Poesie napoletane - Ferdinando Russo

From Wikisource
Jump to: navigation, search
[ - ]
FERDINANDO RUSSO



POESIE
NAPOLETANE





Poesie napoletane - Ferdinando Russo p1b



NAPOLI
Francesco Perrella editore
1910
[ - ]
----------
PROPRIETÀ LETTERARIA
----------










________________________________________________________

Tipi Angelo Tirani - Napoli - Via Medina, 24
[ 1 ]


I


GANO 'E MAGANZA


(1885)
[ 2 ]



Pei lettori non napoletani, è bene spiegare che, presso il Mercato di Porta Capuana, ogni giorno il cantastorie raccontava al popolino le meravigliose avventure di Rinaldo, tratte da quanti romanzi cavallereschi si sono scritti, a cominciare dai primi accenni dell’arcivescovo Turpino. Ed il popolo napoletano avea per Rinaldo una specie d’adorazione cieca; e i più caldi ammiratori, i più impressionati delle smargiassate di quel tipo, erano denominati patuti o patiti: per Gano di Maganza invece, che è il tipo del traditore, del fellone, il loro sdegno, il loro disprezzo, erano illimitati. [ 3 ]

I.

— Te si' fatto capace ancora, o no?...
Se mena mmiezo cu la spata mmano,
cu ll'uocchie comm"o ffuoco... — Jammo, To',
jammo!...— E va 'ncareca 'e chillo puorco 'e Gano!

Slancisi in mezze! E mille n'ammazzò
con unsol colpo! E: traritor villano!
per tutto il campo attorno egli gridò,
fatti sotto, assassin! cane! marrano!


— Oh!... — M"e capito mo'? Ma 'o macanzese,
c"a sapeva cchiù longa de nu mago,
che vuò truvà! Nun se facette vivo!

E allor sbruffando, in palatin franzese
dei nimici fè scempio! Ed era un lago

'e sango...! Se capisce!... P"o currivo!

[ 4 ]
II.

E che veriste neh, llà mmiezo llà...
'e ccape ruciuliavano pe terra
comm'a ttanta pallucce!.. 'E ssape rà'
Linardo nuosto, che! Cu chella guerra,

chille nemice! Se vo' vindicà?
s'ha miso 'ncapo? Embè, piglia na sferra ¹),
na mazza, na cannuccia, e 'e ffa scappà...
E c'ammuina ²), neh! che serra-serra!

Gan da Pontiere intanto, salta in groppa
e abbandonando il campo, se ne parte

pe ffureste e buscaglie, priesto priesto...

Vere ³) na casarella e llà galoppa...
Ma mo' è fatt'ora, va! Nzerrammo 'e ccarte!
Piacenno a Dio, a n'auto ppoco 'o riesto!

[ 5 ]
III.

— Limone, acqua! Acquaiuolo!... — Viene 'a ccà,
ramme ¹) na giarra semprice!... Z-Tò!
'O macanzese... se farrà acchiappà?...
— Quanto ve preco... — Comme! Mo' nce vo',

e ssite vuie!... Che carte da jucà,
Gano 'e Maganza?!... È traritore, o no?!
'A sape tanto longa!... Scapparrà!...
— Gniernò!... — Gnorsì! — ... Embè, e Linardo po'?

—'O spassatiempo!...²) — Ri' cientè 'e semmente!...
Addonca, te riceva... 'o palatino
nun ll'assecuta?! ³) nun ll'arriva! che?!

Faccimmo na scummessa?... — Tiene mente!...
Guè, ma vi' comm'è tuosto stu Peppino!...
L'arrivarrà, Linardo!... Siente a mme!

[ 6 ]
IV.

...Lassàimo a Ganellone da Pontiere
ca fuieva a Linardo a grand'imprese... ¹)
A una casetta, il traritor guarriere
galoppa per sottrarsi dal franzese.


Venimmoncènne, corre, arriva e scese!
Ganellon rio
scennette dal destriere.
Capite?... Facea cauro: 'o maganzese
alla porta s'appressa, ed il cimiere

s'aveva luvato 'a capo. Tuzzulea ²),
tenennose 'o cavallo per la briglia,
tuppe-ttu!... tuppe-ttu!... Nisciuno arape!

Chesto comme se magna? ³) murmurea...
Chesto che vene a di'?! Ngrottesce 'e cciglia,
e picchia. Ma che niun non v'è, non sape!

[ 7 ]
V.

Tuzzulea cchiù fforte. E che vuò aprì!
Quella magion era risabbitata!
Dieci anni avanti un veglio ni morì,
lo qual viveva vita ritirata...


Gano nun sape niente. E: che vo' di'?
fa ncap'a isso. Fosse abbandunata?!
Appizza buono 'e rrecchie, e sta a sentì
muliebbra una vocia... Era na fata!

Aprite! gridò il sire di Maganza
tutt'arraggiato, stracquo e cu 'a paura
'e Linardo ca 'o va piscanno ¹) ancora!

Aprite! gridà con ordacotanza,
si no Cristo mo' sgaruppo ²) 'e mmura!...
'Nzomma, po"a fata aprette, a la bon'ora!

[ 8 ]
VI.

Pe tramente traseva, da luntano
sente 'o scapulià di un destriere...
Uh ssanto Ddio!... È turco? È crestiano,
chisto ca sta venenno?... È nu guarriere!

La lancia in resta... Forse è musulmano...
ma no! Una crocia spicca sul cimiere...
È... Linardo!... Il bel sir da Montarbano,
che grida: Empio fellon!... Gan de Pontiere!...


— Ah! finalmente!... — L'ha afferrato?... — 'Accire?!...
S"o magna?... — 'O sbrana, a chillo traritore?...
— 'O spacca 'a capa o no?... — Mo'! Nun mumente!

Egli è Linardo! di Maganza il sire
die tremando e pieno di terrore...
Zonpa a cavallo... e scappa!
— Ah! Che fetente!

[ 9 ]


NOTE
__


GANO 'E MAGANZA


SONETTO II.
¹) Sferra: qualunque lama di coltello fuori uso o di pugnale, o troncone di sciabola, baionetta e simili.
²) Ammuina, chiasso, clamore.
³) Vere, per vede, da vedere.

SONETTO III.
¹) Ramme, dammi, da Dare.
²) Spassatiempo: semi e ceci tostati.
³) Assecuta, da Assecutare, inseguire.

SONETTO IV.
¹) A grand'imprese, a tutta oltranza.
²) Tuzzulea, bussa, picchia.
³) La frase, Chesto comme se magna? corrisponde all'altra: Come mandarla giù?

SONETTO V.
¹) Piscanno, pescando; da pescare, per cercare.
²) Sgarrupo, demolisco; da sgarrupare. [ 11 ]




II


SUNETTIATA


(1887)
[ 13 ]

Avite visto mai nu piccerillo
dint'a ll'acqua menà na varchetella,
accumpagnarla cu nu sprucculillo?
Pe nu farla affunnà stenne 'a manella...
Ll'avite visto mai, stu piccerillo?

Senza sciatà, c"a lengua 'a fora, attiento,
vurria c' 'a varchetella 'un s'affunnasse...
Se vede ca s'abbocca lle fa viento,
appaurato ca fernesce 'o spasse,
senza sciatà, c'a lengua 'a fora, attiento...

Ll'avite visto maie? Pur'io sta varca
aggio avviata fora a sta marina...
Ma che maretta! Quaccheduno sbarca,
chell'auta lanzetella s'avvicina...
Io, sulo e tuosto, mengo nnanza 'a varca!

[ 14 ]

Madonna mia, mànnala 'nzalvamiento,
Madonna mia, nun me la fa affunnare!
Madonna mia, mena nu brutto viento!
Mado', t'arraccumanno 'o marenare!...
Madonna mia, mànnala 'nzalvamiento!

[ 15 ]
'A GROTTA D' 'E SPAVARE ¹)


I.


L, dint'a chella grotta, 'e tiempe arreto,
nce steva, comme fosse, 'accunppatura ²),
'a cimma, 'a scumma, 'o sciore, 'a rennetura,
rocchie, paranze, cumpagnie... 'Nzigreto

nce currevano 'a gente p' 'a fattura,
p"e scungiure, p"e ncante... E llà dereto,
nun se sapeva che vo' di' cuieto...
E se faceva pure 'a jettatura.

Nce truvave 'a vaiassa, 'o cammurristo,
janare e mariuole a riggimente,
zingare smaleritte 'a Giesù Cristo...

Chillo pertuso ³) er'auto ca nu puorto!
E da chillo pertuso, ore e mumente,
sentive ascì na jastemmata a muorto.

[ 16 ]
II.


E 'a miezo a chell'ascuro, nun sapive,
da qua' strumente ascevano sti suone...
Chiante, resate, strille... E po' vedive
spuntà, chino 'e felinie ¹), nu mammone ²).

Mo' se ride: ma tanno nun redive!
Mo' ca s'è ribbazzato chill'androne,
mo' ca sta rrobba se ricorda e scrive;
ma tanno r'avria fatto 'mpressione!

E chisto tale ca t'accumpareva,
strillanno, mbruscenannose pe tterra,
e te faceva addeventà chiachiello,

manco sunnà te puozze che vuleva!
Era peggio 'e na pesta o de na guerra!
Era 'o Lupo-mmenaro... 'o Munaciello!

[ 17 ]


III.


Chesto t'avasta pe te fa capè
che bbona gente steva dinto llà...
E ppure è niente!... Che ne vuò sape'!
tant'auti ccose chi t' 'e po' cuntà!

Tu travise llà dinto? Embé, ched'è?
Tu ntruppecave senz cammenà...
Calave ll'uocchie nterra, pe vedè
quacche raggione 'e chestu ntruppecà...

Seh...! Stive frisco! Ma qua' veglie e suonne!
Chelli pprete eran'osse 'e criature!
Erano cape 'e muorte tonne tonne!...

Avive addimmannarlo a 'e ffattucchiare...!
Lle serveva nu ninno p"e scungiure?
S"arrubbavanno, e zitto. Che te pare?

2

[ 18 ]


IV.

Po' sentive 'a nu lato: — «Stammatina
brutt'affare!... Tre scorze 'e purtuallo ¹),
nu palummo e na rota ... È n'arruina!...
Vi' c'affarune, che!... Stammo a ccavallo!» —

Da n'auto lato: — «Mannaggia 'a Marina!
T"e fatto scappà pure a chillo gallo!...» —
— « Facennolo capone, int"a cantina,
nce ne sarriano jute 'a festa 'e ballo!

Io m"o steva crastanno... Ch'era sceme!...
Ma de rimpetto a mme, vicino 'a porta,
aggio ntiso l'addore 'e nu feroce!

M'aggio vippeto 'o rrusso e tutto 'nzieme
affio filato. Tengo 'a mala sciorta,
che nce vuò fa!... Ma nun ce faccio croce!»

[ 19 ]


V.


Da n'auta parte une se priparava
na bobba ¹) pe se fa nturzà ²) na mano;
nu cecato cu ll'acqua se sciacquava,
e doppo ll'uocchio lle turnava sano.

Pe na jucata ³) nce s'appiccecava.
«Tu si' curnuto! E tu si' ruffiano!»
Uno mbrugliava e n'auto jastemmava!
Nun sentive na voce 'e crestiano!

Tre fattucchiare, attuorno a na pignata,
vullevano ⁴) serpiente e lacertune,
scunnettïanno ⁵). N'auta, speretata,

cu nu gliuòmmero ⁶) nnanza, chino 'e spille,
nguacchiato ⁷) 'e sango 'e quatto scurpiune,
scungiurava, sceppannose 'e capille.

[ 20 ]


VI.


Appriesso: uno, pareva nu signore,
cu nu brillante 'o rito ¹) e 'a caramella;
e c"o tubbo nu poco a quarantore,
se ciancïava cu na piccerella.

Chisto... venneva. Era nu vennetore...
Era 'o basista ²) E chesta bammenella ³)
nun era certo na nenna d'annore,
o mmaretata o vèrula o zetella.

Tutt'e ddui s' 'a fumavano. E vicino,
na streca, nera comm'a nu tezzone,
deva nu vaso ⁴) a nu peretto 'e vino;

e appriesso a chesta, n'ommo, ca mparava,
cu nu bastone mmano, a nu guaglione,
menacciannolo, comme s'arrubbava.

[ 21 ]


VII.


Sta ggente 'e mala vita, sta mappata,
sti cchiorme 'e malandrine, ogne matina
pe quant'erano ll'ore d'a jurnata,
facevano 'e spavare... 'A crema fina!

Che nne ssapive ca dint' 'a nuttata
na femmena era peggio 'e na mappina,
e si curreva 'o juorno p"a campata
'a notte s"a passava int' 'a cantina?

Che nne sapive, ca na fattucchiara
ca se jeva arrubbanno 'e ccriature,
'o juorno, ll'arta soia era 'a spavara?

Penzave tu ca nu faticatore
t'appustiava 'a notte rint' 'o scure
e te mpezzava nu curtiello 'ncore?...

[ 22 ]


VIII.


Mo' nun c'è niente cchiù. S'è ribbazzato ¹)
da tanto tiempo chillo brutto androne...
A chesto ognuno cchiù nun ha penzato
e so' squagliate tutt' 'e 'mpressione.

Nun se ne parla cchiù. Se n'è scurdato
ognuno 'e chisti fatte; stu mammone
c' 'a notte asceva... sarrà scapezzato...
Se songo spierze, e hanno fatto buone!

Mo' nce sta 'a Strata Nova ²). E llà vicino
nce pass' 'o trammo, nce hanno fravecato,
e scorre pure ll'acqua d"o Serino...

Quacche spavaro, sotta sott' 'e mmura,
fatica ancora 'e renza ³) a lu ffilato...
Ma cchiù a nisciuno lle po' fa paura!

[ 23 ]


L'AMMORE NUOSTO...


Da Olindo Guerrini.

'Ncielo, nu cielo ca te fa spaviento,
e dint' 'o core, che malincunia!
Comme sciocca ¹) sta neva, senza viento!
Sciocca e fernesce, lota, mmiez' 'a via.

C'appietto ²) 'e core, ca pe tte me sento!
C'appressione int'a st'anema mia...
Che ffrido 'e morte! Che brutto mumento...
Me pare ll'urdem'ora 'e ll'agunia!

E va murenno 'o juorno. E a tuttuquante
manna na stesa 'e voce, appucundruta ³),
ca pare l'eco 'e cientumilia chiante...

E more l'anno. E doppo n'anno sano,
st'ammore nuosto, de mala saluta
pur isso è muorto... È muorto chiano chiano...

[ 24 ]
PICCERELLE


I.


—Io fosse na signora mmaretata...
Vulimmo pazzià?... Sì?... Viene, vie'!
—No, vattenne Nannì, ca sto seccata...!
—Me', pazziammo!... Io fosse mamma a tte...

Va chiamma a Luvisella e a Nunziata...
Uh mamma mia che caudo, cummarè!...
Nun se po' dà nu passo!... Sto spugnata!...
Guardate comme scorro!... Maramè!

—Guè, Luvisè!... Tu fusse 'a cummarella!...
Chesta m'è figlia a me... Povera figlia,
sta una zuppa!... ¹) Va te cagna ²), va!...

—Da do' venite?... Uh povera nennella!...
—Da Miccio... Aggio accattata sta mantiglia.
—È bella overo!... Quanto custarrà?

[ 25 ]


II.


—Apprezzatela vuie, siè Nunzià!...
—Cummà! Che ssaccio!... Io nun me ne rendenno!... ¹)
Cinquanta lire? —No! —Me' ²), me', cummà,
jate ricenno, me', jate ricenno!...

—No cummarè!... L'avite anduvinà
vuie... —«Rusella!» — «Oi mà ³), me sto vestenno!»
—«Quanno po"e fatto vienetenne ccà!»
Ricite cummarè!... —...Nu me ne ndenno!...

—Aggio spiso... aggio spiso... Anduvinate!?...
—Ciente lire? —Gnernò!... —Duiciento lire?...
—Gnernò! —Treciento? —Manco! —E che bonora!

—Cummà!... Ma comme... Vuie nce pazziate!
Chesta bella mantiglia 'e casemire...!
Ricite!... Jammo!... E nce penzate ancora!...

[ 26 ]



III.


—Sa' che vuò fa, Nannì? Me so' seccata...
Che nce appurammo, a pazzià a ssignore?
—Uh! Matalena nosta mmiez' 'a strata!...
Nuie parlàvemo e chella è sciuta ¹) fore!...

—Valla a piglià!... Maronna Mmaculata!...
Si chella cade?... Mataléeee... I' mo more!...
'A carrozza!... Va 'a piglia! 'Sta sfurcata!
Lassa venì a mammeta!... Te prore,

ovè oinì?... Va scôla!... I' quant'è brutto!...
Mo' me facive male 'a piccerella!...
Comm'è! Me guarde?... E nun te ne vuò ji'?

Viene a sosòra ²) Puozze murì strutto!...
Viene nennè!... Nun fa 'o pulicenella!...
Chiappillo 'e mpiso! ³) Quanno 'a vuò fernì?!

[ 27 ]


P"A VIA


—Nennè... nennè... fermateva... sentite...
—Neh, jatevenne!... ¹) Nun me ncuietate!
—Oh! che parola è chesta!... 'A do' venite?...
—Che ve mporta?! Pecchè m'addimannate?

—Ecco... Ma nu mumente, nun fuite!...
—Io vaco 'e pressa!... Uffà!... Nun me seccate!...
—Che core 'e cane ca mpietto tenite!
Se ve dico che v'amo... —Repassate... ²)

—Io ve repasso!... Ma vuie che dicite!...
—'A verità!... Tutt'accussì, vuj'ate!
Ve vulisse spassà, perciò 'o facite...

—Parola, ncopp'a chesto ve 'ngannate!...
Io faccio overamente, che credite?!...
—E valla a fa cu ssòreta ³), 'a penzata!

[ 28 ]


'A PASSIONE


Màlia ¹) s'è mmisa cu nu mammamia ²),
nce sta perdenno salute e denare...
E fosse niente si n"a vattarria!
ma chillo 'a vatte, m'ha ritto 'o cumpare.

Dice c'a fa murì! Meglio sarria!
Io, si foss'essa, me jettasse a mmare!
Cierte sservizie nun 'e suffrarria...
Chillo 'a mbriaca 'e paccarune ³) amare!

Cierti ffreselle ⁴), 'a sera, quanno vene,
dint' 'o vico, cantanno e traballanno,
mbriaco 'e scisto ⁵), 'e rummo 'e d'anisette!

E pure chella scema lle vo' bbene!...
E che crerite ca se va lagnanno?
'E schiaffe 'e ttrova meglie d"e cunfiette.

[ 29 ]


'A VENNETTA ¹)


Hanno purtato a Tore 'a Vecaria...
Ma che fracasso neh! Ma c'ammuina!
E chella sbenturata 'a siè - Maria,
'a mamma! Che sparpetuo! C'arruina!...

Tutto pecchè, cummara bella mia?!
Pe chella cavallona ²) 'e Mariannina!
'O lassa pe nu sbirro 'e pulezzia!...
L'aggio saputo proprio stammatina!

Tore, lle prore 'o naso... 'Un s"o ttenette... ³)
L'appusatiaie vicino 'a Porta 'e Massa ⁴),
e lle sunaie tre botte sott"o core...

Doppo, quann"o mettetteno 'e mmanette,
jeva cantanno: «Ammore, e che se passa!
Comme te voglio amà! Bella 'e Totore!...
»

[ 30 ]


MMOCC' 'A PORTA ¹)


I.


—Dicimmela comm'è! Donna Maria
è bona canusciuta, int"o quartiere!
Sempe ha avuto che fa' e"a pulezzia,
e chesto 'o ssano, rinto 'e Ventagliere!...

Chello c'ha fatto mmiez'a chella via!...
V"o ppo' cuntà don Ciccio 'o cafettiere...
Mmasciate, appuntamente... Uh mamma mia!
S'accummenciaieno a fa'... mali penziere!

Sberressa 'e primma fila! A poco a poco,
ogge ch chisto, n'auto juorno n'ato,
'a vesta, 'o muccaturo ²), 'e stivalette...

C'avisseve penzato?... Eccoce lloco!
Perciò s'appiccecaie c' 'o nnammurato,
ca 'o juorno appriesso Fungio l'accerette ³).

[ 31 ]


II.


Arrestano a stu Fungio. Va appuranno,
chella sfacciata nce facev' 'ammore!
Ma nun era passato manco n'anno,
e pure p'essa stutano ¹) a Totore!

Tanta fatte po' cierte nun 'e ssanno!
Ma si sapissev'io che tengo 'ncore!
Chist' uocchie ccà, hanno visto ncopp"o scanno
r' o Tribbunale, a figliemo 'o pittore!...

Sta bona pezza ²), l'aggio ncucciat'io,
na sera mmerzo l'unnece a Tuleto,
vutà p' 'e viche cu cierti sturiente...

—Nu cchiù!... —Cummà, pe quant'è certo Ddio!...
Ne teneva tre nnanza, e quatto 'a reto!
Scavemento 'e Pumpei r' 'o Cincuciente!

[ 32 ]


III.


Accussì, seguitanno 'a malatia,
cappielle, vest"e raso, anielle d'ore....
—Giesù! Giuseppe! Sant'Anna e Maria!...
—Se faceva fa' luce 'a nu signore!...

—Chist'auto po'!... Che se mmeretarria!?...
—...lle mettette na casa 'o Fiatamore... ¹)
Int'a cammisa soia nun ce starria
manco pòllece... 'O ggiuro ncopp"annore!...

—Ah mannaggia 'o Sissanta! È na scaienza! ²)
'O munno s'è cagnato 'a dinto fore!...
—Che nce vulite fa?! Santa pacienza!...

E cheste songo 'e ffemmene oggigiorne!
Quanno 'e vvedite troppo fa 'e ssignore,
cappielle e veste? Mpustature ³) e corne!

[ 33 ]


NA 'MMASCIATA


—Neh, giovinotto!... A vvuie, seh! Na preghiera!...
Ascite 'a ret''o vico pe ttramente!
—Ch'è stato?...—Nu mumente! Tu ogne ssera
aspiette a Peppenella, 'o Sacramente!... ¹)

—Addò! Gniernò!...—Gnorsì! N'auto mumente!...
Sa' che t'aviso?... E nun fa 'a faccia 'e cera!
Va porta passïanno 'o sentimente
mmiezo 'e vvicine toie!... Pe quant'è vvera

chella bella Maronna 'Mmaculata,
mannaggia 'a Vecaria, mo' t' 'a spertoso, ²)
sta panza 'e vierme, cu na curtellata!...

—Ma io...—Ma tu? Nui simmo crestiane!
Nun tremmà!... Nun carè, ca nun te soso! ³)
Cu na carogna, io me spurcasse 'e mmane!

[ 34 ]


NCOPP' 'A GUARDIA


I.


—Che c'è, Cundari?—C'è, sor dillicato,
ca questre donne, cquà...
—Gniernò, signò...
Silenzio!... Fanno un chiasso 'ndiavolato
dentr''o vicolo, llà...
—Seh, seh, va buò,

famme capace! Quanno mai si' nato?
Ricite, siè-Cuncè!...—Ma basta, mo'!
Chisto modo d'agì chi t'ha mparato?
Ricuordete addò stai, bella figliò!

Dite Cundari!...— Fanno n'ammoina!...
Mezz'ora fa se sogno appiccicate...
ho siquistrata sta spatella, cquà!...


—Gniernò, signò, verite, stammatina,
'a siè-Zufia... Sentite!... E rraggiunate!
(Puozze sculà!)—Va bene! Aspetta llà!

[ 35 ]




II.


—Signò, nuie nun avimmo fatto niente,
lassatem'i' ca tengo 'a criatura!
Puzzat'aunnà!...—Silenzio!—Cuncè, siente,
dincello a mamma, n'avesse paura!

Signò, quanto ve preco...!—P'intramente
trasite cquà... N'importa, state, 'ascura...
Annamo! Lesta!!... Su!!!
—Lè! Tiene mente!
Nun manià! Stu guardio r''a Mistura! ¹)

Eh! eh! Nennè, stai zitta, sa', per dio,
se nno vai male! Hai nteso al dilligato!
Stateve a posto ca se no so' guai!...


—Bello figliù, verite, 'un so' stat'io!
Chi teneva 'o curtiello?... T' 'e nfurmato?!
E fatti visita'! Che pavur' hai?!

[ 36 ]


'E NOTTE


(int' a nu vico)


—Nce simmo?—Se', nce simmo.—Richiarate!
—C''o prummesso... Chi songo sti signure?
—Amice, n'è paura!... 'Un dubitate,
ca ccà nun state mmano 'e ccriature!

—Comme fosse... è n'offesa ca me fate?...
—Comme se ndenne?...—Ch'è! Ve sape a ddure?...
—Gniernonzignore! Avimmo addimannate...
—Avite pigliat'asse pe ffigure!

—Già ch'è cchesto...scusate.—Niente! A nuje!...
Po' se sentette 'a botta 'e na pistola,
nu strillo e nu mmalora 'e fuje fuje.

S'arapette nu vascio. Na figliola
cacciaie 'a capa:—Cielo! E che sarrà?!...
E po' nzerraie, turnannose a cuccà.

[ 37 ]



'O GUARDAPORTA


Si parle p''o quartino 'o primmo piano,
se', state frisco! Magne 'e grasso, magne!
«Aggie pacienza!» dice 'on Ciccio Alfano.
Aggie pacienza, e ssongo tre compagne!

Vaie 'o siconno, addò sta 'o capitano,
t'ha da dà quatto mise, e po' se lagne
ca puzza 'o scisto... E comme fa 'o tuscano!
E quann' è 'a sera vo' chi l'accumpagne.

Addò l'appoia, sta sbafantaria?
Fa 'o nobbele, 'o sbruffone, e po' s'abbotta
de pulenta, fasule e baccalà...!

Saglie cchiù ncoppa, addu donna Maria?
Te ne vaie a ccascetta! E ncoppa, e sotta,
e addo' t'avuote, ccà nc'è da crepà!

[ 38 ]



DINT''O «SEBBETO» ¹)
I.
(primma 'e s'aizà 'o telone)


—Musicaaa!... Musicaaa!...—Ciccì, salute!
—Salutammo!—Sunate, prufessò!
Prufessò, prufessò!... site nzurdute?
—Nuie 'e ppavammo, sti ri' sorde, o no?

—Tu guarda sti tre viecchie nzallanute! ²)
Tuoste e rusecarielle! —Guè, Tatò!
Nu sordo 'e franfellicche... E ccu salute!
'O cappelluccio nuovo, zi-Nicò?

—Musicaa...! —Nuie vulimmo 'Un t'o fa fa!
—Nonzignore, Ciccì! Basta ca po'!
—Vulite, o nun vulite accummincià?

Ri' cientèseme! È doce, 'a paparella!
—Ah, bene!.,. bene!... Bravo, prufessò!
Chesta canzone è overamente bella!

[ 39 ]



II.


—Bisse, bisse!—Vulimmo 'a Bbeatrice!
'A serenata int' 'o Buccaccio! Se'!
—Gnorsì! Pe tte mme so' fatto n'alice!
'A vulimmo! Sunate, scorze è zè! ¹)

—Sti figli 'e porca! Don Gennà, che ddice,
'a sunammo?...—Vattenne! Ma cherè! ²)
Lass' 'e ccantà!...—Salute a chist'amice!
—Bonanotta!...—Acccurdate, don Viciè!

—Chiòvano torze 'a copp' 'a picciunara!
Don Gennà! Ma si' ttuosto? E jammo bello!
Cuntentammo a sti figlie de janara!

—Ah! Mo' 'iza 'o telone Pascariello...
Meglio accussì!...

—«Meschino!... Sol nel bosco,


di nottetempo... con quest'aere fosco...!»

[ 40 ]



III.


(zitto zitto)


—Chisto chi è?—Nu turco, nun 'o vire?
—Grazioscèllenza! 'O ssaccio; ma chi è?
—'I quant' è brutto!...—Zitto!—'I quant' è nire!
—È nu mago?—Gniernò!—Se po' sapè?

—«O buon Macon! Ora che far? che dire?
La buona via perdei... eh, eh, eh, eh!...
»
—Curiuso!—Guè, chisto chiagne e rire!
—Guè, primma se lamenta e po'... cherè?

—Chillo 'a canosce, 'a strata! Vo' fa fenta!
Nun te n'adduone ch'è nu traritore!
—Che brutta razza! Quant'è malamenta!

—Mo' t' 'o scinne, se', se'!...

—«Oh sul mio core!


Sul mio Macon! Da l'ime fondamenta
vo' far crollare il tempio del Signore!
»

[ 41 ]



IV.


(Alizannose tuttuquante e alluccanno)


—E te nne vaie o no! Isso faceva...
Che ffacive? Sta zoccola 'e samente! ¹)
—C'ha ritto? Ma che ssa', che Dio vuleva!
—Fancillo, nu pernacchio, pe ttramente!

—N' 'o vulimmo!—Vattenne!—Che diceva?
Macone è il mio signor vero e potente!
—Cacciatennillo a chisto!—Mo' 'o cuglieva
'a scorza 'e pigna! Uh Dio, guè, tiene mente!

—Sciù...—Vattenne!...—Na preta...! Peccerì!
cioncate ²), 'a lloco ncoppa! Nun menate!
Vuije l'arapite, 'a capa, a quaccheruno!

—Mannatennillo!...—Ma n' 'o facit' i'?
—Puorco!—Ca nuie v' 'o rumpimmo, 'o triato!
Nun ne vulimmo sentì cchiù nisciuno!

[ 42 ]



MARIUOLE 'E NOTTE


—Neh! Signò!... C'ora so'? C'ora tenite?
—Nun 'o porto... Nun aggio che ve fa...
—Faciteme verè... Va be'! Sentite...
Mo' si sit'ommo, m''ite 'a fa fumà.

—Ma...—Votta lloco, me'! Nun v'avvelite...
è n'arta comm'a n'ata, e v''ite 'a sta!
—Ma... Ma, insomma, ve dico... che vulite?
—Appila! ¹) Statte zitto e n'alluccà!

Bello! Accussì! T'è scesa 'a lengua nganna?
Niente. Nu rito d'acqua turriacale...
Nun c'è che fa! Dio accussì t''a manna...

E... che facite mo'? Ve retirate?
Attiento a vuie quanno saglite 'e scale...
Santanotte, signò... Nun v'avutate.

[ 43 ]



'NVITANNO E RISPUNNENNO


I.


('nvitanno)


—Acciaccusielle! Picciuttielle 'e sgarra, ¹)
vuie ca purtate 'o cappelluccio 'a sgherra,
na mazza 'n mano ca pare na varra
e si sputate vene 'o serra-serra,

e si guardate, sta guardata sguarra
comm' a na lama int''a panza, o pe terra
fa scunucchià la gente pe caparra,
mo' scemïate ²) pe nun jire 'a guerra!

A vvuie acciaccusielle picciuttielle!
Chi tene core se facesse nnaza!
Jammo! Quann''e cacciate sti curtielle?!

Na zumpatella ³) sola!... Pe ccrianza!...
E ch'è!... Facite 'e surde...? 'e stunatielle?
Ve tremmano 'e stentine rint''a panza!

[ 44 ]



II.


(rispunnenno)


—Riguardateve!...A voi!...Che vene a di'?
Che ntenzione avete, pe ssapè?...
Sango r''a ronna, m''ite 'a fa capì,
pe ggentilezza, 'o comme e 'o pecchè!

Nne tengo, core...! Stateme a ssentì!
Nzieme cu tutt''a rocchia! E... over' è!
Chi n''o ccreresse, è ccarogna! E accussì
ca ll'aggio ritto, 'o ppozzo sustenè!

Sapite: ll'Umirtà ca 'nzegna e 'mpone, ¹)
rice 'a canzona, si v'allicurdate,
songo 'e pàcchere ²) rate c''a raggione...

Pe ccunzequenzia, fateme capace...
Mo nce vo', simmo ggiuvene annurate...
Ch''ite ritto, si nun ve rispiace?!

[ 45 ]



MISERIA


—Mammà! Nu poco 'e pane...—Figlia mia!
Te l'aggio ditto ca nun ce ne sta!
Giesù, Giesù, sta povera Sufia
me fa spartere ll'anema!...—Mammà!...

—Aspetta figlia!... Guarda mmiez''a via,
ca chesta è ll'ora solita è papà...
Miettence 'a mana, Vergena Maria!
Nun saccio propio cchiù comm'aggia fa!

Giesù, Giesù, che vita disperata!
Fosse sulo pe me, nun mpurtarria!
Ma è pe sta piccerella sbenturata!

Nun chiagnere, nennè, bell''e mammà!
Nun chiagnere, si no cade malata...
Nu muorzo 'e pane... e nun ce 'o pozzo dà!

[ 46 ]



'O TERRAMOTO


I.


—'Onna Cuncetta, 'onna Cuncè!...—Ch'è state?
—'O terramoto!...—(Ha perzo 'o cereviello!)
Vuie site pazza? V''o site sunnate?
—Chillo è caruto nterra 'o campaniello!

—Sant'Anna! È overo?—Guè! Nce pazziate!
—'Onna Rusì!—...S'è apierto 'o barcunciello...
io mo' moro...—Giesù! Sante avvucate!
Sant'Anna! San Giuseppe vicchiariello!

—'O lietto traballava, me crerite?
—Uh che schianto, cummà! Che mpressione!
—Io stevo jenno nterra!—Che dicite!

—Io me stevo magnanno nu mellone...
—San Gennaroǃ—... cu figliema... Sentiteǃ
Tutt'a nu tratto s'è apierto 'o stiponeǃ

[ 47 ]




II.


Grolia Pate! Scanzatece, Signore!
Scanzatece ogge e ssempe d’ ’o fraggiello!
— Priammo ’o santo nuosto prutettore
pecchè nce cummigliasse c’ ’o mantiello!

Salve Riggina! — Santo Salvatore!
— Nui stevamo ccà ssotto ’o purtunciello,
parlanno... Avimmo ntiso nu remmore...
Neh chi sarrà? Sarrà don Peppeniello

ca se ritira. E ’un ce aggio fatto caso!
Fa sempre chesto... Ma tutt’ a nu tratto,
cummà, simmo tuzzate naso e naso...!

«Carmè!» po’ m’ha chiammata ’a ggravunara
mez’ampèttola 1) ’a coppa ’o piano matto,
«è terramoto!» Ma che vermenara! 2)

[ 48 ]




III.


— ’A rebbreca 1) l’ha fatta? — E che sapimmo!
— Giesù! Me venarrà n’appietto ’e core!
— Neh! belli ffè! Curaggio! ’Un ce avvelimmo!
— Uh, meno male! Ccà sta ’on Salvatore!

— Embè, si nce avvelimmo che facimmo?
— L’ite ntiso?... — Aggio ntiso nu rummore,
e so’ sciso d’ ’o lietto. Me’, nce simmo,
è terramoto! E songo asciuto fore.

’O tavulino m’abballava nnanza...
È stata cosa ’nu miezo minuto...
E me songo vestuto mmocca ’a stanza...

Vuluntà d’ ’o Signore, ’un c’è che ffa!
Ma dateve curaggio ch’è fernuto!
Jammoncenne, turnateve a cuccà!

[ 49 ]




LUNA


Luna luna mmiez’ ’o mare,
quanta cosa fai penzà!
Fatta apposta pe ncantare,
tuttuquante fai ncantà!

Quanno ’a notte ’e marenare
dinto ’e vvarche pe piscà
stanno a tiempo pe vucare,
tu t’affacce a ssalutà.

Cuntentona, janca janca,
tu cammine e te nne ride:
quanno mai te siente stanca?

Passe e guarde, guarde e passe...
Che nne dice, tu ca vide
sti taluorne, sti scunquasse?

[ 50 ]




MEZANOTTE


Chitarre e manduline int’ ’a Mbricciata... 1)
Sta canzona che cantano ’a sapita?
’A mezanotte poco fa è sunata...
É na canzona nova... ’a canuscita?!

Chi sa pe cchi sarrà sta serenata?
Songo cierti guagliune ’e mala vita...
Sentimmecella sta mandulinata...
Nun ve ne jate si no nce ’a perdita!

Stanno accurdanno... Jammo!... Zitto!... Zitto!...
«Cuncè cu chi t’arriseche...» Sentite!
Chesta è ’a canzona nova ’Un t’ ’o fa fa...

