Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/159

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
153
atto terzo

Cristina

(s'appoggia allo stipite e canticchia)

          "Vurria sapere si certo m’amate,
               O pure pe cuperchio mme tenite,
               Calice d’oro mio!..."

Vito

(di dentro)

Che staie dicenno? (esce).

Cristina

Niente. Sto cantanno...

Vito

Accussì se canta a Capua? (portando via la tinozza) Bello paese!

Cristina

Embè... È meglio Napule. Accussì nun ce fosse venuta.

Vito

(sulla soglia)

E tu pecchè ce si’ venuta?

Cristina

Che t’aggia di’?... È stato ’o destino...