Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/95

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
89

atto secondo

figlia mia, ca l'aggia vedè situata cu nu buono giovene faticatore!


Amalia

Nunziá, cercateme tutto chello ca vulite vuie, io sto ccá. Io 'o saccio ca chisto é nu favore assaie speciale, ma vuie mme facite chesta caritá e Dio ve n'accresce bene ncopp'a chella figlia vosta!


Nunziata

Ma che le vulite di'?


Amalia

'Assate fa a me; mm''o veco io.


Nunziata

'Onn'Amà,.. io mme ne lavo 'e mmane!... (si mette lo sciallo).


Amalia

Nun ce penzate...


Nunziata

Sentite, datele quacche cosa 'e denare... Chella è capace ca se ne torna a Capua n'ata vota e accussì v''a levate 'a tuorno...


Amalia

Si fosse p''e denare io mo mme iesse a mpigná pure sti' rusette che tengo 'a recchia!