Ma cherè!... S’è fermato? Io t’ ’aggio ditto!
Pim!... pà!... So’ botte!... Bona gè, fuite!
Nun l’hanno fatto manco accummincià!...

[ 51 ]




UOMMENE...

I.

(na partetella)


Io faccio ’e ccarte a lluongo e sta primera!
Tenevo cinco punte e mo’ so’ sette.
– Io quatto scope... – Chesta che manera!
Vuie state jenno propeto allicchette! ¹)

Vulisseve fa ’o fatto ’e l’ata sera?
Tenevo nove punte e nce perdette?...
Che furtuna!... Mannaggia Barbanera!
’O pavaie ’a partita e me ne jette!

– Ve n’aggio vinto doie... che ve ne pare?
Nce ’a facimmo, chest’auta partetella?
– Me ne stongo magnanno, morze amare!

– Chest’auta sola... Jammo! A mano a mano!...
– Noooooh!... Stasera ’a fernimmo, ’a jacuvella!
Vui nun tenite propio niente sano!

[ 52 ]




II.

(cancariata)

Questa é la terza vorda ca ve dico
’o figlio mio lassatemillo sta!
Io songo n’ommo ’e chillo ’e l’uso antico,
e cu vuie nun ce voglio avè a che fa!

Aggio tirate ’e recchie a Federico
pecchè comme dich’io ha da marcià;
nun ha da caccià ’a capa ’a fora ’o vico
e v’assicuro ca me sentarrà!

Vuie nun me site figlio, e è troppo giusto
ca faciarrate chello ca ve pare;
addò nun c’è perdenza nce sta gusto!

Oh!... Benedetto Ddio!... Sentito mo’:
Mettimmo ca me voglio menà a mare,
me tiro a vuie appriesso?... Ma gniernò!

[ 53 ]




III.

(dint’ ’o cafè)

Santa notte!... Patrò! Nu mezzo ¹) doce,
’o Pungolo ’e stasera e nu cerino!
– (Arrassavete!... ²) ’I c’ommeno feroce!
Ccà mo’ se magna pure ’o tavulino!)

– Vuie riciarrate ca ve metto ncroce,
ma so’ mmeticuluso e naso fino...
Me capite?... ’O ccafè voglio ca côce!
Me servarrebe po’... nu pagnuttino!...

Nun è, che ssa’, c’avesse ntenzione,
comme fosse, ’e risprezzo, p’ ’o luquale ³),
ma nun è mai superchia, ’attenzione!

Pecchè, rico accussì, rico, verete:
Quann’ ’o niòzzo se cumporta male
e nun è appurtunèbbole, nchiurete!

[ 54 ]




FEMMENE...

I.

(mmiez’ ’o portone)


S Luvisè!... Siè Luvisè! Mmalora!
Me sto sbucetianno... Uh mamma mia!
Stongo alluccanno ch’è quase mez’ora!
Me fa venì n’arraggia!... ’A vattarria!

Siè Luvisella!... É morta! Niente ancora!
Puozze passà nu guaio! Arrassusìa!
’Nzaveramiento ’e me ca sto ccà fora!
Avrà lassate ’e rrecchie ’a Cunciaria!

– Che vulite, Carmè! – Nun site morta?
Che puzzate ¹) sta bona pe cient’anne!
Io mo’ steva crepanno, mmocc’ ’a porta!...

– È buono! E che vulite? Che ve manca?
– Siè Luvisè, spanniteme sti panne!
Tre savanielle e ’a vesticciolla janca.

[ 55 ]




II.

(mmocc’ ’o vascio)


Neh Russolè, stu scialletiello niro
quann’ ’o fernisce? ’O tiene mmano ’a n’anno!
– Ahah...! – Chisto, guè, se po’ chiammà suspiro!
Pare ’o suspiro d’ ’o Paperascianno! ¹)

E ggiro e ggiro e ggiro e sempe ggiro...
– Neh Russolè, ma pe chi staie cantanno?
– Lèvate ’a nanze! Me manca ’o rispiro!
Uffà! – Chedè! Ma che? Te sto apprettanno?!

Tiene ’a cimma ’e scerocco, ²) stammatina,
o pure ’o nnammurato t’ha lassata?
Sta ncuietata, donna Marmuttina!

– Ma tu che buò, Nannì? Lasseme sta!
Tengo delore ’e capo... sto malata...
Fallo pe Ddio!... E nun me fa alluccà!

[ 56 ]




III.

(nnanz' 'o ffuoco)


M' aggio sunnato nu suonno stanotte
ca si nce penzo me sento azzellì!
Abbascio a na cantina 'a reto 'e vvotte
nu piccerillo steva pe murì!

— E comme! — Già! Teneva cinco bôtte
po' 'o cuorpo... 'O sango culava accussì...
comm' a nu sciummo... Cu 'e braccelle rotte,
nu scennuflegio...! E che vularrà di'!

— Ah, cummarella mia, che brutto segno!
Ninno che more e sango... è segno 'e guerra!
Ha da capità brutto, 'a dinto regno!

'O Quarantotto io pure me sunnaie
nu piccerillo muorto acciso, nterra,
culanno sango... E 'o suonno s'avveraie!

[ 57 ]




SUSPIRO




Siente! Vederte sempe, ogne mumento
tenerte nnanza e nun puterte di'
tutto lu bene ca pe tte me sento
ancora mpietto, è cosa 'a fa murì!

Passa n' anno e nne passarranno ciento,
sempe stu core restarrà accussì;
chi sulo sape ch'è chisto turmento,
chi sulo 'o ssape me po' cumpatì!

E pure... e pure tu, bellezza mia,
lu vaso ca me diste l' 'e scurdato...
e mo' quanno me vene 'appucundria

ca me fa penzà a te ca m' 'e lassato,
addò tu me vasaste s'accalora
e me penzo ca tu me vase ancora!

[ 58 ]




CORE 'E CANE...




E songo, st' uocchie miei na funtanella
cu nu zampillo 'e lacreme d'ammore.
Io m' era miso cu na brunettella
ca ditto 'n fatto s'arrubbaie stu core.

Mo s' è spezzata chella catenella,
dint' 'o bicchiere s' è seccato 'o sciore!
Mo s' è scurdata 'e me chella mpesella:
core 'e femmena è core ngannatore!

Quanto vurria sapè c'ha guaragnato
sta piccerella a farme stu dispietto...!
Io steva ncielo, e nterra m'ha menato.

Io steva 'o llustro e m' ha rummaso 'o scuro;
e vaco mo, senza truvà arricietto,
comm' a nu cane spierzo, muro muro...

[ 59 ]




RASULATA




cH' è stato neh nennè?... — Maronna mia!
l'hanno tagliata 'a faccia!... — Miezz' a via
chesta nun ce po' sta!... — Na carruzzella!...

Jate a cercà na seggia 'a siè - Zufia!...
Vi' che ll' ha fatto, povera tetella!...
— Chi si'? Comme te chiamme?... — 'A pulezzia!...
Fermi!... Che fu?... C' ha fatto st' angiolella? !...

— N' è niente, bricatiè... Na rasulata...
— Isso se n' è fuiuto... — Mbe, va bene !...
È no scippetto... No? Sangue de Dio!

Vedimo... Proprio bbona ll' à ffregata!...
Chiama na carrozzella lei!... Mbè, viene,
Coraggio, su, nennè!... Ce penzo io!

[ 60 ]




NUN SAPITE?




Cummarè, nun sapite? Ntuniella,
'a sarta appriesso... 'A sora d' 'a cecata...
— Uh lassateme sta, siè Pascarella
mia! Nun ne parlammo! È na jettata!

— Ma comme! Me parea na santarella
chella muchiella sorda! ¹) 'Aggio ncuntrata
doj' ore fa, dint' a na carruzzella...
Cummà!... Ma comme steva ngrattinata!

Purtava nu cappiello cu na oenna,
na vesta 'e seta bella quanto maie!...
E chelli mmane! Cummigliate 'anella!...

— Io nce 'o ddiceva sempe a chella nenna!
«Nennè, va trova tu addò fernarraie!
Te staie facenno assaie faccetustella!»

[ 61 ]




MALAÙRIO


na bizzoca pazza


Trasitevenne dinto; sta chiuvenno!
Nzerrate 'a porta e jateve a cuccà!
È da paricchio ca v' 'o sto dicenno,
ca chesta è n' ora brutta, chesta ccà!

È ll' ora c' 'o demmonio va trasenno
dint' 'e ccase d' 'a gente pe tentà!
Trasitevenne, jateme sentenno!
Cchiù fora nun ve state a ntallià!

M'è cumparuto San Giuvanne a Mare!
M'ha cunfirate brutti ccunfirenze!
Pe nuie sarranno assai lacreme amare!

Pesta, guerra, culera, carestia,
cu 'o terramoto e tutt' 'e cunziquenze...
Trasitevenne rinto!... Avummaria!

[ 62 ]




'A ROTA 'A NUNZIATA ¹)




Cchiù spisso era na mamma, ca purtava,
dint' 'o sciallo, quaccosa arravugliata:
na criatura. E doppo na guardata
sott' uocchio, dint' 'a rota ll' apusava.

Zitto zitto sta rota s' avutava,
e 'a mappatella già s' era aquagliata:
e chella mamma, povera scasata,
c' 'a capa sotto se ne riturnava.

Doppo nu poco ca se n' era juta,
spianno attuorno nne spuntava n' ata,
comm' 'a primma, int' 'o sciallo annascunnuta...

Notte e ghiuorno se jeva e se turnava;
e chella rota se fosse stracquata!
Vutava sempe... vutava... vutava...

[ 63 ]




LACREME


I.


Na lucanna stu core è addeventato,
ogne mumento arriva nu penziere...
Se mpizza e zitto. E quanno s'è mpezzato
nun n'esce cchiù... Se conta e nun se crere!

Quaccheduno m' avesse sullevato!
Tutt' 'e na pasta so' sti passaggiere!
Ognuno 'e lloro, appena sistimato,
me mette ncroce ch'è nu piacere!

'O primmo doce doce murmura:
« Essa nun te vo' bene! » E pe ttramente
chisto fa chesto, n' auto tuzzulea...

Trase e me dice: « Sempe, suffrarai! »
Ma pecchè, ma pecchè tanta turmiente?
Nun putarraggio accujetarme mai?!

[ 64 ]





II.


Nu penziere me dice: «S' è scurdata!»
N' auto penziere me dice ca no...
Se fanno tutt' 'e ddui n' appiccecata;
io nun me pozzo accuietà pe mo!

La palummella mia se n' è vulata
so' dui mise, fattura nun ce po'...
Mala sciorta, ha d' avè, chi m' 'ha luvata!
Sento stu core mio c' accussì vo'!

Che ne ssapite ncuorpo che nce tengo?!
Avite vista na lacrema mai?
No. Nnanz' 'a gente ngotto e me mantengo.

Che brutta cosa a chiagnere n' ammre
quanno' uno proprio lle vo' bene assai...!
Che malatia ca ve rummane ncore!

[ 65 ]




CARCERATE




Tu quann'iesce?—Mannaggia... Pappacone!
Songo tre anne! Pe na curtellata!
E tu? — Pe mme so' ccinche mise bbuone
c' aggio 'a sta rinto a chesta cancellata!

— Viato ¹) a tte! — Viato? Aje raggione!
Famme capì... tu tiene 'a nnammurata?
— Fusse pazzo? Passai, chella staggione!
— Io... faccio 'ammore cu na mmaretata.

— Embè? — Embè, nfino a ccà ddinto, Cristo!
ll'aggio saputo!... S' è mmisa cu n'ato!
— Overamente? Che mappina 'e scisto!

— Io pò avarria sta' sempe carcerato!
Ma mò che nn'esco! E chi s'ha visto ha visto!
Mannaggia 'o prisirente scellarato!

[ 66 ]




GELUSIA




Ma comme! Te ne viene, me repasse
doppo ca nce aggio puosto passione,
de me cchiù manco p' 'a capa te passe,
e attuorno a chella fai l'avucellone!...

Ma me parlasse chiaro! Me lassasse!
Gniernò! Io po' me lagno e nun va buone!...
So' ggelosa, sti ccose m' 'e penzasse,
e mai na vota pozz' avè raggione!...

Accussì te ne trase, chiano chiano...
Ma 'i tengo l' uocchie vuone, bello mio!
Sti nganne 'e vede pure nu cecato!...

Che cride?! Ca me sto' cu 'e mane 'nmano?
Si v'arrivo a ncoccià, nun voglia Dio,
faccio jucà nu treno 'o vicenato!

[ 67 ]




'O SSOLETO




Don Ciccio Spaccacreta è murto acciso
dint' a nu vico abbascio 'o Lavenaro...
Ma chillo, già, fetèa d' essere mpiso!...
M' 'ha cuntato don Cuosemo 'o scarparo.

L' ha acciso 'o Russo. — Cì! Sa' che t' aviso?
lle dicette — N' 'o ssaie? E mo' t' 'o mparo!
Te faccio rummanè cca nterra stiso,
e perdimmo Felippo e 'o panaro!

Che ssa! dice ca Ciccio ncuietava
'a nnammurata 'e chillo... N' arravuoglio,
nu pasticcio... Faceva 'o farenella...

Chell' auta po'! Primmo s' 'o pazziva,
po' jeva arrecurreno... 'A lloco 'o mbruoglio!
Nu muorto acciso e n' auto int' 'e ccancella.

[ 69 ]


NOTE


SUNETTIATA

'A grotta d' 'e spavare.

¹) Sul Corso V. E. poco più giù del convento di San Pasquale, presso le rampe di Suor Orsola, sotto la collina di S. Martino, era, fra l' altre, una grotta nella quale si annidò una moltitudine di malviventi, fino alla prima metà del 1800. All' apparenza lavoratori di spago, corde,gomene, ma in sostanza, uniti nel delitto, costoro si camuffavano in mille modi e tenevano in terrore la plebe sfruttandone la superstizione.

²) Accuppatura, ciamma, scumma, sciore, rennetura, espressioni della bassa plebe; e si riassumono così: Il fior fiore della canaglia.

Rocchia gruppo di malviventi. Paranza, comitiva di affiliati alla Camorra. Ogni rione o quartiere aveva le sue parenze.

³) Pertuso, buco.

Sonetto II.

¹) Chino 'e felinie, pieno di fuliggini.

²)Mammone, Lupo-mannaro, Munaciello, Spauracchi di Orchi e di Spiriti, vivissini nella superstizione popolare; e delle lore figurazioni si servivano spesso i malviventi per compiere delitti.

[ 70 ] Sonetto IV.

¹) Parole del gergo furbesco in uso fra camorristi: scorze ’e purtuallo, monete d’oro — Palummo, fazzoletto di seta bianca — Rota, orologio — Far cappone un gallo togliergli destramente la borsa — Festa ’e ballo, impiccagione — Crastare e accrastare, rubare — Feroce, agente di polizia — ’O rrusso, il vino — Filato da filare, fuggire. Nun ce faccio croce: Non mi rassegno.

Sonetto V.

¹) Bobba, empiastro o altra miscela empirica.

²) Nturzà, gonfiare.

³) Iucata, giocata.

4) Bollivano.

5) Pronunziando parole sconnesse.

6) Gomitolo.

7) Imbrattato, lordo.

Sonetto VI.

¹) Dito.

²) Basista, ladro che offriva in vendita alla combriccola le basi dell’operazione, indicando in quale casa e come, e seguendo quali istruzioni, il furto doveva e poteva essere consumato.

³) Bambinella; in senso ironico.

4) Dava un bacio, si attaccava ad un fiasco (peretto) di vino.

Sonetto VII.

¹) Chiuso, murato.

²) Il Corso Vitt. Emanuele che era chiamato dal popolo La strada nova.

³) Di sghembo; lavorando allo spago sul limitare della grotta; e però si spiega il titolo de’ sonetti: ’A grotta d’ e spavare, spagari; lavoratori di corde e spago.

[ 71 ] L’ammorre nuosto.

¹) Sciocca, fiocca, da fioccare.

²) Palpito, oppressione.

³) Triste, lugubre.

Piccerelle.

¹) È tutta in sudore.

²) Va te cagna, va a cambiare d’abiti.

Sonetto II.

¹) Non me ne intendo.

²) Orsù.

³) Oh mamma.

Sonetto III.

¹) Uscita.

²) Sorella.

³) Letteralmente: piccolo nodo da impiccato: poco di buono. Espressione che si usa per rimproverare i ragazzi delle loro monellerie.

P’ ’a via.

¹) Andatevene!

²) Burlate, da repassare.

³) Tua sorella.

A’ passione.

¹) Amalia.

²) Mammamia, giovane debosciato e soperchiatore. Si usa chiamare costoro anche Mamma-santissima, Mastaccirone, etc.

³) Schiaffi bene avventati.

4) Fresella, biscotto. Si usa ironicamente per percosse.

5) Scisto, petrolio.

[ 72 ] ’A vennetta.

¹) La vendetta.

²) Bagasciona, sfacciata.

³) Non se la tenne, non lo tollerò.

4) Sito e strada alla Marina, ov’era una delle porte della città.

Mmocc’ ’a porta.

¹) Sulla soglia.

²) Moccichino.

³) L’uccise.

Sonetto II.

¹) Stutano, parola di gergo: Smorzano, cioè: ammazzano.

²) Questa «poco di buono».

Sonetto III.

¹) Al Chiatamone.

²) Disdetta.

³) Mpustatura: imprudenza nell’attirare i gonzi e nel dare stoccate d’ogni genere.

Na Mmasciata.

¹) Al Sacramento, via della città.

²) Spertoso, da spertosare, bucare.

³) Non tremare, non cadere, etc. non ti rialzerò.

Ncopp’ ’a guardia — Son. II.

¹) Mistura, per Quistura, Questura. Espressione dispregiativa.

Dint’ ’o «sebbetto».

¹) Il Sebeto, antico teatrino di marionette all’imboccatura dell’abolita via di Porto, ora via Depretis.

²) Nzallanute, rimbambiti.

[ 73 ] Sonetto II.

¹) Espressione dispregiativa intraducibile.

²) Cherè? Che cos’è?

Sonetto IV.

¹) Altra espressione dispregiativa: sorca di fogna.

²) Cioncate: state tranquilli — Da cioncare, diventar paralitico.

Mariuole ’e notte.

¹) Appila: taci! Da Appilare, costruire. Gergo.

’Nvitanno e rispunnenno.

¹) Acciaccuso, facinoroso. Picciuotto, uno dei primi gradi della Camorra.

²) Scemiate, fate gli gnorri. Da scemiare, intontirsi, fingere di distrarsi.

³) Zumpata, duello al pugnale.

Sonetto II.

¹) L’Umirtà: l’obbedienza cieca degli affiliati alla Camorra. Una vecchia canzone di camorristi diceva: L’Umirtà, ca nzegna e mpone — Songo ’e pàcchere c’ ’a raggione.

²) Pàcchero, schiaffo.

’O terramoto — Son II.

¹) ’Ampèttola, in camicia.

²) Che vermenara! Che spavento!

Sonetto III.

¹) ’A rèbbreca, la scossa di replica.

Mezanotte.

¹) L’Imbrecciata. Via sinistra presso il carcere di San Francesco, e famosa per cronache di turpitudini. Ora è divenuta la via Martiri d’Otranto.

[ 74 ] Uommene.

¹) Allicchette: col vento in poppa.

Sonetto III.

¹) Nu mezzo: una piccola tazza.

²) Arassàvete: fatevi da parte! Fate largo!

³) Luquale e lucale: la bottega, lo stabilimento. Detto in senso ironico.

Femmene.

¹) Puzzate: possiate.

Sonetto II.

¹) Paperascianno: gufo, barbagianni, che soffia di continuo.

²) Aver la cima di sciroppo: esser nervoso, irrequieto, eccitato.

Nun sapite?.

¹) Muchio surdo, Muchiella sorda: Ipocrita.

’A rota ’a Nunziata.

¹) La ruota della S. Casa dell’Annunziata. Ospizio pei trovatelli. Girava continuamente, e deponeva nelle braccia delle suore i bimbi nati dal Peccato o dalla Miseria. Ora è abolita.

Carcerate.

¹) Viato, beato. [ 75 ]




III


POEMETTI DEL CUORE


(1893-1909)

[ 77 ]




BENEDETTA!




Ah! Benedetta sie! Da dint' all'anema
m' esce sta voce, e me cunzola 'e ppéne!
Doppo tant'anne, m' 'e asciuttate 'e llacreme!
Me si' venuta a di' ca me vuò bene!

Tu, pe ttramente tutt' 'e ccose moreno,
ncopp' a stu munno, pe vvulere 'e Dio,
rignave sola, mmiezo a ciente spaseme,
eternamente, dint' 'o core mio!

Dint' a stu core, ca sentette scennere
pe ttanto tiempo, 'o ffèle avvelenato;
ca tanta vote se sentette spartere,
e s' arapette comm' a nu granato;

dint' a stu core, ca sapette ndènnere
tutto l' ammore e tutt' 'a ggelusia,
ca sapette suffrì, sapette 'o triemmolo
d' 'a vocca che chiagnea: « Nun é d' 'a mia!»

[ 78 ]

Tu, sola tu, sultanto tu, resistere
l' 'e fatto, me pe tte, pe tte sultanto,
comm' a nu sciore eterno e sulitario,
comm' a na lampa, int' a nu Campusanto!

Uocchie, chiagnite! Vuie c' 'a cuntemplasteve
cu tanto ammore addulurato e tristo;
vuie ca senza guardà, sempe, 'a vedisteve
purtanno 'a croce comm' a Giesù Cristo;

vuie, c' abbruciate, sempe, ve fermasteve
p' 'a vedè mmiezo 'e stelle, addò 'a vedite,
mo' ca ve parla e che c' ha dato ll'anema,
chine d' ammore santo, uocchie, chiagnite!

Sfucateve, accussì! So' belle, 'e llacreme,
ca ve stanno spuntanno 'a dinto 'o core!
Sfucateve accussì! So' belle, 'e llàcreme!
So' pperle rare! Lacreme d'ammore!

[ 79 ]



DINTO ’E NNUTTATE....



Dinto ’e nnuttate tempestose e scure,
quanno cchiù nzisto va fiscanno ‘o viento
e se moveno, nere, nfaccia 'e mure,
ll' ombre, e ogne voce pare nu lamiento,

scetàte all’ antrasatto, ’e piccerille
sténneno ’e bbracce, tutte appaurate,
e se scippano nfronte ’e ricciulille
chiammanno 'a mamma cu ’e voce abbrucate...

'A mamma corre. Tempestosa e scura
è sempe 'a notte, e 'o viento nun se sta...
E dice 'a mamma: — « Nun avè paura,
nu cunto 'e fate te voglio cuntà... »

« E nce steva na vota na Riggina
« ca teneva 'e capille anella anella...
« E na varca arrivaie a la Marina...
« E nonna-nonna, e nonna-nunnarella...

[ 80 ]

E pàssano accussì, dint' a sti cunte,
Fate e palomme. E 'o piccerillo 'e vvede...
« Suonno suonno ca viene da li munte,
« viene a cavallo e nun venire a piede... »

Senza stancarse maie, 'a mamma canta:
« Vienice, suonno ca nun vuò venì!... »
E a poco a poco, cu 'a capa pesanta,
'o piccerillo se torna a addurmì...

Accussì, mmiezo 'a vita 'e tutte ll' ore,
mmiezo 'a tempesta e 'o nniro d' 'a nuttata,
faccio pur 'io na faccia appaurata
e guardo attuorno cu n' appietto 'e core...

E penzo: Tuttecosa è na pazzia!
Pure 'o cunto d' 'e ffate è na parola...!
Ogne uocchio ca te guarda è na buscia!
Stai mmiezo 'a gente, e l' anema sta sola...

Ma si nu juorno, caso mai, nu raggio
te schiara 'a vista 'e chello che buò tu?...
Embè, tanno chist' uocchie nchiudarraggio
c' 'o desiderio 'e non me scetà cchiù!...

[ 81 ]




L’ ORA D’ ’O SOLE



Siente: quanno a chest’ ora ’a miezo all’ albere
se ferma nfaccia a te stu raggio ’e sole,
e sti capille e st’ uocchie tuoi te luceno
comma te luce ’a vocca p' ’e pparole,

io te guardo ncantato! E me fai credere
ca overamente si’ l’ ammore mio,
ca overamente a me m’ ’e data l’ anema,
ca overo 'ncielo nce ha da sta nu Dio!

Che desiderio de vasarte ancora!
Che desiderio, ancora, 'e te sunnà!
Tu me si' nnammurata e me si' sora!
Damme sta vocca, ca me fa tremmà!

Dimme ca me vuò bene! 'O vvoglio sentere
pe tramente te stregno e te suspiro!
Nun te stancà! Nun te stancà d' 'o dicere,
si no stu cielo m'addeventa niro!

[ 82 ]

Si no, stu sole, ca passanno 'a ll’ albere
trase p’ ’e llastre e arriva nfaccia a te,
perde ogne luce, e ’a fede me fa perdere
ca pe tant’anne ha sostenuto a me!

Io te vedevo cu ’o penziero 'e ll’anema,
e te sunnava comm’ a nu gulio...
Bella e lucente! E st’ uocchie chine ’e làcreme
erano 'o quatro ’e chisto core mio!

Mo’ tu me vase. L’ uocchie tuoi me parlano,
‘o sole luce... E tutte li mmatine
te vasa nfronte quanno te se mbrògliano
'e ricciulille tuoi, ncopp' 'e cuscine...

Io parlo... parlo. E tu me dice: Parlame!
E t' arruobbe 'e pparole ca te dio...
E 'o sole, ca pazzèa pe dint' 'a cammera,
nce vene a salutà, comm' a n' amico...

Che luce, core mio, dint' a chest' anema!
Che sentimento ca nun murarrà!...
Sora mia bella, a chisto core appoiate!
Sunnammo 'o suonno d' 'a felicità!

[ 83 ]




L’ ORA D’ ’O SOLE



Comm' 'e tre Magge vanno appriesso ’a stella,
vèneno appriesso a te, (me pare ajere!)
‘o sentimento, ’o core e ’o penziere!
Passa n’ at’ anno! E tu te fai cchiù bella!

Nasce ’o Bammino. E nasce int’ a stu core
n’ ata speranza: chella ca tu sai!
Sciore ’e l' ammore mio ca mai nun more,
fuoco c’ avvampa, e nun se stuta mai!

Guarda stu cielo! Stammatina l' aria
pare c'ha dato appuntamento a 'o sole
pe se fa dì chi sa qua' cose tennere!
Pe lle scippà va trova qua' parole!

E 'o sole pare ca le vò risponnere
tre parulelle, belle tutt' 'e tre:
« Te voglio bene! » Sciure 'e dint' all' anema,
dette comm'io t' 'e sto dicenno a te!

[ 84 ]

Stienne sti bracce! E mmiezo a sta letizia
stringeme ’npietto, forte forte, ancora!
Damme ’a vucchella! Ncopp’ all’uocchie vàseme!
Famme campà cient’anne dint’ a n’ ora!

Comm’ ’e tre Magge, addenucchiate pregano
penziere, anema e core addò stai tu;
e chesta vocca mai se stanca ’e dicere:
« Tu sola! E dopp’ ’e te nient’ ato cchiù! »

[ 85 ]




CORE CHE PARLA


I.


She bella jurnata! T’ aspetto
guardanno luntano luntano
si viene, e cuntanno 'e minute...

Diciste: « ’A tal’ora »; ma passa
n' at' ora e stu core me tremma...
Che smanie me songo venute!

Che fai? Chi te ferma p' 'a strata?
Chi dà tanta pena a stu core?
Chi arrobba stu tiempo all' ammore,
a st' anzia ca sta carcerata?

E tremmo. E sta cammera muta
s' è fatta cchiù fredda d' 'a neve...
E passano ancora 'e minute!

[ 86 ]


II.

’O sole, pe dint' 'o ciardino
da dò quanno viene io te veco,
s’ accosta e me vene a vasà;

e pare ca dice: — « Mò vene!
Aspettala, ca te vò bene,
e soffre de farte aspettà! »

E l' uocchio se perde luntano,
spianno ogne forma ca passa,
e 'o core l' arriva e l' appassa,
speranno e dicenno: « Si' tu! »

Ma correno ll' ore... E già tarde;
e sento 'o cerviello che m'arde,
e penzo ca nun viene cchiù!

[ 87 ]






VUCCHELLA MIA...



I.



Vocca, ca ciento e ciento vote all' ora
aggio vasata, e nun me stanco mai,
vocca, ca tanto bene e male fai
a chisto core affatturato 'a te;

vocca cchiù bella 'e na jurnata 'aprile
e cchiù addurosa 'e na campagna 'e rose,
àprete sempe pe me di' doi cose:
ca me vuò bene e m' 'o vuò fa sapè!

[ 88 ]

II.

Vocca, ca ride comme ride 'o sole
e si’ cchiù fresca ’e 11’ aria d’ ’a matina,
e c' ’o sapore doce d’ ’a curvina
me puorte ’addore ca me fa sperì;

 vucchella mia, ca quanno vase accide
 pecchè nu vaso tuio murì po’ fare,
 tu, sapurita comm’ ’e frutte ’e mare,
 plgliate 'a vita ca te do’ accussì!


III.



Vocca, ca pare n' uocchio ca me garda
quann' io te canto chist' ammore mio:
vocca, guardata mmocca pe gulìo,
buttone 'e rosa 'e copp' a nu buchè;

 vocca d 'ammore tutt' appassiunata
 ca quanno vase si' na lampa 'e fuoco,
 torna a vasarme, sulo n'ato ppoco,
 quanto m' abbasta pe murì pe tte!

[ 89 ]




SOTT' 'O BALCONE...



So venute a sunà cierti cecate
sott' 'o balcone addò t' aspetto a te.
Tutt' 'e ccanzone miêie t'hanno cantate,
ma nun ce stive. Ire luntana 'a me.

Luntana assai, ma chesta vota overo,
senza speranza manco 'e nu chi sa!
Luntana 'e core, luntana 'e penziero,
luntana 'e sentimento e de buntà.

E pure ' o juorno primma eramo state
stritte, vicine: t' 'o rricuorde, o no?
E me dicive cose appassiunate
ca chisto core mio scurdà nun po'!

E pure 'o juorno primma eramo jute
nzieme 'ncampagna! T' 'o rricuore, o che?
E mmiezo 'e vase nc'eramo perdute;
e tu addurave comm' 'a nu buchè!

[ 90 ]

Tutto è passato! Primmavera bella,
quanno venive e me dicive si';
quanno m’ accarezzave cu ’a manella
e me parlave comme vulev’ i’!

Tutto è scumparzo, tutto s’è squagliato,
tutto è distrutto; e stranio mo te so’,
comm’ a na fronna secca addeventato
ca nun se ferma mai pecché nun po’!

E tu si’ ’o viento, ca se nfuria e passa
senza sarè qua’ male po’ purtà,
e sbatte, e spezza, e spàstena, e scunquassa
putenno 'a vita 'e n’ommo arruvinà!

Chesto m'attocca! Quanno tu 'e sentuto
ca 'o core tuio nun le 'mpurtava 'e me,
'e miso 'o muorto dint'a nu tavuto,
l' 'e ditt' 'o requie, e cchiù n' 'o vuò vedè!

E nun 'o ssai ca pazzo e avvelenato,
mmiezo 'e ccanzone ca sentive tu,
mo' pur'io canto comm'a nu cecato
pecchè te sonno e nun te veco cchiù!...

[ 91 ]



FACCIA D'ORO



Te ricuorde, Faccio d' oro?
Te ricuorde, Uocchie lucente?
Tu redive... Io te guardavo
chella vocca 'e sentimente...

Nnanz' a nui luceva ' o mare,
ncap' a nui splenneva 'a luna.
Io cunta vulevo, a fforza,
tutt' 'e stelle, a una a una...

Po' dicette: — Nce ne stanno
doi mancante... E tu: — Pecchè?
songo scese nfronte a te!

Te ricuorde? Me faciste
nu sfastidio, e na guardata
meza storta e meza doce...
po' rediste. E sta risata,

[ 92 ]

comm' a n' aco, me trasette
dint' 'o core, e ccà vo' sta!
E tu, doppo, seguitaste:
— Chesta è n' ata scemità!

Parla! Sèguita! Tu dice
ca so' bella e me vuò bene!
Pozzo credere a sta cosa?
Sta buscia comme te vene?

Tu 'e capito, da chist' uocchie,
ca te guardo e me piace,
e vuò fa' na jacuvella...
Va, vattè! Fatte capace!

T' acalaste, e na rusella
me scigliste 'a sott' 'o muro.
L' adduraste e po' diciste:
— Nun so' scema; sta sicuro!

Parla! Guàrdame! Sbarèa,
ma cu tte nun me ce metto...
Io, pigliànnote 'a manella,
l' accustai vicino 'o pietto.

[ 93 ]

Che sentevo? Che pruvavo?
Core mio, n' 'o ssaccio di'!
Rispunnette, appena appena:
— Io te voglio bene... Sì...

Ncap' a nui splenneva 'a luna,
nnanz'a nui luceva 'o mare...
Cchiù vicino io me facette,
oe guardà chill' uocchie rare,

e' tremmanno e spasemanno,
senza di' comme e pecchè,
te vasai chella vucchella,
te strignette 'npietto a me!

Core mio, nun me cacciaste!
Core mio, nun rispunniste!
Me vasaste! Me vasaste!
Me vasaste, e nun rediste!

Io chiammavo 'o nomme tuio,
e cu 'o core t' abbracciava;
e stu core tuio sentevo
ca cu 'o mio s'abbandunava...

[ 94 ]

Te ricuorde, Faccia d' oro?
Te ticuorde, Uocchie lucente?
Nfronte a tte stèvano scritte
passione e sentimente...

Ah! Pecchè, pecchè 'o ffaciste?
Pe m' accidere, o pecchè?
Addò stai, penzanno a n' ato?
Ride mai, penzanno a me?

[ 95 ]



’O VULÀ D’ ’O SUTTANINO




Si’ na striscia 'e velo fino
cu ’o ricamo ’e seta blu;
si’ ’ovulà d’ ’o suttanino
ch’ Essa mo’ nun pom cchiù.

Chella sera, me ricordo,
tu catiste morto a me...
Manoo muorto cchiù m’ ’o scordo,
cu 'o penziero appriesso a te!

'Ncumpagnia, (ch' affanno 'e core!)
nfra nu mutto e na resata,
cu 'a famiglia e quacche amico
cammenavemo p' 'a strata.

Io, scujeto, zitto e muto,
(scunzulato comm' a che)
quacche passo arreto a l' ate
jeva sulo, p' 'a vedè...

[ 96 ]

A nu tratto Essa, nciampanno,
se fermaie e facette: — Ah!..
Po’ redenno s'acalaie
e sceppaie tutt' 'o vulà.

Chella striscia rummanette
dint’ ’o scuro, mmiezo ‘a via...
Me parlava! Me diceva
mille cose !... N’ armunia!

« Tu me lasse abbandunata
« e me guarde... E che vuo’ fà?
« E quann’ Egan m’ ha stracciata,
« nun t' 'e ntiso palpetà?...

« Nun te muove? Nun m' aize
« da ccà nterra? È nu peccato!
« Tu, ca d'Essa, accussì bella,
« te si' ttanto nnammurato?

« Mo' so' ancora janca! E ancora
« songo d' Essa, e aspetto a te...
« Nun me piglie? E che succede?
« Che sarrà, dimane, 'e me?

[ 97 ]

« Nun ce pienze? Abbandunata,
« striscetella ’e velo fino
« ca ’e mmanelle hanno sceppata
« da vicino ’o suttanino,

« cundannata sott’ ’a scopa,
« strascenata dint’ ’a mota,
« scarpesata ’a tanta gente,
« sott’ all’ acqua e sott’ ’a lota,

« nun te pare ’e senti pure
« ca passanno a tutte ll’ ore,
« tanta gente ndifferente
« te scarpèsano stu core?...

« E 'a vuo' bene? E 'a che l' 'e vista
« tutt' 'e notte l' 'e sunnata?
« E accussì, mmiezo a sta via
« mo' me lasse abbandunata?... »

— « No! » dicette stu penziero!
« No! » dicette chisto core!
E, annascuso 'e tuttuquante,
(so' pazzie che fa l' Ammore,)

[ 98 ]

afferrai sta striscia ’e velo
’a vasai, me l’ astipai....
Cammenava, ’a cumpagnia,
e de niente s’ addunai !

