Povera guagliona!

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
[ 1 ]

BIBLIOTECA TEATRALE GENNARELLI

Diretta da CARLO DE FLAVIIS


F. G. STARACE


Povera Guagliona!

DRAMMA IN UN ATTO




No turco napolitano p3.svg




NAPOLI

Casa Editrice italiana Cav. Emilio Gennarelli e C.

Monteoliveto, 39 e 40 - Telef. 30-60

1922



[ 2 ](Per offenere il diritto di rappresentazione, rivolgersi all’Agenzia genera dell» Società degli Autori per il Repertorio dialettale napoletano — Napoli —

via Bùigoano, 4J. _; [ 3 ]interlocutori

Ac ATI na

Carluccio

Ernesto )

/ vecchi settuagenari i

Ciccio /

Cfccia

Er nessi na — bambina di 7 anni

La scena è in Napoli— Epoca attuale. [ 4 ] [ 5 ]

ATTO UNICO


La scena rappresenta un salotto mobilitato decente mente, ma sen^a lusso. In mezzo i’i < ll ri tornio con tappeto. Porte faterai t cil alti a in tondo, finestra «i sinistra.

SCENA I.

l ICCIO e C ECCIA (seiiutt di fronte ricino al fondo, che tiiuocano le carte).

Ciccio — Scopa!

Cfcci \ Nun è ovoto... addò è tatto sta scopa?

Ciccio A vi ccà. (spiegando le carte) Quatto e cinche,

nove.

Ceccia— 1 u ine nbruoglie sempe a me puverella. Che to cride che me storie ? lo min me stone.

C ICCIO — £ io manco me stone. Accusete ’e punte tuoie, pecchi* io ll1 accuso e punte mieic.

C ECCIA Io no tengo einche. e a partita va a nove. Ciccio— E io no tengo quatte. Mo vedimme si min te vence pure chesta.

C ECCIA — E ghiuoco st è à jucà, nun fa tanto ’o chiacchiarone.

Ciccio— A boi vedo, ncè vò poco. Io tengo na scopa, e aggio fatto a pninera e ’o settoia. Ma me cumhine I auti ddine punte, e nce simme.

C ECCIA — Addò nce si in me ?

Ciccio — A nove punte. E te vence doie belle partite 1 Ceccia — F. doppe eh e vince che ne caccio ? Nino stani • p me incanno po pazzia. [ 6 ]Ciccio— Pe pazzia ?T’’o cride tu ? Nuio avimme fati*

o patto: Ogni partita cinche zincarde ncoppa o na»Ql

Ceccia — Aiere, ma no ogge. u

Ciccio — No. ’o patto dura scmpc... Doppe chet’aggi*! vinciuto, t’aggia eunzignà 10 zincarde, e t’aggi# jgl stii naso russo, cornine a nu puparuole.

Ceccia — E tiene ’o core e m’ o fa, a me povera vecchia) *

Ciccio — E tu l auta, nun me’ ’e date a me?

CECCIA — E a te lice azzeccavene, pccchè tiene stu bell* j

naso a carcioffele.

Ciccio — Ufi ! vedi te chi parla ’e nase !

Ceccia — Aiere sera. IO pure te vincette na partita, e tei

sparagnale e cinche zincarde che t’aveva da.

Ciccio — Nun iti’è putiste dà pccchè venette l’uorche, \ j

tiempo, e fenette o spasse. 1

Ceccia — Ma... pecchi* te staie arrunzanne tutte cose?

Ciccio (pigliando le carte) L ultima è stata a mia.

CECCIA (imbronciata) — Va buò, o saceio è- vinciuto,

pecche in* è mbrugliata. a

(. ICCIO — lo aggio vinto onestamente, e adesso mi spetta

il premio... Iamme. zi vicchiarè, apparecchietc,

o naso... acc umincia a cuntà. jB

CECCIA — 1 u me à fa buono, e cinche da icre sera che nun

te e dette. L aute cinche facimme a pace stasera.

• iccio — A pace e n auta cosa. Io mo aggia avè ’o sfizio,

che I aggia dà cinche zincarde ncopp’o naso.

Cf.ccia —Ma... nun me fa male... fa chiano, chi ano, M jH r • » » iit jflB

me taie asci o sangue d o nase.

Ciccio — Nonzignore, nun te faccio male {le dà dei colpdtU

con le dita, sul naso). J

Ceccia (Ja delle moine) Ma tu me staie cellecanne... Uh!

chesta è stato troppo forte!... Nun nce voglio iucà

cu te. <

Ciccio —Me pare che te può cuntetà aggio fatto na cosa

doce doce.

Ceccia —‘ No... si nu birbante !... Ceccia toia, nun te voi bene chiù.

Ciccio— E tu pecche pierde ’e partite ? Quanne vince, m ’e saie dà tu a me ?

Ceccia — Ogne anno na vota. lu me nbruoglie sempe! Ciccio — E si faci in mo nauta partita a vince tu. Ceccia — Overo ? E tu me a faie vencere?

Ciccio — Io ino votte a perdere. ’O rieste pò le à fa tu. Ceccia— E ghiammo’.Mo vedimme si nce riesco ? («« accingono a giocare). [ 7 ]( .imo — Approposito: saie se l’uorche sta durmenno ? avessemc fa na frittata cu chillo malandrino?

Ceccia Sta durmcnno a suonno chino.

C iccio — E che ne saie?

Ceccia — Nun me a chiammata ancora d ’o caffè. Isso

se piglia primme o caffè e pò se sose. Che ora sarrà?

Cicc io — lo credo che saranno nfaccia e ddiece.

C Kccia — Allora tenimme tiempe chiù e n auta ora. Pr un me e I unnece nun me chiamma.

Ciccio — Eggià, chillo fa ’o vagabondo. ’A notte a passa a ghinea, e a matina s”a passa a durmì.

C FCCIa — Che sciorta nera che à avuto chella povera figlia ! Chi nce 1 avesse ditte che s’aveva mmantà e chesta rnanera ?

Ciccio— E nce ave colpa essa, nun à vuluto sta a sentì a nuio povere viecchie... e mo chiagne.

C ECCI A — lo nun cumpatisco a essa, cumpatisco a chella guagliona !

Ciccio—Che peccato à fatto chillo angiulillo che aveva capita mmano a chillo galiota?

C ECCIA — 0 Signore nce a ddà mettere ’a mana soia !

Ciccio — Chillo va a ferni ngalera; e accussì nce o levamme a tuorne.

Ceccia — Scopa !.. .Mo t’aggio fatto io à scopa, è viste ?

Ciccio—Me sò stunato nu poco, accussì l’è pututa la. Ma mo nun me stono chiù!

Ceccia—Spirammo che te stuone n auta vota, accussì ne faccio n auta. (seguitano a giocare e ridere)

SCENA II.

Carluccio e detti.

Carlo (dalla porta a sinistra) Seh ! me piacite ! Ve state facenno na par tetella?... I n vece ’e fa chello che se a ddà fa dinta a casa, vuoio ve mettite a ghiucà? E io pecche ve donche a magna ? Pe ve fa spassa, pe ve fa lucà ?... Ebbravo !... Ebbrava !... Dateme sti carte! (le piglia, le lacera e le gitta dalla finestra) Pe mò ve faccio chesto, ma n auta vota che me ne addona. ve ne caccio a tutte e dduie d ’a casa.

Ciccio — (Trema e balbetta delle parole incomprensibili).

Ceccia — (Lo slesso).

Carlo (a Ceccia) — Tu pecchè nun tnè purtato ’ó cafè dinte o lietto ?

Ceccia (molto timida) — E vuio nun m avite chiammata. [ 8 ]Carlo— Aggio sunato ’o campanello rloic vote, lu nun sirntc quann’uno te chiamine?

Ciccio — L’a vi te cumpatl, pecche s‘è (atta nu pucurillo sorda; ’a luntann nun sente troppe.

Carlo — E quanne è sorde va o spitale, 1 aria e ccà nun è cosa chiù pe essa.

Ceccia — Io nun sapeva che vuio ve susiveve chiù priesto d’ o solite.

Carlo— Io songo padrone e me soscre quanne me pare V e piace, e tu è asta sempe pronta pe me servì. È capito? Vedile quanta cunfidenza, s’ànna pigliate sti duie viecchie. ]

Ciccio—Ceccia, vuleva dì che.. |

Carlo — Statte zitto tu ! Nun risponnere mtnieze, che 1 nisciuno te nce à chiammato ! ’O ccapite che è na carità che ve faccio, a tcnerve dinte ’a casa mia? Ciccio (haibell a mio) — Sissignore... sissignore...

