Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/153

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
147
atto terzo


Vito

Santanotte, Marià.

Marianna

(cavando il rosario)

"Nel primo mistero doloroso si contempla... " Teresì, vattenne, figlia mia...

Teresina

Bonasera. (Se ne va lentamente, mangiucchiando la mela).

Marianna

(borbottando)

"Avummaria, grazia plena, e dominus teco... " (udendo dei passi e levando la voce piagnucolosa) Facite ’a carità a na povera vecchia cecata! Santa Lucia v’accumpagne tutte ’e passe che date!...

Rabbiele

(esce dalla sua bottega. Ne chiude le porte e accende un sigaro). ’On Vi’, bonasera e buon divertimento...

Vito

Altrettanto. Addo’ ve ne iate?

Rabbiele

Aggio arriccettato e mme vene ’a malincunia a restà sulo. Faccio quatte passe anfí abbascio ’a marina. Ve lasso ’a bonasera. (S’allontana).