Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/46

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
40
'o voto

Donna Rosa

(rivolta alla bottega, quasi piangendo)

Haie raggione, ossá! Chesto ca mm’ 'e' ditto ogge Dio t’ 'o pozze perdunà!

Don Marco

Stateve zitta, ca chillo ha pazziato...

Vito

(uscendo sul limitare della tintoria, trattenuto da Rafele e dagli altri garzoni)

E dicite a chella perzona ca v'ha mannato 'a chesti parte, ca se facesse 'o fatto suio, si no io faccio revutá 'o quartiere!

Rafele

Zì, zì!... Stateve zitto!...

Donna Rosa

(gridando)

Zì, zì!... Stateve zitto!...

Donna Rosa

(gridando)

'O quartiere 'o faccio revutá io, 'e' capito? Io scuorno int’ 'a casa mia nun ne voglio! Nun ne voglio! (Si ricomincia ad affollare la gente)

Don Marco

(a Rosa)

Stateve zitta!