Essa tutta s' ’a redeva
cchiù de n‘ angelo bellella,
e nu raggio le luceva
tuorno tuorno a la faccella.

Io tremmavo... Ero felice
de tenè vicino 'o core,
nu ricordo, e de tuccarlo,
pe vasarlo a tutte ll' ore!

Te putevo, oi striscia 'e velo,
ogne juorno cuntemplà!
Te putevo, sempe d'Essa,
dint' 'a freva raggiunà!...

Te putevo di' chiagnenno
tutt' 'a sciamma 'e chesto ffuoco,
e, strignuto a tte, putevo
gudè 'nsuonno, pe nu poco...

[ 99 ]

Essa nun ce ha mai penzato
ca, tuccannote sultanto,
pure 'e notte veco 'o sole
ca me schiara tuttuquanto!

Nun ha mai penzato, mai,
ca pe mme si’ nu tesoro,
pecchè sempe me ricuorde,
cierti ttrezze meglie ’e ll’oro!

Nnn ha mai penzato, mai,
c' ogne notte io parlo a te?
So' nu pazzo? E che me mporta!
Ma so' pazzo d' 'a vedè!

Nfra nui dui, chi nce have colpa,
Essa, o io c' 'a voglio bene?
Pecchè è nata accussì bella
sta Riggina d' 'e Sserene?

Io nun l' aggio ditto ancore
e nè mai le diciarraggio
tutt' 'o bbene ca lle voglio,
tutt' 'e spaseme che n' aggio,

[ 100 ]

’e nnuttate ca nce perdo
a sunnarla e a suspirà,
quanno dinto a tune 'e stelle
io me credo d' 'a truvà!

Io mm l’ aggio ditto ancora
che a guardarle sulo ’a vocca,
(chillo sciore ’e paraviso
ca se vede e nun se tocca)

già me sento dint' 'o pietto
ciento spate, e nun cumbino,
e me perdo, sulamente
si le passo pe vicino!

Tu che si'? Na striscia 'e velo
cu 'o ricamo 'e seta blù?
No, tu si' nu piezzo 'e cielo!
Tu si' Essa, e nun si' tu!

Io te veco, e veco Essa!
Io te veco, e so' nu Dio!
Tu sultanto putarrisse
raccuntà st' ammore mio!

[ 101 ]

Tu sultannto, putarrisse
pe ttant‘ anne, ore e mumente,
dirle a storia ’e chisto core,
tutte ’e meglie sentimente,.

tutt’ 'o chianto, tutt’ ’ suonne,
tutt’ ’a smania d' 'a vasà,
e cuntarle saparrisse
tuttaquanta ’a verità!

Viene! Parla! Tu m‘ abbaste,
striscetella ’e velo fino,
tu, ricordo ’e frenesia
ca me stai sempe vicino!

Io nun spero! Essa è partuta!
Io nun chiammo! Essa addò sta?
Chesti bbracce io nun 'e stenno,
pe cercarle 'a carità!

Una cosa sulamente
vularria putè vedere!
Una cosa, ch' è la spina
ca me pogne juorne e sere!

[ 102 ]

S’ io muresse, vularria
ca, penzanno a lu pecchè,
le spuntasse, dint' all' uocchie,
meza lacrema pe me!

[ 103 ]



SANTA TERESA




Santa Teresa mia, mièttele ’ncore
tutto lu ffuoco e tutt’ ’o sentimento
c’ aggio pruvato a spasemà d’ammore
                         sempe scuntento!

Tu, c' 'a guardaste, quanno addenucchiata
nnanza all' altare Essa pregava a Dio
cercanno pace all' anema malate
                         comm' 'a cerch' io;

tu, che canusce quant' è granne 'o ffuoco
ca chisto core spierto m' ha abbrusciato
e comme, e quanto, 'a vita a poco a poco
                         m' ha cunzumato;

[ 104 ]

tu, ca vicino a Essa me vediste
tremmà, fissanno chelli ttrezze d’ oro
e a murmurà pure me surprenniste.
                         « Pecché nun moro? »;

tu, ca da ’o quatro addò pittata stive,
liggennome int' all’ uocchie addulurate,
lacreme ardente passïà vedive,
                         e scunzulate;

dincello tu, dincello tu, qua' bene,
qua' sentimento e quanta frenesia
m' esce d' 'o pietto e me dà freva a 'e vvene,
                         oi Santa mia!

Dincello tu, si 'a vita aggio passata
a suspirarla e a spantecarla bella,
quanno credevo d' 'a truvà ndurata
                         dint' a na stella!

Dincello tu, si chisto core afflitto
nun l' è vulato attuorno a tutte l' ore!
Si nun l' ha suspirate zitto zitto,
                         cose d' ammore!

[ 105 ]

Dincello tu, si st 'anema pentita,
tanto scuieta, amariggiata e sola,
nun se perdesse e abbandunasse 'a vita
                              pe na parola!

Dincello tu, si cu na vocca amara,
— comm' a chi p' 'e desierte s' è sperduto
e se ricorda 'e na perzona cara
                              e chiamma ajuto, —

nun l' ha chiammata, nun l' ha suspirata,
nun l' ha chiagnuta e nun l'ha ditto 'e ppene,
murmuranno, cu 'a voce appassiunata:
                              « Te voglio bene! »

Che bene 'e core! Che nuttate amare!
Quant' ore triste a suspirà suspire!
Che sentimento, cuntemplanno 'o mare!
                              Che suonne nire!

M' 'a ricurdavo, bella e malamente,
ridere attuorno cu chill' uocchie 'e ciele;
cammenà, scarpesanno 'e sentimente,
                              bella e crudele!

[ 106 ]

Comm’ ’o sole che scotta. Essa scuttava
stu core amaro, e niente ne sapeva!
Passava appriesso, e nun se n'addunava,
                              e m' accedeva!

E mo'? Mo' ch' è venuta e m' ha vasato,
mo' che m' ha dato tuttuquanto 'o core,
e m' ha vuluto, e 'ncieol m' ha purtato,
                              pazzo d' ammore,

so' stato tristo e malamente assaie,
so' stato pazzo senza na raggione!
Ma fui l'Ammore ca facette 'o guaie,
                              pe passïone!

Si tu sapisse dint' 'o core mio
che guerra 'emorte, oi Santa benedetta!
E che carne stracciate, e che gulìo
                              de fa vennetta!

De fa vennetta 'e chi nn' ha ditto male,
de fa giustizzia 'e chi me l' ha tuccata...!
Ah, no! Nun simmo tuttuquante eguale,
                              oi Santa amata!

[ 107 ]

Perciò, dincello tu! Me perdunasse,
pecché pentuto so’! Perciò l’ aspetto!
Dincello, oi Santa mia, ca nce turnasse,
                              ncopp' a stu pietto!

E si nun vene? E si nun me perdona?
E si nun sente, e nun ne vo' sapè?
Di' a Mamma ’mia ca ’0 figlio l' abbandona!
Pàrlele d’ Essa! Nun parlarle ’e me!

[ 108 ]



TRISTEZZA 'E VIERNO




Guarda: sti ffronne cadono
ngiallute, attuorno a nuie...
S' 'e pporta 'o viento... Pareno
l' ammore 'e tutt' 'e dduie...
Strisciano, vanno, passano...
So' palpete e suspire...
Songo penziere nire
perdute appriesso a te...

Guarda che cielo fàuzo,
e che tristezza 'e sera!
Pare ca nce cummogliano
cu na cuperta nera...
Pare ca nce strascinano
dint' 'a nu fuosso, cupo
comm' 'a na vocca 'e lupo
ca scampo nun ce dà...

[ 109 ]

Mmiezo 'a stu nniro 'e st' albere,
p' 'o scuro 'e chisti site,
chi simmo? Addò s' avviano
sti cuorpe nuoste, aunite?
Sti vocche noste parlano?
Se strègneno, sti mmane?
E turnarrà, dimane,
stu core tuio, cu me?

Nun è na cosa fauza
cumm’ ’3 stu cielo ‘e sera?
Nun simmo doi fantseme
sotto a na cappa nera?
Mmiezo a stu lutto ’e ll’ anema,
cu ’a freva dint‘ ’e vvene,
nui nce vulimmo bane?
O fosse nu chi sa?!

Tremmo... Me sento scènnere
nu friddo dint' allo' ossa...
p' 'a strata sulitaria
veco na macchia rossa...
Po' veco ca me lassano
duj' uocchie e doi manelle...
Sento nu frullo 'e scelle...
Te veco scumparì...

[ 110 ]

Scètame ! Viene ! Parlame !
Dimme ca sta serata,
cu sti turmiente ’e strazzio
è fantasia malata!
Dint’ a stu core sòname
l’ accordo ’e na canzone,
chella d’ 'a passione
d’ 'a vita mia pe te!

Scètame! E famme sentere
ca stai dint 'a sfi vvene!
Scètame! E famme credere
ca me vuo' sempe bene!
Nun te stancà! Accumpagname,
portame a mane a mane,
pecchè si t' alluntane,
che sarrà mai de me?

[ 111 ]




PAROLE ’O VIENTO




Pe te, Luntana mia, sempe stu core,
addulurato ca nun ’o vuò bene,
suspira e chiagne, e ’o sango dint' ’e vvene
                              vòlle d’ ammore!

Pe te, Luntana mia, st'uocchie abbruciate
de spine 'e fuoco e de nuttate chiare,
lùceno 'e freva e tutt' appassiunate
                              guardano 'o mare!

Cchiù llà, cchiù nnanza, addò fernesce 'a vista,
addò lu cielo all' acqua se cunfonne,
comm' a n' auciello vola ncopp' all' onne
                              st' anema trista.

[ 112 ]

E cerca e chiamma, e 'o nomme tanto amato,
corre cu l' eco addò s' 'o porta 'o viente;
ma stu silenzio nun risponne niente,
                         manco nu sciato!

E 'o mare è tristo e sulitario tanto,
ca nun me dà na rèfula 'e speranza!
Aggio voglia 'alluccà! Cchiù assai d' 'o chianto
                         è 'a luntananza!

Aggio voglia 'e strillà: — Viente! T' aspetto!
Pòrtame 'a luce e pòrtame l'Ammore!
Tu nun me siente! Tiene surdo 'o core
                         dint' a stu pietto!

'O ssente 'o mare, 'o ssente 'o cielo, 'o ssente
Dio, ca t'ha fatta st' anema accussì!
Tu, sulamente tu, chisti turmiente,
                         n' 'e cuò capì!

[ 113 ]



LACREME ANTICHE...




Na làcrema amara te scenne,
spremmuta dall' uocchie abbruciate...
Tu chiagne 'o ricordo d' 'e ccose passate
e pienze all'Ammore, ca mai turnarrà!

Tu chiagne... Sta vocca te remma...
vò dicere quacche parola...
Nun nomme te saglie dall' anema sola...
Ma, stanca d' affanno, tu siente a parlà.

Stu nomme 'o cunosco! Na sera
c' 'a luna scenneva int' 'o mare,
'o core sentette stu nomme chiammare,
e a te s' accustaie, pe te cunzulà...

[ 114 ]

Ma tu, sola e trista, cu l'uocchie
da 'o chianto d'Ammore abbruciate,
chiagnive 'o ricordo d' 'e ccose passate,
chiagnive l' Ammore, ca mai turnarrà!

[ 115 ]




RAGGIO 'E SOLE




Ah, quant'è bello, doppo tanta lacreme,
tant’ anne d’agunia,
stu cielo chiaro, apierto e senza nuvole,
stu raggio 'e sole dint’ ’a stanza mia!

Doppo 'a tempesta 'e tuttuquanta l' anema,
doppo na vita tuttuquanta nera,
da dint' 'o core sguigliano
a ciento a ciento 'e sciure 'e primmavera.

'E suonne brutte passano
quanno tu viene a rischiarà stu core;
'o cielo, 'o mare luceno
cumm' a st' uocchie che parlano d' ammore!

[ 116 ]

Mmocca, pe te, me tremmanno
tutt' 'e pparole c’aggio murmurate
quanno stu core e st’anema
se trucèvano, strutte e nzanguinate;

e tòrnano. E me pareno
sciure adduruse, scelle ’e palummella,
stelle filante ca p' ’o cielo saglieno.
mutive antiche 'e na canzona bella...

Guarda che luce! Luceno
tutte l' uocchie d’ ’a gente, attuorno a me!
So' belle, ma n'appàssano
chist' uocchie miei ca luceno pe te!

Accussì canta, chisto core! E palpeta,
e sonna 'o suonno d' 'a Felicità...
Ma n' ata voce, trista, 'a dint' all' anema,
se sceta e dice: — Quanto durrarà?..

[ 117 ]



PRIMMA MATINA...




Ncopp' 'o murillo tremmano,
ancora tutte nfose,
p’ 'o ventariello, 'e rrose
ca 'o sole va a ndurà;
songo passate ’e nnuvole,
‘o cielo è cchiù celeste...
S' aràpeno 'e ffeneste
e schiara juorno già!

Stanotte, quanta smànie
mmiezo a stu lietto 'e spine!
E ncopp' a sti cuscine
che spàseme, pe tte!
L' uocchie abbruciate 'e lacreme,
(core, si tu 'e vedive!)
cercavano... E tu stive
tanto luntana 'a me!

[ 118 ]



Io te chiammavo... (Povera
voce abbrucata e stanca!)
Ma sta faccella janca
nun s' avutava cchi?u!
E, disperato 'e perderte,
stu core mio sincero
diceva a stu penziero
ca nun ire tu!

Saglieva 'a dint' all' anema,
comm' 'a na mala sorte,¨
nu cupo affanno 'e morte
ca nun te saccio di';
e cchiù luntana e strània
a st' uocchie me parive;
po' stanca t' addurmive
mbraccia... va trova a chi!

Suonne senza remmedio
de n' anema malata
pe sempe cundannata
a spasemà pe tte;
ombre ca mai nun passano,
spiatate e spaventose:
vipere velenose
cuvate 'npietto a me!

[ 119 ]

Ma schiara juorno. Addorano
'e sciure int' 'e ciardine;
ncopp' a stu lietto, spine
nun ce ne stanno cchiù!
Cu 'o sole torna a ridere
chino 'e speranze 'o core...
Ah, Suonno mio d' ammore,
vaseme ll' uocchie tu!...

[ 120 ]



VOLA, PENZIERO MIO




Vola, penziero mio, pe ll' aria nera!
Ogne nuttata 'a faccio chiara chiara!
Vola addò vide 'e sciure 'e primmavera!
Mmiezo 'e sciure sta Essa! Ohi, vita amara!
Vàsala nfronte, cercale a chi penza,
e si dorme, accarezzala, accussì,
e dint' 'o suonno falle 'a cunfidenza
ca chisto core mio sta pe mmurì!

Vola, penziero mio, pe ll' aria doce!
Arriva a Essa e vide che te dice!
Falle a sapè ca chisto core coce,
ca chiagne sangue, ma ch' 'a benedice!
Vàsala mmocca; falle na curona
de stelle d' oro e de felicità,
e dincello, cu tutt' 'a passiona,
ca chisto core mio spirato è già!

[ 121 ]

Vola penziero mio! Vola luntano!
Essa luntana resta e nun ce vene!
Vola, penziero mio! Vai troppo chiano!
Nun me fa cchiù murì nfra stiente e pene!
Dille, penziero mio, ca si' perduto:
ma statt' attiento 'e nun le fa sapè
ca sulo pe chill' uocchie aggio chiagnuto
e n' ombra 'e morte è scesa mpietto a me!

[ 122 ]



QUANNO PASSATE VUI...




Quanno passate vui, passa cantanno
st' anema mia ca corre appriesso a vui,
e dice a 'o core: Scòrdate l' affanno,
e currimmole appriesso tutt' 'e ddui!
Ma 'o core lle risponne suspiranno
ca vui currite troppo e nun sentite,
e, 'a gelusia attuorno semmenanno,
vui troppa mpresa e malamenta site!

E quanno ve fermate a la funtana
pure ll' acqua ve canta na canzona!
E quanno sona a festa la campana,
sona pe vui, e sempe a gloria sona!
Ma quanno 'mpietto ve mettite 'a mana,
giacchè d' ogne buscìa ve rendennite,
no, nun ghiurate, oi bona crestiana!
Nisciuno crede ca sincera site...

[ 123 ]



ARIETTE ANTICHE


I.


L' ata matina songo juta a messa
a chella cchiesia abbascio 'a Porta 'e Massa;
aggio ntuppata a na Matre e Batessa
ca s' è vutata e ha ditto: — 'I che se passa!
L' aggio arrispuosto: — Matre, io vaco 'e pressa!
Chi tene 'a stizza, se facesse 'a rassa!
Vi' c' arraggiosa! Vuò fa na scummessa,
ca pe nu ntuppo l'aggia pavà 'a tassa?

Aiere ncontro n' ata vota 'a stessa!
Cu na cunverza se ne jeva a spasso.
L' aggio ditto: — Bonnì, Matre e Batessa,
vui cammenate e n' apparate 'e passo?
E m' ha rispuosto: — Quanto si' sberressa!
Matre 'e Badessa e bona, io mo' te ngrasso!
E io, da copp' 'a mana: — Ebbiva a essa!
Vi' comm' 'a venne, 'a robba c' 'o ribasso!

[ 124 ]

II.


So' ghiuto passianno p' 'a Marina,
aggio ncuntrata a na venezziana.
Pe nomme se chiammava Sarrafina,
steva a servì cu na napulitana.
Teneva na faccella fina fina
e na manella ca nun era mana;
na vocca rossa comm' a na curvina
e cierti dentezzulle 'e purcellana.

Venezzianella mia, quanto si' bella,
Venezzianella mia quanto si' ccara!
L' aggio sagliuta int' a na carruzzella,
e aggio ditto 'o cucchiere: — 'A Zurfatara!
'O cucchiere s' ha fatta 'a resatella
e ha ditto: — Overo ch' è na cosa rara!...
L' aggio arrispuosto: — Nun fa 'o farenella!
Si nce hai che di', dimme 'a parola chiara!

Vi' quanto m' è custata chella mpresa!
Tanto na pezza 'argento, sana sana!
Magnava peggio du nu cane 'e presa...
Ebbiva a essa, sta venezziana!...
M' aveva appriparata sta surpresa!
Tu vi' che ffiglia 'e bbone crestiana!
O turca, 'a santa femmena, o francesa,
songo tutte 'e nu pilo e d' una lana!

[ 125 ]



ARIETTE A DISPIETTO


I.


Passano ll' ore, oi-ne', passano l' anne,
e se ne va cunzumanno 'a vita mia!
Tu te ne ride, cresceno l' affanne,
me faccio viecchio e 'a sento, 'a malatia!
Dimanno a 'o core, e chillo me risponne:
— Tiènete 'a posta, l' hai vuiuta tu!
Comme seccate cadono li fronne,
cadette Ammore, e nu se sose cchiù!

II.



Che t'aggio fatto, ca te si' pentito?
Che t'aggio fatto, ca tu m' hai lassato?
Che t'aggio fatto, ca ll' aniello 'o dito
primma m' 'o diste e mo' te l' hai pigliato?
Aniello, aniello d' oro, addò starraie?
Nfaccia a qua' mana si' passato tu?
Dàmme nuvella 'e chi te s' arrubbaie,
pecchè de tanno, chi t' ha visto cchiù?!

[ 126 ]

III.

E m' hai mannato a dì: — «Tròvate a n' ata!»
De fa 'ammore cu me, te si' pentita?
De fa 'ammore cu me, te sì seccata,
ma nun t' 'a faccio vengere, 'a partìta!
Tengo 'a spatella 'e Genova astipata...
Se faie overo, embè... Te levo a vita!
P' ogne buon fine sta bina ammulata,
e 'a lama è bella... pulita pulita...

IV...

E uno e doie e tre, sona campana!
E uno e doie e tre, campana sona!
'A Barra aggio abbistata na pacchiana,
mannaggia chi l' ha fatta! 'I quant' è bona!
Tene nu pietto, pare na muntagna;
tene doie vraccia ca so' ddoi culonne...
'A vurria truvà mmiezo a na campagna!
Tanno, si allucca, nisciuno 'a risponne!

[ 127 ]



CASA LUNTANA




Addio! Pe sempe addio, casa luntana
addò vedevo Addulurata mia
e 'a primma vota lle strignette 'a mana!

Addio, ciardino frisco, e adduruso
de nepetella e rose d' ogne mese,
addò 'a guardavo da 'o canciello nchiuso!

Addio, ricuorde 'e stu luntano ammore
ca quanto cchiù ne passa tiempo, tanto
cchiù me rummane appantanato ncore!

È nu pantano 'e lacreme! È nu chianto
ca me saglie e m'affoca ogne mumento...
Ah, perduto pe ssempe, ammore santo!

[ 128 ]

Addio speranze tanto suspirate,
belli speranze d' essere vuluto
nu poco 'e bene! Addio! Site vulate!

Songo rummaso sulo, appucundruto
senza ca manco n' anema avvucata
fosse cumparza pe me dà n' ajuto!

Ah, quanto stai luntana, Addulurata,
e comme addulurata overamente,
sola pe ccausa mia tu si' restata!

Si putesse sapè! Si canuscesse
chisto tifuggio tuio tanto segreto,
cchiù lesto d' 'o penziere io nce venesse!

E zitto zitto m'appresentarria
mmocc' 'a porta d' 'a cammera sulagna
e pe nu poco te cuntemplarria!

Tu stisse, puverella, a la fenesta
guardanno attuorno 'o vverde d' 'a campagna
o adacquanno na rosa int' a na testa,

[ 129 ]



e nun putisse mmaggenarte maie
ca llà vicino, dint' 'a casa toia,
nce stesse ll' ombra 'e chi t' abbandunaie!

E n' ombra overo songo addeventato,
e lu penziere tuio, Scujeta mia,
Addulurata mia, t' ha vennecato!

Che facess' io vedènnote? Putesse
suppurtà troppo de vederte sola?
O nu sciummo da ll' uocchie me cadesse,

de chianto amaro, e me t' addenuchiasse
nnanza, chiagnenno te cercasse scusa,
e pentuto, accussì me strascenasse?

E allora tu, vedènnome avveluto,
vedènnome turnato a 'o primmo ammore,
quanno credive de m' avè perduto,

che faciarisse?
                         Ma tu stai luntana,
e i' sto sunnanno senza piglià suonne;
e quanno allucco na nuttata sana,

nisciuna voce attuorno me risponne!
                                                       9

[ 130 ]



FRONNA NGIALLUTA...




Fronna ngialluta, Passiona mia
ca t' aggio data 'a primma giuventù,
comma' a sti ffronne secche mmiezo 'a via
te porta 'o viento, e nun ce viene cchiù!
Pàssano 'e juorne; nu capillo janco
cade ncopp' a sti ccarte nnanz' a me...
Povero Ammore! Tu te siente stanco,
e vai truvanno 'e cchiù nun me vedè!

Quanno dicive ca sta vita nosta
fatta 'e dui core era sta vita sola,
t' annammurave sulo d' 'a parola
d' 'o sentimento e d' 'a sincerità...
Mo' tutto è muorto! E tu nun te n' adduone
ca sta sincerità d' 'o sentimento
era sultanto 'o suonno 'e nu mumento
ca te faceva scrivere e parlà!

[ 131 ]

Tu m' 'e vasato cu na vocca 'e fuoco
e m' 'e mettuto dint' a chisto core
sciure addiruse e làcreme d' ammore
ca manco Dio m' 'e ppò fa scurdà cchiù...
E mo me lasse!... E comm' 'a fronna secca
te fai purtà d' 'o viento e t' alluntane...
Che vocca amara! E che sarrà, dimane,
quanno esco 'o Sole, e 'o Sole nun si' tu?

[ 132 ]



NUTTATA JANCA




Aggio patuto assaì! Nfama si' stata
ma nfama d' 'a cchiù peggia nfamità!
Sta vita tuttaquanta è avvelenata!

Tu senza ammore e senza carità,
quanno st' anema mia steva malata,
tu niente 'e fatto pe m' 'a fa sanà!

Me dicive ca t'ire nnammurata,
me facive scenate 'e ggelusia...
Ajere è stata ll' urdema scenata!

Pecchè? Pe niente! Pe na cosa 'e niente!
Pecchè t' era venuta 'a malatia...
Pecchè quacc' ato t' ha tenuta mente!...

[ 133 ]


Io te saccio! Nun ridere! Te saccio!
Nun ne putive cchiù, t' ire stracquata,
tu, ca m' 'e fatto addeventà nu straccio!

So' n' ommo? No! So' n' anema dannata!
Nun trovo requie cchiù, nun trovo pace,
tengo sete d' avè na curtellata...

Sulo accussì me pozzo fa capace
ch' è meglio 'a morte, ncopp' 'a chesta terra
addò l' ammore nun è cchiù verace!

Quanta veleno chisto core nzerra,
e dint' e vvene quanta freva coce!
E dint' a stu cerviello uh quanta guerra!

Mo' parlo sulo, e me fa senzo 'a voce!
Pare nu brutto suonno 'e fantasia...
E m' allicorda n' ato suono doce...

Me vene sempe mmocca na parola,
nu nomme; 'o nomme tuio: che frenesia!
E ancora a te, stu scemo 'e core vola,

e t' aggio perza! E nun si' cchiù d' 'a mia!

[ 134 ]



PURE TU!




Pure tu, comm' a me, si’ gelosa
e annascunne int’ ’o core sti ppene,
e t’ abbasta na spina ’e na rosa
p’ allummà tutt’ 'o sangue int’ ’e vene!
Dint’ all’ uocchie te passa ’o suspetto,
non me cride, nun vuò cumpatì...
Conno’ a me, cu sta serpa int* ’o pietto,
pure tu si’ nu poco accussì!

Pure tu, quann’ ’o sole te luce
chiaro e fino int’ a st’ uocchie d’ammore
ca redenno se fanno cchiù duce
e me mètteno ’o zùccaro ncore;
comm’ a me, pure tu, dint’ ’o pietto
nu sullievo te siente trasì;
po’ me vase... e te passa ’o suspetto!
Pure tu si’ nu poco accussì!

[ 135 ]



Si pe caso me vide scuntento
o me liegge int' all’ uocchie appannate
ca sto scuro, ca smanio, ca sento
ciento lame a stu core appezzate;
si t’ adduone ca 'e llacreme fanno
na fatica pe nun cumparì,
comm’ a me, c’ assaporo 1' affanno,
pure tu si’ nu poco accussì!

Pure tu, pure tu ! Simmo fatte
cu nu core e cu n’ anema sola!
E stu core int’ ’o pietto nce sbatte
pe parlarce na stessa parola!
Sole e neve, surriso e suspetto;
primma ’e te, doppo ’e te, niente cchiù...
Damme ’a vocca ! E cantammo a duetto :
« Si’ nu poco accussì pure tu ! »

[ 136 ] 



ME SO’ SUNNATO...




Me so’ sunnato ch’ ero nu pittore,
(ah, dint’ ’o suonno l’ ha vuluto Dio!)
e cu ’e meglie culure de l’ammore
io te pittavo dint’ ’o core mio.
Pe vocca te facevo nu carofano
russo schiavone, ’o meglio ca nce sta;
po’ doppo me fermavo; e cuntemplannote
penzavo : É bella, ca se po' pittà!

E stu suonno durava! E tu venive
bella, cchiù bella ca ’o pensiero dice;
e me guardave... e pare ca redive
vedènnote stu core pe curnice!
E chisto core, ca te deva ’e palpete,
comme t’’e ddà, dànnome a ’a vita a mme,
me facea quase ’mmaggenà, pittannote,
vh' io te crïasse, a poco a poco, a tte!

[ 137 ]

'•••IMI tu
9 «
i
«nrvfcar fm *
• ntn •
I «
4‘ • Wr«
■»> ' Hm
i*(4»
II»*

[ 138 ]



SUONNE CHE PASSANO...




Suonne che passano,
fronne cadute,
pantane 'e lacreme,
sciure sfrunnate,
nomme chiammato—e suspirato...
Che terramoto,
quanno m’avoto
ncopp’ a stu lietto — chino ’e turmiente!
Core, tu stente?

Core, ricordate!
Mane strignute,
risate e spàseme,
gioie e suspire...
Penziere nire,—suonne d’ammore,
prumesse e vase,
raggio che trase,—me schiara ’o core,
me dà l’ammore,—e me ncatena,
po’ m’avvelena...
po’... se ne va...

[ 139 ]

Me resta ’npietto
comm' a a nu triemmolo
pe ciente palpete
ogne minuto!
Suonno venuto,
suonno perduto,
suonno passato
e sbariato
penzanno sempe!
Pàssano ’e munne,
pàssano ’e tiempe...
Essa sultanto,
(m’affoca ’o chianto!)
nun passarrà!..

Po’, nu ricordo:
cierti capille
lucente ’e sole...
Cierti vviole,
cierti pparole
parlate zitte,
dit’ ’a nuttata;
Essa affacciata...
Prumesse fatte,
buscie ggiurate—e suspirate...
Nu sentimento,
nu tradimento,
cierti rrisate...—Che curtellate!

[ 140 ]



Po’, mmiezo ’o vverde,
na carruzzella
fora ’a campagna...
P’ 'a via sulagna
nu ventariello...
Essa m'abbraccia,
me vasa nfaccia,
io, tutt’ ammore
Lle dongo ’o core;
Essa me giura—e m’assicura
ca sempe, sempe,
sarrà d’’a mia...
N’ata buscia!

Sott’ a ciert’ albere,
vicino ’o mare,
chill’uocchie rare,
chill’uocchie d’oro...
Uocchie ’e tesoro!...
L’aggio guardate,
l’aggio cantate,
l'aggio vasate,
l’aggio pittate
dint’a stu core...
E cuntemplannole
me so’ mpazzuto,
me so’ perduto...
Essa parlava — e me ngannava!

[ 141 ]


Anne che pàssano,
capille janche...
Quanta tristezza! Chi m’accarezza?
Suonne che restano, — spine pugnente,
smanie c’ accidono,
che m’ avvelenano — pecchè? Pe niente!
Mane strignute,—manelle amate
c’ hanno sceppato
da dint’ ’o pietto — st’ anema mia !..,
Lettere scritte,
tutte mparate!
Nomme strillato — pe miezo ’a via...
Freva ’e pazzia...

Cielo, che strazzio, — che cose amare!
N’ abbaglio ’e vista,
nu velo ’e lacreme,
nu schianto acuto...
Suonno perduto,
suonno arrubbato,— core squartato...
Mamma, che guarda
stu figlio suio—ca nun ’a parla,
ca nun ’a vasa,
ca va p’ ’a casa,
senza guardarla,
senza risponnere,
pe nun ’a nfonnere
de tutt’ ’e llacreme — ca tene ncore...
St’ ata nuttata—pure è passata...

[ 142 ]


E accussì veneno
l' ore, ’e minute
'e juorne e l'anno...
E ’a morte, quanno?

[ 143 ]



’E VVIOLE


I.


Na mana cara che m’accarezzava,
e na vucchella bella comm’ ’o sole!
Vasava, chella vocca, e me parlava,
e ncuollo a me cadevano ’e vviole!

     Viole belle
     Ca mo’ cchiù nun cadite
     ncopp’ a chist’ uocchie
     ca nun 'a sanno cchiù,
     viole belle
     secche rummanite,
     e ’o core dice: «L’’e vuluto tu!»

[ 144 ]


II.


Parole amate, e mmiezo a sti pparole
nu core ’e fuoco che m’annammurava!
E attuorno a nui cadevano ’e viole...
Mo’ cadono ’e busrie ch' Essa ammentava

     Viole belle
     ca mo’ cchiù nun cadite
     ncopp’ a chist’ uocchie
     ca n' ato ha da vasà,
     Viole belle
     vui mo' me parite
     ’a primma tappa ’e tutt’ ’e nfamità!

[ 145 ]

’A CUNTENTEZZA

I.

'A gente che m’ ha fatto male a me,
pe quant’è certo Dio, l’ha da scuntà!
Tu accide a n’ ommo senza nu pecchè
e pò p’ ’a capa nun t’’o ffai passà!

          Ah, c’ allegria,
          sta vita mia!
     Io nun t’ ’o ddico pe t’ ’o ffa sapè!
          Canto sul’ io,
          pe cunto mio!
     Songo ’o frungillo ch’è cecato 'e te!

[ 146 ]


II.


Uno sta sulo pe vulè suffrì
quanto meno po’ essere?.. E che fa?
Tu, pe tramente chillo sta accussì,
’o vaie ’e spalle p’ ’o curtellià!

          Ah, c' allegria
          sta vita mia!
     Cheste so’ cose overo 'a stravedè!
          E t’ ’o ddich' io,
          pe cunto mio:
     so’ succedute sulamente a me!


III.



Perciò stu lagno mio nun è pe te,
ma l' aggio scritto sulo pe cantà
c’ ’a gente che m' ha fatto male a me,
pe quant’è certo Dio l’ha da scuntà!

          E st’ allegria
          d’’a vita mia
     ca ’o sentimento tuio m’ ha dato a me,
          mo, t’’o ddich’ io,
          pe cunto mio:
     te cade ncuotto tuttaquanta a te!

[ 147 ]

147
A LUNA ’E MARZO
I.
Trase e jesce, chiagne e ride,
mo t’accide c mo te vasa!
E na santa, si t* accide,
na demmònia, dint’ a casa !
Chiamma a chisto, votta a chillo,
t' arravoglia a miezo munno,
e te mbroglia tanto ’e ccarte
ca si’ quatro, e muore tunno!
Luna luna marzulina,
chisto core pava ’e spese !
A sta vunnella
diavulella
nce ne stanno fose appese!
Capille ricce,
ciento capricce,
nu tradimento
ogne mumento;
pò cierti lacreme,
pò na risata,
ccà ciento spaseme,
nu squaso Uà...
E doppo, ’o naso ’e 11’ uommene
cchiù luongo assai se fa!

[ 148 ]

rOKMKTTI imi. CI'onk
li.
Pe umiliente t* ha giunto
ca è de corc e sentimento,
t'ha (raduto e t'ha ngunnuto
dint' a manco nu mumento !
Doppo n* ora tornii e dice
ca «tu nganno è nu pazzia;
t* arra voglia e ni' (felice!
«Corc mio!... Bellezza mia!...*
Luna luna marzulina
chisto core pava 'e spelte I
A sta vunnella
diavulclla
noe ne stanno tose appese!
Ciento pasticce:
se stuta e appicce ;
tre frenesie
quatto buscie ;
po’ comm' ’o fruvolo
te scappa 'a mana,
pò 11’ uocchie parlano
pe te nfuscà.....
E doppo ? ’O naso ’e 11’ uomniene
cchiè luongo assai se fa !

[ 149 ]

CHITARRA NERA
I.
Na vota ’o core mio cantanno jeva
allecramente ’a bella passione,
e ’a bella passione rispunneva
cu tutt’ ammore e tutt’ ’a spressione !
Luceva ’o sole ’a reto a li mmuntagne,
l’aria serena steva attuorno a me,
adduràvano ’e rrose int’ ’e ccampagne
e ’a luna ’a cielo me parlava ’e te !
II.
E me diceva : « Quanto si’ felice !
Tiene na stella ’nfronte e n’ auta ’ncore !
’O pparlà chiaro è fatto pe 11’ amice,
tutto te canta attuorno : Ammore Ammore
E me diceva pure n’ ata cosa !
Me diceva ca tu, sultanto tu
me dive ’a vita prufumata ’e rosa,
e ca st’ ammore nun mureva cchiù !

[ 150 ]

150
POKMKTTI DHL Cl'ORK
III.
Mo doppo tanto riempo è muorto Ammore
e ’a passione se n’ è ghiuta a mare !
Resta 1* affanno appantanato ’ncore,
restano 11* nocchie, lacremanno amare !
’A vita è chesta ! Ajere me dicive
ca non putive sta luntano ’a me.
ogge è nu muorto ca te sonna e scrìve
e ’a sottaterra spasema pe te !

