ro bocchin,

[ 184 ]

Lonardo, puoeì pensá s'ho lodaò Dié.

Ve viegne a vuì tante barrî d'amié,
Quante me mande* a mi pinte de vin,
Che bagnaò d'amarenne ro stopin,
Spiero fa versi chiù doci che mié:

Fossia intra tiesta me porreiva intrá
Quello furó, che no ghe steto moé
Perche non pò quell'equa* invriagá;

Per haora parlo poco, ho troppo sé;
E s'ho tiraò ro vin con ro cantá,
Ro vin me tria* mi; patti paghé



Permi dagghe a ro vin, che vnoe* ra mieta,
Chiù non ro cerco, e non ghe spendo un sodo,
Quest'equa de Parnaro*, e beivo, e lodo,
Fazzo una vitta avantaggiosa, e quieta:

Quando, come un Tozzin muoe quarche Pueta
Coronaò d'orofoeggio, e che mi l'odo
Sempre vaggo a pigiá ro miè berrodo;
Cosi no spendo, e si no fazzo dieta;

Chiazza, in fin l'esse Pueta è un gran vantaggio,
Re muse ne son bergore, e garzoin,
Ne miega Apollo puoe d'ogni contaggio;

Fin se manca un barluexo intri casoin
Andè in Parnaxo, e senza spende un'aggio
Trove* per ogni canto dri [...]


[ 185 ]

Donca, Chiazza, se n'era ro scrivàn
Hereditavi sette miria lire?
Che queste cose vuì posse* paire
Me maraveggio, affè da Crestian:

No voreì donca a un'arma dá de man
Ne lasse*, che nissun ve tiegne, o stire,
Andá da un'amoraò, che ve l'affire,
E ammazzá, menizzá questo marran.

Che sette miria lire; Chiazza, odivo
Sei che oerità de roeze, giasemin
Farieva* un morto, e squexi torná vivo

Per contra un vivo, che n'ha de sodin
O spussa, creiro a mi, che ve ro scrivo
Per ogni verso come un sorfanin.



Me respose un segnó, di pù che abbocco.
Ch'ogni concetto di se pò in Zeneize;
E perche d'esto vitio ro repreise,
O m'haveiva per xanni, e per balocco.

E o disse, mi no craò, solo se tocco.
Duì sonetti o l'havé feti in un meize,
Quelli cari, o me dè, mi ghe desteize
Duì sonetti in un'hora, o restà mocco.

Non se pò vive pe ro Pueta Tosco,
Noi a sentiro lié brutó da chen;
Lié come un gatto d'India o buetta mosco:

[ 186 ]

Ro nostro chi è parlá da Chrestien
O no pò lieze, e puoe ro Griego fosco,
Ro Spagnuoe, ro Franceize o l'ha intre moen

Questa cosa onde ven?
Perche nissun de nuì scrive no semo
Quattro parolle, che non toscanemo,

Pá che se vergognemo
Dra nostra lengua, che è verguoegna grande,
E che tá opinion de nuì se spande,

Miré che nissun mande
Zeneize in stampa un verso in ra so lengua,
Ma su re muse Tosce o se deslengua;

E puoe se o se perlengua
Feto che o l'haggie, a vui pensá ro lasso
O sonetto o canzon, che non vá un sasso,

Che o buetta a cassafasso
Fraxe Zeneize, e parolle toscanne
Ch'a ro verso, a ro son poeran Campanne,

Aò che gente Paganne
Lassan de cré in ro so bon Parnaxo,
Per un'atro seguine abbrettio, e a caxo;

Haora con ro cuoe baxo
(Che no pò con ra bocca, chi no re hà)
Dro Foggietta re rime ch'o lassà

Liè no se rebellà,
Ma pe ro so Messié Zeneize Apollo

[ 187 ]

O l'haveré impegnaò ro feriollo,

E si o n'era babollo,
Ch'o no savesse elieze ro so miegio,
Anzi l'era un gran savio, e dotto viegio:

Pigievero per spiegio
Vuì, che di, vengo, a viegno, & hoggi, a ancuoe,
Ch'hoggi ve viegne un cancaro intro cuoe;

Aspieterei da puoe,
Che ve deggian stimá ri forestié,
Se vui ve dé dra zappa su ri pié:

Prové in nome de Dié
Ei* beive intri Bezagni, e intre Ponseivere,
E lassé un poco andá l'Arno e ro Teivere,

Za che ri havei, goveivere,
Che storbio chiù no pisserei, ma chiero,
E spesso che chiù importa, e non de rero;

Nissun no sarà lero,
Perche questi Toschen, questi Puetetti,
Veggo, che zuegan tutti a trionfetti;

Se semene sonetti
Haora de cento no ne ven su diexe,
Cosi vegniran su come cereixe;*

Mi ne ho feto siexe
Tra heri, e ancuoe, se ben fossa ogn'un stima
Che dighe zo per scarsitê de rima;

Ma sacchié ch'ho unna lima,

[ 188 ]

Che lavora chiù assè che no ve crei,
E con ro tempo ve n'accorzereì.

Ossù inteizo m'haveì,
Se voreì fave aguzzi, e fave ardij,
E no stá come seì Pueti perij;

V'aspieto convertij,
O mette a ri Toschen Pueti ra cao;*
Sanfornia o sarà puoe ra gioria* toa.


IL FINE.