Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/47

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
41
atto primo

Vito

(a Rosa, minaccioso)

Iatevenne, sì no comm'é bbera 'a iurnata ch'é ogge vuie mme facite fa chello ca nun aggio maie fatto!

Donna Rosa

(convulsa, urlando)

Pecché, che faie? Mme vatte? Mme vulisse pure vattere? E tu vatteme!...

Rabbiele

(frapponendosi, a Vito)

E quanno ve ne iate 'a parte 'e dinto?

Don Marco

(a donna Rosa)

Iammuncenne... (cerca di condurla via)

Donna Rosa

Lassateme, 'on Má! Vuie 'o bbedite a che simmo arrivate! Nu figlio c'amminaccia 'a mamma! E n'ato poco mme vatte pure! 'O ssape sulamente Dio chello c'aggio patuto p’ 'o fa! E mò dice ca io ll'aggio fatto accussì, capite, ca io só stata!... Ah, ca io avarria ringrazià a pateto ca m'ha lassato nnanze chisto bello suggetto!