[ 151 ]

MAMMA MIA CH’ HA DA SAPÈ
I.
(^uanno 'a notte se ne seenne
p' abbrucia chist' uocchie stanche,
quann’ io veglio e tu me manche,
sento 'a smània 'e te vasài
E te guardo e schiara juorao,
ma è pe U' ale stu chiarore !
Tengo 'a notte dint* ’o core
e nun posso arrepusà !
»
A*. nun me fa muri !
■ Tu che ne vuò da me?
Mamma mia me vene a di'
pecchè
chesta smania nun me vò
lassà !
Ah, nun me fa muri !
Tu che ne vuò da me?
Mamma mia eh* ha da sapè ?
Mamma mia eh* ha d’appuri ?
Nun me fido d* ’a vasài

[ 152 ]

FOBMKTT! DIL CI’OM
11.
Mamma mia, sta vicchiarella
ca me guarda pc gullo
e andivma ’o core mio
tale e quale comm* a te ;
Mamma mia me vene appriesso
cu na faccia ’e cera fina,
e me guarda, e n* andivina
chesta freva mia ched’ è !
Ah, nun me fa muri !
Tu che ne vuò da me?
Mamma mia me vene a di’
pecchè
chesta smania nun me vò
• f * I
lassa !
Ah, nun me fa muri !
Tu che ne vuò da me ?
Mamma mia te sape a te
comm* a n* angelo ’e buntà !
Mamma mia eh’ ha d’appw*^’

[ 153 ]

SUNETTIEM.O NIRO
St’ ammore mio sta dint’ ’o core, nchiuso,
cu tutt’ ’a freva 'e n’anema malata,
comm' a nu piccerillo frcddigliuso
dint’ a na cunnulella scunzulata.
Vene ’o penziero niro, int' ’a nuttata.
e m’ ’o rummane tristo e smaniuso;
e i’ trovo sempe, quann’ è ’a matenata,
de chianto amaro ’o cusceniello nfuso.
Pecchè, Suonno ca viene e te ne vai
pe rìturnà cchiù cupo e appucundruto,
na lenza ’e sole nun m’ ’a puorte mai?
Pecchè nun me sparagne stu saluto ?
Che male t’aggio fatto, ca me fai
muri migliare ’e vote ogne minuto?

[ 154 ]

SI TU SAPISSK
Si tu sapisse ’o male ca m' 'e fatto,
nun t’ abbastassc a chiagnere, nu mare !
Ma mo’ chili’ uocchie tuoi lucente e care
nun songo niente, niente cchiù, pe me !
E chisto core, abbambinato e tristo,
chino d’aflànne e di ricuorde amare,
porta oa croce comm’ a Giesù Cristo
e saglie nu Calvario, apprìesso a te.
Saglie. ’A muntagna nun fernesce mai
pecchè mai fernarrà chisto delore !
Quanno veniste, s’arapette ’o core
nnanza all* ammore che Uè dive tu...
Ma quanno me lassaste e te ne jiste
senza ’o cunzuolo manco ’e na parola,
st* anema spetta, abbambinata e sola,
manco ’a speranza ’a sustenette cchiù !

[ 155 ]

Quanto tiempo è passato ? Io nun ’o ssaccio !
’A mente nun raggiona e niente penza!
Cornine supporta tanta sufferenza
io stesso nun m* ’o spiego, ’a verità!
Appesa pe nu (ilo ’e nu capillo
veco sultanto chesta vita mia,
e tengo nfronte ’o flfuoco d’ ’a pazzia
ca tu m’ ’e dato e nun m’ ’o può luvà!
Nun avive 'a veni, chiamnianno Aromore
e nun m’avive *a di' : « Te voglio bene ! »
Pecchi stu core, amariggiato ’e pene,
orni te cercava, suspiranno ’e te!
Te sunnava sultanto, e te sapeva
Imitano ’a isso, e s’era rassignato!
Ma quanno m’ ’e vuluto e m’ ’e abbracciato
o te ngannave, o me ngannave a me!

[ 156 ]

PRIMM AVERA
Embè, cu sti ghiurnate ’e primmavera,
che ssaccio, mo'... me dà fastidio ’o sole
Tutta sta luce pare notta nera :
tutta sta gente, ca cuntenta va,
pare cft.jesse, cu na torcia ’e cera,
e purtasse nu muorto a sut terrà !
E stu mare, lucente e mbnllantato,
cu tutt’ ’e vvele preparate a festa,
bello e cuieto e tanto culurato,
me pare c’aspettasse na tempesta...
E me pare, che ssa’, c’ a poco a poco,
tutto stu bello s’ avesse ’a cagnà,
e c’ avesse, accussì, chiovere fuoco,
e ca tutto s' avesse ’a zefiunnà !

[ 157 ]

Sarrà nu brutto suonno ’e frenesia,
narrò pazzia d’ 'a vita mia malata,
sarrà peggio, signale d’agunia,
quanno ’a luce pe n* ombra s' è appannata....
Io nun 'o ssaccio ! Io tengo dint’ all’ uocchie
tutte li ffreve ca m’ ’e date tu,
e me sento spezzato int’ ’e ddenocchie,
e me cunzumo... e nun cumbino cchiù!
Tutta pe tte, sta Primmavera bella !
Pe tte, cchiù bella d’essa e cchiù gentile !
Splennore ’e cielo, addore ’e nepetella,
’e meglio sciure ’e chisto mese 'Aprile.
Va, viene, ride, canta! Anema e core,
pe quanto cchiù se po’, fòlle gudè!
Spàssate sempe ! E scòrdate st’ ammore
pe chi te vularrà cchiù bene e me !
Io sto ecà, nchiuso ! E chesta casa pare
na tomba fredda, addò nu muorto gelai
Làssame sulo, e famme nfracetare,
senza nu sciore e senza na cannela!
E si siente nu strillo, int’ ’a nuttata,
ca se lusinga ’e farse cumpatì,
nun ce fa caso ! È n’ anema dannata !
Tu scuordatillo, e tòrnate a durmì !

[ 158 ]

CANZONA NOVA...
No no, nu cchiù! Nun voglio cchiù fa' sentore
’a solita canzona 'e sentimente.
cu ’a terza sotto e *o riturnello ’e lacreme
nfra dento spine e mille giuramente!
VogKo jellà sti sdure sicché! ‘E lettere
l’aggjja Mnodà, l’aggi a menà int’ ’o ffiioco !
Tutt* ’e ricorde, tutt’ ’e ccose tennere,
l’aggia spannere 'o viento a poco a poco!
T’ aggio voluta troppo bene! ’E Ilacreme
m’ hanno squagliato l’uocchie comm’ ’a cera !
E tutt’ ’o fièle d' ’e cchiù triste spaseme
m’ ha ntussecato st’ anema sincera!

[ 159 ]

T’avevo misa sempe ’a copp’ ’e nnuvole
cu 'a luce d’ ’a cchiù meglia fantasia!
T’avevo vista sempe ’ncielo splennere,
stella serena ’e chesta vita mia!
T’avevo dato ’e scelle e chiammat’angelo,
e stu core vulava appriesso a te
vincenno ’o viento comme 'o vence ’a passera,
ca lassa ’o vierno e ’o sole va a vedè!
No, no, nu cchiù! Nun voglio cchiù sti spaseme.
c’assapuravo duce comm’ ’o mmèle
pecchè m’ ’e ddive tu, pecchè parevano
na prova santa ’e n’ anema fedele !
T’ aggio vuluta assai cdiiù bene ’e mammema,
chella ca sape cumpatì ’o delore,
chella ca ’o figlio suio vedeva chiagnere
e Ile cuntava ’e Ilacreme, int’ ’o core!
E chisto core, ca sapeva ndennere
overamente ’o spasemo ched* è,
te suspirava : e speranzuso ’e requie,
sbatteva comiti’ ’a tenca appriesso a te!

[ 160 ]

ito
POKMXTTI DHL CUORI
E tu eh* 'e fatto ? Tu m’ ’e fatto sentere
minuto pe minuto, e 'o asento ancora,
comm1 'e curtiellc ’e ccarne vive tagliano,
comme ae more, dento vote all’ora!
No, no, nu cchiù 1 Doppo tant' anne abbuiano
sti ppene troppo amare e H’agunia!
Te «* distrutta e m* ’e distrutta l'anema,
cagnanno tuttaquanta 'a vita miai
E mo' ano voglio patemiente ’e lacreme,
nè cchiù suspire o palpete ’e speranza 1
Voglio vasà na bella rocca ’e femmena!
'A primma vocca ca me vene nnanza!

[ 161 ]

SERENATOLA AMARA
1.
Che suonno d’ oro. e clic nuttata «luce !
Che sentimento, stupiranno a te !
Tu me parlave, cu na bella voce,
stu core mio sbatteva comm' a che!
Mo’ chillo suonno, comm' 'o tiempo passa,
comme int' ’o suonno si' passata tu,
m’ha nimiuaso ’o ricordo, e nun nie lassa,
d’ 'a vocca toi’i, ca nun me vasa cchiù !
II.
I
Che vita nera, pe chist’ uocchie *e mare,
ca m' hanno fatto l’anema penà !
Che lacreme cucente, e quanto amare,
e che nuttate chiare, a spantecà !
Mo’ chesta vita, comm’ ’o suonno passa,
comme crudele si’ passata tu,
m’ha rummaso ’o gullo, ca nun ine lassa,
d’ ’o core tuio ca nun me sente cchiù!

[ 162 ]

162
POEMETTI DEL Cl'ORK
III.
Che vase 'e fuoco, e che promesse belle,
quanno, tremmanno, me diciste si !
P’ 'o delo nuosto, che battaglia ’e stelle,
tuttuquante gelose ’e te senti !
Mo*, sti pprumesse e chisti vase ’e fuoco,
comme redenno si' passata tu,
m' hanno distrutto ’o corc. e a poco a poco,
se ne so’ ghiute, pe nun turnà cchiù!

[ 163 ]

SUSPIRATA
I.
Che smania e che pena
pe st' uocchie abbruciate,
pe st’ uocchie appannate
c’ a stiente se nchiudono
appena !
Che strazzio d’ ’o core
saperte perduta,
penzarte sfuiuta
da ’o ffuoco e da ’o suonno
d’ammore !
E ditto m’avive
ca eterno durava,
e st* anema schiava
cu te ncatenata
tenive 1...

[ 164 ]

fOKUfcTtl DII. Ct'Ot*
II.
Ma eterno sultanto
è Dio ca te vede,
e « st' ancata crede,
pe te mAuqiuU
da *» chiamo!
K crede a su viu
n tu m' ’e distfutta;
e ’a farri* m* asciutta
ma senza sanarmc*
’a lenta!
Ma tu *o scuntarrai !
Nce credo pur4 io
sena essere Dio,
vedenno qua’ male
me

[ 165 ]

’A PUVERELLA
— Assettata a stu gradillo
vai sfilanno 'a cu ranella
e ogne ttanto guarde ’e lato.
A chi aspiette, oi vicchiarella
Aspettasse a na Signora
che passava sempe ’a ccà
cu na faccia d’ angiulella,
e te deva ’a carità ?
— Sissignore ! ’A canuscite !
Signurì, quant’era bella!
Ognc juorno ’a salutavo
e ’a chiammavo 'a palumtnella.

[ 166 ]

Era tanto aicgraaiiata !
Me piaceva tanto, a me!
Che n’ è stato ì V' era som ?
K nun passa cchiù ?... Pecchè ?...
Che risponno ? Che Ile dieo ?
— SA la sempe a curunclla!
Chella lift nun m*era sora!
M'era sulo... |>aliiinmclla...
E perciò se nè vulati !
E perciò nun passa cchiù !
C a ehist‘angolo d' 'a strata
nun l’aspiette sola tu!

[ 167 ]

MAN nui.IN AT A
Sieste ? Serena ò 1’ aria,
’o mare è cchiù celeste !
’Ncampagna ’e sciure addorano,
tutto te chiamma ecà !
’A notte ’e stelle luceno
pe preparane 'a festa ;
filano e s’ assecutano
pe te vedè arriva !...
Viene, Faccella d’angelo,
core d’ ’o core mio !
Te chiamma 'a voce ’e st* anema
che spànteca pe te !
£ sti suspire saglieno
da terra an fino a Dio,
preganno, dint’ ’e smanie,
sperate ’e te vedè !

[ 168 ]

l'OKMK I TI DUI. Ol itRK
Viene ! Chist’ uocchie chia^ncno
cu lacreme nfucate
c'abbruciano, ca scorralo
pe nun fermarse cchiù...
Viene ! So* troppe, ’e spase me,
Bella, ca tu m’ e date !
Pene, turmiente e lacreim-
ca l'ammentaste tu !
È notte. Da Pusilleco
nu suono ’e mandultnc
passa tremmannu, all’aria,
e arriva anfino a me...
È quacche sulitario
ca mmiezo a li cianiine
sta ricamanno, tennera,
11% sinfonìa pe tte!
Nun siente ? Nun te smoveno
sti vvoce e sti suspire ?
Sdure ca nun addorano ?
Rose sfrunnate già?
Speranze ca se stutano?
Penziere amare e nire?
Lacrenie e aempe lacreme ?
Suonno ca se ne va ? !

[ 169 ]

fOINKTtt TlKl CHOttt
Sientc ? Sti vvenc abbruciano
p' ’o ffuoco ca m' ’i* dato
Siente? Sti minane scottano!
Rispunnemc ca sì !...
... Ma ’o suonno è suonno ! Guardeme !
Mo’ ca me so’ scrtato,
rìdo, m* asciutto ’e ll&crenu*.
e sèguito a muri.

[ 170 ]

CANZONE ’E FANTASIA
I.

Passa, cantando, a sta fenestu mia,
Ammore, e tene ’e mmanc chiene ’e sciure.
E canta na canzone ’e fantasia
c’ a tiempo mio I' agi*io cantata io pure !
Dice ’a canzone : Fravula nuvella,
Si’ scella rata e fauza, ma si’ bella!
E détto core le risponne e dice :
Sempe, cu tte, m’aggio 'a senti felice !
E voglio sempe sta felice e chiaro,
e canta Ammore, e m’ ’• ripete pure:
Faceva ggiuramente ’e marenaro
e te jucava l’asso pe figure !
Tu nce credive e t’’a guarda ve mmocca,
vocca cchiù bella d’ ’e ccerase a schiocca,
e Essa, sediarata, comm’ a che,
te cuffiava senza di' pecchè!

[ 171 ]

II.
Passa cantanno a sta fenesta mia
Ammore, e tene ’e mmanc chiene 'e rose!
E canta na canzone 'e simpatia
ca cu na cosa dice tanta cose !
E dice ca mo Essa s' è cagnata,
ca nun è chella, è addeventata n’ ata !
E ca sultanto tu, ca tu sultanto,
1’ ’e (atto ’o core addeventa nu santo !
Embè, si nce vuò credere, nce cride !
Apre ’a fenesta, e fa trasì st’ Ammore !
Si ride, fa a vedè ca nun ’o vide,
e nun te n’ addunà, si è traditore !
E canta sempre: Fravula nuvella,
si è scellarata e fauza è pure bella,
e si chesta bellezza tf a vò dà,
tu pigliatella, e falla pazzià !

[ 172 ]

’O PARO ’E GITANTE
Ah ! Che sapore *e lacrcme
m’ ha dato, cu na storia benedetta,
stu paro ’e guante ’e femmena
travato dint' ’a sacca ’e na giacchetta !
Quant’anne fa? Ricordate,
core scuntento mio, core malato!
De chi songo sti guante? A chi appartenerlo
.... E me so* ricurdato!
L’avevo vista na matina, sola...
E sapevo dii era... E ’a suspirava...
Pur’ Essa, me sapeva,
e redeva accussì, quanno ’a ncuntrava...
Na sera, sulo, addulurato e stanco
comm’ a chi nun ’o ssape e sta scuntento,
pensavo c’ ’a matina, (ah, che turmento !)
m' era caduto nu capillo janco...

[ 173 ]

Povera ggiuventù ! Cènnera fredda !
Fuoco stutato, traniuntato sole !...
E me scappava a chiagnere :
e ramocca me murevano ’e pparole... !
Povera ggiuventù, priesto passata,
che m’aveva rumroaso dint' ’o corc
comm’ ’a ferita de na curtellata
ca te cundanna a spasemà 'e dulore...
E vedevo na luce... E na faccelta
vedevo... E d’ oro na capellatura...
Vedevo a na inanella
accarezzarme int’ a na stanza scura...
SeittCWO nu suspiro...
Po’ fMttava na morta... Ah suonno tristo!
E ’à vocca mia s’amareggiava ’e fele
cchiù peggio ’e chello dato a Giesù Cristo...
Tutt’ a nu tratto, nu rummore ’e passe...
Ven' uno e me cunzegna nu biglietto...
Arapo... leggio... Mai, nun m* ’o scurdasse !
Comme sbatteva ’o core, dint’ ’o pietto !...

[ 174 ]

« Domani parto. Voglio dirti addio... *
Voto ’o foglietto e guardo... Era firmato...:
Che me >116 di' capillo janco mio ?
Stongfo durmenno, o pure sto scetnto?..
Essa me chiamma ! Doppo tanto tiempo,
mo se ricorda ! Benedetta st’ ora !...
Chi v' ha chiagnute e ve cunosce. oi I ac reme
Essa me pensa ! E me vo* Wne ancora !...
Arrivai eh' era notte. E m'aspettìvano
dilli’ uocchie belle e chella vocca amata !
Ah, comme ’o core e l’anema sbattevano!...
Che nuvità, chella scampanellata!...
r
Me sunai dint’ ’o pietto. Era na musica
d’angele ’e cielo e d’organo maggiore !...
E chelli bracce soie, ca m* astrignetteno.
me mbalzamaino tuttuquanto '0 core!
’A matina parte tte. Era ’e dummeneca.
Chiagneva ’o core mio, nu chiamo amaro.**
’E wocche noste, tutte nfose ’e lacretne,
devano a ’e vase nu sapore raro...

[ 175 ]

« Nun ce vedimmo cchiù ! Penza ! Ricordate
Vuoglieme bene! * Io rispunettc : — « Va !...
E sti pparole mo’ int’ ’e rrecchie liscano,
e restarranno pe H’ eternità !...
%
E te scurdaste ’e guante... E mo’ truvannole,
me ricordo sta storia, Ammore miti !
E chiagno, e rido, e me turmento e spasemo,
e guardo ncielo, pe parla cu Dio !
— Pecchè partette ? Miezo a tanta spaseme.
Dio ca me siente, dimme comme va !
Tu ca stai ’ncielo, tu ca fai miracule,
uno, pe mme, nun ’o putive fa?...
M’’e vuluto vedè, tnmiezo a sta vita,
cannimi muorto, nzieme a tanta gente,
cu ’a to/tt tristo, l’anema pentita,
sbattuto e spierto comm’ a nu pezzente...
E aggio chiammato, aggio cercato Ammore,
buntà, repuoso 1... Ma, comm’ a na preta,
chisto destino ha scamazzato ’o core,
awelenanno 11’ anema scujeta !...

[ 176 ]

A MAI.A NOVA
Chisto corc è nu pantano
tutto làcreme d' ammore !
’A Speranza è ghiuta nfunno
pecchè niente jkj' sperà;
e ’o delore ’e tutt’ ’o munno '
dint’ a st’ anema è trasuto,
comm’ ’o muorto int’ ’o tavuto,
pe fa st* uocchie lacremà !
Tu nun siente! Tu m’ ’e ditto
ca dii sa si venarrai,
quann’ ’o core già sunnava
priesto o tarde ’e te vedè ;
e ponzava e suspirava
de vasarte n’ ato ppoco,
pe dà zùecaro a stu /fuoco
c’appicciaste mpìetto a me!

[ 177 ]

Ma ’o destino ha destinato,
Vita mia luntana e cara,
ca chest’anema scujeta
maledetta Uh da muri;
t* attaccata 'o (ilo Y* seta
vcco 'a spata d* ’a pazzia
c ammenaccia a vita mia
e ca ’n pietto v«’> trasì !
Ah. pecchè, pecchè m’ ’e scritto
ca nun sai, ca nun si' certa?
Chi t'ha dato stu curaggio
pe me di' sta nfamità ?
Vene ’o sole ru nu raggio
}x* schiari st' anema sola,
t* t’ abbasta na parola
pe fa 'a notte arri tu mà ?
Mò, da quanno aggio saputo
ca chi sa si tumarrai,
tutt* 'a forza m’ ha lassata
e aggio perza ogne virtù ;
e chest’ anema dannata,
senza luce, e senz’ ammore,
s’è mpazzuta p’ ’o delore,
nun capisce niente cchiù !

[ 178 ]

’A CARITÀ PELOSA
1.
Voglio sta settipe alleerò!
M’aggio 'a truvà na cas:i
mmiezo a na campagndla
cu na spallerà ’e rose.
Na femmena cìanciosa
vogUo tenè vicino
pe (arme sempe cogliere
’e frutte d’ ’o dardino!
Po’ quanno buono buono
me so’ seccato,
lasso a essa e piglio a 0 ata’
lasso a essa e piglio a n «**•
Chesta è ’a vita
c’aggio 'a fa !
Tradimento e nfàmità '

[ 179 ]

II.
E voglio sta cuntento,
senza penziert* amare,
stiso int’ ’a lenza 'e frisco
d’ ’o muro finanzieri* !
Passa na pacchianella
all’ ora d’ ’a cuntrora,
e ’a chiammo p’ ’a ntrattenere,
e casa s'annammora!
Po’ quanno buono buono
me so’ seccato,
lasso a essa e piglio a n’ata,
lasso a essa e piglio a n'ata/
Chesta è 'a vita
c’ aggio ’a fa !
Tradimento e nfamità !

[ 180 ]

III.
Songo passate ll’anm*
spi ranno e suspiranno,
senza cacciarne niente,
chiagnenno c strepetnnno!
Neh ma pecchè se chiagne?
Redimmo, è 'a megli» cosa!
Ito* voglio tratta 'a femmena
cu ’a carità pelosa!
Po’ quanno buono buono
me so* seccato,
lasso a essa e piglio a n’ata,
lasso a essa e piglio a n’ ata •
Chesta è a vita
c*aggio ’a fa!
Tradimento e n&mità?

[ 181 ]

COMM’ A STU CIELO...
Comm' a sin cielo appecundruso e niro
ca chiove a ore 11' acqua comm' a oche,
stu core c’ ha perduto ogne rispiro
chiove cucente lacreme pe te...
Paa» pe 1» aria na tempesta scura,
schioppa nu lampo giallo e se ne va...
Comm’'a speranza ’e fa passa 'a sventura,
comm' 'o penziero d’’a felicità...
Ma sta speranza cu ’o penziero vene
eomm”a nu lampo... pe nun tumà cchiù!
E chisto core affanna miniezo ’e ppéne
cu ’o desiderio ca turaasse tu!

[ 182 ]

ACQUA CHE SCORRE...
Acqua che scorre nun se po’ fermare,
comm' io ferina nun pozzo li suspire !
Core malato nun se po’ sanare,
core cuntento nun po’ cumpatire!
Pe quanto sape ’e sale 1’ acqua ’e mare,
pe quant' è brutto ’o punto d'’o mmurire.
sti llàcreme accusai me sanno amare,
sti penziere accussì se fanno nire!
Comm’ a lu fluoco se cunzuma ’a cera,
accussì se cunzuma chisto core!
Comme spontano ’e stelle a primma sera,
accussì mpietto sponta lu dulore!
Quanno pe tutto ’o munno è primmavera.
pe mme fa friddo e lu calore more,
pe mme lu juorno è notte nera nera...
Addò si’ ghiuto ? Addò si’ ghiuto, Ami*101*’

[ 183 ]

SUONNO...
Na varca. P’ ’o viento, vulanno,
hmtano se porta 1* Ammore
ca tanto m'ha fatto suflfrì...
lo chiamino, suspiro, m’ affanno,
e tale è la pena c stu core
ca 'nsuonno me pare V muri!
Na stella. Da ’e ragge lucente
na luce se parte e m’ arriva
e nfronte me vene a vasà...
Io penso a li ttrezze ndurate,
a tutte li ccose passate,
e ’a pena me la smanià!
Nu sciore. Da miezo ’o ciardino
stu sciore s’arape e se nchiude
e pare na vocca e nun è ;
e dice nu nomine, e me chiamma,
e mpietto io me sento na sciamma,
e corre ’o penziero addu tei

[ 184 ]

184
PORMKTTI l)KI. t-l'ORR
Che fai ? Pecchè nun me rispunti? ?
Nun vide ca '<> core te chiamma,
ca sulo pe tte vo* suffrl ?
Ma sulo int* ’o suonno tu viene,
pe darme sti bbottc e sti ppént*
cuntenta *e vederme muri!

[ 185 ]

E NNUVOLE
Nui simmo comm’ ’e nnuvole:
jammo, va trova addò!
’E viente nce trasportano,
e niente cchiù nce po’!
Nttvola ’e juorno ? Càcciala !
Falla nuvola ’e sera!
Nuvola rosa ? Càgnala !
Falla nuvola nera!
Nuvola 'e sciure ? Scippale
sti rrose e sti vviole!
Nuvola d’ oro ? Fermala !
Levale ’o raggio ’e sole!

[ 186 ]

186
roKMKTTI OKI. CUORI!
E fìsca 'o viento. Stevamo
mroiezo a nu cielo ’e festa,
tutte felice.... e ’a furia
nce coglie d’’a tempesta....
Passano ’e raggc, moreno
’e lluce ’e tutt’ ’e stelle;
corrano e s* accavallano
’e nnuvole cchiù l>clle.
e formano una nuvola
ca se fa nera, e va !
E chiste songo l'uommene!
Chest’ è 1’ umanità !
Guardate : se ne traseno
’e stelle a una a una;
arreto a 11* ati nnuvole
già s’annasconne ’a luna ;
già na tempesta d’aria
'e ciele fa cchiù cupe;
già ’e tuone te spaventano
comm' a na chiorma ’e lupe ;

[ 187 ]

g& ’e lampe ’o nniro stracciano,
già ’o friddo se ne vene,
gtà’e pprimme gocce cadono
e niente cchiù 'e mmantene...
C chesta è ’a vita! ’A nuvola,
cupa comm' ’o delore,
se squaglia, e vene a chiovere...
So’ ’e Ilacreme d’ '«» core...

[ 188 ]

ACENO n I VA..
Aceno d'uva, fravulella duce,
chesta vucchella quanto me piace!
E me piace ’o suono ’e chesta voce,
e chisto core nun se fa capace !
E nun se fa capace chisto core
e vurria cantà sempe : Ammore Ammore !
E nun se fa capace ‘a vita mia
pecdiè tu tiene tanta simpatia!
Sì’ tennerella comm’ all’ erba ’e maggio,
e si' gentile comm' ’a palummella !
Chili’ uocchie ’e mare mànnano nu raggio
che fanno scuorno ’a cchiù lucenta stella'
Si tu stisse luntana, oh che viaggio
io Curia pe vasà chella vucchella !
Ma lu Destino me te fa parla,
e sta vucchella n’ ’a pozzo vasà !

[ 189 ]

Si’ culuritn c*»mui’ 'a fronti' rosa,
e tiene V dienti* comm’ ’o giesummino !
Quanno me ride, neh, che bella cosai
Io moro e campo, pe te sta vicino!
Quanno tu te ne vai, stu core afflitto
sbatte cchiù forte, apicrto ’e te vedè...
Dinto a qua* libbro, Ammore, steva scritto
c’addevcntavo ’nammurato V te?!
Quanno fa notte, e p' ‘a fencsfci mia
trase d’ 'a luna na fascia lucente,
m* ’a sónno int* a nu suonno ’e fantasia
ca dorme sola e nun me tene a mente!
Aceno d’uva, fravulella doce,
pecchè nun me facite arrepusà?
Stu fuoco, mpietto, troppo assai me coce,
e manco 'o mare ’o putarria stutà!

[ 190 ]

A ’o Campusanto d’ V Ccetrangulelle
stu core mio è inuorto e sutterrato !
Amai duj' uocchie eh’ erano doi stelle,
e nu mussillo russo mpurpurato !
Giglie naie, chelli ddoi manellc.
chilli capille nu sole ndurato ;
’a chiamma vano ’a Bella ’e tutt' ’e Beile,
e m’ ha arredutto afflitto e scunzulato !
II.
Caruofene adduruse e giesuimnine,
tengo ’a fatica e me scappa d’’e mmane !
Scengo da U’ uorto mio tutt’ ’e minatine,
e se seccano ir acque d’ ’e fontane.
Vaco cercanno abbiento ’a ccà vicine
e nce pass’ ogge, e nce passo dimane,
ma at’ ucchiezzulle comm1 u ddoi curvine
’e ccerco sempe e nun ’e ttrovo mai ■’

[ 191 ]

Ili
\||«rv V |M(tu nw • >rr«c « f«gnr
tv enter «rm^ic e ^Ki*to c«r fhUfwr'
fiali m ma c Ur Carette V ligar
am rtórttt mmmo * H
Pmhì '« )uor»u «(ifini-Mi < t<nr« «oU.
m nun uprll» dirle tvt paro!#,
putu ‘a notlr e mo ««• • («wn armi#.
bm dint’ ’»• curv mH> la malvlimipr '
IN'.
Y’uma ca nsuonno tu m'accurapurisM
e mua (a rum more t‘ accutUtsr :
t‘ aolaiK nu poco e me diente
et me vuò bene, e io l’anduvinaur ;

  • po' vurrìa cn n&ccta me redine,

(ama rocca 'e roM me rame;
dùto è suonno! Io me te sonno spine!
Ah, ca la Morte cchiù non me «ottuse I

[ 192 ]

V.
Vaco vennenno fravule ’e ciardino,
cu ’o ddoce mmano e ’o core dinto ’e ppéne!
M’ha chiammato na nenna ’a ccà vicino :
— M’ 'e ddai pe ttanto, oi-nì, .si te cummene?
L'aggio arrispuosto : — Arape 'o man tesino,
ca m’ ’e attaccato cu ciento catene !
Pigliate ’a megli» rrobba d’ ’o ciardino,
ma lèvame stu core ’a dinto ’e ppéne!
VI.
'A matnma me dicette : — Nun è rosa !
Ma 'a figliulella me dicette : — Trase .'
Si vuò parlà cu mme, tengo na rosa,
ca spanne addore de priezze e squase...
’A mamma me facette ’a ntruppecosa,
ma ’e mmamme po'... se fanno permase!—
E io» cu ’a scusa ’e cogliere sta rosa,
’a figliulella 'a cunzumai 'e vase!

[ 193 ]

VII.
Ammore Ammore e che m’ ’e fatto fare !
M’ ’e fatto trasì ’e spine int’ a stu core !
Sta vita mia è tutta morze amare,
è tutto nu turmiento e nu dolore !
Limone è acro e nun se po' magnare,
e accussì songo li ppéne d’Ammore:
quanno tu stai cuntento o a tte te pare,
vene ’a Morta e te piglia e te ne muore 1

[ 194 ]

’A SIMPATIA
Io nun ve guardo e vui nun me guardate,
ma nu tantillo ’e bene m’ ’o vvulite !
Nu poco poco... Nun ve 1’ annlate
pecchè mo’ ’o saccio e vui... pure '0 ssapite
È overo o no ? Nce simmo anduvinate ?
Nun ttt avutate ’a faccia e nun redite !
VuHte la a vedè ca disprezzate,
ma ve cunosco ! E vui... me cunuscite !
Sulo na ucchiata vosta m* ahbastai !
Me guardasteve brutto, e chesto è overo;
ma, v* assicuro, io sbaglio quase mai !
E quann’ è chesto, pozzo di* ca spero ?
V’ '0 pozzo di* ?... T* '0 pozzo di', ca stai
dint* a stu core e dint’ a stu penziero ?

[ 195 ]

MAN ELLA MIA...
I.
Man A che m' accarezza e me cunzola
uh quanta smànie t’ ’e pigliate ’a me!
Dint’ 'a sta vita abbandunata e sola
sempe m’ è parzo ’nsuonno ’e te vedè!
E te vedevo movere ’a luntano
comme avisse vuluto saluti;
e currevo addu te cu ’o core mmano,
appaurato ’e me putè scetà!
II.
Mana che t’ arrubbaste chisto core,
tienelo forte e cchiù nun ’o lassà!
Doppo tant’ anne 'e lacreme e delore,
tu sola m’ ’e saputo cunzulà!
Comm’ ’o cecato ca nun ’ngarra ’a via*
m’avria pututo perdere pe tte;
ma tu vuliste farine cumpagnia,
tutta cuntenta ’e nun me fa cadè!

[ 196 ]

196
POKMETTt URL ClToRg
III.
Tieneme astrinto, tieneme afferrato,
manetta mia, pe nu me lassà cchiù!
Mo’ ca m’ 'e visto tanto appassiunato
me può dà pace sulamente tu !
Ma, si t* ha da passa sta fantasia,
si sta cundanna ’e morte aggio ’a paté,
pòrtate appriesso tutt’ ’a vita mia!
Scipparne ’o core, e nun m’ ’o fa vedi!

[ 197 ]

’A VESTA NERA
Te vedette passa. Stive vestuta
cu ’a vesta nera, povera Nannina!
Tenive na faccella appecundruta.
L’uocchie, chilli bell’ uocchie avveliutate,
erano muolle ’e lacreme cucente!
Quante, Nannina mia, n’ avrai jettate !
Tu, tanto bona, povera nnucente,
quann’ io, male nfurmato, te lassai,
te stiste zitta e nun diciste niente!
’A g'elusia, sultanto 'a geJusia
ine putette ngannà! Sì! Afe credevo
ca tu nun fusse stata cchiù d’ ’a miai

[ 198 ]

M' 'o ffacetteno credere! Io, cecato,
me scurdai tutt' 'ammore e tutt' 'o bene
ca pe tant'anne tu m'avive dato,

e te perdette!... E tu, comm'a na santa,
nun rispunniste manco! Me guardave
cu l'uocchie arze, e tremmave tuttaquanta!

Ah! Pecchè nun diciste na parola?
Si me giurave ca nun era overo,
t'avria creduta! A te sola!... A te sola!

Pecchè, pecchè nun rispunniste niente?
E quann'io te mettette 'e mmane ncuollo
e fui nu vilo, scellaratamente,

pecchè nun te scustaste e nun chiagniste?
Si cacciave una lacrema, una sola,
anema e core, nterra, avrisse viste!

Si facive una mossa, una sultanto,
'o sangue 'a ll'uocchie me sarrìa passato,
e me sarrìa spuntato 'o meglio chianto!

Ma tu me suppurtaste senza sciato,
senza strillà, senza jettà suspire...
E fuie pe chesto, ch'io restai ngannato!

[ 199 ]

Mo' t'aggio perza! Nun me vuò cchiù bene!
Nun me guardano cchiù, chill'uocchie nire!
Cchiù nun te coce, 'a freva dint' 'e vvene,

pe me, pe me, ca scellaratamente,
comm'a nu pazzo o comm'a n'assassino,
t'aggio affennuta, pe na cosa 'e niente!

Addò m'aggio 'annasconnere? Che morte
me pozzo dà, mo' ca me guardo attuorno
e veco nchiuse tuttuquante 'e pporte?!

E pure, si sapisse int'a stu core
che curtellate me danno 'e penziere
e che morte me dà chistu delore,

tu, piatosa, tu bella, e tu nnucente,
si te putisse vennicà dimane,
tu, ntenneruta, nun farrisse niente...

anze... chi sa!... me stennarrisse 'e mmane...

[ 200 ]


'A BELLA CHE PASSA...



Passa 'ncarrozza. E quacche vota guarda,
cu chill'uocchie, accussì, granne e lucente...
Ah, che bell'uocchie chiare 'e sentimente!

Quant'é fina! Nu giglio! E che prufilo!
Pare na fata de ll'antiche tiempe...
Nce stò murenno appriesso!... 'A guardo sempe.

Pozzo tenè speranza 'e quacche ccosa?
No. Nun so' pazzo. No. Guardo a na stella.
Che l'aggia 'a di'? Suspiro: Quant'è bella!

Va! Tu stai troppo ncielo, io troppo nterra!
Sulo 'e guardarte m'aggio 'a cuntentà!
Ma si sapisse 'o core comme fa!!

[ 201 ]


'A SERA



Amariggiate, amariggiate st'anema,
penziere miei d'ammore!
Pónte 'e curtiello, c'aspettate a scennere?
Squartateme stu core!