Ceccia — (Lo stesso). m

Carlo—Che vuie ve site fatte duie guaie, che nun site buono ’a niente ? |

Ciccio — (c. s.) J|

Cfccia — Sissignore... sissignore... |

Carlo—Che ve state magnanno ’o ppane mio ’a tra&4 mento ? tH

Occio — (c. s.) |jf|

Cuccia — Sissignore... sissignore... 1

Carlo — Dicite sempe Sissignore e nun facittf mai niente.

E cammere l’avite arricettate tutte quante?

Ciccio — (c. 5.) fi

Ceccia —Sissignore... sissignore...

Carlo (controjaccndo) Sissignore...È intanto ’a casa è sempe sporca. A cammera, che aggià affìtti, 1 è sta tutta pulita ?

Ceccia —Da quanne se ne iette chillo Signore furastiere a facctte comme a nu specchio, e nisciune chiù nce è trasuto.

Carlo — late là dmte levatece ’a polvere, passatece a mappma nterra, pecchè chiù tarde vene n’auto Signore, nu cavaliere, che se ’a vò affittà. Vedite comme I avite tratta, pecchè chisto tene denare assaie... e nu Signurone !.. Avite capite ?

Ciccio — E nulo le facimme sempe tutte ’e servizie che nce cu m man nane.

Carlo— Ma chisto lavite trattà meglio e l’aute.

Ciccio (piano a Ceccia) — Chisto caccia chiù denare. Ceccia (c. s.)—Che se vede ncoppa a stu inunnol [ 9 ]At TO UNICO 9<

l 1 o \ guagliona che *e no f lutto > nun a veto.

Siui v Sto dui menno, povero crintura, io po nun 0

  • celò 1’aggio lassala diurni

x k 1 o Sto dur menno a ihcit ora? \ edite* Comme lo vite npotola ov venata 1 Na guogltona capriccio»*.

che nun vò (a mente.o tuio e o mamma la portato oppeso nganna ! I. aggio npoià ionu poco «Tallite azione.

l u i U’ (Invece e s*à nparÀ isso!)

C \RI O C he ilice ? Che io nun lò buono è nparA l’allut azione 0 chella guaglione ?

Cucio lo chrsto sleva dicenno,*, che sultauto vuio putite (a sii cose, pecchè urna à vulimme troppe bene.

CvRlO lo pure «1 voglio bene assale, e peccheste l aggio npai à.

L ECCIA Ma l avile Iiparà cu nu poco chiù e maniera. \ tacite fa a vermenara «1 chella povera matura!

C\Kto Stalle zitta tu ! Tu si vecchia, saie fa ’a cazetta, nun capisce stì coso...’ Va dinto. valle a scetà, e falla subito vestì.

Ceccia - Mo nce vaco (si avvia a destra).

C \RLO No., nce aggio penzolo meglio, tu le faie troppo cerimonie... Mo vaco io, e a faccio vestere subite... subite... (entra a destra).

Ciccia — Povera criatura ! Va trova che le farrà?

Ciccio Mo ave certamente na mazziata. E tutto chesto pe causa toia.

Ceccia—I ? E che nce trase !

Ciccio Sì a scetave primma, ino nun sarria succiesso

chesto.

scena in.; ’Èm

Ernestina e CarLICCIO e detti.

ERNESTINA (dentro) — No... no... papà mio... nun me vattite, 10 nun ’o faccio chiù!

Carlo (dentro) N auta vota che te suse a chest’ora, io te vatto c”o cingnone !

Ceccia — Sentite... sentite... Che nfamel

Ciccio — La fa piglia la trezza de li vierme a chella criat ura !

ERNESTINA — {esce da destra correndo, vestita soltanto col sottanino e porta la vestina sul braccio) No... nun me facite niente... io ve voglio bene assai e... io nun o faccio chiù... (si ricovera vicino a Ciccio) Nonno mio... aiutateme vuio j

_ [ 10 ]Carlo (fuori)— E ragione che te ne si fuiuta ! Si nò na paliata c”o cignone nisciune te a levava!

Ceccia — Nzomnia che peccato ’a fatto, sta pover* figlia ?

Carlo — Se è susuta a chest’ora, pe nun ghi a scola. Ernesta — Ogge è festa, io ’a scola nun nce vaco.

Ciccio — Avite ntisc che è festa! Che ne vulite ’a st* guaglione, che a maltrattate sempe?

Carlo — E tu ti piglio l’ardire e me risponnore a me) Mo chello che nun aggio fatto a essa, t o faccio a te| (inveisce) \

Ernesta — Ah!... lasciateme sta ’o nonno mio, io ’0 I voglio hene assale ! ... (lo abbraccia).

Carlo— E dì n auta vota, o nonno! Io t’aggio avvisato tanta vota, che chisto se chiamma Ciccio, e chesta se chiama Ceccia ! E nonne tuoie sò muorte ! Si no ’o ddice pure nanze a gente, e io me mette scuorne e tene sta specie ’e pariente !

Ceccia—Già... mo passamme comme a perzone e servizie. Carlo—Che io pecchesto ve tengo, si no ve ne avarria cacciate a tanto tiempo ! Vuio site duie magna franche, nun site buone a mente. 381s

F.RNESTA — Io sempe e voglio chiammà accussì, pecchè ’e voglio bene... (stringendoli) Nonno mio... e nonna mia. ìgps

Carlo (irato)— Nun ’a di chiù sta parola che te scanne!

(l’afferra, c la parta innanzi). *

Er.NESTA (grida) — Ah ! nun me facite niente !

Carlo — E ’o ddice chiù ? fi

Ern’ESIa — No... no... nun ’a dico chiù, ma nun me facite niente ! mI

Ciccio — Che compassione !

Ceccia (piangendo) — Core da nonna soia!

Acati na e detti. Agata — (da sinistra, con accappatoio bianco, captili scinti e pettine in mano) Che è succiesso ? Che le stai* facenno a Ernestina ? ERNESTINA (correndo verso Agatina) — Mamma mia» aiuterne tu !... Papà me vò vattere ! Agata—Pecche vuò vattere a sta piccerella ? Povera figlia ! Viene cu me... statte cu mamma toia ! [ 11 ]i ARLO — Neh ! Avvesse dà pure cunte a te, se à voglio

vattere ?

Agata —Sicuramente! lo songo ’a mamma 1 C ARl.O— Fa... chello che à fa ! E nun te rniscà pe miezo L“ allucazione nce à inpare io à (iglicta !

\cata—Vinte chi le à npara a te ! Che te ha fatto, figlia mia? Che tà fatto ? Dille a mamma toia 1 Ernesta (piangendo e singhiozzando) Mammà... me steva vestenno... io sola...sola... è venuto papà... e me à tirate e capille... forte... forte... e pò me vuleva vattere cu o cignone !

Agata — E tiene ’o core e nce ’o ffà, a chist’angelo ? Carlo — Essa se a dda nparà, 5 sosserse pricsto a matina nun a dà sta a durmì nfì a tarde ! Si no corre ’a mazza. Agata — Ghuè ! faggio ditto tanta vote, lassa stà sta guagliona, si no nun saccio comme finisce ’o fatto. Carlo— E comme fernisce, lasseme sentere ?

Agata — 0 ssaccio io ! ’O Signore ’a coppa nun se ne sta (alla bambina) Gioia ’e mamma ! Vatte a vestere dint ’a camera mia, che io mò vengo.

Ernesta — Nun me lascià sola, che io me metto appaura ’e papà.

Agata — Nun ave appaura... mamma toia sta sempe cu te ! (Ernestina entra a sinistra, portandosi la vestina) Galantò ! Che avimme fà ? Io sta vita cu te nun me a fide ’e tira nnanze. Nu luorne e chisto me ne vaco e te resto a te sulo !

Carlo—Addò vaie? Io sempe marito te songhe, e ’a dà cunto a me ’e tutte cose.

Agata — Allora tu me è a dà a magnà !

Carlo—Si ’o tenesse? Io nun o tengo, e nce ’a penzà tu ! Vire chello che à fà, pecchè io sto senza renare. È scaduto pure ’o pesone, e ’o patrone ’e casa, vò essere pavato!

Agata — E che buò a me ?

Carlo — Pienze a chello che a fa, ca cà nce serveno ’e

lire.

Agata — E io addò ’e caccio sti denare ?

