Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/163

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
157
atto terzo

ma... È destino... È destino... (Cerca di afferrarle la mano. Il canto s’interrompe).

Cristina

(lo allontana, debolmente)

Lasseme... Va... (Leva la mano tremante e indica il vicolo).

Vito

No! No, Cristi’!... Siente... Nun so’ stato io...

Donna Rosa

(accorrendo, dal vicolo, assieme a donn'Amalia)

Tu vuo’ veni’ o no?... (Afferra Vito pel braccio) Iammo!... ’A carrozza è pronta!...

Vito

Faciteme nchiudere...

Donna Rosa

Nchiudo io! Nchiudo io!... Muóvete!... Iesce! (a donn’Amalia) Purtatevillo!...

Amalia

(gli si mette a braccetto)

E ghiammo, ja’!... (Se lo trascina nel vicolo. Rumori di campanelli, rumori di voci, risate, schiamazzo. Poi un silenzio).