Me guardo attuorno... E chisti sciure 'ammennola,
chest'erbe appena nate,
stu chiaro 'e luna, chestu vverde 'e ll'albere,
sti rrose mprufumate,

nun ne parlano cchiù! Cchiù nun me diceno
ch'è tiempo 'e primmavera!
Nu tempurale 'e spaseme e de smanie
st'anema mia fa nera!

[ 202 ]

E me dispero! E chella faccia d'angelo
che m'ha tanto ncantato,
e chella vocca, doce comm' 'a pèrzeca,
ca na sera, 'e sti tiempe, aggio vasato,

mo', sulamente nzuonno, m'accumpareno,
pe ntussecarme 'e fèle,
e me veneno nnanza, e me turmentano,
Anema mia crudele!

Fui pe na sera sola! E 'a tanno, moreno
cerviello e core affatturate 'a te!
Chi me capisce? 'E ggente se ne rideno,
e pure tu starraie redenno 'e me...

[ 203 ]


L'ANGELO D'ORO



Che fui? Nu suonno 'e st'anema assetata?
Fui na fattura? Fui na cosa overa?
Songo sti bracce, ca t'hanno abbracciata?

Certo, m'accumpariste, chella sera,
comm'a n'angelo d'oro! 'E ttrezze d'oro
erano 'e ragge 'e tutt' 'a primmavera.

L'uocchie culore 'e mare, nu tesoro
parevano, d'ammore e sentimento...
Tiempo ne passarrà, ma me ne moro!

Che fui, cella jurnata? Nu mumento!
Na vulata 'e palomme c'accumpare,
e pò luntana s'a trasporta 'o viento..

Doppo tant'anne 'e patemiente amare,
doppo tant'anne de jurnate triste
e de nuttate eterne, chiare chiare,

[ 204 ]

Core d' 'o core mio, m'accumpariste...
E fuste proprio tu?... Nun è nu nganno?
E te parlai? E tu, me rispunniste?

È già nu mese! Ma me pare n'anno!
Vista, e nun vista cchiù! St'uocchie abbruciate
se so' stancate 'e chiagnere ll'affanno!

Te ne ricuorde? Stevamo assettate
vicino 'o mare. Me tremmava 'a voce...
P' 'a freva 'e mmane s'erano avvampate!

Da quanto tiempo, chisto pietto coce?
Da quanno tu, stennennome 'a manella
me t'arrubbaste 'o core, doce doce!...

E me parlaste. E pïatosa e bella,
guardannome cu tutt' 'a passione,
m' 'a vuliste menà, na parulella!

Nun è nu suonno, nun è 'llusione,
nun è fattura, no! T'aggio vasata!
E sento 'o ffuoco ardente 'e nu ggravone

ncopp'a sta vocca tanto avvelenata...

[ 205 ]


'O CIARDINO ABBANDUNATO



Turnatevenne, pecchè nun è ccosa,
nun nce sta manco cchiù nu mandarino!
Nun nce sta manco cchiù na schiocca 'e rosa,
manco e 'ffronne nce stanno, int' 'o ciardino!

Site arrivata cu 'o ritardo 'e n'anno,
povera figlia! È fatta già 'a cugliuta!
Tutto è distrutto! E tuttuquante 'o ssanno...
Ah! ca si primma fusseve venuta!

L'uldema fuie Chella cu ll'uocchie 'e mare...
Giesù, che te facette, chella mpesa!
Me distruggette 'e rrose meie cchiù rare;
e l'albere chiagnevano c' 'a stesa!

[ 206 ]

Cuglienno frutte, scarpesanno sciure,
sceppanno 'a terra 'e ggiglie mprufumate,
vi' che m'ha fatto? E, nun cuntenta, pure
'e fierre d' 'o canciello ha sturzellate!

E so' stato io, ca mò ve sto parlanno,
io, so' stato, a pregà p' 'a fa trasì!
Na vota dinto, e tuttuquante 'o ssanno,
me ntussecai, ma nun vulette ascì!

Che ssito ch'era chisto! All'otto, 'o sole
s'appresentava comm'a nu Rignante!
Io, stiso mmiez'a schiusa d' 'e viole,
era 'o cchiù felice ommo 'e tuttuquante!

Ccà palummelle e luce-luce d'oro,
ccà rusignuole, passere e zenzelle...
Che mmusica d'ammore! Era nu coro,
na nonna-nonna 'e tutt' 'e cose belle!

E quanno 'a sera accumpareva 'a luna,
guardànnome, cu l'uocchie d' 'a bbonora,
chisto pareva ll'Uorto d' 'a Furtuna,
'o ciardino d' 'a Fata ncantatora!

[ 207 ]

Vedite abbascio llà chella funtana?
Chella teneva tutte li vvirtù!
Da che venette 'a bbona cristiana,
mo' manco ll'acqua nun è bbona cchiù!

Mo' nun ve pozzo dà dui giesummine
manco si m' 'e pavate a piso 'argiente...
Chisto, ch'era 'o ciardino d' 'e ciardine
da quacche mese è addeventato niente.

Perciò, turnatevenne, ca n'è cosa!
Mo' m'aggio fatto troppo 'a vocca amara!
Vui jate ascianno 'addore 'e malvarosa
e ccà cresce l'ardìca campanara...!

[ 208 ]


CANZONA 'E SENTIMENTO



Bella ca tiene sta rusella mpietto,
che vai facenno pe stu vuosco, sola?


Essa passava mmiezo a li vviole
comm'a nu suonno 'e na nuttata 'abbrile;
teneva ll'uocchie 'e cielo e nfronta 'o sole;
nfaccia, 'o culore d' 'e ggiglie ggentile.

— Che vai facenno pe stu vuosco, sola,
bella ca tiene sta rusella mpietto?

Essa jeva 'ntrezzanno a rammagliette,
carufanielle e rose d'ogne mese;
nun me guardai e nun me rispunnette;
passai, cu ll'uocchie 'nterra, 'e ttrezze scese.

[ 209 ]

Chiano passai, comme a nu raggio 'e luna
passa, p''e llastre, dint' 'a cammarella...
— Che vai truvanno, fata d' 'a furtuna,
cu ll'uocchie nterra e mpietto sta rusella?

N'avucelluzzo attuorno lle vulava
zerellianno pe se fa guardà,
e appriesso, (era stu core?) io suspirava:
— Chella rusella m' 'a vulite dà?

Teneva ll'uocchie 'e cielo e nfronta 'o sole,
jeva ntrezzanno sciure a rammagliette;
seguitaie a passà, nun rispunnette...
Attuorno 'a salutavano 'e vviole!

— Facimmo a ccagno... 'O posto d' 'a rusella,
tenite ccà... mettitence stu core...
Essa aprette, pe ridere, 'a vucchella,
e me guardai; ma nun parlai d'ammore.

'A voce, nu prufummo 'e giesummine,
dicette: — È ttarde! Nun è ttiempo cchiù!
Me tengo 'a rosa, 'o core d' 'e ciardine...
Io so' morta a stu munno... E pure tu!

[ 210 ]


AMMORE 'E MAMMA



I.


So' juto a dimannà da nu Rumito:
— Patre, comm'aggia fa? So' disperato!
Essa nun è cchiù chella de na vota;
stu core 'o ssente, e ne sarrà dannato!

Nun pozzo suffrì troppo! Addò sta scritto?!
Patre, raccumannàteme 'a Madonna...!
Isso ha rispuosto: — Figlio beneditto!
'A femmena è culonna e l'ommo è fronna!

II.


Me so' partuto 'a llà, tristo e scuntento;
pe munte e chiane aggio curruto tanto!
A na capanna so' arrivato. E dinto
nc'era nu Mago ca facea nu ncanto.

— Famme nu ncanto pure a me, aggio ditto;
tu, che canusce 'e ccose 'e tutt' 'o munno!
Isso ha rispuosto: — È femmena? E sta scritto:
Chi nasce quatro nun pò murì tunno!

[ 211 ]
III.


Me ne so' juto addu na fattucchiara,
e l'aggio ditto: — Famme na fattura!
Lèvame 'a dint' 'o core 'a notta nera,
ca si chella me lassa è na sventura!

E m'ha rispuosto cu na resatella:
— Niente nce appure, si nun tene core!
Quanno nun vo' cchiù amà, femmena bella,
dice: Fernuto è l'uoglio; 'a lampa more!

IV.


So' juto addu na zingara, e m'ha strinto
'a mana 'nmano, e po' m'ha ditto: Siente!
Veco na vita appecundruta 'e chianto
pecchè 'a vuò bene troppo 'e sentimente!

L' 'e guardata ncantato, pe gulio;
l' 'e vista comm'a n'angelo, 'a figliola!
Nun te fa janco, Cavaliero mio!
L'angelo tene 'e scelle... e se ne vola...

[ 212 ]
V.


E so' turnato amaramente 'a casa,
addò sta mamma mia, santa e penzosa.
E nnanza 'e piede suioi me songo miso,
e chiagnenno aggio ditto tuttecosa.

Essa nun m'ha rispuosto. M'ha strignuto
forte int' 'e bracce, e m'ha vasato assai...
E m'è parzo 'e sunnà d'avè sentuto:
«Ammore 'e mamma nun se cagna mai..»

[ 213 ]


'A MAMMA



Aràpeme sti bracce! Io vogli chiagnere
ncopp'a stu pietto tuio ca m'ha allattato!
Dinto a sti mmane 'a faccia aggia annascònnere
ca m'hanno accarezzato!

Ncopp'a sta spalla ca me po' surrèjere
tu làsseme appuià nu pucurillo,
comme facive, e me purtave nzuòcolo,
quann'ero piccerillo!

E piccerella è rummanuta st'anema
ca s'è guardata attuorno e nun ha visto
ca cchiù tu cride 'a gente e cchiù te ngannano,
e ca lu munno è tristo!

[ 214 ]

L'amicizia ched'è? Na mela fràceta
ca sulo 'a fore è fresca e culurata!
N'anielo 'e chiummo cu na preta fauza!
Na freva 'e curtellata!

E l'ammore ched'è? Date a na femmena
'o core vuosto, 'o sango, 'a vita e tutto,
chella, pe nfamità, senza na làcrema,
ve vo' vedè distrutto!

Aràpeme sti bracce! A lloro tornano
tutt' 'e penziere miei, Mamma mia bella!
Cu 'o raggio 'e l'uocchio, mamma mia, tu guàrdame,
chiaro comm'a na stella.

Vàsame nfaccia! E nun te piglià collera!
Mo' so' turnato a te, mo' so' felice!
'A gente parla? E falla parlà a schiòvere!
Chello che dice dice!

Quanno me guarde cu chill'uocchie d'angelo,
e si' cuntenta 'e me tenè vicino,
che me ne mporta si p' 'o munno diceno
ca songo n'assassino?

[ 215 ]

Io te pozzo vasà! Sta vocca, crideme,
nun ha parlato maie male d' 'a gente!...
Comme trattava a te trattava all'aute!
Nun s'è spurcata 'e niente!

E chisto core? Avrà pututo credere
ca tutte ne tenessero tantillo...
S'era sbagliato, oi mamma mia! Perdònalo
Mo' torna... Pigliatillo!

Da quanno, a cunzularme 'e tanta spàseme,
me vasaste e diciste doi parole,
io me sentette rischiarà chest'anema
meglio 'e nu raggio 'e sole!

Sì sì! Stongo cu te!... Sì, sì, cuntèntate!
Rideme sempe cu sta vocca doce!
Me sape cunzulà meglio 'e nu balzamo
'o suono 'e chesta voce!

L'ammore 'e mamma, tuttuqante 'o ddìceno,
è 'o vero ammore, è chillo ca nun more!...
Viene ccà, viene ccà... sti ccose pàssano!
Rieste tu sola, dint'a chisto core!...

[ 217 ]
IV


PICOLA BORGHESIA


(1902-1907)


[ 219 ]

NATALE E CAPODANNO


(Il presepio in costruzione)


I.


— Ma che fai? Addò miette stu craparo?
Chillo te leva tutt' 'a visuale!...
S'ha da mettere accanto all'animale!
E leva 'a lloco chisto zampugnaro!

— E addò se schiaffa? — Ma, cretino caro,
ched'è, presepio, o fosse funarale?!
Comme! Uno appriesso all'ato! 'O castagnaro,
'o scartellato, 'o turco e 'o spezziale?

Distribuisci! Fanne una scenetta!
Nu gruppetto c'almeno fa figura!
Che significa, llà, chella carretta?

E chella pacchianella dint' 'o sciallo!
Chella! Chella che porta 'a criatura!...
M' 'a piazze sott' 'a coda d' 'o cavallo!

[ 220 ]
II.


— Ma c'aggia fa! Me state mbriacanno
in tal modo, ca perdo 'e ccerevella!
Zi-Pascalino ha da fa chesto ogn'anno!
— E vattenne, ca si' na muzzarella!

Stai da tre giorni in casa, revutano,
e nun me sai ncullà na casarella!
Comme! tu vide ca te sto ajutanno,
e fai l'atto 'e superbia e l'angarella!

L'aseniello addò sta?... —Ma che ne saccio!
Le stanno danno na mana 'e vernice...
— E San Giuseppe? Le manca nu vraccio?!

E 'o voie? È senza corne? E comme va?
E nun me siente? Bestia! Che nne dice?
— 'E ccorne?... Addimandàtelo a papà...

[ 221 ]
TAVOLA DI NATALE


I


Ho comprato un capone, don Ciccì,
che pare un alifande! Con un grascio!
Dietro, p' 'o troppo peso, scenne abbascio!
Qualche cosa di bello! Ma così!

Di questi santi giorni, écconci cqui,
qualunque cosa fosse, io piglio e lascio!
Me porto 'a donna appresso, ma vach'i'!
E se no, voi capite! Ogn'erba, fascio!

Poi jeri da Bologna, un conoscente
ci ha mandato trecento tortellini
c'hann' 'a murì int' 'o brodo! Mah! Bollente!

Mia moglie, alla Viggilia, arronza ed esce;
e mentre io dò n'occhiata ai due bambini,
lei si rimbocca 'a vesta e prende il pesce.

[ 222 ]
II.


Voi l'aligustra come la mangiate?
Per me, credo ci corre 'a maionese!
E la trigliozza? Solo 'a livornese?
Ma nu fritto nce vò! Come lo fate?

'A casa mia nce abbiamo abbituate,
già s'intende, all'usanza del paese:
nu poco 'e tutto, senza tante spese,
e, capitando, due tre buone orate...

L'anguilla, io non ci vado tropp'appresso!
Che volete? Me fa n'impressione!
pare na serpe... E voi? Pure l'istesso?

Ma s'ha da rispettà l'opinione!
Mia sorella ch'è vecchia, ancora adesso.
fa 'o musso si nun have 'o capitone!

[ 223 ]
LA VISITA DI CAPODANNO


I.


— E buona fine, e buon principio d'anno!...
— Altrettanto! Altrettanto!... Favorite!...
Quali onori!... Gli affari come vanno?
— Cummara mia!... Contiamo sulle dite!

Primma, ve ricordate? a Capodanno
er'altra cosa! Mò... simmo finite!...
Mò si scippa! Si vive lavoranno...
— E 'e ppiccerelle vostre? — Songo uscite...

La primma, Marietta, e quella là
si è data al canto... La vocetta è bella!..
Voi la sentiste, l'anno scorso...? — Già!

Me pare che cantò... Serenatella?
— Sì, ma adesso è tutt'altro, 'a verità!...
E' 'a primm'alunna 'e San Pietro a Majella!

[ 224 ]
II.


— Ebbravo!.... — A me però non mi suonava
di farla studià pe ffa l'artista...
Comprenderete... Una si mette in vista...
Ed anche il patre, la contrariava!

Ma intanto sta ragazza raggionava!
Pecchè forzarla a fa 'a telegrafista?
Cu 'o tasto mmano se sciupava 'a vista,
e poi... la gioventù si afrotizzava!...

E brunetta, cummà... piutosto bella...
Con quell'andata 'e corpo! Un'ammazzòne!...
E pò, chella sviluppa, 'a piccerella...

— Cummara mia, avite fatto buone!
Sul palco-osceno d'un San Carlo, chella
se 'a fate andare innanzi, è nu furorone!

[ 225 ]
III.


—È vero?... — Eh! mò n'artista fa fortuna!
Fatela fa, si tene genio 'e fa!...
— Sì sì, mò s'è decisa, a seguità...
Se pò di' che cantava dalla cuna...

Quanno piangeva, aveva modulà!
Ieri cantò l'Addio signora Luna...
Embè, quand'arrivò alla notta bruna
fu nu croscè d'applàvuse, cummà!...

Quello, quello è un amando che si lagna
per la perdenza dell'oggetto amato
e si sperisce in mezzo a una campagna...

Che chiasso, cummarè! Che battimani!
E mo', prima d'usci', col fitanzato,
s'ha passato il duvetto degli Ernani!

[ 226 ]
IV.


Perchè Ciccillo... già... mò è suo promesso...
— Ebbravo!... — Si conovvero, così...
Voi sapete... Per via... succede spesso...
Ma lui poi venne qua pe se schiari'...

È giovinotto... S'è laurato adesso...
Si tiletta di canto... e po' riuscì!
Ma quann' 'a sente all'abborrito amplesso,
pare comme 'a vulesse incenerì!...

Già! Ll'apre ll'uocchie nfaccia, cummarè,
che quando accade che me n'accorgei,
io dimandò a me stessa: «È pazzo, o che?»

Embè, dopo ho cambiato opinione!
Quello m'ha confessato, ai piedi miei,
ch'è tutto effetto della mozzione...!

[ 227 ]
V.


— E l'altra? — Chi, Sisina? Poveretta,
colla saluta gràcita che tene,
coll'amenìa, che è come nelle vene
il sangue vostro fosse un po' d'acquetta,

c'ha da fa?... Resta in casa! E mo' arricetta,
e mo' arricama, e mo' sta poco bene,
e mo' tussisce...! Io sto fra mille pene!...
— E... nun le fate fa' qualche curetta?...

— Cummara mia! Ma tutto, si è tentato!
Chella, 'o stommaco 'e chella è fatto puzzo!
Se sapreste che bobbe s'ha ingoiato!...

Proprio l'aldr'ieri, il medico, De Maio,
lle prescrivette l'olio di merluzzo,
quello col pesce addietro al marinaio...

[ 228 ]
TRUVANNO CASA


I.


Milli bbongiorno! Voi puranche in giro?
— Signora mia, che nge volete fa!
Jammo truvanno casa...! 'A verità,
che sconfidenza! Me manca 'o rispiro!

Stu « quattro 'e Maggio? » È nu peccato niro!
A mille cose, ve tocca 'e penzà!
Io, se sapevo, me restavo llà!
Quello, il palazzo, io lo conosco piro!

Ma che volete?! Ora, la capïenza,
è diventata stretta p' 'a famiglia!
A restarci, non c'è più convenienza...

Poi, gl'inquilini!... Quell'eterno nciùcio,
m'ha dato ai nervi! E poi, ce sta mia figlia!
Adesso sposa... e dove me la nfrùcio?!...

[ 229 ]
II.


Vi dirò: se mi avrebbero ceduto
n'altra stanzetta del quartino a porta,
forse forse, vedete, avressi avuto
da arrangiarmi alla meglio! Ma nun 'mporta!

Ora il si-loca è messo!
Ed ho saputo che probbilmente 'a fittano! I' che sorta,
tiene quella scatòbbia d' 'a Caputo!
Tutto, gli viene, a quella faccia storta!

Vedova, con un solo nipotino,
con quelle quattro pietre catapecchie,
mai l'è restato sfitto nu quartino!

Poi, così dura!... Pare nu viscuòttolo!
Se mette 'a scuffia! E sono case vecchie!
Salta chi po', dicette il granavuòttolo!

[ 230 ]
III.

Per due lire, signò! Che vi credete?
Dopo tanti anni, non cea le abbonò!
Due lire di sparambio neh che ssò?...
Era dovere suo, comprenderete!

Eppure, eccoci qua! Cme vedete,
jammo currenno!... Ed io ne dubbitò!
Dissi in famiglia: «Nun ce 'o pproponete!
Quella galleta nun se spogna, no! »

E così fu! Ma intanto 'a verità,
chiunque se presenta p' 'a vedè,
io lo sconsiglio per l'umidità!

Ma non è che l'invento o l'impapocchio!
La casa è fredda, e l'umidezza nc'è!
Me lo disse l'ostretico dell'occhio...

[ 231 ]
IV.


Quando venne a vedè che Marietta
l'era venuta 'a granulazzione,
dise che scopo della influssione
era na macchia fuori alla saletta!

E già! Fu quella macchia maledetta
che provocai quella rinfezzione!
L'occhio era addeventato nu pallone...
Signò! Se leggereste la ricetta!

Io che so' matre, embè, mi spaventò!
Se vi volessi dicere ched'è,
veramente, vedette, non lo so!

Perciò nge n'andiamo! Eccoci qua!
Ma con tutto che 'a vengono a vedè.
quella si-loca non si affitterà!

[ 232 ]
V.


...E voi, che fate?... —E che volete? Io resto..
Siamo rimasti quattro gatte, in casa!...
A quale scopo fa' stu scasa e ncasa?
Poi mi fa male a uscire, e non mi vesto!

Me so' fatta gravante! Il cuore è lesto
ma il corpo!... Quante volte so' rimmasa
cu 'a bocca aperta, chiara e persuasa
che i mètici mi impongono il siquesto?!

«Uscite raramente, ca si no
vi può venire un tocco scarlatino!...»
E se poi mi verrebbo, io come fo?

Ogge è un'urgenza, perciò sono uscita!
Pe comprà uno specifo al cagnolino
perchè tiene una colica nefrita...

[ 233 ]
«SI LOCA QUARTINO»


I.


Neh purtinà, ched'è chisto quartino?
— Signò sò quattro stanze e 'a cucenella,
na sala, na luggetta e 'o mezzanino...
— Ma dice c' 'a mesata è carulella?

— Chi ve l'ha ditto? Chille 'e de Martino?!
Signò, chella è na gioia 'e casarella!
Sittanta lire e ll'acqua d' 'o Serino
proprio 'o mmeglio d' 'a strata 'a Speranzella!

Chillo, 'o fatt'è, ca nun se ne vonn'ì!
Appena sanno ca quaccuno vene,
signò credite? me fanno avvelì!

N'ata casa accussì chi v' 'a vo' da'?
— Se po' vedè? — Saglite, signurì!
(Io ll'aggio ditto= E ll'aggia fa affittà!)

[ 234 ]
II.


Ndlì, ndlì... —Chi è? —Signò, nc'è stu signore...
Vene p' 'a casa... —Ah! favurisca, entrate...
Veramente... mò so' passate ll'ore...
Da l'una a 'e quatto... —E nun v'incomodate

— Gniernò, facitencello pe ffavore!
Signò, trasite si no nun turnate!
(Ma vi' che brutta vecchia d' 'a mmalora!)
— Embè, perdono 'e comme nce truvate...

Vedete... Nc'è sta camera ch'è stretta...
Una finestra, e dà a settentrione...
Chillo è 'o passetto, e 'o chiammano saletta...

Guardate: nci ho piazzato nu lettino...
Capirete, cu st'anema 'e piggione!
E nce dorme mio figlio Custantino.

[ 235 ]
III.


Po', nun ve dico niente, 'e mmalattie
ch'ho prese in questa casa! Mia cognata
da 'o primmo 'e ll'anno, sta sempe malata!
Sti càmmere sò ttanta farmacie!

Mia figlia, 'a primma, chella maritata,
ch' 'o marito sta abbasso 'e fferrovie,
sta sempe a letto tutta costipata...
E nun sarebbe il caso 'e di' bbuggie!

Nce stà sultanto 'e buono una stanzetta...
— Questa? —Gnorsì, ma è troppo piccolina!
Addò mettete 'o letto? È tanto stretta!

Qua sta nu stipo a muro... Quà 'a cucina...
E chesta è tutta 'a misera casetta...
'A piggione, 'a sapete? È na ruvina!

[ 236 ]
IV.


Settanta lire! E addò s'è visto mai?
Ll'acqua se paga 'a fuore, e 'o guardaporte...
Voi, gnorsì, voi! Siete nu cippo 'e guai!
Pecchè me fate sti guardate storte?

Tutte accussì, voialtri purtinai!
Mettite ll'uocchie 'a dinto a tutte 'e pporte!
Ve ne site pigliate troppo assai!
Ched'è buggìa, che biastemmate 'e morte!

'A mesata, 'a campagna, 'a bbona mana...
Robba ca sulo a Napole se vede!
Dissanguate na casa sana sana!

Meno male ca ho letto sul Mattino
na cusetta che certo piglia piede!
State frische, si mettono 'o chiavino!

[ 237 ]
'E MMEZE SIGNORE


I.


Signora mia!... Nun ve riconosceva...
Come state?.. — Eh, così, 'ngrazianno a Ddio...
E voi? — Così... Da quanto, 'un ve vedevo!
— Gnorsì, d' 'a morte d' 'o marito mio...

—Uh Giesù! Che mi dite! Io nun sapevo...
E quando fu, signò? — Mò ve dich'io...
fu verso Ottombre.. dico bene... Io stevo
a Fratta, al capizzale di zi-zio!

— E come fu 'a disgrazia?... —Ve l'ho detto...
Mpruvisamente... —Cielo! —E so' rimasta
sola. Un disguido!... — E ve n'andaste 'a llà?

—S'intende..! So' passata 'o Spedaletto...
Nu modesto quartino.. Ora mi basta...
Na donna sola... se deve adattà!

[ 238 ]
II.


— I tempi!.. E.. percepite 'a penziona?
— Sultanto i dodicesimi, signò!
È stata na tracolla bella e bbuona!
Nun nc'è che ffa'!.. Si fa quel che si può!

Mò l'epoca è difficile... ho raggiona?
— E chi ve vo' da' torto? Mò nce vo',
ll'epoca è tanta nfame! È quistiona
c'uno si priva... Si comprende, po'!

Passaggio da uno stato a un altro stato!
Così, si botto...! Na povera donna,
moglie d'un galantommo, un impiagato,

se trova sola, esposta... Ch'ha da fa?
— Signò, raccumannàmmoce 'a Madonna,
ca sultanto essa, 'a forza nce po' da'!

[ 239 ]
III


— Quello, così, cu na saluta forta
che sembrava nu toro, 'o poveretto,
alto, tuzzava 'a testa sotto 'a porta,
tutt'a nu tratto, nu colpo apopletto!

— Giesù, Giesù, Giesù, che brutta morta!
— Quando nce penzo!.. s'era rotto in petto...!
Salute a voi, finì... — Vedete 'a sorta!
— Signò, ho perduto il mio più caro oggetto!

Che sventura! — Capite? Ebbi a murì!
Corsi tutta sbattuta... E pare ajere!
Che impressione! Io nun ve lo so di'!

Voi lo conoscevate. 'A verità,
che bell'uomo, signò! Nu granatiere!
Cantava buffo per le società...

[ 240 ]
'A ZÈPPOLA 'E SAN GIUSEPPE



I.


Don Ciccì! Qua, la vita, overamente,
è piena di amarezze! Io l'ho capito!...
Mangiateve sta zeppula vullente,
che, v'assicuro, vi alleccate il dito!

La bignè! La bignè non teme niente!
Ne vado pazzo!... Che gusto squisito!
E la capisco differentemente,
contro il parere vostro riverito...

La mangio calda! Mia moglie lo sa,
e a tutti gli anni, quann'è « San Giuseppe »,
essa a friggere sempre, io... a mangià!

Provatele!... Qua ci hanno tolto tutto!
Fanno a chi megli po' tirarce 'e streppe!
Che vi dicevo? Non si sente, 'o strutto...

[ 241 ]


II.



Io conosco 'a Politica!... La sento!
S'uno mi eleggerebbe depotato,
io gli esplicassi intero il mio mandato,
mah!... Lo faressi in tutto sentimento!

Guardate quel Santini!... È nu purtento!
Se la vede quel Dio! Sta bene armato!
Interrompe e ribatte, ogne mumento!
Io gli darei nu bacio addòve è nato!

Ma i depotati nostri? E chi 'e ccapisce!
Neh, chi li sente mai pepitiare?!
Pe lloro tutt' 'e ccose vanno lisce!...

Se li potrei tenere sotto a me,
ah! don Ciccillo mio!... Che saprei fare!...
Me li mangiassi comm'a sta bignè!

[ 242 ]


III.



Adesso l'imbroglione piglia e saglie!
Hanno fatto l'Italia!... Ma pecchè?...
Per fare luce a tutte sti ccanaglie?
Io me so' ritirato...! E questo c'è!

State seguendo stu processo?... Embè:
chi sono i latri, in quella nzerta d'aglie?
Tu maggistrato, non prendere abbaglie!
Llà cade tutto, llà, secondo me!...

Non è stufosa... Adesso fo venire
na cognacchina, pe nge l'appoggià,
e poterle più presto diggerire...

Povera Italia!... Tutto, si è perduto!...
.... Mò me ne mmocco un'altra, 'a verità!...
Ve lo confesso... Sono cannaruto!

[ 243 ]
IV.


Che morbidezza! Sembra di bambace!
E poi! Si squaglia in bocca..! Intanto, il pane,
argomento allattante, embè, si tace
per causa de stu Sinnaco 'e patane!

Il sovversivo?... E a quello le piace
de soffia' fuoco e mettere zizzane!
Non c'è che ffa!... Simmo napulitane?
E sorbiamoci tutto, in santa pace!

Il Governo? Gnorsì, non fosse male;
ma... sono già parecchi, molti mesi,
ch'è addeventato justo nu spitale!

Poi soccede che il zuco azzecca sotto,
e allora, quann'è doppo che so' scesi,
se fa: Signori dolgi, pasticciotto!

[ 244 ]


V.



Ce vonno uomini forti, don Ciccì!...
Con centomilia pari di cordoni!...
Invece, sono tanti passoloni!...
Non si va bene, in questa guisa quì!

Uno tiene la gotta e vo' murì,
un altro sta scellato coi rognoni,
un terzo il tocco n' 'o fa cchiù capì...
E l'Inghilterra sbarca i suoi carboni!

Poi, doppo, che succede? — « Ah, se sapevo!
« Se me l'avressi un poco immaginato!
« Se lo credevo! Se lo supponevo!..»

E intanto a noi che ci rimane? Il perro!
L'istesso fatto, ca doppo arrubbato
Santa Chiara facette 'e pporte 'e ferro!...

[ 245 ]


IL BANCO « DELLA PIETÀ »


(Per l'incendio del 1903)



I.


All'ultimo dei conti, don Ciccì,
quello che soffre, è sempre Pantalone!
Mo' s'è riunita na Commissione
pe fa l'inchiesta... ma che vene a di'?

Noi lo sappiamo, comme va a fernì!
Forza maggiore! Non c'è quistione!
Vuoi dar la colpa alla Direzione!
Ci tozzerai!... Ma che nce vò, a capì?

Quello, quello ti dice: Ti dò il terzo
del valore! E risponde in modo tale,
che tu, sciascione mio, ti vedi perzo!

L'incendio ti ha distrutto? E a chi l'assigne?
Di fronte a questo fatto eccezionale
nun può di' manco: te spinge nu pigne!!

[ 246 ]


II.

L'oggetto che per cui tu ci tenevi?
Il ricordo più bello di famiglia?
Il braccialetto a serpe di tua figlia?
Ebbè che nge vuò fa! Non ci cadevi!

Se tu te lo vendevi quanto avevi?
Na mangiata di fave! Una moniglia!
Gli fai la causa? E chi te lo consiglia!?
Certo, tu il fuoco non lo prevedevi!

Viene Miraglia e dice: Tu che vuò?
Che forse il Banco l'ho abbruciato apposta?
Mo' c'è l'inchiesta!... Poi... farò... dirò...

Cosicchè voi vi fate persuaso,
calate 'a capa, ve tenite 'a posta,
e poi... restate cu tanto nu naso!

[ 247 ]
BEBÈ


I.


Quella, la madre, don Ciccillo mio,
me fa menà da sopra abbasso! È forte!
Come! Fargli passare ogni golio!
Chillo mpesillo mi darà la morte!

Toccatelo, e ne viene un bruscolio!
Se voi sapreste! Quante cose storte!
Me le debbo zucare 'a bbona 'e Dio,
bestemmiando i giochi della sorte!

L'altr'ieri, stava la cucina aperta:
io c'entro, e vedo lui, tutto arrossito,
che arrostiva sul fuoco una lacerta!

Vado per dirgli: « Questo non si fa »,
e quello minacciandomi col dito,
m'allazza nu pernacchio e se ne va!

[ 248 ]
II.


So' cose che, a parola mia d'onore,
te fanno addeventà pazzo sfrenato!
Tu mi educhi nu figlio scostumato!
Mi tiri nella casa il disonore!

Come! L'autorità del genitore
la metti sotto i piedi a stu sforcato?
Tene dieci anne, e già pare trottato
come se fosse 'o primmo prufessore!

Quante volte ho tentato 'e reaggì!
Niente! Ogne giorno c'è nu ballo 'e ll'urzo!
— « Tu che t'hai messo in capo, Cuncettì?! »

Embè, lei m'interrompe int''o trascurzo,
e lo chiama: — « Bebè, venite quì!
Dite: papà chi è?»...«—Papà? È nu turzo!...»


[ 249 ]

III.



Io come debbo fa'? Parlate voi!
Sto fuori casa tutto il santo giorno!
Faccio i capelli bianchi andando attorno
pe m'arrangià, sia detto fra di noi,

mo' che i denari vanno cari, e poi
trovo ll'opera 'e pupe al mio ritorno!
St'unico figlio, cu sta faccia 'e cuorno,
peggia d' 'e ccorne de nu paro 'e vuoi!

Stasera, con lo stomaco pesante,
mi ritiro penzando nfra di me
di pigliarmi una cosa amaricante...

Embè, vado per dire a stu guaglione
che me purtasse n'aceno 'e cafè,
chillo me porta... n'uovo 'e scarrafone!


[ 250 ]

I MARITI



I.



Io sono privo, don Ciccì, vedete,
de fumarmi nu sigaro toscano!...
Mia moglie tiene un senso disumano
che, se v''o conto, non lo crederete!...

Volendo stare nella mia quiete,
vivere, mò nce vò, da cristiano,
zittisco e soffro... E quella llà, sapete?
si piglia il dito con tutta la mano!...

E che me fa passà? Sempre rimbrocci!
Si consuma na scatola 'e cerine?
Strilli tremendi! E dio ne pago i cocci!...

Ieri gli volli fa' na crianzella;
gli portai lo sciroppo di susine?...
Embè, mi buttò appresso una garsella!

[ 251 ]


II.



La sera fa 'a rivista dint''e ssacche
pe vedè quanto tengo e quant'ho speso...!
Ed io sopporto pure chisti smacche
bensì che dentro me ne sento offeso...!

Metto il fracche? —E perchè ti metti il fracche!
— « Vado dal cavaliere Caropreso... »
È 'o direttore 'a Fraveca 'o Ttabbacche!...
Posso non me ne dare per inteso?

Certe relazzioni, pe ssapè,
come le trascurate? Eccoci quà!...
Embè, mia moglie nun 'o ppò vvedè!

Mi chiuse tutti abbiti, di botto!
Ed io, pe non sentirla pipità,
porto 'o calzone arrepezzato sotto...!

[ 252 ]


III.



— Voi dite questo, caro don Achille?
E vi lagnate?... Sono rose e fiori!...
La mia me n'ha portati, dei dolori!...
E pure sono stato uno dei Mille!...

Guardate ccà!... guardateme 'e capille!...
So' tutti bianchi! per i dissapori!
Chi lo diceva che Francesco Allori
si sarebbe arridotto un imbecille?!

Lo credereste?... Nu garibbaldino,
uno che ha dato il sangue, e non a poco,
la moglie piglia e 'o tratta c' 'o vurpino!!...

Sicchè, se comparisse, io, che a Milazzo
pe na giornata intera stetti al fuoco,
mò fuggirei addietro a nu palazzo...!

[ 253 ]


IL DIVORZIO


(In famiglia)


I.



Come! La santità della famiglia
m' 'a vulite distruggere accussì?
Voi primma sulingate alla mia figlia,
'a jate appriesso, m' 'a fate ammalì,

po' v' 'a spusate; e doppo, che vo' di'?
Voi me l'arriducete una moniglia!
L'abbandonate, e poi... chi se la piglia?
Sti nfamità nun l'arrivo a capì!

