Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/19

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
13
atto primo

Sufia

(a Rafele)

Ma lle vene sempe, sta mossa?

Rafele

Lle vene quanno... ll’ha dda venì. Si mme stesse a sentere a me, forze forze, ve dico a buie ca starrie pure buono. Ma quanno chillo, a l’aità che tene, tene ancora ’a capa ’e nu guaglione! Già, pe me nun è stato maie ommo ’e carattele. È buono a fa bu bà, e pò se fa mettere ’e piede ncapo ’a tuttu quante.

Sufia

Ave raggione.

Rafele

E tenitelo mente, comme s’è fatto! Vuie v’ ’avite ricurdà, che piezzo ’e guaglione ca era!

Sufia

Overo, ch’era bello! Nu piezzo ’e giovene, chiatto, russo...

Assunta

I’ chessà! Mo mme pare comme si se fosse arrugnato!