Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/27

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
21
atto primo

Sufia

Isso v'ha dda fa sta buono!(Tutti si affollano intorno a Vito e lievemente los pingono al Cristo. Egli, le mani giunte, leva gli occhi al Crocefisso. Un silenzio)

Vito

(con voce piena d'emozione)

Ah, Giesù Cristo mio! (Si sberretta. Tutti gli uomini si sberrettano. Le donne fanno gruppo. Gente alle finestre. Quelle della mala casa si schiudono e qualche figura appare disotto le persiane) Io a vuie mm'arraccumanno!... (Cade lentamente in ginocchio. A uno a uno tutti si piegano o s'inginocchiano. Appare, in questo, dal vicolo a destra, donn'Amalia, s'arresta, sorpresa, e ascolta) Io a te mm'arraccumanno cull'anema e c’ 'o cuorpo! Tu mm'aie da scanzà, tu mm'aie libberà, e p’ 'e patimente ca 'è patuto e pe sta curona 'e spine... (levandosi risoluto, il braccio teso verso il Cristo, il berretto nella mano) Io te faccio 'o voto 'e levà na femmena d’ 'o peccato!(Gran mormorio di maraviglia e di compiacenza; tutti si levano)

Amalia

(facendosi avanti, stupefatta)

Chi?... C'ha ditto?... Che bo' fa?...

Sufia

(mettendosele davanti e nascondendola)

'Onn'Amá, aggiate pacienza, nun é 'o mumento... (Tutti sono intorno a Vito e lo carezzano e si congratulano)