Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/162

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
156
'o voto

Donna Rosa

(esce dalla tintoria assieme a Amalia)

Iammo, ja’!... Venite! ’A carrozza è pronta!...

Annetiello

(di dentro)

Ccà simmo leste! ’Onna Ro’!... (La frusta schiocca).

(Le voci e i canti son più vicini. Si mescola al suono degl’istrumenti di Piedigrotta quello d’un organetto a mantice. Un coro lontano canta una canzone).

Donna Rosa

(trascinando, quasi, Amalia e gridando al vicolo)

Mo’, mo’!... Nu mumento!... (Rivolta alla tintoria grida a Vito) Neh, Vi’, spiccete, ca è benuta ’a carrozza!... (Allegra, prende a braccetto Amalia e scompare con lei nel vico).

Vito

(appare sulla soglia. Vede Cristina ch’è ancora lì, muta, disfatta, immobile. Si guarda intorno come smarrito anche lui e guarda di sfuggita nel vicolo. Poi s’accosta rapidamente a Cristina)

Cristi’?...

Cristina

(lo guarda, trasognata. Rimane muta)

Vito

Cristi’... Nun songo io... Non è colpa mia... È mammema, mammema... Ll’ha vuluto mamme-