Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/156

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
150
'o voto

Cristina

(entra nella bottega, torna fuori con la seggiola. La colloca accosto a Vito e siede)

Te vulevo di’ c’aggio avuto ’e ccarte... (Vito è muto e perplesso) Che c’è vuluto!... So’ stata cchiù ’e n’ora e mmeza ncopp’a ll’ispezzione... (Vito la guarda) L’ispettore ha vuluto sapé tu comme te chiammave... Aggio ditto Vito Amante, fu Giuseppe... Iovè?... Fu Giuseppe?...

Vito

L’ispettore? E comme ce trase st’ispettore?

Cristina

(meravigliata)

Comme?... Embè, nun ’o ssaie? (Nasconde il volto fra le mani e le lascia scorrere dall’alto in giù per la faccia) Madonna mia!... (Rassegnata, dolcemente) Chest’è ’a legge... Nun se ne po’ fa a meno... A fforza addo’ ll’ispettore s’ha dda i’!...

Vito

E chesto mme mancava! Mo’ aggia avé che fa pure c’ ’a pulezia!

Cristina

(umilmente)

Aggiu pacienza...