Ched'è? Nu bello giorno nun te sona,
e tu te sparte?... Sei nu scellerato!
Primma era bona, e mo' nun è cchiù bona?

Questa mi pare una furfanteria,
consequenza del mondo svergognato!
Giesù, Giuseppe, Sant'Anna e Maria!

[ 254 ]


II.



Già, quello il quale ha avuto sta penzata,
dev'essere un diavolo! Un ossesso!
Ma del resto la legge s'è arrenata...
—E Giusso?... — Ha fatto buono! S'è dimesso!...

— Se fossi in lui, avrei fatto lo stesso!
— Si capisce! Coscienza intemerata!
Io nun pozzo appruvà sta canagliata,
quest'altro frutto del vostro progresso!

Scusate: a mo' d'esempio, pe sapè:
voi primma ve mangiate 'a frittatina,
e po' 'a tiella m' 'a restate a me?

Io piglio e vi consegno una zitella,
voi me la sguangïate, 'a poverina,
e poi mi rimandate la tiella!?

[ 255 ]
III.


Zi-prete nostro, nun ce po' passà!
S'è appiccecato cu nu deputato,
poi s'è costituito in comitato,
e po' ha stampato sulla Libertà

n'articolo di fondo assai salato,
che ha fatto molto chiasso, 'a verità!
Figurateve, neh! L'ha intitolato...
— L'ho letto! Vade retro! Eccolo cquà!

Nce sta nu brano dove lui si scaglia
contro l'andazzo dell'opportunismo...!
Che ingegno neh! Che penna di battaglia!

— Ah! Quello lì! Se era un secolaro,
e si sarebbe dato al giornalismo,
mo' fosse overo un polimisto raro!

[ 256 ]


IV.



Dicimmola comm'è! A lui gli cuoce,
pecchè, cu 'o matrimmonio d' 'a nipote
che portò pure una cospicua dote,
non è andato col musso dentro al doce!

Il marito, nu certo Della Croce,
che ll'ha battuta nu zuffunno 'e vote,
(e queste cose sono troppo note!)
lle cumbinai nu piattino atroce!

Neh, quello prima se mangiò ogni cosa,
poi fece lega con una fristiera,
na cantata scomposta, na nguacchiosa,

e poi spedì a zì-preveto un biglietto,
che lui si divideva d' 'a mugliera
perchè runfava troppo dentro 'o letto!...

[ 257 ]


IL PREDICATORE CONTRO IL DIVORZIO



I.



Si! Vade retro Satana, fratelli!..
Conciosiafossechè lo tentatore
copre la spoglia del legislatore
per turbare le teste ed i cervelli!...

Ei fu significato agl'israeli:
« Amatevi, nel nome del Signore!
Chi dissobedirà l'alto Fattore
sarà tratto all'inferno pei capelli! »

Il divorzio è nefando! Ess'è un'infamia!
Dice lo Scoliaste: « In un'antica,
nota città della Mesopotàmia,

una Vergine, e santa, e giusta, e pia,
fu amorosa, fu bella e fu pudica!»
Amiamoci! Nel nome di Maria!


[ 258 ]

II.



Amiamoci, fratelli! E che il Signore
ci tenga sempre sotto la su' ascella!
Torna all'ovile, o egra pecorella!
Temi il lupo, e ti stringi al tuo Pastore!

Del balzo d'Oriente o pura stella
guisa il passo al tremante viatore!
Dal suo capo allontana ogni malore!
Ed ogni donna sia fedele ancella!

Gloria in excelsis! E alla terra, pace!
Firmate contro a queste nefandezze
insufflate da un Dèmone vorace!

In ginocchio! E pregate tuttequante,
sempre rivolte alle celesti altezze!...
Loriapati ettifigli e spurtuisante!..

[ 259 ]


IL DIVORZIO



(In casa dell'avvocato)



I.



Prufessò, m'aggia spartere! — E perchè?
— Ciccilo me fa tanta nfamità...
— E che ti fa, sentiamo, che ti fa?
— Nu muorzo 'e rrobba nun m' 'o fa vedè!

— Ma sta a spasso? — Gniernò, sta a faticà!
È tagliatore 'e pell' 'e guante... — Che?!
E che guadagno fa? — Chello ched'è:
una e cinquanta, una e sissanta, va!

— E tu che fai? — Che faccio, neh signò?
Parola mia nun me ne fido cchiù!
Chillo, 'o juorno, che ssa' chello che vo'!

Po' quann'è 'a sera, 'o vino 'o fa ammalì!
Se retira, se cocca, e « ronfa tu! »
Facite c'aggio tuorto, signurì?!

[ 260 ] Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/262 [ 261 ] 11. DIVORZIO IN FARMACIA

< // farmacista!

1.

— V kdete, caro mio, quello, il Governo... (Che volete ? Magnesia effervescente ?...)

... si crede, in verità, d’ essere eterno !

Ccà se campa e se more dint' a niente!

So’ cretine, so’ pazze e so’ pezziente!

Comme ! ’A famiglia'. ? Distruggete il perno ? E i ragazzi?... Bastardi in sempiterno? Volete naviga contro corrente?!

lo, si nun fosse ca cierti ghiurnate, p’ asci cu ’e spese, uno le vene ’a freva, saprei lo scopo ’e tutt’ ’e deputate!

Ieri è passato don Pasquale Placido...

Vulevo scanaglià che ne diceva,

ma m’ è scappato, pe nu soldo ’antàcido ! [ 262 ]

II.

Pan'a favilla !... E voi, caro dottore,

scommetto ca ’o ssapite meglio ’e me !

Mo’ n’ ’o vonno paga, nu prufessore!

So’ cinco lire ’a visita ? Ma che !

Dint’ ’a casa, ’o malato se ne more,
pecchè pure, dicìmmela comm’ è,
l'affidano a un qualunque nzagnatore
ca non va zero e se cuntenta ’e tre !

Tale e quale il divorzio! E per lo sfìzzio
di fare i progressisti, — io 1’ ho notato ! —
lloro stesse s’’o fanno, stu servizzio !

Ma Zanardelli, il cielo sia lodato,
tanno s’’o leva, chisto brutto vizzio,
quanno nee perde ’o puoreo e ’o se’ ducato!

[ 263 ]

IL DIVORZIO AL CAFFÈ

•La scettico)

I.

— Come ! Dovunque ino' il divorzio va,
e solamente quà si mette il veto?

Tutt’ ’o munno va nnanza, ’a verità,
e nui, oca bbascio, jammo setnpe arreto!

Che me ne mporta, d’’a moralità !

Neh, che nce trase? Io butto sangue e aceto
Dò nu calcio a mia moglie e dico : — ’O ssa
Rumpete ’e ggamme e famme sta cuieto !

Ccà nce stanno caterve de mugliere
che veramente, porca la Marina!,
non sono donne, so’ ccarabiniere ! !

Per me, mi trovo bene! Io sono solo!

Mi faccio due fagioli ogni niatina,
e po' me n’ esco, e sbafo ncopp’ ’o Muoio !

[ 264 ]

II.

Almeno Uà, col mio mezzo-toscano,
cu 11’ aria nfaccia e 11' aria dint’ e rine,
me sento dieci* vote crestiano,
senza fa ncuorpo ’e ccorde ’e viuline!

Femmene ? Niente! Ecco perchè son sano!
Vedete: io non conosco medicine!

Tengo ’a lira ? M’’a spènno chiano chiano.
Non la tengo? Ma vivo senza spine!

Invece, cu na cagna arrabbiata,
chiena ’e verrizze e de pretensione,
cchiù scucciante ’e na carta senapata,

neh, che vita sarebbe, ’a vita mia?

O ’a scannasse, e facesse nu marrone,

o, quant’ è certa ’a Morte, io schiattarria !

[ 265 ]

II. DIVORZIO

i St'll’altit società)

I.

— A cosa ha fatti» chiasso ! E over’ è !
Sulo ’c chcsto se parla int’ ’a città...

È nu scandalo forte, ’a verità,
e ’o ssape pure chi n’ ’o vvo' sapè!

Già: fu incocciata, in gran desabigliè
ncopp’ a na casa ’e Cchianche ’a Carità,
na culumbrina ’e U’ alta società,
la principessa di Marron-Glacé!

’O marito dicette : — Sapristì !

E po’ s’accumminciaie a giallià...

Essa appena nu poco impallidì,

ma poi rispose : — Ohibò ! Questo non sta !

Io dico: sissignore, vuò trasì?

Ma almeno, fatte primma annunzià ! !

[ 266 ]

II.

Le puoi dar tortu1 ("lidia ave ragione!
Fatti le cose tue regolarmente !

Mo’ si divide, ma bonariamente,
e ’o ssape tutta ’a pupulaz/ione !

Invece, scemo! Aspèttala ’o puntone,
e non fa chiasso! Va elegantemente!...
V* 'o vvedite nfamiglia, e tutto è niente !
E nun dài tanta suddisfazzione!

E meno male ca nun se ncuntraie
a faccia a faccia con quel traditore,
si no, Uà succedevano ati guaie!

Chillo, va bene, non è titolato,
ma sape menà ’e minane eh’ è n' amore !
E ’o faceva cumuto e inazziato !

[ 267 ]

IU.

Concludiamo : un povero marito,
quann’ è fatta, chcd* è ? Nun po’ parlà !

Tu. doppo ’o nguacchio, a chi vuò reclama ?
E ’o nommc tuio. po’ ritunià pulito?

0 quanto o quinto, sei segnato a dito !

E allora, comme te vuò regulà?

Te la pieghi a llibbretto ? Eccoci equa...

Tu nun può campa cchiù ! Tu jiette ’acito !

Se sei focoso ’e capa, vai ngalera !

0 11' amico t’ accide, e quanno muore,
tu fai nu gran piacere a sta inugliera!

0 ca si no, sopporterai ca chella
te passa sott’ ’o musso a tutte 11’ ore?!

Ma po’ vutammo ’a cosa a tarantella!...

[ 268 ]

IV.

Invece, col divorzio, tu l'immane
cujeto, sulo, spòtico e patrone !

Tu t’ ’e pigliata a suddisfazzione!

Tu sei Pilato! 'IV- ne lave ’e minane!

Non solo ! Ma bensì, quann’ è dimane
te vene ’o ggenio ’e fa l’avucellone ?

Tu fallo, vino vino e pane pane!

Tu nun dai cunto! Tu nun dai raggione!

E se tua moglie, a mo’ d’ esempio, passa,
e a tte ti accomparisce alquanto tosta,
diciamo, ciotta ciotta e grassa grassa,

tu fàlle ’o surrisetto puntiato,
pecchè; si chella Uà se tene ’a posta,
può fa pure nu cuorno a ’o nnammurato!

[ 269 ]

o FILOSOFO D' 'K MUORTE

i j XiK i'Dlbl i')

— I )| questi santi giorni, don Ciccì,
mi prende tata una milangonia,
che, propriamente, quello che si sia
che me la mette, io nun v’ ’o saccio di’

E una cosa dell’ animo, cosi...

Una mestizia tutta povesia...

E il sendimcndo che s' ha da muri
m’intennerisce tutt’ ’a vita mia!

%

E il mistero dell’ indimo del cuore
che ti fa fare un pizzico, avvilito
innanzi alla grandezza del dolore...

Tu guardi all’ avvenire dentro a un vetro
e ti domandi, quando sei sparito,
chi sarà quello che ti viene addietro...

[ 270 ]

PER LA MALATTIA DI LEONE XIII

I.

— Nkh, ma che sono questi dissapori
tra Rampolla ed Oreglia ? È un’ indecenza !
Un po’ di tatto !... Un poco di prudenza!
Ma che siete ? Prelati o mpostatori ?

Come ! Mentre che dentro, i due dottori
cavano il siero con la loro scienza,
quei due canzirri, là, senza coscienza,
schizzano fiele alla stanza di fuori!

Comme s’intende ! ’O Papa sta malato,
e tra di voi, voi ve tirate ’e streppe
manco si già l’avisseve atterrato!

Cheste so* porcherie ! So* cose ’e truone !
In certi casi, caro il mio don Peppe,
uno rispetta ’o cane p’’o patrone!

[ 271 ]

II.

Ma che vuù rispettò patrone o cane !
Rampolla penza : — fc frale come un vetro...
Oreglia penza : — Po’ muri dimane...

Tu corri avanti ?... Ed io te vengo addietro !

E stanno sempe pe pigliarse ’e mane,
cchiù gialle ’e nu vacile ’e ramocetro...

E queste so’ le cose vaticane !

Così cammina il soglio di San Pietro !

Meno male che il Papa, quello lì,
a nuvantaquatt’ anne, ’a verità,
s’è miso ncapo ca nun vò muri !

Dice: — Schiattate!... E fa quello che vuole!
E nce scommetto, ca si poco sta,
se magna na nzalata 'e puparuole...

[ 272 ]

IL «MOZZONARO* PI ROMA

I.

— Il si ! Pi tanto in tanto, don Cicci,
uno, bisogna farla, una scappata !

Na sommettina 1' ho raggranellata,
e so’ partito pc me divertì !

Roma l’avevo vista, ma... cosi...
e ci voletti fare una fermata...

Che cosa bella ! È tutta rinnovata !
L’impressione io nun v* ’a pozzo di’!

Palazzi nuovi, strade una bellezza,
e un movimento, don Cicci, vedete,
che vi apre tanto il cuore alla priezza !

E che progressi ! Proprio molto bene !
Mo' ci è financo,— non lo crederete? —

il mozzonaro con 1’ acetilene !

[ 273 ]

II.

— Comme, conimi?— (inorsi! Ouesto dimostra
che ii gusto, che sso’ i’ mò, si è raffinato !

Si vede che il progresso ha camminato
di pari passo con 1’ Italia nostra !

Io rimasi di stucco, a quella mostra !

Nu mozzonaro, e già così inoltrato !

Capirete... me so’ meravigliato,
e riconosco ’a maraviglia vostra !

Domani, col progresso che cammina,
si può dare qualunqua circostanza,
quacc’ auta novità, tanto carina !...

Per esempio : nu ladro molto scicco,
ca ve tira na botta dint’ ’a panza
cu nu curtiello ’e pasta ’e franfellicco...

[ 274 ]

RICORDI DI VIAGGIO

I St'(7l\tlHt!H'itl

I.

— Un’altra cosa, don Cicci, vedete:
si sa che sono suprestizzioso !...

Ebbè, gi tengo ! Me so’ fatto ombroso !
Lo dico a voi. che mo' mi conoscete...

E non ci è caso ! Sono pittimoso !

Na cosa storta, lo comprenderete,
mi mette addosso tale nu nervoso,
che non combino più, se mi credete !

Scendo a Venezia, in mezzo alla laguna,
e non descrìverò l’impressione
del Canalazzo al chiaro della luna...

So’ rimasto incantato a tutta oldranza!
Ma, riparlando ’e suprestizzione,
ve debbo fa nota na circostanza...

[ 275 ]

II.

Io non ho visto mai. parola mia,
passare gobbi in tanta quantità
cornm’ a Venezia !... Ma, na frenesìa !
Sette, otto ’o juorno !... Che volete fa !...

A Cannareggio, vado pe voltii
nu piccolo calluccio, (eh' è una via),
pàffete, ’e faccia, (pare na pazzia !)
tre scartellate femmene!... Ecco qua!...

Che malaùrio !... Volto 1’ occhio attorno
pe cercà nu scungiuro, qualche cosa,
aspetta, aspetta, e non ci vedo un corno

Aggio passato ’o guaio! penzo fra me...
si nun ’ncontro a nu gobbo masculino,
sta giornata andrà storta comm’a cchel

[ 276 ]

III.

Ma siccome ili gobbi come ho detto
non c’ è penuria, io neòccio ’o scartellato !...
E, ben contento d’averlo trovato,
caccio un sospiro tanto, ’a dentro ’o petto !

Poi subbito, m*imbatto in un soldato,
vedo due preti scendere a un traghetto...

È fatta! penzo !... Tutto è scongiurato!...
Nce vo’ o cavallo janco, e po’ è perfetto...

Vàllo a truvà, stu càncaro 'e cavallo!...

Llà ce sta U’ acqua ! c’ è le gondolete.J
E sul più bello, so’ rimasto in fallo!...

Potete immagina la rabbia mia!...

Senza ’o cavallo janco, capirete
sfumava tutta la scaramanzia!...

[ 277 ]

IV.

— Che giornata, ’on Cicci ! Penza, ripcnza.
cavalli, niente!... E pure, mi serviva!...
Capirete... la testa mi bolliva...

Come si fa?!.. Se ne può fare senza?!...

Sento che al Lido c’è na diliggenza...

Se non ci andavo, embè, me ne moriva...

Cu ’a lingua ’a fora corro sulla riva
degli Schiavoni, e giungo alla partenza!

’O vaporetto arriva, io scendo, e vedo...
nu trammo, ma ’e cavalle erano nire!...

Don Cicci ! Ve lo conto, e non lo credo !...

M'impressiono, spànteco, m’ allarmo...

ma all’ ultim’ ora, verso l’imbrunire,

mbè... m’ addubbai... cu nu cavallo ’e marmo !

[ 278 ]

»78

PICCOLA no Ri', HKSIA

QUARESIMA

I.

— Avete preso 'e ccenere ? — Purtroppo...
Se no mia moglie fa cornili’ a na cana !
Chesto vo’ di’, chi pratica col ioppo!
Quella lì mi ha ridotto una patana !

E guai se gli mettete qualche intoppo !

Vi avvelenate una giornata sana !

Gnorsì, la Fede !... Ma mia moglie è troppo
cattolica apostolica romana !...

Sempre sarache ! Sempre tarantiello !

Sempe vruòceole ’e rape strascenate !

E per disserto sempre il rafaniello !

Io dico : nu finocchio ! ! Nonsignore !
Mentre col rafaniello, non trovate ?
pare che avete in gola un ascensore !

[ 279 ]

II.

Non v’ inzuratc ! Pei i' .unor ili Dio!

È meglio ’o mpiso ca ’o male nzurato !
Io me veco perduto, disperato...!

Ma a chi l’assegno, se 1’ errore è mio ?

lo primma nun so’ stato mai malato !
Ebbè, credete ? Ora ne pago il fio !

Mo’ a tuttecose debbo penzar’ io,
e poi, se cerco tanto, mi è negato !

Comprenderete : il corpo si rilascia !

Me lo disse il dottore ! È proprio vero !
Carne ! Se no, s’indebbolisce ’a cascia !

Ma a Pasca nce vedimmo ’e liacce noste !
M’ aggia magna nu pecuriello intero
e quaranta dozzine d’ova toste!

[ 280 ]

IU.

Io tengo l' asiatica alla gamma,
un po' di tossa cronaca nervosa,
la diabbcta, ’a nasccta d’ ’a mamma,
e cheli a apposta me fa ’a dispettosa !

Na sola vota all’ anno tengo famma,
e ho desiderio de pruvà quaccosa... ?
Ebbè, quella s'imperni, s’infiamma,
e di botto addiventa scrupolosa !

Carne?... Chi ’a vede! Debbo farne senza!
Se inzisto, mette in tredici il peccato
che il Papa deve dare la dispenza,

cosicché, don Cicci, debbo crepà!...

Oggi la febbre m' ha felicitato ?

Ebbè, chella m* ha fatto baccalà 1

[ 281 ]

IV.

10 imo’ sbotto ! Io ino’ schiatti», don Cicci !
Ogne ggiorno veniamo a tu per tu !

Ditemi voi : è vita, questa equi ?

Per Gcsuele ! Nun ne pozzo cchiù !

11 rìso io non Io mangio che a .sarti» ;
ebbè, provate! Jatencello a di’!

Neh, quella, per dispetto, ’o ffa bolli’,
e poi pretende che lo mando giù !

Questo ve serve pe ve dà nu saggio
del naturalo suo maligno e nzisto !

Io dico: almeno mettici il formaggio!

Niente !... Ma se mi viene nu capriccio,

He butto addosso na stagnerà ’e scisto,

Ile dò nu calgio addietro, e poi 1’ appiccio !

[ 282 ]

LA MALDICENZA

I.

— Chii.i.o, don Fidorico, s’accasai

me pare, con la vedova ’e don Ciccio...

— Precisamente !.. — Ed io me nce truvai !

E da Uà prese piede quel pasticcio!

— E come ? ! — Già ! Ma non v’ ho detto mai
che quel cognato ’e don Antonio Riccio

che pareva Pasquale Passaguai,
quello che steva pe commesso a Miccio...

— Mbè ? ! — Quello, dunque, è fratello alla sposa.
Ma, mi direte, io non v’ ho detto ancora

come c’ entra stu tale in questo affare ?

Ogni cosa a suo tempo !.. N’ ata cosa :
se sposarono ’o giorno ’a Canneloru,
ed io, vedete, gli feci il compare.

[ 283 ]

283

II.

Me medesimo ! Dunque ! Quel cognato

il commesso di Miccio, mi capite ?

Oltre ad essere ’o capo svergognato,
ladro de carte e peggio... Che ne dite ?

— Scusa ! Stu bello mobbile !.. — Ho parlato... !
Dunque, don Filomè, sentì... sentite!

Mo’ vene 'o bello !.. E dove sò restato ?

— Ah ! Mi sembra addu Miccio !... Proseguite !

— Don Filumè, pe quanto ve rispetto,
era tale nu piezzo 'artiglieria !

Vedete, io non ne levo e non ne metto !

La sorella ? L’istesso ! Una megera !

Tutta ’o fratello, va ! Parola mia !

Sboccata, vasciaiola e strellazzera !

[ 284 ]

III.

— E cosi se rovinano e famiglie!
Induvinate chili»» che ve fa ! ?

Invece ’e sta Imitano mille niiglie
da quella casa.!.. Induvinate, va!

Don Federico Spina ebbe due figlie...
Peggio d’ ’a mamma ! Chi v’ ’o vo‘ cuntà !
Due vere spine! E ’o zio, sciolde le briglie.
s’era nchiantato in casa a fa e disfa !

«

Nu giorno col consenso d’ ’a sorella...

— Giesù, Giesù, Giesù! Voi che mi dite/?

— Già !.... Mettette ’e ddoi’ ove int’ ’a della !

— Ed ora?... — L’altro giorno l'ho incontrato-
Lo vedo spesso. Embè, che ve credite?

MA va currenno appriesso a Sandonato!

[ 285 ]

MACCHIETTE ELETTORALI

{L' elettore onesto)

I.

— llWiVA sempe il nostro candirato!

— (Tu quant’ ’e avuto ?) Vinticinco lire...
ma ogge songo juto addu chili’ ato,

e n’ aggio avuto trenta... Nun ine crire ?

— E comm’ ’e fatto ? — Me sò presentato :

« Cavaliè, U’ aggio ditto, tengo ’e mire

tre bammenielle... Nun hanno vutato...

Che ffaccio ?.. ’E pporto ?.. » Siente, ca mo rire !

Isso ha pigliato ’a dinto ’o teraturo

se’ cuoppe tutt’ abbronzo, e po’ m’ ha ditto :

«Viciè, fa tu... Cu te stongo sicuro».

Io me ne so’ scennuto zitto zitto,
m’aggio cuntate ’e solde a uno a uno,
ma... nun aggio vutato pe nisciuno...

[ 286 ]

II.

Stasera faccio ’o riesto cu 'e bbengale...

Metto a cunto treciento lire ’e fuoco !

Doppo c’appiccio ’a carta d’ ’e giurnale
chi se n’ addona ? Ccà magnammo poco !

Fosse n’ ommo cchiù apierto e ggeniale !

E n’ avaro, nu puorco e nu bizzuoco !

Ma è stato affurtunato st’ animale !

Sta c’ ’o guverno.. Me l’ha ditto ’o cuoco !

Perciò è sagliuto ! Quacche cosa ’ha spiso

ma nce 1’ ha dato na persona intesa

eh' ’e ’a capa crema ’e tutt’ ’e chiappe ’e mpiso

Capisce ? Io mo’ me trovo ncopp’ ’a scesa...
Mo’ tengo ’o puorco minano e 11’aggio acciso-
Pure ’o cuoco U’arrobba ncopp’ ’a spesai!

[ 287 ]

< ’O i\i;afit're

I.

— Cava Life, che se dice p' ’e paise ?

— Nc’ ’e prevalenza ministeriale...

— Vi1 che te fa 1’ addore d’ ’e turnise !

Sta vota ’a lotta nun c’ è niente male !

— Siente;.. Nce stanno troppe chiappe ’e mpise !

— E sservono p’ ’a lotta elettorale !

— Ma comme ! Carcerate ’a quattro mise,
jèsceno pe vvutà ? ! Bella morale !

Neh, cavaliè ! Ma site curiuso !

Parlammo chiaro !.. Cavaliè, sentite:

Me canuscite pe rrefecagliuso ?

%

E nu favore a me !... Che nce perdite ?

Simmo ’e prezzo, cinquanta ? — No, Peppi,

oo, sull1 onore, nun nce pozzo asci !

[ 288 ]

II.

— Ma quante? Ciento? — No, dentocinquanta...
E, sull' onore d’ ’a famiglia mìa,

Peppi, te dico propio ’a sacrosanta
verità ! Nun te dico na huscia !

Io non so' cornine a chillo ca se vanta
e po’ fa a bucca e a bacca. ’O ddiciarria !

Uno ’e chiste t’arrobba e po’ te nchianta!

Io nun so* galantomo pe pazzia!

— Embè, venite ’ncoppa ’o Comitato...

— Ma, Uà me sanno !.. Nce stà tanta gente !
T’aspetto ccà! — ... — Va buono, è eumbinato!

Ma... Cavaliè, vingitnmo ? Che dicite ?

Nce 1’ ha ditto ’o Prefetto ! — E già, *s’ intente !
Nui simmo oneste... Che paura avite?!

[ 289 ]

III.

— So' staio ncopp’ ’a terza Irazzione,

’o seggio è misto... Ncc sta na speranza...

— E ’a sesta ? — ’A sesta stammo overo buone !
Trecientotrenta vute ’e maggioranza!

— Sicché stasera ai/amino nu pallone ?

— Ma nummer’uno !.. Ccà currimmo nnanza !

Ccà, nun serve pe di’, ma simmo bbuone

a figlia’ nui, parlanno cu crianza !

Se ne so’ gghiute, ’e ccartuscelle ’e dente,
però ’o salasso nun nce ha fatto male...

Abbasta ca saglimmo, e tutto è niente !

È sfumato nu bello capitale

ma i’ tengo già appruntato ’o trasparente :

Abbasso iL mestatore elettorale!

19

[ 290 ]

PEL RINCARO DEL PANE

i (,iudi~;i sui Municipio,

I.

— In verità, mio caro don Girmelo,
stu Municipio nostro è nu mistero !

  • < » » «


E giallo ? E verde ? E russo ? E bianco ? E nero
E stammo nterra, o pure stammo in cielo ?

Se ci stess* io, te lo squarciassi, il velo !

Non fo per dire, sono un uomo intero !

Saccio addò vaco ! Penzo col penziero !

Ma co sta ggente qua ? Si butta il fielo !

Mò che ognuno vi aspetta ogni momento,
pel rincaro del pane, e il fatto è grave,
apritevi ! Mostrate l'argomento !...

Ma nient’ affatto ! E mmiezo a ttanta mbruoglie,

il sindaco, che tiene ambo le chiave,

sta facenno me cuoglie e nun me atoglie !

[ 291 ]

II.

So’ cose forte ! Io ti domando e dico :
tu con chi stai? Sei prete, o sei soldato?
Tu stai allerto, o vuò restà assettato?

Me vuò trattà da amico o da nemico?

L’interpellate, e chillo vota vico !

Credete d’acchiapparlo, e s'è squagliato!
Sol’ io, credo d'averlo indovinato :
se lui parlasse, addio piede di fico !

Caro mio, qua la bussola si è perza!

Si vogliono servi’ troppi patroni!

Io mi faccio le croci a manosmerza !

E se poi sferro ? ’A dico, o cruda o cotta t ?

Vorrei sapè da sti galantomoni

se si tratta di pane o... di pagnotta!...

[ 292 ]

GL’INCERTI DEL MESTIERE

I.

— Hd eccovi gl'incerti <lel mestiere!...

Le figlie grandi, in casa, so' na spina!

Le puoi mettere sempe int’ ’a cucina ?
Quaccuna, è certo, vo’ sta’ ’ncannelien* !

Io so’ invecchiato ! Stòno per cadere !
Faccio i capelli bianchi ogne niatina !...

La tirate coi denti, a na bambina,
e poi ?... Ne ricavate un dispiacere !

La prima, e quella Uà, pe ggrazzia ’e Dio,
si maritò benino ; ed ora stanno
sopra al Pittore, in casa de nu zio...

Ma la seconda !... Morze amare, ’on Cì !

Me ne sta danno che me ne sta danno !..•
Io non so come fare, eccoci qui!...

[ 293 ]

II.

Neh, quella di che s’ era infatovata ?

Vuleva fa’ pe forza ’a ballerina !

« Tu nasci bene, cara mia Sisina ! »

io Ile dicevo. « Tu non sei sfacciata !... »

« Pe sta carriera nge vo’ na trottata !

Come diciamo noi : na culuinbrina !

Ma la figlia d’Ippolito Mappina
può essere una figlia snatorata?! »

Si persovase. Stette un po’ così,
poi c’ altro sghiribbizzo gli saltò ?

Voleva far la mima, don Cicci !

— Se non è zuppa è pane nfuso... — E già !
E ce lo dissi !... « Questo non si può ! »

- - « Ebbè, allora imparàteme a cantà !... *

[ 294 ]

III.

Peggio di peggio !... Fattomi capace,
fo un sagri fi ggio e chiamino a nu maestro !
Stu signore mi fa : « Cìi tiene 1' estro !

La signorina ’o tasto Ile piace ! »

Fiducioso, io metto il cuore in pace...

E, capirete... se veniva il destro...

Ma quello meritava nu capestro !

La casa mia divenne una fornace !

Stu mio signore, sempe ncopp' e ssoita !
Giungeva a tutte U’ ore e... tastiava ! !...

La ridusse na zuppa ’e carna cotta !

Intanto, ’a voce non usciva mai...

Quacche strillo, così... Ma nun cantava !
Sicché un bel giorno poi... m’insospettai !

[ 295 ]

IV.

Chiste clic fanno ? io dissi tra di me...

’A verità, voglio vederci chiaro !...

Stu canto lo dovessi pagar caro ?

Apri gli occhi, Popò!... Vedi che c’è!

Entro nu giorno nel salotto... Embè...

Avete mai provato il fielo amaro ?

Conobbi eh’ ero stato nu somaro...

— E lui...? — Lui... canticchiò sol-fa-mi-re !...

Si credeva di farmela negli occhi !

Ma diventai, sapete? un animale !

— Mascalzone! — gridai. Non m’impapocchi!

Esci di casa mia, se no ti batto !

E lui : — Ma noi... stammo faceimo 'e scale...

Io gliele feci fare a quatto a quatto!

[ 296 ]

D’allora in poi l’ho sempre sorvegliata!
Ma 1’ altro giorno neh... che mi toccò ?
Trovo ’e faccia la serva, Nunziata...
«Addò vai ?... » «Porto... ’a lettera... signò.

Naturalmente, nge 1’ ho sequestrata !

Apro : una lira in francobolli !... E po’ :

si prega di vederla pubblicata

nelle Corrispondenze. E troppo, o no ?..

Il sanguo in testa mi saltava a fiotti !
Leggo ancora : Cacò — Domani sera
scavalca loggia — Baci — Attenderotti.

E stasera io ini prendo nu pallilo,
e m’ annasconno arreto ’a cemmenera...

Lle voglio fratturi l’uosso pezzillo!!.-

[ 297 ]

j97

LA DAMA PATRONESSA

I.

— O cuore ’e chella Uà !... Che ne sapete !
%

E grande come Piazza Plebiscito !

Sono dieci anni che Ile so’ marito,
e 1’ho studiata, come capirete!

Che sentimenti ! Che pietà !... Vedete :

A voi vi sguiglia un patereccio al dito ?

Se chella ’o ssape, perde U’ appetito !...

È nu tesoro !... Già... la conoscete !...

In casa mia quell’ è la Provvidenza!...

Sta sempre fuori raccogliendo colli
pei Comitati di Beneficenza !

Col povero ?... Gesù ! non bada a spese !..

Ieri ha comprato mille francobolli
per liberare un piccolo cinese !

[ 298 ]

II.

L’ altro giorno 11' arriva nu biglietto
p' ’a fiera gastronomica... E che fifa?
Arronza tutto, int’ a nu salvietta,
e manda abbasso, per la carità !

%

Se vi dico! E una santa! l'n angioletto!
Nun le mpurtava niente d’ ’o mmangià!

« Piuttosto, solleviamo un poveretto... »

E poi, quando se tratta ’e figura... !

— Cosicché voi...? — Io tanno era arrivato...
Stavo col morso in bocca... embè, vi dico,
soltanto il cuore suo m’ha saziato!

Lei mi diceva : — « Poveri figlioli !...
Benedetto da Dio, chi dà al mendico !... *

E mi addobbai così... con due fagioli.»

[ 299 ]

III.

Io nu»' che sono ?... Della borghesia ?...
Embè, mia moglie «v dama patronessa !

La chiamano dovunque !... ’A primma è essa !
Ci tengono, non so, na frenesia !...

Ieri incontro a Ciccillo Scappavia,
che sta sempe mmiscato cu ’a noblessa.

Dico : — « Me dai notizzie di Maria ? »
dice : — « Puozze sta tu cornine sta essa ! »

Neh, chella, prima, in casa Papocchiano,
col Comitato in qualità di dama,
si aveva stretti tutti i Membri in mano,

poi era andata a concertà nu ballo,
e poi, p’ ’a festa d’ ’o Politeama,
steva Uà, sott’ ’a panza ’e nu cavalo !...

[ 300 ]

Vali* a fa tu !... Io non ini fiderei !

Ma per T accattonaggio, non sia mai

Quella farebbe diecimila guai !...

E che credete, che la strillerei ?

Trovate, certe volte, certi ebrei
che ne teneno, 'ossa, denari assai !...
Embè, nu soldo, niente, tu nun P hai
E imprestano ano pe se piglià sei!

Ma chella Ha, darebbe, mo’ nce vo\
tutta sè stessa, per la carità !...

Na notte, ballò tanto che ammalò !

Embè ’a mattina va n* uflicialotto,
per una Lotteria... Chella che fa?...
Balzò dal letto, e s* ’o mettette sotto

[ 301 ]

V.

E lavorò con lui fino alla sera !...
Che forza ’e resistenza, don Cicci !
Usci da quel salotto eh* era nera !...
E lui ? Parola, era da compatì !...

Nun se reggeva cchiù... — « Ma che maniera ?
Vul v* luxedite, a lavorà accusai !... »

Uedfcètt’ io. E lei, mesta e severa :

— « tiO fo per un bastardo... ! » — Era così ! !

E chella Lotteria riuscì na festa

o, die* V actictUY) A» vittoriosa !

ì& severa e non più mesta !...

cuore, corame a me i.
ite quacche cosa,
t,é, avite che vedè !...

[ 302 ]

LETTERE D’ AMORE

I.

C »EX ril.K Signiorina,

dall* istande
che vi viddi al balcone dirimbetto,

il mio quore esuldande nel mio petto
velo confesso che mi rese amande.

Le vostre luce che sono brillande
anno fatto al mio quore un talo effetto
die passo e spasso per sotto al Distretto
per un chi sa di uno sguardo ingoraggiande....

Io sto sopra a uno studio di Commercio
e percepiscio ottanda lire al mese
e porto pure i conti da del Guercio.

Questa sera alle sette passerò
sperando in voi cosi gendil cortese
mentre mi vergo :

Armando Fititò

[ 303 ]

II.

Greggio singnoro

il vostro Bilgettino
scusate come scrivo là portato

il guardaporto e quello è capitato
che si trovava mio fratello Iggino ! ! !

Per ventinove e Trento non ge stato
un buttiferro incasa e un Inguilino
che sta a porta e si inette De Martino
vi dirò pure che se n’ è addonato.

Percio vipreco quanto lo farete
un aldra volta, andare Cautelato
se no per niento mi combromettete !

Non giò difficoltà di amoreggiare
ma mi firmo Enne Enne punteggiato.

Posto Scritto : Salite nelle Grare.

[ 304 ]

III.

