Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/165

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
159
atto terzo

alte e congiunte) Giesù Cristo mio!... (Dopo un breve silenzio) Tu ’o ssaie chello c’aggio sufferto... Tu ’a saie sta vita mia, Cristo ncroce!... E ssi’ tu ca mme ce faie turna’!... Si’ tu!... (Col braccio destro levato e quasi minaccioso, verso il Crocefisso) Io mme vulevo salvà! Io aggio fatto ’e tutto pe mme salvà!... Tu nun buo’?.. Tu nun buo’?... (Romore di sonagli; la frusta schiocca nel vicolo, la carrozza parte. Battimani) E accussì sia!... (Un coro di ragazzi s’avvicina. Il vicolo s’illumina. Una voce argentina canta):

Carme’, quanno te veco!
Carme’, quanno te veco!
Carme’, quanno te veco,
Mme sbatte ’o core!

Dimmello tu ch’è chesto,
Dimmello tu ch’è chesto,
Dimmello tu ch’è chesto
Si nun è ammore!...

(Il coro, sul suono degl’istromenti)

Chest’è ammore,
Oilì! Oilà!...

(Le voci si perdono e muoiono nel lontano)

Cristina

(Gira intorno lo sguardo. Si china a raccattare un sasso. Corre alla porticella della mala casa e vi picchia col sasso due, tre volte, forte).

Marianna

(spaventata, levandosi, stendendo le mani) Chi è?... Chi è?