Ra crava hermafrodita

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Ra crava hermafrodita
by Todaro Conchetta
da Ra Cittara Zeneize do 1665
clicca in sci asterischi pe amiâ l'errata corrige
[ 24 ]

RA CRAVA


HERMAFRODITA.


Aora sì che ra Musa,
Lustrissimo Patron,
No sà trova* raxon,
No sà comme l'è usa buta* bon:
Va poco da ra rente
Consaghe in man ra penna, chi l'intende,
Che a perde fuoe dro solito ra scrimia
Da puoe che vui gh'ei feto vei ra mimia.

2.
Vorre* rengratiave
Vui, che m'havei mandaò
Ra Badessa dre Crave
Con ro figho biniello assaxonoù;
Ma mi no sò da puoè,
Se don conta* dra fava, ò dro faxuoè,
Se per sgorbia, ò scopiello don piggiara;
Se Musa ò sigoriello don chiamara;


[ 25 ]

3.
Ra braga, e ra piccaggia,
L'anchize, e ro martiello,
L'aguo, con ra tenaggia,
Ra meizera l'è chi con ro caniello,
Ro foghon, ro sciuscetto,
Con ro ballon l'è chi ro sgonfietto
Indistinta union sta chi d'appresso
Ro doggio senso l'un con l'atro sesso.

4.
Con ro canestrelletto
Vegho ancon ra fughazza;
D'ond'è ro ravanetto,
In ro mesmo terren ghe* l'armorazza;
E restando confuso
De vuei in ro mesmo ponto, e riela, e fuso,
Ben posso, come all'homo in sciù ra fin
Dighe hic, & hæc Capra in bon latin.

5.
Così tra l'hecche, e l'hicche,
Così tra l'e, e tra l'effe,
Va poco che mi picche,
Che ra muza de mi se ne fa beffe;
Così vuoe ra fortunna,
Che cosi in ere tra ro Sò, e ra Lunna
M'attrovere* ro serviello a mà partio;
Beneito se* ra Crava, e sò Mario.

[ 26 ]

6.
[M]a za che tutt'insieme
De meschiase con mie
Ra Musa se fa sprieme,
Finirò ra Canzon cosi per rie,
Dirò che me stupiscio,
Perche quest'union no ra capiscio;
Che annimæ come questa in bonna fè,
No n'è muè stæto in l'Arca de Noè.

7.
Anzi son de parei,
Quando ro Patriarca
Stentava a tutto puoei
De conservà re spetie d'intre l'Arca,
Bastoù questa haveræ
Per doi, ne o ra lasciava per dinæ,
Ghe saræ parso per chiù breve via
Puoei miegio fa doi corpi con unna pria.

8.
Chi ro Martin, e ra Crava,
Son tutt'un, tutt'insieme;
Chi son tutt'unna fava
Conzonte fra de lò re parte estreme;
Ro scioù tra lò è commun
Pe ra bocca de l'atro mangia l'un;
Onde questi in caritæ, e in amò
Son (duo) duo in carne una ancora lò.

[ 27 ]

9.
No digho, che unna votta
Non me maravegiasse,
De vuei* sciù unna cà rotta
Depento ro Dio Giano con due fazze,
Se ben che con gran penna
Ho puoe trovoù mill'homi d'esta menna;
Ma chi me fa stupì chiù veramenti.
Sotto unna coa doi membri differenti.

10.
O vui che dra natura
Serche* ro pei intre l'oevo
Vegni* a vuei* zoventura,
Cose ve porta l'[A]frica de noevo;
Da muen dre me chiù brave
Fæto insieme virei chiaveura e chiave,
Tutt'assieme in maniera sovra humanna
Ro battaggio zittou con ra campanna.

11.
Utrum, medicus inquit,
Duplici corruptione
An generare possit
Cum natura,& cum virgæ erectione?
Auctor in aphorismo
De quidditate rei, & priapismo,
De coitu largo modo, & scripto quoq[ue];
Opinionem habet in utroq[ue];

[ 28 ]

12.
Salmace era unna figgia,
Che matta, dixe Ovidio
D'unna bella caviggia
A ra vosse in fin vense per assidio,
E preghò Giove in Cè,
Chi non ra lascie destacca* da lè,
E Giove fè o servixo cosi ben,
Che de doi restan un ni chiù ni men.

13.
[S]crito per quanto intendo
Pittagora lascià
Che re annime partendo
Fra de lò stramuandose de cà,
Zughando a ro siazzo
Da un corpo all'atro solan fà strapazzo;
Se l'è cosi, saccie*, che in st'annimà
L'annima de Salmace è trasmigrà.

14.
Chi visse un pò Cecilia
Fase duxento croxe,
Che l'ha per mirabilia
De vuei* meschiou con ro pignuoe ra noxe,
L'oxiello, e ra pelloeura,
E ra bestia attacca* con ra mangioeura;
Ghe dixe in concruxion ra me meitè
Miez'hirco, mieza crava, e tutto bè.

[ 29 ]

15.
Mi che no so trovaghe
Parola amfibologica,
No so che nome daghe;
Onde inanti dirò, ch'in bonna logica
Ri filosofi vuoeran,
E quasi che attramenti di no puoeran
Implicat, dighando che in effetto
Non puoe sta doi contrarij in un sogetto.

16.
Aristotele donca
Dixe perso* un forfoggio,
Che o me scuse, o s'imbronca,
Che o vaghe a dase a ra so testa un boggio:
O sangue d'unna loa,
Che o l'erze un poco a st'animà ra coa
Puoe, che o me saccie di tra bassi, e ati,
So che o troverà congionti Agere, e Pati.

17.
Patron fassemo posa
Con dì che ra natura è unna gran cosa,
E ve son schiavo a vui con ro Siò Poro,
Cum totis membris in utroq[ue] foro.