Carlo —Quanno ’e vuò fa, e ssaie fa. Abbuoniconte, io accussì voglio, e accussì a da essere... si no correne ’e

nnuce !

Agata — Piezze e svriugnato ! Hai ragione a chell’anema ’e Dio, e a chi Ili duie viecchie, si no, nun me truvarisse

chiù !

Carlo—Va buò, stu servizio ’o facimmo dimane! Pe mo vatte a vestere pecchè adda veni n’amico mio, un [ 12 ]giovene ricco; che se vò af f i i tà * cammcra !... (con

intenzione) È caputo?

Agata — Adda essere n auto galiota cumme a tc 1

Carlo— E si era deritto, cumme a me, to nun era tanto scemo che o faceva veni cà ! Chisto è iiii piccione, che a poco l’è muorte o padre, e 1 à rimaste lire assale !...Vide comme te à purtà !

Agata—Assassino d à casa mia ! Pure le à chiagnere chello che fate a me ! 0 Cielo è giusto ! Quanno manco t aspietto, o Signore farrà e vendette meie ! (en/ro a sinistra).

Carlo — Seh IM’è fatto capace cu sti chiacchiere. Cà lamine truvanne ’e dCnare chi ’e tene ! (vede Ciccio e Ceccia, che sono in fondo) E vuie che facite lloco ? Pecche avite ntise tutte ’e fatte nuoste ? Stiveve fa cenno a spia !

Ciccio — Nonzignore... nuio steveme cà, e cà simme rimaste.

Carlo — Quanno vediveve che io e muglierema steveme parlanno ’e cose segrete, ve ne aviveve i dint à cu cina. ,

Ciccio—Ma nuto simme’o patre... e’a mamma... e me pare.

Carlo — Chi patre ?... chi mamma ?... Vuio site duie ser-^ viture !... Mo pure chesto aveva senti... ’O pate 1.. ’a mamma !...

Ceccia — Comme, io me l’aggio allattata c”o sciato a chella enatura; e ino nun ’a pozze chiammà manco chiù figlia?... Che disgrazia !...povera figliola!...

(pianse).

Carlo — E chesto nce mancava, nu poco ’e piccio appresso ! Va buò, dimane ve ne iate d a casa. A te te mette a S. Gennaro ’e Povere, e a essa ’a manne

o Serraglio. Chille songhe ’e poste che v’attoccheno, Là putite piccià quante vulite vuio, che nisciuno ve dà audienza.

Ceccia — Comme, io vaco ’o serraglio?

Carlo —• 0 serraglio, si... addò stanne tutte ’e vecchie pezzente.

Ciccio (piangendo) — E io, cu na bannera mmano. che vaco atterranno muorte.

Ceccia — Cicci... Doppe 40 anne, nce spartimme !...

Ciccio — Cicciarè... Nuio simme viecchie, chi sa si ncè vedimme chiù !

CECCIA— E tu penzarraie sempe.a me?

Ciccio—Io sempe... E tu t’arricurdarraie d’ò vichiarieiio tuio ? (scena di commozione fra loro). [ 13 ]ff \ Ri.o — UffahlChiste nun a femescene chiù *c chiagnere ! Aggio fatto peggio e nce ’o di, aveva fa e

zit to.

Ciccio (c. s.) — ’O dulore mio è che nun veto chiù a chella

enatura!

Ceccia — lo more, quanne nu dormo chiù vicino a essa. Carlo— E fcrn.tela cattera I si nun ve state zitte piglio

o funucchietto e v arrefrcsche.

Ciccio — Nce avite cumpiat?.

Carlo — lo pozze cumpiati a vuio? Io tengo e guaie mieie. pozzo senti pure o piccio vuoste ! (Sto penzanno che m’aspettano o bigliardo pe ghiucà, e tengo sultante otto solde dint a sacca) (ai due) A proposito! Vino pocoprimme ve stiveve facenno na partita, vene a dieere che temte e denare stipate pe ghiucà ? Ciccio—Nonzignore... Nuio iucaveme a zincarde ncoppa

o naso.

Ceccia —Tanto è overo che tengo o nasillo russo... russo.

e ancora m’abbrusce.

Carlo — Io nun ve crede vuie site duie malandrine. Ciccio — V ’o giuro, ncoppa à cuscienza mia!

Ceccia— Pe quanto voglio bene a chella cnatura! Carlo — A me nun me facite messere ! Ve voglio fa na rovista.

Ciccio — E vedite vuio stesso, si è overo.

Carlo — (Jruga nelle tasche di Ciccio, e dopo di aver cercato trova un doppio soldo) E chisto che r”è?

Ciccio — È nu doppio soldo, che me vuleva accatta o

tabacco.

Carlo — Pure chist auto vizio te si nparato ? Addò tè pigliato sti duie solde?

Ciccio—Me l à regalate Agatina.

Carlo—Agatina ? Chi è Agatina ? Vi quanta cunfidenza che se piglia ! T’aggio avvisato che se chiamma a Signurina !

Ceccia —Nino nce avimme fatto a vocca... sempe accussì i ♦ • i •

I avimine chiammata.

Carlo — Ah ! tanne !Ma mò è n auta cosa ! E poco

chiacchiere, pecchè io accussì voglio!

Ciccio — Accussì vulite, e accussì facimme; avasta che

nun nce ne cacciate.

Carlo — Sti duie solde sò d e mieie, pecchè tu te l’è ar rubbato a ncoppa a spesa, (li pone in tasca) (aggio

agghiustata ’a meza lira).

Ciccio — (Addio ! pure chesto se à pigliato, sò rimasto

senza tabacco ! ) [ 14 ]Carlo (a Ceccia) — Lnssrrne vedè a te. Che tiene dint’e

sacche ?

Ceccia— E vedile... Nun nce truvate manco nu centesime ! sto asciutta comme ’a n’esca.

Carlo (visita le tasche)—Cà nun nce sta niente 1 (pone /« mani sul petto di Ceccia)

CrcciA —Gueh ! vedi te addò late cu o ciuccio? lo

vecchia e inselline me à posto ’e mmane npietto.

Ciccì. tu ’o vide ? e nun le dice niente?

Ciccio — (E doppe che nce ’o ddice, che ne cacc’ic?)

( ARLO— Nun ghi a cascetta, che io nun t’aggio tuccato. t asciuta chest’auta zitelluccia ! Vedite, stu casciabanco pure essa se risente (dopo visto superficialmente) Và buò. nun tiene niente !.. I atevenne dint”* cucina, e nun pipitiate, nun sciatate manco,aspettate che io vi chiamine.

Crccio — Sissignore!

SCENA IV.

Ernesto e detti.

Carlo (suono di campanello interno)—Anno sunata ’a porta! Và arapì tu. (a Ciccio). E si è chillo Signore»^ fallo subito trasi. t- falle cerimonie assale. ,

Ciccio — Mo nce penz io (entra e riesce a tempo)

Carlo (a Ceccia) — Accuonce nu poco stu tappeto, miettc e segge a o piz.ze Moro...muovete...me pare na tartaruca ! «

Leccia— E mo... m avite dà ’o tiempo, io so’ vecchìai nun sò na figliulella.

Ciccio (fuori) —È chillo Signore che stiveve aspettanno.

Carlo (con modi melliflui) — Oh ! Cavaliere ! favorite, voi siete sempe o padrone d ’a casa.

Er \ esto (fuori)—Grazie... grazie... siete troppo buono (evita di dargli la mano).

Carlo — Ciccio , jarnms leva ’o cappiello a mano o Signore pigliete ’o bastone., se vede che te si fatto nu viecchio stunate.

Ernesto — Oh ! non v incomodate, farò da me ! Credo che sò venuto nu poco presto, evvero?Voi v’alzate tardi, perchè andate a letto molto tardi.

Carlo — Si chesto è overo, me sose nu poco tarduliUo, ma stammatina, aggio fatto chiù priesto d"o solete. Ernesto —Mi dispiace il fastidio, che v*aggio dato. [ 15 ]C A Rlo — E che fà ? Quanno s addà cumpinà n affare

nun se guarde si è chiù tarde, o chiù priesto

Ernesto — (M ’o chiamme affare? !) E la stanza non s» può vedere ? Forse ci sono persone dentro?

C’aRLO — Mò Viene a Signora mia. e v a fa vede; sapite, chiste sò affare d”e femmene. io nun me ncarico e sti ccose.

F.rne*to— E la Signora starà molto ad uscire?

