Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/164

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
158
'o voto


Donna Rosa

(chiude in fretta mezza porta della tintoria)

E bi’ che se passa! (Si volta a Cristina) Oie nè’? Tu ancora ccà staie?..

Cristina

(quasi sottovoce)

Mo’ mme ne vaco...

Donna Rosa

(alla quale è capitata fra mani la granata scopa davanti alla soglia della tintoria. Irritatissima)

E va, va!... Fora! Fora!... Int’ ’a casa mia se mange onore e ppane! (Chiude l’altra metà della porta e si caccia la chiave in saccoccia. Fa per andarsene quando vede per terra il fazzoletto di Cristina) Pigliateve ’e ppezze voste!... Iate, iate a arricchì a quacchedun’ato!... (Le spinge davanti, con la punta del piede, il fazzoletto. Via nel vicolo, ove il romore ricomincia).

SCENA ULTIMA

Cristina - Marianna la cieca

Cristina

(raccattando il fazzoletto)

E ghiammuncenne... Iammuncenne... (Non si muove: ha gli occhi sbarrati nel vuoto. Se li asciuga con la pezzuola. PoI li leva, lentamente, al Cristo illuminato; leva le braccia e sbatte palma a palma, restando con le mani