Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/151

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
145
atto terzo


Rafele

’On Ma’, vulite nu fumariello pure vuie? (gli offre un sigaro).

Don Marco

E ì te ringrazio. M’ ’o fumo p’ ’a via. Bonasera. (a Annetiello) Ossegnuria, cucchie’! (rientra).

Annetiello

(via pel vico, a braccetto di Rafele)

Bonasera, barbié!

scena terza

Marianna ’a cecata dal vicolo a sinistra, con la mano sulla spalla di Teresina, la quale addenta una mela. Vanno al Cristo. La bambina, con uno straccetto, batte sul gradino e lo spazza. Poi restituisce lo straccetto a Marianna, che se lo mette in saccoccia. Vito esce e si mette a sedere fuori alla sua bottega.

Marianna

(a Teresina)

Si te ne vuo’ ì, vatténne... (siede sul gradino appié del Cristo).

Teresina

(distratta, continua a mangiar la mela e volta le spalle alla cieca).