Carlo -- \onzignore steve facenno un poco ’e tuletta, ma mo esce.. Ceccia. va dinto. e va a dicere ’a Signora che se spicciasse .

Ctcci.A—Mo ve servo (entra a sinistra).

Ciccio — Eccellenza! e a me vulite niente?

Carlo —Statte fora a sala, si te voglio te chiammo.

Ciccio — Io me metto, cà, vicino a porta assettate, pe sta pronto a tutt ’e chiammate (esegue).

CARLO — Miettete addò vuò tu. (ad Ernesto) Chiste sò duie viecchie serviture ’e famiglia... stanno dint a casa nosta, da mano a mio padre... e perciò se pigliene a cunfidenza.

Ernesto— E questo succede sempre. Quando stanno da molti anni in una casa, diventano essi i padroni.

Carlo—Io nce tengo na pacienza... e n’affezione.. Ma n » #

no visto nascere... stevene ai tempi, quanno a famiglia nosta teneva a carrozza.

Ciccio — (Quanta buscie che sta accucchianno ! Mo npapocchia pure a chisto!)

SCENA V.

Ceccia, Ernestina (da sinistra) e detti.

ECCIA— A Signora mò vene... ve ’a mannato ntrament* a piccerella.

Ernestino — (Veste l’abito che à portato prima con se. e fa capolino dalla porta)

Ernesto — Oh ! che bella bambina ! Veramente bellissima !

Ceccia — Viene, gioia d a nonna, nun ave appaura!

Carlo — (dà uno sguardo feroce a Ceccia, poi dice ad Ernesto) ’A piccerglla. è nata minano a loro, ’e chiamme nonni a tutte e duie sti viecchie. Accussì ll’ ànno mparata. e accussì è rimasto.

Ernesto— È una cosa cosi comune pei bambini.

Carlo (ad Ernestina) Viene... gioia ’e papà!

Ernestina — Ma vuie nun me facite niente? [ 16 ]16 POVERA GtfAGLlONA

Carlo—No... papà tuio te vò tanto bene,pecchè 1 avaria fa quacche cosa?

Ernestina — E stu signore, che sta Uoco, chi è?

Carlo— E n’amico mio. Nu hello Signore, che/te vò tanto bene .

Ernesto — Vieni, carina, tu sei na bella piccerella. Vuoi darmi nu bacio ?

Ernestina — Ve ’o dò. ’o bacio, ma vuio che me date?

Ernesto — Tutto quJlo che vorrai. ’A molto spiritosta ragazza !

Carlo— E che ne sapite ! Tale e quale ’o spirete mio quann’era piccirillo ! lo pure c.rcave sempe.

Ciccio — E se è purtato accuss5)

Ernesto—Accostati, fammiti vedere... Ma proprio bella. bellissima!... Quanti anni ha?

Carlo — Ne tene sette, ma ragione comme a na figliola ’e vint’anne.

Ernesto — Potete andare superbo pe sta figlia che avete. 1

Carlo — Ve pare... chesta è ’o core mio... io sultanto a essa tengo, e tutte ’e gulie che le venene nce faccio passa... sò nu poco debole pe sta figlia!

Ciccio (piano a Ceccia) Quanta bucie che sta dicenno!..

Ceccia (c. 5.) Chillo , le fa chelle mazziate !

LrNESTO —Come ti chiami, bellezza mia?

Ernestina — Mi chiamo Ernestina, ai vostri comandi.

Ernesto — Oh ! bravo ! il mio nome.

Ernestina — Comme? Vuio pure ve chiammate Ernestina? 4B

Ernesto — Mi chiamo Ernesto, che è la stessa cosa.

Ern est a — Uh ! cu mme site curiuse ! T enite nu nomme ’e lem mene?

Ernesto — Sei tu invece che tieni un nome di uomo! Perchè S. Ernesto è maschio nun è femmena.

Carlo— E chelli pò, che ne capisce ’a criatura.

Ernesto— lo lo dico per scherzare un poco me piace a piccerella, perchè è spiritosa... sa rispondere.. {ad Ernestina) Ma, intènte, il bacio che ti ho chiesto non me lo ài dato ?

Ernesta— E tu nun m’è dato niente ancora...E ditte che me dive tutto chello che vuleva io,ma io nun aggio avuto niente.

Ernesto— È giusto ! Ogni promessa è debito.

Carlo — Se dice: A sante nun fa vuto, e a criature nun pruinettere.

Ernesto— E che cosa vorresti? Che ti piace dippiù ?

Ernesta — Chello che vuò tu... che ne saccio io mo... [ 17 ]Ernesto— Per ora ti mando a pigliare qa bomboniera, quando poi vengo ad abitare qui, ti porterò na pu pata grande.

ERNESTA —Tu viene a sta e casa nzicme cu nuie?

Er N ESTO — Sicuramente ! Credo che venga domani!

Ti fa piacere?

Ern EST a — Uh ! assaie... assaie...

Ernesto— E perchè?

Ernestina— Pecchè tu me si tanto simpatico, me piace

quanne parie.

Ernesto—Ebbravo !... Sò andato al genio, a la ragazza! Carlo— E ve pare, vuio l’avite prummise tanta cose. Ernestina — No... io nun ’o voglio bene pe chesto... ’O

voglio bene pecchè m è simpatico.

C \ rlo — Seh ! me piace! Questo nu sta bene nnanze a

> i

papa!

Ernesto — Non glielo dite pecchè a facite murtificà... A vedite si è fatta rossa... rossa... Viene cà, Ernesti io pure te voglio bene assaie. (la bacia) D. Carlu, o servitore vostro pò scendere un momento?

CaRLO — Sicuramente ! Ebbè. io pecchè ’o teneva?? (gridando) Ciccio !Gueh! scetete... nun durmì... o Signore te vò cumannà. *

Ciccio (che si era assopito) — Scusate...m era scappato ’a suonne ! ... Che v’aggia servì ?

Ernesto — Dovreste farmi il piacere di comprare na bumbuniera a sta piccerella.

Ciccio—Tutto chello che vulite.

Ernestina — Nonno ! sà, io ’a voglio bella... grossa— Ciccio — E ’o nonno (vede la faccia di Carlo) E Ciccio tuio te cuntenta.

Ernesto (cava dal portafogli una carta) — Queste sono dieci lire, regolatevi voi di prendere una cosa buona. Ciccio— E io mò ve servo. (Mo m’abbusco na meza lire ’e ri ale ! meno male !)

Ernestina (ad Ernesto)—Mo te voglio chiù bene! Ernesto — Ah ! birbantella ! pecchè t’aggio mannato a cuinprà ’a bomboniera?

Ernestina—E se capisce... L’ammore è fatto a cusella. Ernesto — Ma tu sai che sei una gran trafanella ! (la bacia, e la fa sedere sulle ginocchia, e fanno scena vicino al tavolo di mezzo)

Carlo (in questo mentre va in fondo dice piano a Ciccio) I u che staie facenno Uoco ?

Ciccio—Vaco cercanno ’o cappiello pe scennere.

Carlo— Famme vedè sta carta che tiene mmane. [ 18 ]Ciccio (ritirandola)—Chesta è a carta e duci lire

d”o Signore

Carlo — Voglio vede si è fauza (gitala toglie ai mano No è bona (/a pone in tasca)

Ciccio — Uh ! e io comme accattc *a bumbuniera?

Carlo — Statte zitto si no te strafoco! (gli dà dellemonetc di bronzo) Toh ! accattale na cosa e meza lira Ciccio— E ’o ricsto comme nce ’o pcnrtc ?

Carlo — Zitto ! Nun sciata manco ! Doppo s appare o fatto, nce penz’io iesce {lo spinge fuori la porta e Ciccio va via — borbottando — Carlo viene avanti ridendo) È curiuso! Me à fatte ridere Ciccio, ieve truvanno ’o cappiello. e ’o vuleva a me ?

Ernestp— Si vede povero vecchio, che si è rimbambito Ceccia—Gnemò ! Chillo diceva accuso! che pe meza lira ..

Carlo — (Va buò! Avimme capite... iesce... vattenne dint’à cucina. . E quanno te ne vaie?

Ceccia—’0 vedite cà. Uh ! e comme state arraggiato 1 (via dal fondo).

Carlo E comme se po ) nanze accussì ? Se sò fatte troppo stunatc. A me, mi dispiace pe vuie che avite

veni cà.

