Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/155

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
149
atto terzo

Cristina

(lentamente si avvicina a Vito e gli mette una mano su la spalla. Poi, quasi sottovoce:)

Bonasera...

Vito

(voltandosi, lento)

Bonasera... (Momento di silenzio) Ch’è stato?

Cristina

Niente... Che faie?

Vito

Niente, c’aggia fa?

Cristina

Io te vaco truvanno ’a stammatina...

Vito

E pecchè?

Cristina

(timidamente)

Mme pozzo piglià na seggia?

Vito

(spallucciando)

Va, t’ ’a piglià...