Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/90

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
84
'o voto

cchiú manco ’a notte! Ma c’aggia fa? Cierte cose so’ destinate!... E io mm’ ’o sento int’ ’o core ca nu juorno o n’ato ha dda succedere quacche guaio troppo gruosso, troppo gruosso! (Afferra Nunziata pel braccio e le mostra la Madonna del canterano) Nunziá... Vuie ’a vedite chella bella Addelurata?

Nunziata

(buttando un bacio alla Madonna)

Ah, mamma Addelurata mia, aiutece tu!

Amalia

Io mme ll’arraccumanno ogne mumento ca nun me facesse fa quacche brutta fine, comme a tante ate!

Nunziata

Lete le’! A ’e cane sia ditto! E pecché ve vuttate sti malaurie ncuollo, neh?... (Momento di silenzio. Amalia s’asciuga gli occhi. Nunziata ripiega lentamente sulle ginocchia il pezzo di stoffa).

Amalia

Vulite nu giurnale?... Aggiate pacienzia, nun ce avevo manco penzato... (s’accosta al canterano e ne riapre un fodero. Cava da quello un giornale) Arravugliatela ccá dinto...

Nunziata

Aspettate...