Ernesto lo mi contento di tutto.... (lo assaie nce ag già sta cà ?) |

arlo Avasta che vuio ve cuntentate ’o riesto è niente. Neh ! Cavalle... vuio m avite scusa, pecchè io tengo n appuntamento e nun pozzo mancà.

Ernesto —Volete andar via ? Ma fate il vostro comodo. Carlo — Nulo mò nce vedimme. Frattanto parlate cu a Signora mia; essa fa tutte cose.

Ernesto — Arnvederci D. Cariuccio.

(. ARLO — Cu licenza vosta. (gli stende la mano, ma Ernesto Unge di non accorgersene. Carlo via dal fondo)

Ernesto— Io o sapeva che me restava sulo cu a mugliera. Chesta è l’arte. E sta bella piccerella a da essere figlia di chillo padre. E mi figuro che sarrà a mamma ! Basta... vedremo fra breve!...

Ernestina—Che staie dicenno tu sulo?

Ernesto — Sto dicenno che tu si na bella piccerella, e che papà tuio è brutto.

ERNESTINA—Ma... mamma mia è bella.

Ernesto— Eh! me lo immagino... anzi lo spero!... E dimme na cosa NennèrTu a chi vuò chiù bene, a papà ’o mammà ?

Ernestina — A mammà! lo a papà nun ’o voglio bene, pecche me vatte sempe. [ 19 ]| «NI STO Vedete che animale! Batte a sta enatur al

KrN EST IN a Mr dice tenipe, che sò npertinente, scustumata, che io min le *o figlia...e me vallr c’\> ugnon* Ernesto - r. un uomo «onta cuore ! I ene na prrla e

non l’appretta!

| knfmina —Quanne papà à perduto ’o gioco, io ine vaco a nasconnerc pr pania che nun me fa na mazziata.

| rnesto Diventa idrofobo: la bestia!.. Ma mammà nun l<* dice uiente ?

Ekn em in a —Mammà, ine difenne. se mette pe mi ero ma chillo vatte pure a mammà!

Ernesto Se tc fosse quacche cosa, o farriASta a duvere a chillo birbone! Ma mò che vengo cà. ti difenne io!

I ii curre da me, e nun te ne ncaricà!

Ernestina — O nonno e ’a nonna, se mettene sempe pe mmiezo. pe nun me fa vattere, e abbuschene pure lloro.

I rnesto—’O nonna e ’a nonna? Ah! già à cameriera e ’o servitore.

Ernestina — No... che dicite ? Ciccio è ’o nonno mio, e Ceccia è ’a nonna mia !

Ernesto— Iu ’e chiamine accussì, ma nun te sò niente.

Ernestina {indisposta) — Songhe ’e nonne !... songhe e nonne !... Tu nun capisce niente !... songhe, ’o padre « • • e a mamma e mamma ima.

( rnesto — Ah ! bè ! Nce sta tutto questo ? E tratte bene ’e suocere !

} k n est IN A—E chesto che d è ?... niente!... luca vede quanne ’e pigile c’ò funuchietto, a cHiIli povere vietili arielle.

! r \ EST A — Basta !... Nennè... Chisto è la bestia umana!.. Ma io non ’o capito, pccchè mi à voluto hurlà, e me à ditto che tu ire ’o core suio ?

Ernestina— 0 ddice apposta nnanze ’a gente!... Si fosse o core suio, si me vulesse bene, nun me vatesse c ’o cignone?

Ernesto — Questo, veramente, lo potrebbe fare per educarti.

Ernestina— Allora me avarria vattere quanne faccio npertinenze, nun già , quanne à perduto e nun tene chiù denare ? ,

Ernesto — Ma sta guagliona ragiona comme a nu paglietta.

Er NESTIN a—Tu ’e figlie tuoie pure ’e vatte?

Er NESTO— lo nun tengo figli, nun tengo muglicra, sò

sulo.

Ernestina— E se io te fosse figlia, me vularrisse bene? [ 20 ]ERNESTO — Ma se capisce Ilo to vorrei un bene pazzo.

Ernestina— E io pure a tc. pecche me si simpatico, o appena taggio visto me si ghiuto a genio.

Ernesto— Ernestina mia. dammi un altro bacio; e poi. mò veco a mamma tua. le dico che io ti voglio spusà quanne te si fatta grossa.

Ernestina — E tu pò allora te sì fatte viecebie.

Ernesto— E nun fa niente, tu te spuse nu bellovecchi ariello,.. e le faie ’a pappella!... (ridono t parlano fra loro)

SCENA VI. V

Ciccio, indi Ceccia e detti.

Ciccio — (viene dal fondo, e porta una busta con confetti Chiama internamente Ceccia e fanno scena fra loro) Puortancelle tu !

Ceccia—Tu si pazze, me vuò mettere a ine, mmiez’e nbruoglie ?

Ciccio — Io che le diche ? Me mette scuorne ! (seguitano a litigare).

Ernesto (si volta) — Che cosa è stato?

Ciccio — Eccellenza, mente ! Simme nuio !

Ernesto— Ah ! voi siete tornato? E portatemi la bom~ boniera.

Ciccio — (viene avanti molto commosso) Eccellenza... io nun aggiungo truvate bumbumere, a cà ttuorne, e pe fa pnesto t’agg’.o purtate sti duie cunfettielle.

Ernesto—Mi dispiace... basta... datemi qua... (piglia la

busta)

Ernestina — E cunfiette sulamente ? E io che ne faccio?

Ernesto— Te la porterò dimane, nzieme cu a pupata.

ERNESTINA — Nun di buscie, che IO pò me piglio collera!

Ernesto — Quando te l’ho promessa, puoi sta certa che l’avrai (dopo pausa, guarda Ciccio)... Dunque?

Ciccio — Dunque!... Che cosa, Eccellenza!

Ernesto — Quanto costano questi confetti?

Ciccio — Ah ! .. quanto costano?.. (riflette molto).

Ernesto—Ma che avite sciogliere nu problema?

Ciccio — Già... ah!... costeno meza lira.

Ernesto — Ah ! ... la spesa è poca... e mezza lira ve la tenite voi, per il vostro incomodo...

Ciccio — (perplesso) Grazie... Eccellenza! (lunga pausa).

Er nesto — Dunque? [ 21 ]( u< lo — Dunque!... Che cosa?

I-,kn EST o Me pare che nce restano nove lire., dove sono?

( li i io D. Cariuccio sta cà. o se ne è ghiuto ?

Ernesto -( he c entra D. Cariuccio, col nostro conto?...

Voi rni dovete dare nove lire di resto.

Ciccio (A ditte, che apparava... che à apparato?...

1 arma d’a mamma!)

Ernesto Vuio parlate sulo, e non mi rispondete.

C ice io Eccellenza, io nun ’o tengo o resto.

LhN ESTO E che ne avite fatto? l’avite perduto? Ciccio — Se à pigliato D. Cariuccio., dice che apparava...

io clic ne saccio.

Ernesto— Incorniciamo male ! Io ancora aggia tras», e già ine cumpinate chisti servizie ? M’immagino appriesso...

ERNESTINA — Sapite, comme sarrà stato ? Mo ve o dice io. Papà nun teneva denare pe giucà, se à pigliate o diece lire da ’o nonno e se ne è ghiuto! Nun è accussi? Ciccio {le gitta un bacio)— Teh ! benedetta figlia mia! Che talento che tene sta piccerella! E ghiuto proprio dint o ’o chiuove!

Ernesto — Ma io a voi aggio cunsignato ’a carta ’e dieci lire, voi perchè l’avite dato a D. Cariuccio?

Ciccio — Data ? Chillo s”a pigliata isso.

Ernesto—Aggio capito ! N auta vota nun ve consegno più danaro. Alla vostra età vi dovreste vergognare di lare certe cose! iccio (piange) — Pe causa soia, io m aggia senti sti cose! knestina— Povero nonno, nun è stato isso, è stato chillo birbante *e papà mio!... Perdunatelo.. nun fa niente!...

hn ESTO — (È impossibile! sta guagliona non può essere figlia a chillo galiota!..) si..si lo sò il nonno è un bravo uomo! Ciccio, datemi la mano. Io ho scherzato!.. Ciccio — Oh ! Eccellenza! quanto site buono!...

SCENA VII. • .

A G ATI NA e detti.

Ceccia {vede la porta che si apre) — Uh ! sta venenno ’a

Signurina. rt v .