Caro Al mando

perchè non ini dicesti
che ci eri andato a quella Società
che ti proil>l»ii ? Lo sai che non si fa
mentre che prima me lo promettesti ?

Se andrei a un Ballo tu me Io diresti
che non vorresti ! Chi ama Non gi va,
per fore il Bello ! Io lo sapeva già,
perciò la sera Subbito ti vesti ! ! !

Ho capito che tu non mi Vuoi bbcne
percio ti dico sai che ceddinuovo,
licenziami e mi toglio dalle Pene !

Mi sono fatto un piando Miccio miccio
stanotte, e tengo angora infronde un chiuovo,
e luì se la ballava, don salgiccio !

[ 305 ]

.305

IV.

Cara Mitilda

io non capisco a/fatti
che per la Socctà che andiedi jeri
ti metti in capo tutti quei penzieri !

Per sapere, che patti abbiamo fatti ?

Io gi dovette andare, da Stanzieri,
non per piacere ! E in utile che sbatti !
Non ti ricordi di quei due ritratti
che ti scopersi di quei due furieri ?

Tu mi dicesti t' erano parendi
e che ti dissi forse qualche cosa ?

Feci quel chiasso non te ne rammendi ? ! !

Sai che ti dico? Se mi metto in botta
di ferro, e se mi fai la condegnosa
io mi ritiro e tu gi vai per sotta !

20

[ 306 ]

Quello, quando la donna è una givetta
va trovando pelée col proprio aniandc
per tenersene infresco chi sa quande
senza nessuna indenzione retta.

Ti combiego i capelli e la spiletta
perchè sonuso affare 1’ atto grande
che sai se sono disinderessande
e non ttù tengo niende per vendetta !

Signiorina ! Così tutto è finito
e vi dico apparala mia d' onore
non troverete mai ad un marito.

La broscia mia che io vi regalò,
se la volete dare al porcitore.

Mi firmo e sono

Armando Filicò

[ 307 ]

307

I LADRI
I.

— Il una disdetta, caro don Carlino !
Na specialità de stu paese !...

Con tutte ’e ttasse, le angherie, le spese,
vi trovate nel vallo di Bovino !...

O incontrate qualcuno alzato a vino,
e vi costringe de veni alle prese,
o puramente qualche malandrino
piglia, e vi prende giusto pe francese !

L’altra sera, sortivo da Scarpetta,
ebbè, nu tale, al Borgo, ci abbordò !
Eravam’ io, mia moglie e Manetta !

Io fui preso dai turchi ! E meno male
che lui fuggi alle grida!... Ca si no,
ricorrevamo all’ acqua torriacale !

[ 308 ]

il.

Ma ehesto è niente ! 'A ùccia tosta Or grossa !
C*ir chi pedina le signore sole... !

Le susurrano un mondo di parole,
di modo che una donna si fa ross.*...

E quello, questo va cercando e vuole !...
Priroma ha ditto ’e pparole, e poi fa ’a mossa !...
Capite?... ’A donna, sotto quella scossa,
nun po* supporre ea so’ mariuole !

Ve dà un urtone, scippa e se ne scappa !

Ma ben vestiri, sa !... Calzati bene !...

E quann’è fatta ’a botta, va 11’acchiappa !...

Na guardia non esiste, non ce sta!

E a sti signure ll'arte Ile conviene!

Sono sicuri dell’impunità !

[ 309 ]

309

IU.

Giorni or sono, mia figlia maritata,
quella belloccia... Teodolinda... Embè,
stava non so in qua’ chiesa... inginocchiata...

— Pure int’ ’e cchiesie arrobbano, don Pe’ ? !

— Sentite !... non è cosa esaggerata !...

Io mi limito a di’ chello ched' è !...

Da dietro, se senti solleticata...

E in una chiesa è sacrileggio, ovè?!

— Ma sicuro ! — Ora dunque, aggiungo io,
svergognatone ! Vedi o no, che ffiu ?...

Tu rubi in chiesa! Dint’’a casa ’e Dio?!

— E vostra figlia ?... — E che volete fa ? !...

Na gentidonna può supporre mai

ca uno s’ 'a manèa pe l’arrubbà ?

[ 310 ]

3io

PICCOLA 13 O R li li K S f A

LA TRAGEDIA NEI BALCANI

I.

—Avetk visto? Io ve l’avevo detto!

Llà doveva venirne uno scatascio!!

Sono andati a spararli dentr’al letto
e poi l’hanno menate ’a copp’abbascio !

— Ma che traggedia!...—Che carnevalerò !
Uccisi tutti!... Li hanno presi a fascio!...
Sacrificati a colpi di moschetto!

Lui che diceva a lei : « Io non ti lascio...»

Quando la bestia-popolo si sveglia,
e puranche l’esercito si abbacca,
credete, don Cicci, eh* è fritta ’a treglia !...

E, vedete: io vi dico, in quanto a
che non vi pagherei mezza patacca,
se, putacaso, voi sareste Re !

[ 311 ]

(Quella. I’ Europa, è tinta uno scacchiere!...
Giocate, e la tenete nelle mani !...

Lo dovevi supporre, ohe i Balcani
te lo avrebbero dato, un dispiacere!!

E se tu mi chiamavi, oggi o domani,

io non ti avrei negato il mio parere!

— « Come stanno le cose ? Bianche o nere ?»

— «Nere, Maestà! Tirate i vostri piani! »

Ma no! Tu crei na zòccola Reggina,
vuoi dichiarare erede suo fratello,
ti metti in urto colla Scuppicina...

Valquantodire, caro don Ciccillo,
che volevi pigliarlo, il paparello !

Tu nun si’ Re! Tu si’ nu zi-Pichillo !...

[ 312 ]

III.

Quelli Uh!? Quelli, so’ paoi tali,
che gi vuote nu tatto diplomatico
che solamente un omo molto pratico
se po’ mettere a fa’... salti mortali!!

Non ci burliamo ! Era nu Re antipatico !
Sposasti a Draga? Embè, pàgane i mali!...
Perchè mi maltrattasti i radicali ?

Ecco finito il tuo Stato Balcanico !

Nun ’a vonno capi, chesta canzone,
che il radicale, l’avvenire è suo!...

Don Cicci, proprio suo ! Non c’ è questione !..•

Ma doppo tutto, ora mi sorge il dubbio:

Col pretendente mio, col suo, col tuo,
comme se mette ’a cosa sul Danubbio ? !

[ 313 ]

Se l’Austria mi cercasse nu cunzi<»lio,

r

vedete, don Cicci, ci penserei !

Mo’ nce vo’ \» fatto, io tengo i fatti miei,
la mia famiglia, na moglie, nu figlio...

Lo capisco ! Al momento del periglio,

(puoi dirmi) te ne vai?... Bè... non saprei!..

Qualche norma, così, te la darei,

ma... c’ è la Russia, eh’ è nu grave impiglio!

Là siamo tutti un po’ parenti ! È certo !...
Ora dunque! Mi spiego? E come vuoi
che ti dico il mio scopo, aperto aperto?!...

Ccà se tratta de scegliere nu Rre;
ma, se mettiamo il carro innanzi ai buoi,
debbo farmi il malanimo con te!?...

[ 314 ]

V.

Non solo ! Ma domani, se l’idea
che tu mi hai chiesta, non ti dà I’ effetto?
Tu poi, che fai ? me piglie cu ’a currèa ?
Me fai scannà a me pure d<‘»ir’ ’o letto?

Io non so se afferrate il mio concetto !...
M« il certo è che laggiù non se pazzèa!..
tu sbagli, viene, ve l’ho detto,
ione europea!...

■Jjb"É6WO tanti cani attorno a an osso l

'Vi&te il juo quantaflque l

[ 315 ]

IL CONCLAVE

< Per !' elezione di Pio X/

I.

— Ouello, il Conclave, già ve l’ho pregato,
comme fosse, è una specie di priggione...

Tu cardinale, c’entri? E sei bloccato!

Devi eleggermi il papa! ’Un c’è quistione!

Finché non me lo fai, stai carcerato !

Perciò, spicciate ampressa e vai benone!
Tutto il mondo sta Uà! Tu sei .guardato!
Ergo, nun me può fa’ 11’ avucellone ! !

Noi dell’orbe cattolico, vedete,
noi vorressimo un Papa, come dire?
che fosse quale voi lo pretendete!!

Perchè, nun voglia Dio succede quello
che, senza dirlo, io ve lo fo capire,
povera Italia, di dolore ostello!

[ 316 ]

II.

Ccà si sanno, le cose, don Cicci !

Di politica nera io ne capisco ! !

Mio zio, il cardinale Mazzesisco
l’ha confidato a me, pritnm’ ’e partì !

Io Ile menai na lenza: — Neh, zi-zì,
farete Oreglia ?... E lui :—Seh f po’ sta friscoL-

— Rampolla, allora?... — Non lo garentisco...

— Capecelatro?...— E a chi vuò fà muri?!

Io gli stavo avvolgendo ’e calzettine
nel Vero Guelfo, quando, non so come,
feci uno sforzo, e schiuppai dint’ ’e rine!...

E da questo compresi chiaramente
che si squagliava pure il terzo nome,
bensì che quello fosse intransigente...

[ 317 ]

III.

Innanzi al trono, prima di salire,

lui si comprò un panino coi prigiotto...

Io gli dissi: — Zi-zi, me Io vuoi dire?

— Ma nun t’ 'o pózzo di', quatto e quatt’otto!!

— E perchè? Me lo fai solo capire!

Fosse per caso il cardinale Gotto?

Fosse il nostro de Prisco? Un omo dotto...
Meh, dimmèllo, zi-zi ! Mi fai soffrire !

Lui, che mi vuole bene seriamente
perchè ho succhiato il latte suo, bambino,
mi sorrìse, cosi, discretamente...

Poi mi disse: — Per me, prevedo il caso!...

O Sarto, o Vannutelli Serafino...

£ se ficcò nu dito dentr’ ’o naso...

[ 318 ]

Ora, quando mio zìo si ficca un dito
in qualche parte, non si sbaglia mai !
Sicché partendo il treno, epilogai :

Il fatto passerà! Liscio e pulito...

Se dura quattro giorni, songo assai!
In Conclave è già tutto stabilito!

Il papa 1’ hanno bello e definito !

O Vannutelli o Sarto... E. poi vedrai!

E così dovev’essere ! E la Francia,
che teneva interesse chiaramente
di fare penzolare la bilancia,

io giurerei che pigliarrà cappiello,
pecchè, se jesce Sarto specialmente,
chillo le còse ’o capo vestetiello!

[ 319 ]

LE SUPERSTIZIONI

I.

— Sarà ! Ma ci si crede, don Cicci!

Io ci tengo, sapete ? Enormemente !

Un cappello sul letto !... — E che vo’ di’ ?

— Vo’ di' che può venirvi un accidente ! !

— Io so’ materialista, don Carni !

— E fate male !... — Sono indipendente !

— E che perciò ? Faciteme capì !

Quando una cosa è certa ed evidente !

Il cappello sul letto è jettatura 1 !

Vo’ di’ che in casa ci sarà un malato !

— Me parite che sso’, na criatura l

— Perchè mori mia moglie ? E' presto detto

Il medico, nel tempo della cura,
appoggiava ’o cappiello ncopp’ ’o lietto 1 !

[ 320 ]

II.

lo, mo' noe vo', conosco queste cose !
Aprite, per esempio, ’o mbrello in casa !
Meglio ca ve buttate int* a na vrasa!
Succedono disgrazie spaventose !

Mia cognata-cugina, ‘a Benincasa,

che soffrì sempre malattie nervose,

pe n' ombrellino aperto nc è rummasa !

E cionca !... Glielo dissi, e non rispose !

t

— « Cuncettì, tu fai male, cu st’ ombrello !.
Lei si schiattò di risa, e volse il dorso !...
E ’a famosa condanna del fratello ?

Come ! Tu ti decidi, don Cicci,
a rubare la Cassa di Soccorso,
e te ne fuggi giusto ’e venerdì ! !...

[ 321 ]

III.

Incontrando a nu prete per la via,
cercate sempe de nu scartellato
cu nu cavallo bianco e nu suldato !

Regola generale, anima mia 1

Vi viene tutto bene!... E scioccheria?!
Non ci credete?... Ebbene, io l’ho provato!
Sa’ quante volte 1’ ho sperimentato ?

E appena vedo un prete, io faccio ’a spia !

Perchè il prete, vedete, (io non offendo

il sacro sacerdotio che rispetto,)
è luttuoso... ed io non me lo scendo !

Cosicché, col gobbetto che gli è dietro,
è temperato un po’ stu brutt’ effetto,
ed io... completo ’a fraveca ’e San Pietro!

[ 322 ]

IV.

E se no, caro mio, dentr’ ’a giornata,
tu non accocchi mai niente di buono !
Voi vi segnate, quando scoppia il tuono

o 1’ elettricità si è scaricata ?

Fatelo, don Cicci ! Cosa provata !

Come pure : credete a Sant’ Antuono ?
Quella, una casa, è presta incendiata
quando voi trascurate il suo patrono !

Neh che ve costa a voi, na fìgurella?
Voi l’incollate all’uscio delWntrata!

Nun appicciate manco ’a lampetella !

Così, mentre sparambii, tu che fai ?
Onori il santo !... ’A stampa colorata
si vende a San Biaggio dei Librai...

[ 323 ]

3*3

V.

Ecco: se vostra moglie tene ’a rogna...

— (’A tene sempc* sòreta!) —... che fate?

Ricorrete alle solite pomate

fatte de zolfo, de pasticci e nzogna?

Soltanto se si sape, è una vergogna!
Non solo! Ma ca voi la medicate ?
Diciteme mo’ a me: che ne cacciate ?
Quella rimarrà sempre una «rogna!

Invece, un abitino benedetto,
quello di Santo Lazzaro, cosi,
gliel’applicate e vi farà l’effetto !

A me quel... guaio... come se n'andò ?
Folte con le mignatte, don Cicci ?

Feci il voto a San Ciro, e mi passò!

[ 324 ]

324

f I eco LA ilORCIl KSI A

NORD E SUD
I.

— Don Cicci !... Ma se quello, veramente,
mettiamo per un caso, ci si arriva ?!...

Se questa genta tanto recitiva
ci inette ncroce troppo malamente?

Don Cicci, lloco córrono ’e ssemmente !...
Lloco ’a guerra civila è guerra viva !...

La cosa s’incammina assai cattiva!...

10 l’ho penzato ripetutamente!...

Per me, sono del Suddo, e me ne vanto!
Domani, che sso i’ mo’, ti tiri i ponti?

Don Cicci, nun me mporta manco tanto!

11 peggio è tuo!... Che sei? Nu piamuntese ?
E toma a magna sego!... Che mi conti!?

E fatti il fatto tuo, nel tuo paese!

[ 325 ]

II.

Lo so; soltanto col ragionamento
ci potressimo mettere di accordo,
ma non sarà così ! L’ uomo del nordo
vuol seguitare a fare il prepotento !

Gli dici la raggione, e quello è sordo !
Glielo ripeti, e dice : Non ci sento !

E se addivento cane e poi ti mordo ?
tu mi dài torto, già, naturalmento !

E si è fatta l’Italia !... Ah, che currivo !..

Ci siamo dati a lloro piedi e mani...

Ma... dàlie e dàlie, porta all’ abblativo !

Tu nun te stanche? M’ 'a fai dentro all’occhio ?...
E fa il commodo tuo !... Ma se domani
mi vieni sotto, io piglio e ti scaracchio!

[ 326 ]

III.

Che dite ?... Le derrate alimentari ?

Lo scambio del Commercio ?... Don Cicci !
Ma quelli sono tanti sanguettari !...

La roba nostra è meglio, v’ ’o ddich’ i’ !

Il fatto è che ci mancano i denari... ?

Ma s’ ’e ppigliano lloro ! Eccoci qui !...

E perciò dal Sessanta e giù di lì
ci hanno trattati come i monezzari !

Non potremo mangiare i cappelletti ?...
Non ci annozziamo più col panettone ?
Pazienza, don Cicci ! Cause ed effetti !...

Il vero fatto, è ca nun stammo nzieme!
Ma si turnasse nu poco ’e Borbone,
festa, farina e forca, sarda sceme ? !

[ 327 ]

CHIESA E STATO
I.

- H o letto in un giornale clericale
di quelli, don Cicci, bene informati,
che un pezzo molto grosso, un cardinale
che è molto inteso in mezzo ai porporati,

mentre stevano tutti inginocchiati
per la funzione del pontificale,

il papa lo raggiunse sulle scale
e se mettette a fa... sfoghi privati...

Il giornale, col buono reportaggio,
facendo sua quell’indiscrezzione
copertamente ne stampò un assaggio...

Da ccà se vede ca è nu Papa fino !

Già 1 Vo’ luvà d’’a circolazione
fino all’ ultimo soldo papalino !

[ 328 ]

II.

— Il soldo papalino solamente ?

Sicché... rimane il soldo scartellato ?...

— E chillo nun le inporta ’o riesto ’e niente !
Lui divide la Chiesa dallo Stato !

— Valquantodire... il soldo scamazzato ?

— Te lo devi tenere, indubbiamente!...
Quello te ne combina un accidente,
dinto a nu cuoppo ’abbrunzo arravugliato.

Quà, la nostra politica va male !

Se ve l’ho detto centomila volte!...

Io sospiro il potere temporale!...

Almeno Ila sapive cu chi stive,
le soddisfazzioni erano molte,
e... ’a lira fòuza tu nun ’a vedive!

[ 329 ]

Ili

Ma mo’, per ogni cosa, caro mio.
non solo sei sporpato infine agli ossi,
ma. se protesti, t'un voglia mai ‘e Dio !)
ti tocca di vedere i topi rossi!

Pochi soldi di rendita riscossi
se li pappa il Governo, e t’’o ddich’ io !
Si poco stanno, questi pezzi grossi
d schiàfiano na tassa sul golio!

Non mi farebbe niente meraviglia
se domani votassero a ciammielle
nu rammaglietto ad uso di famiglia,

die ti significasse, muollo muollo:

« Pe nu soldo d’aulive e chiapparielle
noe vo’ na lira e vinte ’e carta ’e bollo ! »

[ 330 ]

LA BUONA MADRE

I.

— K voi, che fate?... ’A sera non uscite?

— Signora mia! Dove vogliamo andà?!
Con tre figlie zitelle, voi capite,

che faccio ? ’E pporto appriesso p’ ’e mustrà

Oggigiorno, le donne emangipite,



scòpano lloro ’a strata ! E nuvità ?

Le vetete tipide e colorite
sempre in tredici lloro, a spassiggià !

Mo’, una persona onesta, (eh’ è buggia ?)
se ngi tiene al ricoro di famiglia,
nun se fa cchiù vedè, signora mia !

Qua’ so’ finiti i tempi di virtù !

E se Dio t’ ha mandato 'a primma figlia»
mpìzzati in casa, e non uscire più !

[ 331 ]

II.

Cosicché, vi dirò, donna Betti,
solo di giorno !... Ma di rato, sa !
Ammacaro, se voi, non è così ?
avete la ntenzione ’e v’ ’a sposa,

alla lùcia lainpanta, ’a verità,
una stortezza non ne puole uscì !

Quando tu è vero che ti vuoi schiarì,
rùmpete ’o musso in casa, a scapezzà !

E se no, voca fora, eh’ è maretta !

Qua g’ è un cane di presa, un patre onesto,
ea nun Je sona troppo, ’a barzelletta !

m

Che crerete ? ’E bbambine hanno una ròte!
Duemilia lire!... Embè, con tutto questo,
s’ e scombinato na dicina ’e vote !

[ 332 ]

III.

Perciò la sera, in casa ! ! Faccio bene ?

Ma ngi divertiamo «veramente !

Uh, se sapreste ! Viene tanta gente !

Più ’a casa è zeppa, e più gente gi viene !

Vengono quelle a porta, le Parente,

’a famiglia Papurchio, donn’ Irene,
inzomma, bona gente, che conviene,
gente ca nun se vede e nun se sente !

Si passa una serata, fra ti noi,

con due tre scherzi inòquiti, nu gioco,

quel sette e mezzo che vi piace a voi...

Poi, certe volte, con molta frequenza,
dopo d’ avè suonato qualche poco,
facciamo pure ’e gioche ’e penitenza.

[ 333 ]

E che risate, neh, signora mia!
Speggiarmende cui gioco d’ ’a farina !
Vedete 'a faccia ’e qualche signorina
tutta imhiangata !... Mette in allecria !

Cert’ aldre volde, dentro ’a gallaria,
dopo nu pezzo che ha suonato Nina,
tuttiquanti a prigare a Rosalia
che righettasse qualche cosettina.

%

Lei si squaquiglia un poco, ’a verità,
poi si fa sotto, accando al pianefforte,
saluta, ed ingemingia a riggettà.

Che bella cosa neh ! Che struzzione !
Donna Betti, ne fanno facce storte !
Chella, ’a capa 'e mia figlia, è nu capone

[ 334 ]

V.

E se voi sentireste ’a Direttrice,
che a Natale gli feci una creanza !

Me chiamò sola dentr’ all’ altra stanza,
e me disse così : Maire /elice !

E poi, donna Betti ! Con che imbortanza,
parlò di Rosalia ! Me disse, dice :

« Fatela sturià ! Forza e costanza !

Ca voi ci avete una verzeggiatrice !... »

E col fatto ! ! Ve dico, mo’ nce vo’,
benzi ca queste cose io n’ ’e ccanosco,
piangei, quann’ essa prese ed esordò !

E che crerete, eh’ era robba ’e niente ?
Ricramò quella cosa r’ Uco Fosco :

Per me si va nell* agitar volente !

[ 335 ]

DISCORSI DI CARNEVALE

I.

— Ql'f.st’ anxo qua, mia moglie, v’assicuro
ha fatto un sanguinaccio, ma, a quel Dio !..
Vi dico proprio, don Fulgenzio, mio,
un superscicco ! Nè mollo, nè duro...

Na cosa vellutata ! Un gusto puro !...

Ma... perchè il sangue 1’ ho acquistato io !...
Gi andammo con don Cesare Desio
ed il cognato delle Carraturo...

Proprio al Macello ! Almeno, don Fulgè,
ti vedi il fatto tuo di causa e scienza !

«

Come il Cielo comanda ! E quello eh ’è !...

Si sa! Gi perdo una giornata intera,
ma intanto dico al porco : Abbi pazienza !
La scannatura la voglio singera !...

[ 336 ]

E prosequisco : senza farvi un torto,
(perchè conosco la signora vostra
che delle sue virtù fa bella mostra
in faccia al ilolge) — sono stato accorto !

Che vuoi ? Tanto di cetro ? Io te lo porto
Tanto di ciccolatta ? E’ cosa nostra !

Cosi sta briccongella, sta cagliostra,
mi ha fatto un piatto che rivive un morto

Che donna, don Fulgè ! Voi v’ esprimete
col desiderio d’ un manicaretto ?...

Dovete alzà l’idea, quando ’o vedete !

[ 337 ]

III.

A mo’ d’esempio, la lasagna ? Embè,
quella, sapete come ve la fa?

Muore nel ruoto, questa è ’a verità,
con la ricotta eccetra eccetra... Ovè ? !

Embè, prima di metterla a nfumà
col forno di campagna, don Fulgè,
quella la concia, e poi la fa stufà
qualche minuto a fuoco lento. Teb !

Sarà na scioccheria, ma intanto viene
cosi dorata e così cotta al punto,
che cento paraconi li sostiene !...

Me ne feci una pangia, l’aldro giorno,
che, per farvela breve, a buonicunto,
certi purganti vanno ancora attorno...

31

[ 338 ]

Eggià !... Ma che volete ? All’ età mia,
tavola e letto! Questa qua è la vita!...
Na pippa corta alquanto riempita,
e appena nu sorsetto ’e Malvasia...

Certe volte, forzato da Maria
che per le ceraselle s’ è impazzita,
me ne mangio qualcuna, ma condita,
con lo zucchero sopra, che 1’ avvia !...

Se no, quel forte in gola, che rimane,
mi dà degli acitori dell’ inferno,
che gi soffrisco le nottate sane !...

Il po’ di freddo no, non mi è molesto !
Perchè dice la Scuola di Salerno :

Posto prandio friggèscio bonummesto !

[ 339 ]

339

ALLE CORSE
I.

— Quest’anno, don Cicci, poco concorso!
Valquantodire: manca la moneta!

Stammo tutte aecussì, dall’ a alla zeta !

\

E spicata 'a lattuca, e ha fatto il torso!

Io per nie non gi tengo più rimorso...
L'hanno voluta lloro, sta copeta!

E rusecatevella mponta ’e ddeta...!

Simmo tutte pezziente, ecco il discorso!

Sì ! Vanno ’o campo !... Ma ditemi voi :
come ci vanno?... Sulla cambiale!

Tu mi puoi dire: Bada ai fatti tuoi?!

Gnorsì, ma trase ’o viento, ’a dint’ ’a sencal
E se tocchiamo sempre il capitale,
poi sbatteremo comme sbatte ’a tenca!

[ 340 ]

11

Pazzèati la rendita, ecco quà!

Non fare come a quello del raccondo!

Vuoi tenè sei cavalli? E sbagli il condo!

Sti sei cavalli, (è certo!) hann’’a magna!

Quattro tolette per tua moglie?... E già!
Ma quanno bussa ’a sarta, io non rispondo!
Poi s’accosta l'espròpito del fondo,
e allora? Tengo ’o dritto ’e me spassa!

Come! Tu disonori il tuo blasone
e ti nzelli di debbiti, perchè?

Per guidare l’attacco ’a postiglione?!

[ 341 ]

341

III.

E se no, statt’in casa! È più prudente!

E se tua moglie non sente il consiglio,
tu fancillo senti col panesiglio!

Nu buono parcarone, e tutt’ è niente!

Ma se sape! Oggidì presentemente
la donna, quann’ è donna, abbada al figlio!
Tu, suo marito, se ti fai coniglio,
è certo 1 Finirai pazzo e pezzente!...

Chi fa il passo più lungo della gamma,
vinge la corsa, questo è positivo!

Ma quann’è doppo, se puzza d’’a famma !

Tenendo capa, invece, uno ti ammira!

E, conservando il tuo corrispettivo,
sei nu signore, e spute nfaccia ’a lira!

[ 342 ]

34*

PICCOLA RORCIIKSIA

IL PUPO
I.

— Quello, il pupo, ’on Cicci, che vi credete?
è un personaggio che vi pare vivo...

— Embè, don Pasquali, voi riderete,
ma da me stesso me sento currivo!

E nu scorno, lo so, voi mi direte,
non aver visto ! Io ne so’ stato privo !

Con la vita che ho fatto, capirete,
sono cosi : come ti vedo, scrivo.

Napoletano, proprio nato qui,

Acquafresca San Paolo 33,

io non so che vuol dire divertì!

Io stavo agli Scolopii, ma di botto,

i miei, col fallimento che accadè,
un bel giorno levarono da sotto !

[ 343 ]

Bambino dunque, nun me so' spassato!
Adulto, j>eggio ! Che te vuò spassà !

So’ stato sempre assai preoccupato,
pieno de guai e de difficoltà...

E cosi, nella vita, io so’ restato
sentenno ’e tanta cose raggiunà,
senza putè risponnere: Ho guardato!

Ho visto questa o quella novità!

Un giorno, mi ricordo, sopra il Molo,
vidi le guarattelle, di passata...

Ma in quanto al resto, ho visto quello solo

Non ho fatto n’ uscita co n’ amico !

E seppi che cos’era ’a cioccolata
quando morì mio padre, al vico Fico...

[ 344 ]

Ha

'•■l-COI.A HOkc.UhsiA

III.

— Ma voi dite sul serio, o pazziate?

— Pazzèo? Parola mia so’ un ignorante!

Ho passato all’Ufficio le giornate
copianno 'e scarabbocchie ’e tuttuquante...

Perciò, don Pasquali, me dicevate?

Il pupo?...— E un personaggio, ma parlante!
Tirate il filo, e quello corre arante...

Vaie ve ne faciarrisseve risate!

Io, da ragazzo, età c’ uno se spassa,
facevo il mio filone, e capirete...

— Eh, lo capisco... Mangiatoia bassa...

— £ cosi, cu na tasca zeppa zeppa
di castagne spezzate (voi ridete?)

me n’andavo al teatro ’e donna Peppa—

[ 345 ]

IV.

— Sarebbe ’a Stella Cereref — (inorsì ;
ina tale ciuccio porta tale some!

Donna Pepfmf Lo chiamano chiamano così,
e così sarà sempre ! Ed ecco come :

La fondatrice sua, che poi morì,
salute a voi, essendocchè siccome
era popolarissima, fini
che a quel teatro gli restò quel nome.

Che pupi, don Cicci! Lucendi, grandi,
con certe vestimende ed armature!...
Paladini di Francia e Re regnandi!
Turchi, Regine, Dame, Cavalieri,
Orlando, Rinaldino... E che figure,
quel Guerrino il Meschino e quel Rizieri!

[ 346 ]

V.

E poi! Le frasi in mezzo alle battaglie!

« O zi'i'i/il/ Sangue ehierest: e sangue avraiI »
« Siro ! Ho portato na pareglia ’e maglie ! »
Io, per tanti anni, me lo ricordai...

« O/i Rrregghta ! Che son queste cramaglie f »
E chille d’ ’a platea: «Che cancher’ài?
Parla pulito! Leva sti ffravaglie!»

E poi, sberleffi, don Cicci ! Ma assai !

— Ma come ? — Già ! Na sera, mentre Orlando
avea sfidato « a singoiar tenzone »
un musulmano, ed agitava il brando,

ah, che chiasso successe, don Cicci!

Un tale, fece tale un pernacchione,
che ci facemmo un pizzico... Così...

[ 347 ]

347

L’ ABB1TUDINE
I.

-- Kn ecco l’uomo, caro don Ciccillo !
Prende una rcnza, etl entra nella vita...
Quando c’è entrato, non c’è via d’uscita!
Non ne puoi derogà manco tantillo !

V’ inzorate ? Ed il primo piccerillo
è nella casa comni’ ’a calamita !

Tutto ti annoia, e la tua mira ambita
è de potè alleva chillo mpesillo !

Ti passa il gusto delle cose belle !

Chi più bello, ’on Cicci, del tuo marmocchio?
Tu te lo cresci con le mollichelle !...

Lo so’ : grande, può darti nu dolore ?

Bè, nun fa niente ! Tu ci chiudi un occhio !
Tutto, se po’ acconcia ! Maro chi more !

[ 348 ]

II.

Solo la Morte, don Cicci, se viene,
tu non puoi dirgli : « Torna un altro giorno. »
Non è nu viaggio di andata e ritorno,
c’ uno penza : <.< Lo faccio ? Mi conviene ? »

In quanto al resto ?.... Soffrirai le pene
se, mettiamo, tua moglie ti fa un corno ?
Ma l’offeso chi è ?.... Di chi, lo scorno ?

La mandi via, e poi tutto va bene!

L’ offesa, don Cicci, questo si sa,
non è mica di chi se la riceve,
ma è sempre, mo’ ce vo’, di chi la fa !

Se resti solo al mondo, allora è brutto !

Ma se nce stanno i figli, te sullieve !
Diceva bene quello ! Il figlio è tutto !

[ 349 ]

È la luce degli occhi se sei cieco,
ed è il bastone della tua vecchiezza!
Se te lo vedi innanzi, è un’allegrezza,
buono situato, con un •beH’impieco!

Me ricordo: don Pietro Scannapieco,
che teneva 1’ appalto d'’a niunnezza...
A vederlo, faceva n’allegrezza!
Perchè, direte voi ?... Mo’ ve lo spieco

Diviso dalla moglie da tanti anni,
vecchio, acciaccato dalla itropisia,
col corpo affetto da cento malanni,

neh, quello, neh, come si sosteneva?
Col penziero del figlio! Una pazzia!
Quello moreva se non lo vedeva!

[ 350 ]

IV.

Da piccolo l'aveva abbituato
a dargli un bacio quando rincasava....
Bisognava vedere, bisognava !...

Senza stu vaso nce cadea inalato !

Qualche volta che il tìglio è rincasato
passata ’a mezzanotte, enibè, aspettava!
Questo vecchio, ’on Cicci, nun se cuccava
se non veneva prinima accujetato!

Non poteva fa cchiù nu movimento,
p’ ogni bisogno nce vulea n’ ajuto,
embè, ’o vaso per lui era un tormento!

Ed- ogni sera, ma non c’ era caso,
non appena che il figlio era trasuto,

’o sentiveve ’e fa : — Peppino !.... ’O vaso...

[ 351 ]

I l'I'MI

I.

— La nobiltà?... Ma benedetto Iddio!
Che ne capite, caro don Pacifico?!

Io vi dico, vi spiego e vi significo
che riconosco bene il fatto mio !...

Io sto pagando da tanti anni il fio
d’altri peccati! E mò ve lo giustifico!...

10 scendo in linea retta dal Magnifico !
Ed a Firenze debbo avè nu zio...

11 mio casato è Medica / Altro ramo,
direte voi, perchè la desinenza,
invece di far ci, viene a far ca f /

Beh ! Non ve lo contesto ! Ma richiamo
coi documenti, tutt’ ’a discendenza!

E faccio addò me trovo ! O ccà, o Uà !

[ 352 ]

II.

L’ albero mio, che sta l'ora ’a salctta,

1’ albero genialoggico, mi dice
che lo stipite nostro fu Beatrice,
che viene da una monna Elisabetta !

— Neh, monna che cos’è?—Poi, na pandetta,
che conservo dal tempo mio felice,
voi che credete, che mi contraddice ?
Afferma che la linea fu cadetta !

E che me mporta ? A me mi fanno ridere
sti nobilucchi ’e mo’, pieni di boria !

Li attaccherei, ma non mi so’ decidere !

Pecchè faccio ’o scrivano d’avvocato,
credono forse che non so’ la storia ?...
Sbagliano ! Io sono un nobile sfondato 1

[ 353 ]

III.

Mi.» moglie, che si chiama Armida Pesce,
che credete, io perché me la sposò?

Pei quattro quarti !... Già ! Da qui non s’esce!
E discende dal « Pesce Nicolò ! >>

Nobiltà molto seria, vi dirò !

Mi rincresce per tutti, mi rincresce !...

Io porto ’e scarpe rotte, ma però,
se mo* mi pungio, so che ne riesce !

Un sangue blu, mio caro don Pacifico,
che quando me lo vedo mi ricreo !

E questo ve lo attesto e lo certifico !

Mentre che poi, (non già per farvi torto,)
se vi scorresse a voi, nato plebbeo,
voi puzzereste come un cano morto...

23

[ 354 ]

LK SUPRKMK KLKC.AN’ZE

l.

— No! L’eleganza £• cosa naturale!
Don Cicci, ci si nasce, alla buon’ora!
Na cornice annerita, uno l'indora
e torna alla bellezza originale.

Ma questa, non è cosa per la quale!
Uno è elegante mò, coni’era allora!

Io se bacio la mano a na signora,
gliela bacio alla moda orientale!

Ecco qua: forse stiedi in oriente?

Ecco qua: forse... chi me l’ha imparato
«

E cosa che vi viene ! Uno la sente !

E ’a prima volta mi venne di botto,
e sempre ’o stesso me so’ regolato 1
Voi la baciate ’a sopra? I’ ’a bacio ’a

[ 355 ]

II.

È molto seicco, don Cicci, vedete...

Ma, casomai che lei portasse il guanto,
allora se si tratta *e tanto e tanto,
neh, voi nu stìzzio comnie v* ’o prendete ?

Disinvoltura ! E sempre vincerete !

Nu mezzo inchino, e vi acalate alquanto!
Stesse abbracciata col migliore santo,
sempre la niano gliela bacerete !

Che ve pò di’? Se pò meraviglia?

Ed allora, per darve nu tuppè
voi ve la fate con la bocca... E già !

Le dite una parola vaporosa,
nu cumplimento... E poi, sentite a me,
la lingua, con la donna, è una gran cosa

[ 356 ]

111.

Che ve ne fate, de nu turzo ’e spica
che se sta sempe zitto e non se smove ?

Voi mi direte : era la moda antica ?

Gnorsi. ma mo’ nce stanno ’e mmode nove!

Sciogliete ’a lingua, e vi diventa amica!
Andate avanti ! date delle prove !

Lo starsi sempre zitto è na fatica !

Col discorso, la donna si commove !

