Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/26

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
20
'o voto

raccumannà... Io nun 'o ssaccio io stesso chello che tengo.. Io mme veco perzo!... (singhiozza e si guarda intorno come smarrito)

Sufia

(sottovoce ad Assunta)

(Sentite a me, chello è affetto 'e neveratura).

Assunta

(c. s.)

(A fratemo 'o surdato lle faceva tale e quale!)

Nunziata

(premurosamente a Vito)

Ve vulite assettà n'ato ppoco?

Vito

No... Nun voglio niente...

Nunziata

E che bulite? Dicite. Nun v'appaurate. Nuie stammo tutte quante ccà... Me', arraccumannateve a chillo bello Giesù Cristo, (indica il Cristo) c’ 'a misericordia soia è grossa assaie!...

Assunta

Isso mm'ha sanato a ppatemo!