Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/23

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
17
atto primo

surzo? Me', ca chesta fa miracule... (Vito beve. Nunziata gli regge il bicchiere) Comm'è? N'ato surzetiello, me'!... (Vito fa cenno che è buona. Nunziata restituisce il bicchiere a Teresina) Io v’ 'aggio ditto, ca chesta ve risturava...

Sufia

'On Vì?... (chinandosi su Vito) Ve so' mancate 'e fforze, nun è overo?

Un garzone

'E fforze? Chillo è ghiuto 'n terra!

Assunta


Vuie pazziate! Io era cammenante a Nnincurabbele... Ogne mumento nu sparpetulo 'e chiste...

Rafele

(pigliandola pel braccio e allontanandola)

Assù, va 'o conta a n'ata parte!

Nunziata

(asciugando la fronte di Vito)

Me', ch'è niente... Veviteve n'ato surzo 'e mistura... (cerca Teresina) Miette ccà, ce n'ha dda sta n'ato dito...