Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/150

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
'o voto


Rafele

(uscendo)

Sto ccà. Aggio fenuto. (accende un sigaro) Cucchie’ salute! Quanno mme vulite purtà a fa n’ato bicchiere cu buie! Quanno mme vulite fa ave’ n’ata murtificazione io ccà sto!

Vito

Ched’è sta murtificazione?

Annetiello

Gnernò, aissera ce iettemo a fa nu bicchiere e chella ’a cantenera s’amariggiaie nu poco...

Rafele

(con intenzione, ridendo)

E ce ne cacciaie.

Annetiello

Basta, è cosa ’e niente, (a Rafele, indicando il sigaro ch’egli fuma) Tiene ’o suoccio ’e chisto?

Rafele

(dandogli un sigaro)

Fumate. È sicco.

Vito

(andando verso la bottega)

Signori miei... (v’entra).