An ATI NA (da sinistra, vestita molto ricercata e di effetto)— Scusate se mi son fatta attendere... (resta confusa)

(Ernesto ! ) *

Ernesto {alzandosi)—Signora... (Agatina) (lunga pausa). [ 22 ]22 POVERA GUAGUONA

  • ■ ♦

Ernestina—Mammà, vide stu Signore, me À regalato ’e cunfiette. Dimane me porta na bumbunier.* e na bella pupata.

Acati NA (molto distratta)—Ebbravo ! Ebbravo !... Nennè vattcnne nu poco, pecchè aggio che fa Ernestina—Mammà, dincelle tu, che nun se scurdasse e me purtà na pupata grossa... grossa...

Agatina (c. 5.) — Si... si’!

Ernestina—Che dice: papà e mammà.

Agata (c> $*) òi*.»si...

Ceccia (piano a Ciccio) — Me pare che se sò cunusciute? Ciccio (c. s.) lo che ne saccio ! Dint’ a sta casa, succedene tanta cose! Io m aggia fa vattià n auta vota.

Agata—Mammà, purtateve nu poco sta piccerella ’a parte ’e dinte....io aggia di doic parole a stu Signore. Ceccia (prendendo Ernestina) —Viene, gioia d "a nonna. Ciccio — ’O nonno te fa vede ’e suldate che passano... iammuncenna.

F.rnestina {ad Ernesto) Nun te ne j. che io mo vengo.

(viano dal fondo)

Agata — (dopo pausa) —Tu si Ernesto ?

Ernesto— E tu si Agatina!

Agata — Nnce simme viste n auta vota doppe otto anne. ERNESTO — E chi si figurava mai ’e truvà a te, cà ncoppa!

Mai !

Agata -- E allora pecche nce si venuto?

Ernesto — Sò venuto per... per fittare una stanza ’no*

bigliata.

Agata — No... tu si venuto cà pe truvà a mugliera ’e D. Cariuccio, ed è stato proprio mariteme che t’à fatto veni. Nun te credive che era io chella tale! Vf*dite ’a cumbinazione ? ! ...

Ernesto—Assicurati... Agati... che...

Agata—È inutile che niego... nuio nce cunuscimme... E pò tu sì giovine, se sape che chesto vai facenno !... Ma parlammo nu poco d e fatte nuoste.. assiettete... Tu è a tene quacche scrupolo ncoppa ’a cuscienza. Ernesto {siede)—Lo so quello che vuoi dirmi... io sono stato molto leggiero., forse cattivo., ma nun è stata colpa mia.

Agata—No... è stata ’a mia ? ! ... Tu doppe duie anne che aveveme fatt’ammore....e chè ammore! me nchiantaste e te ne iste; c”a scusa che ghive a ’o paese a piglia a carte pe spusà...E da tanne nun t’aggio visto chiù!

Ernesto— Ed in fatti, ti dissi la verità. [ 23 ]V.ata — Si vede, comme dicistc a ventai...

£rn esto — E si nun »entc ?... Fu mio padre, povero viecchio, che nun vulctte affatto, affatto e mi obbligò

a fare un viaggio all’estero...e io. per nun dui- dispiacere. dovetti partire.

AgaT*— E teniste stu curaggio...duppe chello che m’a vive fatte ? •

Ernesto — lo allora era figlio di famiglia, e dovetti ubbidire pe forza.

Agata — E io. povera scunsulata. scrivette lettere, ncoppa a lettere, e nun avette nisciuna risposta.

Ernesto — Se capisce ! Chtlle capitavano mmano a papà.

Mo sò duie anne che isso è morto e io sò rimasto sulo Agata— E ’o Signore nce à da perdunà ornale chea tatto a me e a cheila povera criatura!.

Ernesto— Io poi da fuori, scrissi ad Arturo— te lo ricordi ? — ed egli mi assicurò che tu t’eri maritata e che stive bona.

\gata— Bello matrimmonio ! Nun puteva ncappà nu manto chiù assassino e nfame e chisto cà.

Ernesto— E pecchè te l’hai pigliato?

\gata — Che bella dimanda ? Comme si nuio auti fem* mene tenesseme ’o dritto ’e scegliere ’o marito l Io era rimasta sola, giovine, cu na criatura ’e latte che nun me deve ’o tiempo ’e fa a sarta, cu duie viecchie ncoppe e spalle, che l’aveva dà a campa io, pecchè nun se fidene chiù ’e fatica; me se presentale stu D. Cariuccio, cu dicenno che isso era nu giovine faticatore e che faceva l’orefice, e io ’o credette. Me dicette che isso me spusava, e se pigliava pura a criatura, neh ! io che aveva fa ? Me ’o spusaie, sapeva chisto che teneva ncuorpo ? sapeva che chisto era n’assassino, che s’apprufittava d ’a disgrazia mia, e me metteva a fa sta vita nfame, p ò dà a magna a isso ? kn esto— E sta criatura. che tu è ditto, chi era ?

\gata— Ernestina, comme nun ’o ssaie?

Ernesto — Noi... Ah ! adesso mi spiego? D. Cariuccio nun l’è padre ?

Agata — No... Nun sia maie !

Ernesto— E di a chi è figlia, chella guagliona?

Agata — Uh ! ’e chi è figlia ? M’addimmanne pure? È

figlia a te!

Ernesto— Ernestina è figlia mia?!

Agrta — Nun ’o vvide, che tene ’o stesso nomme tuio ?

E io nce mettette stu nomme p’arricorde tuio pecchè [ 24 ]*o bene che tanne te vuleva tra assaie... e speravo

sempe che fussc turnato.

Ernesto—Ma spiegami nu poco... io esco a npazzia! Tu non mi hai mai parlato che avive fatto sta piccerella.

Agata — T’ho scrivette dinte ’e lettere, speranno che tu m’avissc mannate quacche cosa, pe essa, no pe me.

Ernesto — Quelle lettere che io non ho ricevuto... Ma quanne iette fuori, tu manco me diceste niente.

Agata —Nun t”o dicette pe scuorne... ma io già me senteva quacche cosa... E chilli povere viecchie, quanno

o sapettere, nun saccio comme nun sò muorte, p ò dulore !

Ernesto — (dopo pausa, riflettendo) Dunque, chella povera piccerella, ...che è figlia a me !...è andata a cadere nelle mani di quel manigoldo, chela batte... e poi,

chissà, appr**sòo!...Ed è educata da te. in questa casa,, capisci ?..che non puoi darle certamente un bello esempio !...Vedete che sventura!

Agata — A chesto nce hai colpa tu !

ERNESTO — Eh ! capisco ! sono peccati di gioventù !.. Sono stato io che ho commesso una cattiva azione... ne convengo !...E le conseguenze pecchè deve soffrirle sta povera criatura ?

Agata— E chesto dico pure io ? Me sò perduta io, ma voglio salva almeno a figliema !

Er.NESTO — Salviamola ! Ma comme?... Isso l’avrà legittimata, l à data ’o nomme suoio ?

Agata — Oh ! chesto no ! Nun aggio vuluto; perchè sperava sempe che nu iuorne t’aveva truvà.

Ernesto—Ai fatto bene! Tu sola puoi disporre d’’a piccerella.

Agata — Siente, Ernè, tu dice che si sulo, che si patrone ’e fà chello che vuò tu ? Ebbè pecchè nun te piglia a Ernestina cu te ?

Ernesto —Ma io questo ti vuleva dì...

Agata —Ma cu nu patte: che tu te piglie pure chilli duie vicchiarielle

Ernesto — Sicuramente... per me saranno un aiuto... Ma tu pò comme neste?

Agata —Ah ! pe me nun te ne ncaricà... io quanno aggio posto a ossicuro a lloro, pò me a veco io cu chillo sfurcato ! Se io aggio fatto sta vita nfì a mo... è stata pe dà a mangia ’o sanghe mio...no pe isso. Ma da mò nanze nun a farraggia chiù!...

f RN esto— 7 u mi fai pena ! Che te pozzo fa io .5 Dimmelle e io ’o ffaccio. [ 25 ]ATTO UNICO lì

Ai. AT A IV mr, nun può 1« niente chiù 1...M* dumi*»* « h«

«• vurrair bene a tultr e tre i hr nun Ir Urnir mnnrà

niente.

Ernesto-—Ma li pare ?... Sò domande queste da inni ?

( Inlli duie vicchiHfielle li terrò contine papa « mammà mia; Ernestina poi «ara la tnia gioia 1 ..Lppò è nu piccerella accusai bella, e accusai bona, die \r (a vule

bene essa stessa.

