Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/16

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
10

'o voto


Annetiello
(facendo segno alla tintoria)


È don Vito...

Donna Cuncetta


Bè?

Annetiello
(che sta sfogliando le carte)


Ha sputato 'o zuco d''e pummarole.

Donna Cuncetta

Uh, figlio mio! Vicié!... (un uomo si affaccia alla finestra stessa accanto a donna Concetta. Parlano sottovoce fra loro. L'uomo ha la pipa in bocca e sputta abbasso. Il parlottio e la ressa continuano sempre. Arriva altra gente dai vicoli e si fanno qua e là dei capannelli. La persiana al palazzetto si schiude lievemente e una mano e un braccio nudo vi compaiono sotto. La mano indica la bottega di Vito).

Sufia
(ad Assunta)

Ma 'a mamma 'o ssape o nun 'o ssape?

Assunta


No! Nun sape niente!...

Rafele
(uscendo dalla folla)


Passe meglio, passe meglio!...