Vedete adesso! I megli giovinotti
baciano 'a mano, parlano a dovere,
e sono gl’ idolatri dei salotti !

Perciò, mostrate ’a lingua e non temete !

E muovetela in tutte le maniere;
se no, scusate : addò ve la mettete ?

[ 357 ]

LA JETTATURA

I.

— Io, j^iri, I’ avevo detto ! Stammatina
è velici dì !... Riesce tutto a male!

%

Doveva essere, questo ! E naturale !

E in letto ho liticato co Nanniiut!

Esco di casa, e ntruppechèo p’ ’e scale,
e n'auto ppoco ne vedevo ’a fina!...

Vado sopra alla Banca Sorrentina,
e trovo protestata ’a cambiale!

Scendo, non faccio quattro passi ancora,
e che vedo? Un’esequie !... E chesto è nientel



E stata na jurnata d’ ’a mmalora!...

Corro all’ Esattoria dell’Awocata,
e la prima che incontro mmiezo ’a gente,
neh chi è stata?... Na donna scartellata 1

[ 358 ]

II.

Alle tre mi presento da Caputo
che mi aspettava per firmare un atto,
e scopro, dint’ ’o vico, nu tavuto !...

Me so’ fatto nu gelo, me so’ fatto !...

E mannaggia il diavolo cornuto !

Comme! So’ tanti, i guai che mi dihbatto,
e pure sta p'fonica!!... Io mo’ schiatto!...
So' imbecillito comm’ a nu sturduto!...

Sulamente nu tòcco me mancava!

E poi vi dico, don Rafele mio,
che sta giornata ccà se completava J...

[ 359 ]

A tavola, mia moglie, ancora irosa
pel fatto che v’ ho detto, ’e stammatina,
nie dice : — « Hai combinato quella cosa ?...»

— « Non ho potuto, sa... cara Nannina!...»

Chella, che quando impunta è permalosa,
scatta, e minaccia una carneficina...

E allora io me so’ chiuso int’ ’a cucina
per evita’ na scena dolorosa...!

Ma quando il Cielo ha detto già che tu
devi passare certe peracotte,
quello, il cervello, non t’ajuta più...

Sul focolaro nc’ era nu mattuoglio...

Io non ci bado, e 1* urto ! Ecco le botte !

E cade nterra na buttiglia d’uoglio!...

[ 360 ]

IV

Mia moglie corre come un’ energuma,
grida che ho fatti» un atto di superivi,
e sfila una corona e na caterva
d'insulti, con la bocca piena ’c schiuma!...

Diventa una cajòtola proterva,

quanno s’ appiccia ! E mai non si eunzuma !...

Già !... Nella rabbia, quella se ne fuma!...

E poi 1... Biastemmia peggio d’una serva !...

Cosicché a farla breve, (è duro, è duro,

il confessarlo, ma purtroppo è vero!...*
quella mi ha presa col laganaturo ! !...

Io, capirete, me mangiavo ’e minane,
ma siccome non sò n’ orno severo,
mo* tengo il corpo tutto mulignane !•••

[ 361 ]

LEGGENDO I GIORNALI

(A proposito del processo Cuocolo)

I

«

SiCCHÈ... secondo leggo nel giornale,
si dice che le tracce sono esatte ?...

E... chi sarebbe questo Ninno 'c latte?

— Sarebbe un gentiluomo eccezionale....

«

— E stu Mandriere?...—E un altro originale !
Nu tipo scicco ! Nun sapite ’e fatte ?
Portava, bene mio, certe cravatte

che a Londra non si trovano 11’ eguale !

Poi montava a cavallo... — Overamente ?

— Teneva per amante La Spognara....

— E chi sarebbe ? — Mah ! Una pretendente !

Una dama dell’alta società....

Nun ’a sapite ?... Na donna preclara..!

E allora vui che nce campate a ffà?!

[ 362 ]

II.

— Neh, non me fate ridere ! Ho il dovere
forse, ’e sapè sti cose?!... — No, dicevo,
che stu Mandricre io pure ’o cunuscevo....

— Davvero ? Me fa tanto piacere !...

— No !... Come tutti, io pure lo vedevo...
Quello pareva un vero cavaliere !....

Già ! Se metteva in fracco tutt’ ’e ssere...

— Amico mio, io poi che ne sapevo!...

— Tu vedi a uno che veste all’inglese,
cambia tre volte al giorno di vestito...

Che pensi? Che fa onore al tuo paese!

[ 363 ]

III.

— Chisto è nu fatto ! Sicché lui vestiva....

— E spogliava la gente ! Eccoci qua !

— E... Mandricrc, perchè? — Perchè veniva
dal Macello ! Era di alta nobiltà !

E si capisce ! Se non compariva,
a far la vita che nce jeva ’a fa ?

Come tanti altri, era la parte viva
delle colonne della società !

— E... la Questura ne sapeva niente?

— Ma che Questura me jate cuntanno !
Sarebbe bello ! Disturbar la gente !

— Comme, comrne ? Che dite ? È troppo forte !
Lo difendete o me state burlanno ?

Fosse, che so, nu gentiluomo ’e Corte!?

[ 364 ]

L’OPERA NOVA

I

— La Sa/o me ? Voi non ci siete stato !

Non ne sapite niente! Er^fo: tacete!

— E già, ma vurria essere spiegato
in che consiste il fatto... Lo sapete ?

— E mo’ ve servo ! Perchè, capirete.
l’ho letto, l’ho riletto, e l’ho imparato!

Me lo ricordo tutto, com'è andato !

Pelo per pelo ! — Uh ! Me lo spiegherete ?

%

— Nun ce vo’ niente ! E il fatto del Battista
in urto con la moglie del Petrarca

ca teneva na figlia overo nzista!

Chesta che fa ? Le vene nu sturzillo
nzieme cu ’a mamma, c’ ajutava ’a varca,
e dice a ’o patre : — Voglio #a capa ’e chillo !

[ 365 ]

II.

— Come i Che dite ? - - Dico ’u verità !
Vuleva ’a capa ’e chillo crestiano!

«

Disse : — Papà, non hai promesso invano !
Me serve proprio chella capa Uà!

Il povero Petrarca, chiano, chiano,
tentava tutt’ ’e mezze p’ 'a calma...
Capirete : penzava ca nun sta,
na signurina cu na capa ’nmano !

Ma chella, niente ! Tanto se nipuntaje,
c’ a tutte li prumesse rispunneva :

« Dateme ’a capa, ca si no so* guaie ! »

La donna è stata sempre capricciosa !

E tutte, in tutt’ i tempi, se sapeva,
hanno cercato sempe ’a stessa cosa i

[ 366 ]

III.

— E ’a musichetta ? — Bolla, don Pasca !

«

ve dico, bella ! K tutta una minestra !

Nce sta finanche ’o vietilo, int* all’ orchestra !
Po’... armonizzata eh’ è na nuvità !

Io non m’ intendo di quest’ arte qua,
nia mia figlia che al tasto è na maestra,
stava pe me buttà dalla finestra
quann’ io le dissi : — « Pesa, ’a verità... »

— « Papà, che smammi ?! » mi gridò arraggwta:
« c’ è il colore locale ! ’O vvuò capì ?

’A capa ’e chillo è tutta fraseggiata ! »

E credo ca non sbaglia, sta birbanta,
perchè allorquando l’opera fini,
io rummanette cu na capa tanta...

[ 367 ]

V.

SUNETT1ATELLA

(1880-1890)

[ 368 ]



[ 369 ]

369

A SCIORTA ')

Ot'ANN'o Rosa face t te ’a primm’asciuta, 4)
tutta lucente e tutta ncannaccata, 3)
tutta nu piezzo r tutta sustenuta
manco na signurona titulata,

’a ggente runimanetteno alloccuta. *)
Tuttuquante ’a guardavano p’ ’a strata !

— Verite, neh ! Rosa die sciorta ha ’vuta !
Comme s’è misa bbona situata!

’Ncapo ’e l’anno venette ’o primmo tiglio.

Che festine, che suone e che rumniore!

S’allicòrdano ancora, int’ ’o Cerriglio ! “)

Sciorta nfama 1 A chi tanto e a chi niente !

’O ditto dice bbuono, ca ’o Signore
manna ’e viscuotte a chi nun tene diente !

24

[ 370 ]

TU !

Nu.v me ne scordo. ’Ntiempo ’e primmavera
’a primnia vota noe si mino guardate.

Tu m’ aspcttave atfacciata ogne sera...

Che belli tiempe c’ avimnio passate !

A poco a poco, cornine squaglia ’a cera,
chilli belli mumente so' squagliate !

Sta vita me s' è fatta nera nera.

11’ ore d’ Ammore se ne so’ vulate !

Guàrdame ’nfaccia ! Songo addeventatc»
n’ ata cosa, n’ at’ ommo, Anema mia !

Sto ascenno pazzo, nun me fido cchiù !

Nce pare tanto, ca stongo malato... !

Oii in’ ha fatta vent sta malatia ?

Pàssate ’a mana p’ ’a cuscienzia : — Tu !

[ 371 ]

Vi

CARRUZZKLLE 'E NOTTE

I.

— SiGXo, ciiillo \> cavallo è bicchiariello,
capite ? Affanna assai nfaccia ’a sagliuta...
Primma, gnorsì ! Tenevo ’o pulletriello...
Mannaggia ‘a bella sciorta c’ aggio avuta !

Ah!... *) Si nce penzo ! Maijuant'era bello!
Che bello sturno ! E che bella saluta !

M’era venuto propeto a ciaminiello, ')
pe nu ciammuòrio 3) ’a sciorta aggio perduta !

Che ssa, che Ile scennette ! Int’ ’a ttre ore
facette ’e rrecchie fredde... e santanotta...!
Meglio, signò, na curtellata ’n core!

Chisto ccà ? Chisto è propio nu scassone 1
Muscio int’ ’e mmecce! *) Pare na recottal
Peggio, signò... ! Tenite nu mezzone ?

[ 372 ]

II.

Ah !... Pat’ Eterno, fallo fa’ na morte !
Chello e’ abbusco s’ ’o nunagna tutt’ isso !

’E quatto gamme? Tutt’ ’e quatto storte!
Mannaggia... Bbeneritto ’o Crucefisso !

Ddiece lire ’a seminati» ! E chesto è ’o Aorte !
Sto scuntanno accussi... Signò, n’abbisso!

E che se fa afferra, si nun ’e pporto ! ‘)

E chesto me succere spisso spisso !

Stu casciabbanco, 2) a ddiece lire ’a vota
me spremmarrà na ciento-lira sana !

LI* opera è quanno nun ve corre, ’a rota !

State fermate a jjuorne mmiezo ’o puosto,
po’ ’a Pruvverenzia ve stenne na mana
pe ve manna nu miezo franco tuosto !

[ 373 ]

J73

111.

Vruù rà a magna a nniiflièreta ? '0 pesone l)
’o vuò pavà ?... T’ ’o vuò fa, nu bicchiere?
Accatta 41’ uoglio, acconcia ’o capezzone,
coni me se campa? Mamma Bella ’o vvére !

Mo’ nce hanno mise ’e tranime. Hai raggione !
Nce 1’ ’e fatto allicclietto, ’o p/acere !

Sia beneretta ’a Custituzzione !

Mannaggia Calibardo e chi nce crere !

Po’ rice ’a ggente : So’ cuccliiere 'affitto !

Po’ ri ce ca che ssà, nui rusecammo... *)

E se sapel Comm’ è?!... Te stive zitto?

Neh ma che vonno?... Ca ’e rringrazziainino ?
Ah /... Jammo bello, jà ! Zupp’ V zuffrìtto /3)
Ma... pe ssapè, signò... Quann’ arrivammo ?

[ 374 ]

CANZONA ’E CARCERATE

A Emma Gramatica

i.

Sole ca trase e jiesce pe li ciele,
guarda nu poco pe sti ccancellate !
Tenimnio ’o core eh* è nu piezzo ’e fiele!
Povera gente ! Simmo ’e carcerate !

Nui simmo tanta varche senza vele,
mmiezo a nu mare ’e guaie abbandunate;
nce cunzumammo peggio d’ ’e ccannele,
cuntammo 11’ ore e stammo ncatenate !

L’Avummaria nosta è najastemma,

’a speranza è nu suonno ’e nu cecato;
penzanno sulo ’a Libbertà se tremraa!

[ 375 ]

II.

Io nun mi chiamino cchiù Tore V Criscienze, *)
ma mi chiamino Trea'entoquaraniuno...

Sole, ma tu ce pienze, o nun ce pienze ?

Pe nomine, nun me sape cchiù nisciuno !

Addò stanno chili’ uommene ’e cuscienze
ca ni’ hanno cundannato ? £ veness’ uno!
Uno sulo, a paté sti ssufferenze!

Sole, tu ne canusce a quaccheruno !

Tu trase ogne matina p’ ’a fenesta,
pe 11’ avvisa che nasce ’o juorno chiaro !

’O figlio suio se sceta e Ile fa festa !

È na spogna d’acito, chisto core !

Accussi nu peccato è troppo amaro!

S’ ha da scunta’ murenno... e nun se more I

[ 376 ]

— Mannaggia ’<• ciucci»► 'Averza! *) Cuntrattammo,
quinnece franche tutto Piedegrotta,
è cumbinato e Ih-11»», io metto sotta,
a nomme r’ ’a Maronna, e cammcnanimo...

Embè... rico accusai... sto tutta ’a nona,
po’ me lusinghe ca nce mbriacammo,
po’ tc ne viene... ’o cavallo ’e recotta !

Ma... oomme fosse... a che juoco jucammo ?

Jenno cernenno, ’a vèppeta ’e ri’ reta! *)

Meza fresella e nu soldo ’e maruzze !

E chissi ccà so* 11’uommene ’e muneta!

’O puorte 'a casa, pava e guarda stuorte!

Tu vire Ddio! Va Uà, stommaco ’e strozze!

LI’aggio jencuta na carretta ’e muorte!

[ 377 ]

'<> gnardio)

II.

— Mbc, giuvanotto, amiamo cu dicenza
ca si nno te rimostro ca la le^j^e
nun scherza mica ! Io |>erdo l<t pacenza
e te do’ prova come se curregge !

Senza fare cagnara e nialvivenza
uno se po’ sfrenà come che rregge,
peccbè si nno, ne vie' ppe cunzequenza
ca po* 1’ agente, po’, te cazzottegge !

Ve fanno fa’ la scuma pe Ila bocca,
sti figli cani d’ anima dannata,
e strillàzzano appena uno li tocca !

Poi t* esce il foglio e parla de l’abbuso I
Ma sangue de na vrenzola sforcata,
gli daressi no pugno sott' al muso !

[ 378 ]

(’O rumilo)

III.

— Chesta Vergo».i ccà. soinpc ludata,
anntinco e se tape, <• assai miraculosa !
Chesta è la primma eh’ è stata truvata
minano all* antiche... Chesta è na gran cosa

Se mette dint’ 'a sacca ’a Mmaculata,

’a Madonna ’a Saletta ’a Purtentosa,
chella d’ ’a Pignasecca e ’a Nunziata !
Chesta è assai cchiù misericurdiosa !

’O Figlio ? Nne va pazzo J ’E ggrazzie fatte
so’ tante e tante, ca te mbroglia ’o cunto !
Quann’ ’a prieghe c’ ’o core, nun fa patte!

Si ’a venerate, nn’ acquistate ’e ciele...

E se sape, ca Uà sta tutto ’o punto !

Me’, bbona ggè’ ! Nu piezzo p’ ’e ccannele I

[ 379 ]

('0 tavernaio)

IV.

— Prinuna, ò nu fatto, ’a gente se spassava!
Ognuno maniava ’a pezza sana,
n’ abbarava ’a niuneta, e se lucrava ;
ma mò.. te care ’o ppane e ccaso ’a inana!1)

Priinma veneva ’a gente e s’assettava,
allecramente, connn’ a ccrestiana!

Mo’ si attocca, te truffa e nun te pava !

Mo* vede ’a lira sott’ a na campana!

Può tira nnanza ? Se po’ fa ’o mestiere ?

Si nun tiene nu muorzo ’e grazzia ’e Ddio,
santanotte ! T’ atterrano ’e penziere !

Po’ nipacchie ’o vino, arruobhe ncopp’ ’o ppane,
e quann’ è doppo... ’o ssaccio di' pur’ io
ca ’e mariuole so’ ’e napulitane !...

[ 380 ]

'O MMAC.NÀ BUONO

I.

— A fella ’c carila ’a voglio ’a retecoscia,
nun tanta cotta, no, ma manco crura...

Nè pronta pronta, e manco moscia moscia !
Na cosa ’e miezo, na nieza cuttura...

Fredda gniernò, ma manco ca se scioscia!
Teh, quanto seenne, quanto s’ assapura !

Si no t’annozza comm' a na hbrioscia!

E nce voglio... ’o cuntorno c’ ’a verdura !

’O piselli no ’o jiette ? E ’o spinace ?

E ’a cepulletta, che ? Quann’ è nuvella !
Statte a bberè ca nun te ce piace!

[ 381 ]

II.

Nfaccia ’a nxalata io sò napulitano !

Nce voglio ’o fasulillo, ’a patanella,
tanto ’e carota, ’acito paisano,
e po’ nce ’a spezzo, na pummarulella !

Nfaccia ’a cunnimina, ‘) faccio ’o guardiano
Si nun è tino 11’ uoglio ! Uh Mamma bella!

Io me scordo ca songo crestiano !

Che t’ aggia di’ ! Nce perdo ’e ccerevella !

E ggià se ndenne, pecchè Uà cunziste
tutt’ ’o raggiunamento d’ ’o sapore !

Si nun ce abbare ? E nun è cchiù nzalata !

E mo’... nun me parlà d’ ’e fritte miste!

’O panzarotto ’o magno a tutte 11’ ore !

Mah !... Uà nce vò na mana patentata

[ 382 ]

IH.

Tengo ’a signora mia, caro Zi-Ture,
che ne vuò fa nu cuoco t I’ a Rigg ina !

Si pozzo avè na vota tanto annore,
te faccio pruvà rrt»l)l»a overo fina !

Nui nce ne jammo a sta nu quarto d' ore
allerte sotto ’a porta d’ a cucina !

Faccio fa’ rosse ’e pprimme prufessore !
Chella è na perla, chella Teresina !

’A primma moglia in’ era morta ’a n’ anno
quann’ io vedette a chesta e m’ ’a spusaie...
’O cielo, ’o cielo, sto ringrazzianno !

Siente: è tale na femmena ’e virtù,
ca si, luntano sia, passo nu guaie,
te do’ pparola ca nun magno cchiù!

[ 383 ]

#3

’O PALAZZO ’E RIMPETTO

( /'rimino piano)

I.

O capitano d’ ’a ggicndarmaria,
matina e ssera, fora ’a fenestella,
o fuma a luongo e sputa mniiezo a via,

o se fii ’a barba, o adacqua ’a testulella.

Chillo sta sempe c’ ’a capa ’a pazzia
pecchè s’ha assicurata na panella;

’a penziona, ’o ppoco ’e massarìa...

Perciò ’o vedite sempe cu ’a resella !

Perciò sta frisco frisco ') a tutte 11’ ore,
se legge ’e rumanzette, ’o San Carlino,

€ va truvanno ’e metterse a fa ’ammore !

N’ ’o fFarrìa si tenesse ’e guaie a cceppe 1
A sissant’ anne, c’ ’a morta vicino,
ncujeta ’a mazzarella ’e San Giuseppe 1 *)

[ 384 ]

'Sù'eiHiitt piano)

il

’O studente se inette d* ’a niatina,
stiso, ncopp’ a na seggia a studià :
certo sarrà studente ’e medicina,
pecchè ’o vedeno sempe scurtecà.

Ogge ’o cuniglio, dimane ’a gallina...

’E sventra e l’accuinmencia a preparà.
Se schiaffa ’a vorza ’e straniente vicina,
e fa na puzza ca nun se po’ sta !

Tene na faccia 'e nu Giesucrestiello,
e porta, quanno va pe mmiezo ’a via,
na scolla rossa e n’ anema 'e cappiello !

Tutte sanno c’ ’a notte ’a vota a juorno,
spisso spisso s’ ’o piglia ’a Pulezzia,
e isso ride, cu na faccia ’e cuorno!...

[ 385 ]

38$

( Terzo piano)

III.

Da tre anne ca stanno dint’ ’o vico,
elicili ccevette fanno sempe un’ arte !

Songo ’e ssurellc ’e don Giorgio d’Amico,
ca 1’ hanno mi.so nomine ’o nguacchia (arte.

’A storia ’e chisti lloco è cunto antico :

’o pato e ’a mamma facevano ’e sarte,
po’ venette ’o Sissanla, (benedico !)
e raò fanno ’e signure ’e quarti-quarte ! *)

Isso, mpiagato ’o Bbanco, cavaliere,
presidente ’e che ssa’ c' anema ’e 11'uno,
e s’è purtato pure cunzigliere !

E, lloro, sempe appese a lu balcone,
nun pènzano che a fàrese ’o trascurzo
cu ’e don JFrickine *) ca stanno ’o puntone !

  • S
[ 386 ]

i (Juiir/o piatto)

IV.

Se dice eh’ (* nu preveto spigliato
e c’ ha dato denaro c’ ’o nteresse :
se dice eh’ è nu pezzo de sfu reato
ca nun fa bbone manco ’e ssante niesse!

Quant’ anne tene ? Nisciuno ’ha appurato !
Già, chisti lloco songo tutte ’e stesse!
CheQo eh* è certo sta buono malato
e V> servitore saglie e seenne ’e presse.

Esce d’ ’a chianca e trase ’a farmacia

pe purtà ncoppa vasette e bicchiere.....
Ha da essere longa 'a malatia.

[ 387 ]

i Niof>f>’ all' as tei he)

V.

Primnia. chi nun vuleva, nun saglieva; *)
c pure chille d’ ’o palazzo appriesso
jevano Uà senza cercai permesso :
quann’ era ’a state, uno se diverteva !

Mo’ niente cchiù ! Cu ’a scusa ca scurreva,
s’ è nchiusa ’a porta e nun è cchiù l’istesso
Mo’ nce sta scritto : « Vietato /* ingresso »
e ’o guardaporta è friddo manco ’a nevai

— Zi-Pe’ nu poco ’a chiave ! — Nonzignore !..
M’ite pigliato p’ ’o patrone ’e casa ?

Ca si 11’ appura, io so’ cacciato fore !

Sulo ’e ggatte nce ponno passià !

Manco tanto ’e speranza nc’è rummasa!
Manco ’a cunzerva te può jì a secca ! *)

[ 388 ]

VURRIA.

Vurrìa nu balcunciello, addò nce stesse
appiso cu nu junco, nu mellone ;
na testa ’e sciure, na inanima ca tesse
e na sora che canta na canzone.

E dint’ ’a eammarella, ’o lietto ’attone,
c’ ’a cupertella ’e seta nce paresse.

A ccapo ’o lietto ’o Bainmino Schiavone
mbraccio ’a Madonna ca se 1' addurmesse.

Tumanno ’a casa, ’e notte, io siscarrìa,
cuntento e mazzecànnome ’o mezzone...*)
Sòrema ’a coppa me rispunnarria :

1

— Comme! A chest’ora! E nun te vuò cagna

— Coccia llòcol *) io da sotta alluccarria»

11X

mannaggia ’o sango ’e ccà e ’o sango e

[ 389 ]

RICORDO ’E MALA YTTA

Ouann’ hro nu guaglione ’e mala vita,
tenevo ogne puntone ’a nnanimurata;
stevo sempe mbriaco d’ acquavita
e ’a notte jevo attuorno p’ ’a campata.

Purtavo ’o capo nomine! Calamita.'

Ogne guardata storta na zumpata ! *)

’A pulezzia, pe mme, jettava ’acita!

Uh, quanta vote l’aggio ntussecata!

Na notte, int’ ’o Cerriglio, l’ambulanza,
truvannome mbriaco int’ ’a cantina,
m’afferrai coinm’ ’o piso r' ’a valanza *).

Stette nu mese, rinto San Francisco /

Ma pe mme nce penzava 'a Surrentina: 4)
Sempe ’o ttabbacco, ’a carne e 'o ppane frisco 1

[ 390 ]

’A FURTUNA

— Onna Carmè ! Mo so' susuto ’e nnove,
m’aggio lavata ’a faccia chiano chiano,
aggio fatto niarenna cu doj’ ove,
me so* fumato nu napulitano.

’E picciungielle m’hanno schiuso ’e ccove!
Giesù, Giesù ! Manco nu crestiano !

Aggio pure nchiuvato cierti chiuove,
e m’aggio appiso ’e mellune ’e pantano!

Po’ m’aggio fatta ’a croce e songo asciuto.
Fore ’a Marina aggio ncuntrato a Tore
ca m’ha ritto: — Jucàmmoce tavuto! *)

Io nce aggio miso muorto e schiattami^0
e me so* fatto ricco int’a tre ore!

Ronna Carmè!... S’è arrevutato Puorto -1

[ 391 ]

SI FOSSE CAMMURRISTO...

Si fosse cammurristo c si vulessc,
ogn’ommo meglio ’e me me rispettasse!
Vedènnoine, ’e cappiello me facesse,
e apusarrìa chello ca ni* attuccasse!

Sempe ’a cchiù bella rònna io me tenesse,
e p’ogne pilo stuorto ’a ntussecasse;
cu tutto chesto, pe mme stravedesse,
e p* ’e puntune, ’a notte, me chiammasse...

E quanno po’ na spia me se facesse,
e quanno ’a Pulezzia me pezzecasse
e a « San Fraticisco » ’o ffrisco me mettesse,

pe spassatiempo, a cantà me spassasse:
«Vurrìa saglire ncielo si putesse,
cu na scalella d’oro ’e -ciento passe...* ')

[ 392 ]

L' UGLIARARA

Quann’ ’a sera, ’o puntone ’a Sellaria •)
s’ appiccia ’o lume dint’ all’ ugliarara,
chillo bancone me fa asci ’npazzia !

’A princepala ! 3) Ma che cosa rara !

’O marito è nu piezzo 'artigliarla !

Nu piezzo, ca si sulo ’o guarde, spara! 4)
Ma essa !... È na muntagna ’e simpatia !
Se tira ’a gente appriesso cu ’a vurpara !

Mmiezo a cheli’ oro de cheli’ uoglio fino,
chili’ uocchie gruosse, nire, spercia-core,
rideno. ’O figlio le s’addorme nzino-..

[ 393 ]

V « OTELLO » ‘ )

— Se ne parlava tanto ’e chist’ Otello !...
Embè, vedi te : ’o so’ ghiuto a senti... !

— Ah !... Va diccnno, va dicenno ! E bello ?

— Seli ! State frisclie ! E che ve pozzo di’ ? !

Esce nu schiavo ! Va senza cappiello,
vestuto russo, ciert’ uocchie accussì...

Sbarèa, pecchè ? pe nu fazzulettiello !
Sultanto chesto m1 ha fatto capì !

Io steva ’a coppa. *) E pe sta luntananza
nun aggio fatto na tirata ’e mente ! 3)

E pure pecchè Uà nce vò crianza!

Si no alluccavo : 4) — Ma te stai cujete ! !...
Tu, pe na pezza ammalle a tanta gente?
Tiene ’o catarro ? E sciòsciate cu 'e ddete !5)

[ 394 ]

« A MARCHESA »

Quanno ’a canus*' -v’ io, Nannina Schiano
jeva cu ’e searpuncicllr rutto ’o pére,
steva cu ’a suvarara int* ’c Lanziere l)
e He putivo dà nu soldo 'minano.

’O paté era nu malo crestiano !

Faceva tutte 11’ arte.. c’ ’o penziere ;
ma jeva bello sulo a fa ’o mestiere
d'arrubbà ’a gente mmiezo San Gaitano. *)

Doppo tant’anne ca ’e perdette ’e vista,
mo’ aggio saputo eh’ isso sta ’ngalera.
Essa tira carrozza e fa l’artista.

[ 395 ]

’A ZEPPULAIOLA *)

I am’ annk fa, quann’era viva ’a nonna,
Cannetella era ancora 'a capa nenna!

Teneva na facceli» tonna tonna,
era cchiù bella e leggia de na penna.

Pareva 'e na rusella ’a meglia fronna,
cu nu cunfietto faceva marenna...

Mo’, si ’a vedi te, mannaggia ’a culonna!
pare ’mpastàta cu cucozza e vrenna !

Cu/et/a ’a Chiatta m* ’a mettite ’e parta !
Cannetella è tre vote a Sandunato !

Venne ’o baccalà fritto dint’ ’a carta.

Ha truvato a nu tale e s’ ’ha spusato.

’A sera ’o vatte. Fanno sempe un’ arta !

Ma a tutt* ’e ddui ’e watte 'o nnainmurato.

[ 396 ]

CARMENELI.A

Chill ’ uocchie n ire ’e Carmenella mia
te nchiuvàvano ’a gente a ciente passe !
E chella vocca ! Era na frenesia !
C'addore e che sapore d’ananasse !

Io mo’ vulesse ca s’ allicurdasse
quanno ’a scuntrai arreto 'a Vecaria!
Vurria vedè si se ne ridarria
comm’ a tanno, e si ancora arrepassasse !

E si tanno ’a sparai ma n’ ’a eugliette
e m’ arrestai no cftnm’ a nu chiachiello
pe causa ch’ ero ancora nu guaglione,

mo’ pe sfreggio, pe sfizzio e pe dispiett®
m’ ’a guardasse cu 11’uocchie a zennariell® )
e Ile facesse 1’ atto c’ ’o bastone... s)

[ 397 ]

PARLATA ’E GUAPPE

— Io, verbiràzzia, nce mettesse ’o raniio,
pe v’ aiuta ! Nui simmo d’’o bettone, *)
e ino’ nce vo’, pe quant'è vero Dio,

me pararrebbe c’avite ragione !

— Oh ! Mo’ nce vo* ! Che ssa’ ! Nun è vulio,
cornine fosse, ’e fa sempe questione,

ma all’ uonimene abbasate, ve neh’io,
s’ha da purtà rispetto e attenzione!

Mannaggia ’a paglia! Po’ se rice c’uno
biastemnia a Chillo ’e coppa e fa peccato 1
Chi veve e magna nun crede ’o diuno!

Se ne ven’ isso, e parla 'e l’ubberienza !

Io, pe lliguardo a voi, l’ho tullerato!

Se rice, nfaccia a me, tire? ’a rema ?!... *)

[ 398 ]

’O MAL* UOCCHIO

— Don Pietro mio, tenite na mugliera,

’o Signore v’ ’a guarda pe cient’ antie !
Pare na schiusa ’e rose a prim ni avera !

’A salute le scappa ’a .fora ’e panne !

Tosta, ncerata, come manco ’a cera !

Addu vui nun ce tòzzano, ’e nialanne ?
Cresce ’a matina e scumparisce ’a sera
na cuntentezza longa ’e ciento canne !

Ah ! Benedico ! Manco nu catarro !
Sulament’io songo nu cippo ’e guaie!...

— Sapite ’o mutto, ’on Ci’ ? « Vino c' ’o carro I

— Che carro e carro ! Ccà cuntaramo 1 ore

— (All’ ossa rotte ’e chi te vattiaie !

A glie e fravaglie / Chisto è jettatore !.••)

[ 399 ]

NCIUCIO ‘)

— Si sapisseve, cmmiià,
addereto 'o nnantiporta
ojjne sera che se fa !

— Ma vedi te ! È cosa forta,

nun se po’ cchiù suppurtà !

— Seh! Ma ’ntanto tene ’a sciorta!

— E po’ appriesso, vo’ parla?!
Ammacaro nzerra ’a porta !

Già ! Ma vuie mo’ me dicite :
Simmo ’e state e se frischèa !

Tanto tuorto nun avite ?...

— Che ndicenza ! Che schifezza !
falle nehiusa, ’e fatte tuoi!

— Chella ’o ffa pe derettezza... f

[ 400 ]

SCHIATTIC.LIA ')

— Io ve saluto... — lo pure! — Comme state?

— Bene ! ! — Che d’ è ?... Nun ve sentite bona?,..
Facitenie a vedi*... Che ricamate ?...

— Nun voglio fa a vede*!! Nun so’ patrona?!

— Patrona e nieza, gioia mia !... Scusate !...
Ma... permettete... ma fa nipressiona

stu musso... sti rrisposte puntiate...

Che v* aggio fatto ? Na mala azziona ?

— Nun ’o ssaccio !... Me chiammano ! Bongiorno

— Ma, pe ssape’... che Cristo t’ è afferrato ?

— Mpiso! Nce vo’ na bella faccia ’e cuorno !.••

Si’ stato visto ajere, ncumpagnia !...
— .... Cheli’ era ’a figlia... d’ ’a mamma... d’’o

— D’ ’o sfurcato che ssi’ ! !.... (L’accedarrto !)

[ 401 ]

t> DENTISTA ')

I.

— Io songn Gnà/zio Riccia il cavarenta!
Vi serasti la rentier» tuttaquanta !

So’ canusciuta ! Avanta, boha genta !

Chi avessa mi rilora, venga avanta !

0 giuvinotto o ronna s’apprisenta,
o quarchessìa ban lascia, nii comanta !

Gli torgo il molo senza ferramenta!

II rilora sparescia in poch’istanta!

Questo signore qua, tineva un molo,
un bancariello di solachianiello !

Gliel’ ho estrippato con due reta, io solo !

Caruliato e tutto! Eccolo qua!

Un minuto sicondo! A campanello!

Mo’ gliene strappo un ardo!... MusitàL.

[ 402 ]

II.

Si venessa un rottura patii;tata,
sconimettarrebba un carto ’e cinco lira
che in prisenza di un renta cariata

10 tirarrebbe, ma vi fa sotfrira !

E si capiscia! E cosa riprovata,
che quando trovi un renta che ti tira,
voi potarrete sta’ pure abbracciata
col Pat’ Eterna, ma il rilora accira !

11 rilora del renta, è peggi ancora
di quarsisia rilora spasimata !

Ma in mana mia, non senti più rilora!

Il prubbico lo sapa ! Ecco perchè !

Ma si venita a casa e mi onorata, r

nce sta mia moglia, eh’ è cchiù bona ’e

[ 403 ]

’E TTRE CARTE sì

— A rossir \'fni;e ! 'A rossa venge ! 'A rossa
vengo !... A la rossa ! A la rossa !... Jucate!

Chi vo’ punta na lira? ’A guaragnate!

E uno e du ir, e tre !... Rinto a na mossa !

Guagliù stallate ! Piccerì, stallate !

Nce vulite fà fìi ? Mannaggia l’ossa
caruliate ’e chi v’ ha vattiate !... *)

’A rossa venge !... A la rossa ! A la rossa !...

Patrio' !.. Vuò jucà’... ? Meza liretta !

Jammo! E nu juoco fatto! E uno'. E duie!..

E... uno !... E... duie !......Ehilà !... Mo’ si’ purpetta !

’A rossa è chella ’e miezo ! E chella è ’a vera!...
Alzammo ’a carta! Jammo bello!... A nuieL.

—• (Cidh ! Varda, sacrrr !... L’è la carta nera !...)

[ 404 ]

’A SANTA TASCA

— Alo’ vene Pasca! Linumudla fresca!1)
Aggio penzato ca vogl’ i’ a la Pasca
addu Catarenella int’ ’a Ruchesea ! 2 )

Traso int’ ’o palazziello e faccio ’o fisco !

’A ronna ca nun pava, io n' ’a capisco!

L’ ommo f'iura, e ’a nnaniniurata allasca ! ")
Se sape ! Embè, che r’ è ! Mo’ vent' Pasca,
e... pozzo appiccia’ ’o tìfuoco senza I’ osca?

Llà quacche cosa pure me l’abbusco : ')
na fumatella int’ a na pippa lasca,

’o casatiello, ’o miezo-litro nfrisco, r')
na cinco-lire e... nu poco ’e ventresca! ")

Catarenella, ’a quanno c’ ’a canosco,
sempe e quanto songh’ io, m’ aiza ’a frasca! )
Embè, quanno so’ stato a « San Francisco »
n' aggio sempe sparato 'o meglio masco. >

’O capo-guardiano, 'on Peppe Fusco,
chi Ilo bell’ommo, cu tanto na mosca, ;
quann’ io passavo, me faceva ’a rasca ! )
Quant’ era scemo, e quanto ’o curapiatisc0 *