Agata (molto commossa) Grazie 1... grazie !... Ernesto mio! Io benedico l’ora e ’o linimento che si venuto dinla a sta casa...io te vase ’e mmanc !...Tu me salve chella i.i... darraie a mangia’ e viecchi arielle micie 1...0 Signore te à da rennere chello che faie a na pover,i disgraziata cornine a me ! ...Vide che io chiagne pe ’a cunlcntezza !...Perdoneme se io t’aggio creduto nu birbante... no... no... tu pe me si n’angelo d o par a viso.

Ernesto—Ma... che staie dicenno?... sò io che t’aggia cerca perdono e tutto o male che t’aggio fatto!

\g at a —Ma si... ma si...te perdone...ciente vote...no una.. Ernesto— A piccerella nun à da stà chiù manco n’ora

cà ncoppa.

\c at a — Allora facite prieste... pecchè vene Cariuccio, c nun site chiù attiempo.

Ernesto— Io credo che sarà meglio fuggire da Napoli..* La porterò al mio paese, e là t’assicuro che nun nce

vene.

\gata — Si... faie buono ! Nun fa niente che io nun ’a veco, basta che saccio che loro stanne cuntente, sò felice pure io... Aspetta che mo ’e chiamme.

i RNESTO— Falli subito sbrigare... bisogna profitta ’e stu mumento.

\cata (chiama nell’interno)—Papà, mammà, vanite... purtate pure ’a piccerella...Facite prieste...

SCENA Vili.

Ciccio, Ceccia, Ernestina e detti.

Ciccio — Che d’è sta pressa ?

Ceccia — Che t’è succiesso, figlia mia ?

Agata — V’aggia dà na bona nutizia a tutte e tre ! Sò fernute ’e pene voste. A Cariuccio nun ’o vedite chiù. Ciccio — Oh ! sia benedetto ’o Signore ! l’avranno accise. Che chille accussì aveva j a fernH [ 26 ]Ernestina — Nonno ! ...Nun dicite sti co«e!.„ Chillo £

papà mio !... t

Ciccio — Ah ! si ! è overo ! Cariuccio t è padre ! lo nun nce pensava chiù.

Agata—Che corc che tene sta guaglione !... No... figlia mia...Cariuccio nun è o padre tuio...è o vero padre è Ernesto, pecchè chisto te vurrà bene overamente

Ernestina— E nun me vatte?

Ernesto—Mai!... Anzi ti darò dei dolci, ti farò educare, istruire.

Agata—Nce vuò j, gioia ’c mammà, cu Ernesto ?

Ernestina — Mammà, e tu pure viene?

Agata — Figlia mia, mammà pe mò nun pò veni, vene appriesso.. Mo vene ’o nonno e a nonna cu te, e te fanne lloro cumpagnia.

Ernestina {piangendo)—Si nun viene tu... nun nce vaco manco io...Nun te voglio lascia a te sola... Pò essere che papà te vatte, e io nun te sto vicino pe chiagnere nzieme cu te !

Agata (commossa) —Si... ave ragione... chiagne io sola) (rimettendosi) Quante si scemulella..papà nun me fà niente...Eppò fine a dimane è tutto,, pecchè vengo pure io a sta cu te!

Ernestina — Si m ò prumiette certo, io nce vaco.

ERNESTO —Io ti porterò a casa mia... Là nce sta nu bello giardino... a funtana...nce stanne e paparelle.. e pecurelle, ’e galline !...Vuò veni?

Ernestina— A me quante me piace ’o giardino! E voglio pure na bella palla che zompa.

Ernesto— Avrai pure na bella palla che zompa, non dubita.

C ECCI a — Neh ! Ma addò avimme j , se pò sapè ?

Agata — Mammà, ’o sapite appriesso, nun ve ne ncaricate. Pe mò iate dinto pigliate ’o cappiello e ’a mantellina ’e Nennella, a facite pure nu bello fangotte ’c biancaria e vestite ’e tutte e tre, e venite subito cà.

Ernesto — Ceccia, prendete sultanto qualche cosa necessaria, o rieste doppe l’accatto io.

Ceccia — Mo vaco! (Chisto a dò è asciuto io nun ’o saccio ! {via a destra).

Ernestina—Mammà tu viene dimane?

Agata—T aggio ditte sì...Te pare io te lassave sola? Tu saie quante te voglio bene!

Ciccio — Neh ! diciteme na cosa ? Chi è stu Signore che nce vò purtà cu isso ?... Io nun ’o canosco! [ 27 ]\r. ATI N a —Chisto , sapite chi è ?...fc Ernesto!

Ciccio — E chi c Ernesto ?

Agatina Comme ? ... (piano) O padre d a guaglional

Cicrio—Chiste è isso? Pe causa toia stamme suffrenno nino tutte sti guaie ! (ad Ernesto) Vuio in avite ar rovinata na figlia... avite arruvinata a nuio.

Agata — Papà... chesto sò storie vecchie... pensammo a chello ch<- fivimine fa mo !

Ciccio — Avite ragione che io me so fatto viecchio !... pecchè si nò...

Agata — Papà... nun ne parla chiù; io l’aggio perdunato.

Ciccio — L è perdunato tu, nun già io e Ceccia!

Agata — Chillo mo à prummesso che ve porte fora cu isso... e ve fa fa na bona viccbiaia a tutte e dduie, e ve leva ’a sotto a chillo assassino, site cuntento ?

Ciccio — E tu pò comme rieste ?

Agata — Nun nce penzate a me; ponzate a vuio e a gua 2ll o n a. A me nce ponzo Dio !

SCENA IX.

Ceccia e detti.

Ceccia (con cappello e due involti)Chesta è a rrobba ! Aggio fatto duie fangotte, uno pe me e n’auto pe Qiccio (glielo dà) Si ne faceva uno sulo gruosse, chisto me ’o cunzignava a me; e io purtava chillo piseme.

\i.ATA (pone la mantellina ed il cappello ad Ernestina) Và, gioia e mamma toia ! 0 Signore t’accumpagna quanta passe daie !

R s estin a—Mammà, e pecchè chiagne?

‘u.ata — Chiagne pe ’a cuntetezza, che tu te lieve a inmieze e guaie !

!.rn ESTINA — Ma tu viene dimane!

Agata — T aggio ditto si... quanta vota ’o vuò essere ditte? Ernè te ’a raccumanno, piense che sulamente rumano a te...

Lrnesto — Oh ! non dubitare...(resta molto freddo e perplesso)

Agatina — Che d’è Ernè...staie fridde ! fridde ! te fusse £Ìà pentute?Tu si ancora attiempo !

Ernesto — Oh ! pentito mai! Ma avrei bisogno di dirti un ultima cosa. (piano ad Agatina) Giurami, che non mi hai ingannato, e che sta piccerella è veramente mia figlia !

Agatina (riprendendo Ernestina)—Vattè..i esce... che nun [ 28 ]si degne d’avè chisto tesoro E nce pò essere na mamma che se leva na figlia a vicino, e ‘a dà mmano a une che nun è ’o padre ? Maritenie se à pututo vennero l’annore mio, ma o core mio, no ! Si te puorte sta criatura, tu me scippe nu piezze e core a pietto ! Eppure io me rassegno pecchè saccio ’e certo che l’aggio cunsignata a o padre suio che a vurrà bene chiù ’e me f E tu mo.. me viene a dì-, s? io era sicura?.. No...no, Ernè chesto nun l’avive dicere...manco pensa.. (piange) 1

Ernesto—No... no... Agatina mia, io non ò voluto offenderti 1...TÌ chieggo scusa., sai, è stato un momento di dubbio...di riflessione... ma adesso è finito!

Ernestina— E pecche faie chiagnere a mamma mia?

Io pò nun te voglio bene chiù!

Agata (mostra rido si allegra) — Io nun chiagne, ’o vide?

Io sto allegra !...è stata na cosa ’e niente...ma mo è passata !... 1 atevenne che se fa tarde!

Ciccio — Nun perdimmo chiù tiempo, che vene l’uorche! Agata—Mammà, papà dateme nu vaso.

Ceccia (ahbracciadola) — Figlia mia, io penzo sempe a te; e tu comme restarraie, accussì... sola... senza...

Agata — Quante manco v’ o penzate io ve vengo a truvà..

Ciccio (ascoltando) Zitto ! Aggio ntiso mettere ’o chiavino vicino a porta ! Addio ! mo vene l’uorche, simme arruvinate. oh! Mamma do Carmine, aiutecc tu.

