Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/25

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
19
atto primo

Don Marco

Miette ccà, è dd’ 'a mia... (prende la seggiola, ma rimane in iscena)

Vito

Avite... mannato a chiammà... a mammema?

Nunziata

Sissignore, avimmo mannato. Ma vuie mm'avite fa 'o piacere, mò che bene, nun ll'avite spaventà, oh! Chesto che cos'è? Embè, nu giovane comme a bbuie ca s'abbelesce 'e chesta manera?...

Vito

(Impiedi, comincia a singhiozzare e si copre gli occhi col fazzoletto. Tutti premurosamente si riaffollano attorno a lui. Annetiello entra nella bottega di don Marco)

Nunziata

(commossa)

Figlio mio, vuie mme parite nu piccerillo! Ma ch'è stato? Che ve sentite?... Pecchè chiagnite?...

Vito

(singhiozzando)

Io... nun mme sento niente... Io mme veco disperato, chest'è... Io nun saccio cchiù a chi mm'aggia