Pe ra incoronazion dro serenissimo principe

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Pe ra Incoronazion dro Serenissimo Principe Aostin Paravexin,
Duxe Reá dra Serenissima Republica de Zena

by Aostin Scciafin
Inciozo inti "Aplaoxi da Ligurria" do 1638 - exemprâ conservao inta Libraja Naçionâ Centrâ de Romma


[ 124 ]
PE RA INCORONAZION
DRO SERENISSIMO PRINCIPE
AOSTIN PARAVEXIN
DUXE REÁ DRA SERENISSIMA
REPUBLICA DE ZENA
DRO P. F. AOSTIN SCHIAFIN.


1.
Muza ti che lassù rezi, e governi,
Muxico coro de celesti Orfei;
Che trà gruorie, e trofei,
Per quelli campi eterni,
Con voxe de pareizo approprié
Fan rò tò nomme resuná che moé;
Inspirame à rò cuó cos'hò dà dí;
Scusa rò prezumí;
Hoora che m'appareggio de cantá,
D'un Duxe Serenissimo Reá.

2.
Mè varrǽ da mì poco d'aggiutame,
Che senza tì nò nè traré rì pé;
Porré satá in darré;

[ 125 ]

Si mè lascio imbarcame,
Dà quella che m'hò in ti gran confianza;
Ti gh'e tì assì impegnà con rà tò lanza;
L'è tutto tò (nò gh'è che dí) rò paeize,
Che stò Duxe Zeneize
Dee reze per tò quinto, e dee deffende,
Comme ò l'hà ancon per faro cuó da vende.

3.
Questo so è un hommo rero dè cervello,
Chi se sà contegní con rè passoin;
Chi cognosce rì boin,
Chi fà batte à livello
Con tutti rà raxon, chel'è aviao
A manezzá governi dè chiù grao;
Poeran nasciue per lé re preminenzie;
Re tente esperienzie
Dre cose che passé son per sò man,
Nò l'azan dè chiù in cé, perche nò san.

4.
S'ò zè à Romma Ambasciao, Pappa Griguo,
L'è d'ammirá ra stimma ch'ò nè fè;
Sè in Franza, quello Rè,
Quanto moé dí sè puo
L'accarezzá con tutti quelli honoi
Che son devui ari chiù gren segnoi;
Donde in amó s'unin per mezo sò
Zena, e Franza, per zò

[ 126 ]

Con groppi d'amisté fermi, e constanti,
Quanti che se sen visti per avanti.

5.
Rà prudenzia è sò meistra; per sappua,
L'è un Numa, l'è un Licurgo, l'è un Solon;
Senz'atro paragon,
Le dè tanta varsua,
Che scetro, manto e sta Reá coronna,
S'honoran d'honorá rà sò personna;
Rè fazzoin drà sò chiera han drò divin;
Rò sò nomme è Agostin
Titoro groriozo d'Imperaoí,
Che l'agurava Duxe À tutto poeí.

6.
Commandà primmo à Romma un atro Aosto;
Nò men che primmo à Zena haora commande,
Con titoro chiù grande,
Principe de maó costo,
Questo, che proprio merito inazà
Primmo à stò grao d'ogn'atro drà sò cà:
Ma gh'è gran differenzia rtà dè ló,
Che un regna per amó;
L'atro regná per forza, e per inganno;
L'un patron dri voreí, l'atro tiranno.

7.
Si è drà famiggia puó Paravexinna
Sprendó d'Italia, Illustre à maraveggia;
A rè primme pareggia:

[ 127 ]

Chiù ricca drà marinna;
Moere d'un Antognotto, e un Gian Battista,
Cardené degni; in ogni eté provista,
D'Arciveschi, Prelati, e d'hommi grendi,
A rebocco stupendi,
Sé in lettere, ò sé in arme; in mille carte,
Mensoné dà rà famma in quinto apparte.

8.
Con veiro Zena incoron[a]ó d'un Regno
In magesté conforme à rà grandezza,
Giubila d'allegrezza,
Dappertutto dà segno
Drò sangue chi ghè brilla dentre venne;
Nè fan festa rè chiazze, e quest'arenne,
Ch'aspettan che per debito ò reddue,
In sò staó rà virtue,
Annima drè Repubriche ben fete
Per che vive rà gente dentro lete.

9.
Speran veí schioí muó; nasce garie;
Accresce porti in má, dominio in terra,
Hoora che boggie in guerra,
Con tente scottomie,
Rà Franza, rà Fiandra, e r'Aramagna,
Mentre goe Liguria unna cocagna,
Ricca à botta dri ben drà Santa paxe:
Che rò Segnó veraxe,
Sovegnirà stò Duxe drò sò aggiutto,

[ 128 ]

Che deto, e rebattuo, si e ró tutto:

10.
Canzon, se rà mattin, segna rà seira;
Se rè memorie antighe, son de spegio;
No cerchemmo dè megio;
Rengraziemmo affeto rò Paraxo,
Ch'ha Dé per mira; e nò resorve à caxo.

11.
Se per lezze dè libero vorei
Aggiusté con rè regule dri Cé,
Foisi antepozo à Zena à rì promé
Per seze in quello luogo, onde sezeí.

Cose aspetá dà voi pò rò deveí
Fuó che rà sò deffeiza? e à pareí mé,
L'hei chiù a rò cuó, senz'atro, che ne l'é
Comme quello à chi tocca rò proveí.

A' nò ghè poe vegní dè megio in pá;
Quando l'hà chi commanda in sò faó;
Che se dé davantaggio dexirá?

Terreí per tutti ra baranza inguá;
Nò dareí, nì de maó; nè dè menó;
Fareí rò giusto; e lasciereí cantá.