Ernesto— Nun ve pigliate paura, nce penzo io come debbo dirgli.

Agata — Ernè nun te cumprumettere.-pienze a sta cria tura !

SCENA X. ’é .1

CARLUCClo e detti.

Carlo — Che r’è ? Nun saccio comme ve veco ?...Tenite e cappiello ncape ?...Che avite asci?

Agata — Si...hanno penzate d’asci nu poco.

Carlo — E tutte quante nfrotta vulevene asci?

Agata — ’O cavaliere se vuleva purtà ’a piccerella, nu poco a spasso, io aggio ditto a Ciccio e Ceccia, che l’accumpagnassero, pe se purtà a piccerella a casa.

Carlo — (Uh ! ...A me stu fatto nun me persuade!)

Ciccio (piano a Ceccia) — Annascunne ’o f angotte !... fa priesto! (si mettono gl’ involti dietro le spalle). Carlo (accostandosi a Ciccio)— Seh ! ebbravo, iveve vuie pure nu poco a spasso ?... E pecchè v’annascun[ 29 ]Iiii* n| i ninne nddeirlr ? I’ ih llrmc nvvrdr,. (i ifnt

I turnito) (’he r*»lm è cltMta )

(Ui in Qurild ? ..£ nu poro è f«»bn veci hi* rhe ’* vu Ii vh purtÀ o taptinare pe nvè quacche soldo.

Carlo (fi (’ecciti) I’ tu puri* a puorfe ’o */ipun«rr Sta

robn ?

(’in ia Ah f ...Guattì...Gnostl...

Carlo Seh ! E m a vite (atto eupnee cu «li chiacchiere E vuio Mie vente e me cuffià a me ? Vuio che site? Site tanta muarhillc (Parlate...Chiacchierate. Voglia sapè tutte cote, si no faccio correre l’aaao *e mazzo? Khnfsto * £ uiulile clic andate in collera, qui non »i faceva niente di male, lo ò proposto di portar mi, per pochi giorni, Ernestina in campagna per farla divertire e questi vecchi venivano con me pe fa cumpagnia ’a piccerella.

Carlo— Io ve ringrazio e ve sò tanto obbligato! .Ma pe re voi a voRta, a guaglione a cca nun se move! Si ve vuhtc purtà sulamente sii duie mausulee, site ’o

pad» one 1

\c AT A Siente, Carili, si stu Signore se vò purtà Ernestma nc tene ’o dcritto!

Carlo—Statte zitto tu! Nun parla quanno pari lo ! Avite fatto o cumprotto tutte quante!...Ma avive fatte ’e cuntc senza ’o tavernaro !... Io sto cà ! E Ernestina a ca nun ghicsce, n.J mò...e ne male!

\c AT A— Io songo ’a mamma c ce aggia penzà io !’A figlia è a mia!

( ARLO — Si tu si ’a mamma, io te songo marito,comme fosse ’o padre d”a piccerella!

\<j at A— 1 ii le si padre ? Arrassusia !’O patre ’e sta criatura Vuò sapè chi è ?...£ Ernesto !...E pecchesto tene ’o deritto e s”a purtà cu isso! arlo — Ah ! Bè ! E parlateme chiaro !Mò aggio caputo tutto cose ! (ai vecchi) E vuio pure sapiveve ’o fatto, e vi stiveve zitto ? Va buò !..m’avite veni sotto !... A D. Ernesto pò le dico: che a vuio ve faceva comodo, d’abbandunà na criatura mmano a l’aute ! E mò che s è fatta grossa, e che io l’aggio data a magnà, l’aggio vestuta, l’aggio data l’allucazione...mo venite e vulite sta figlia vostaI...Nun me pare.

Ernesto — Se è quistione della spesa...io vi ricompenserò! Agata — Addò ?...chesto ’e sanghe mio !.. Nun le dà niente.

Carlo — Chi spese, e spese?...Mio Signò !...Ca nce vonne denare assaie, nun nce avasta nu trisore. ’O sapite [ 30 ]che ’a guagliona se fa «mpt chiù bella, che I «nhc p asiano, subite...subite...

Ernesto — E che volete dire con questo ?

Carlo— A mamma s accumencia a la passatella, e Ernestina , quanne c grossa, a da dà a magna a me, pecchè io l’aggio fatto ’a padre, a vuio nun ve canosce.

Ernesto — Ma costui è di un cinismo ributtante!

Agata—Ah ! svriugnato ! Chesta ntenzione tiene ?Nun i avasta che t’è vennuta a me, te vuò vennere pure sta criatura?

Ernesto — Ma io ricorrerò perchè voi mi usate una prepotenza! lo voglio riprendere mia figlia, capite?

Carlo— E m’avite addimustrà comme vuio site ’o patre! Chi m”o ddice a me ? M à ditte essa? E chi è essa? È na femmena malamente, e io nun a pozze credere!

Agata—Uh ! Assassino, nfame! M affienne, pure appriesso? E o Signore ’a coppa, nun te fa resta fridde a stu pizzo lloco ?

Ernesto — Dimandate alla b ambina con chi vuole andare, e essa vi dirà, che vò veni cu me.

Carlo E ve voglio pure accuntcntà ! (piglia Ernestina per la mano) Dimme na cosa, bella ’e papà, tu cu chi vuò i !

Ernestina (trema tutta perla paura)— Io nun o saccio!

( ARLO Parla, rispunne !...Tu vuò sta ca, o vuò j cu chillo ? (guardandola in moda da mettere spavento).

Ernestina (piange)— Io voglio restà cu mamma mia! (si gitta nelle braccia di Agata)

Agata— Angelo mio ! E mamma toia te salva!

Carlo — Avite ntise ? ve site persuase?

Ernesto Ma voi non potete sequestrare vostra moglie, essa è libera di uscire. Agatina, Ciccio, andiamo... venite con me, e purtateve ’a piccerella... Egli nun può impedirvi (si muovono)

Carlo — (tirando fuori il revolver) Nun ve muvite nistiuiie carugnù, sino ve sparel (grida scompiglio ge~ nerak)»

Ernesto— Voi ci volete assassinare ? Chiamerò i Cara Carlo E chiammatele se siteomme ! ...Chesta è a casa mia, chesta è muglierema, e tu si venuto a ncuità ’a pace mia. ’A piccerrella tene sulamente ’a mamma e nistiune chiù; e fino a che a mamma campa, a da sta cu essa ! 1 u che vuò ?...Io nun te canoschel

Agata (come ispirata da un’idea)— E se io muresse ?

Carlo — Starria cu ine, che le faccio ’a padre! [ 31 ]Agata No!....Te sbaglici Starna cu ’o nonnet... (abbraccia fortemente Ernestina, la bacia più oolte., e poi la lascia a terra) Figlia mia, mamma toia te salvai. Papà!... Ernesto... ve artaccumanno sta povera gua pliona !... (fugge nella stanza a sinistra).

Ernestina — Ah 1 mamma mia! nun me \a;>ci& ! lo me metto appaura! (piangendo, a terra).

Ciccio — E che vurrà fa ?.. Ceccia. currele appriesftol Q ecci A—Madonna mia! che sarrà ? (entra a sinistra cor rendo)

Ernestina (sempre a terra)— Dateme a mamma mia! Io voglio a mamma mia!


SCENA ULTIMA.

Ceccia e detti.

Ceccia (dentro) — Ah ! ... (grida forti sii me)....

Tutti —Che è succiesso?

C f.’CCIA (Juori)—Currite !... Agatina. se è ghittata ’a coppa <i bascio !

LRNESTO — Currimme... forse la potremo salvare! (si slancia, poi si ricor da) ! ... Ciccio !...’ a piccerella! (via fuggendo insieme a Ceccia).

Ciccio (alza Ernestina da terra e la pone sulle spalle). h.RN estina (grida)— Io voglio a mamma miai Dateme ’a mamma mia !

Ciccio — Zitta ! gioia d ’o nonnoi mo vene mammà!

Carlo (minacciando col revolver) ’A piccerella ’a cà nun se move !

Ciccio (con accento drammatico) — Assassino l M’è accise na figlia ! Mò vuò accidere nu viecchio e na criatura!! se tiene ’o curaggio... spara !... spara!... spara!...

Carlo — (vedendo iattitudine di Ciccio, resta avvilito, e si fu cadere il revolver. Ciccio, indietreggiando fugge, fiottandosi la bambina sulle spalle).

FINE DEL DRAMMA