Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/142

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
136
'o voto

Don Marco

(uscendo con le lanterne e accorgendosene)

          Oi piccerella! Deh, vieni sul mare!
             Nella barchetta, deh, vieni, deh vieni!
                Oi piccerella!...

(S'avvia al Cristo e sale sulla sedia)

Vito

I’ comme stammo allero! Accussì ve voglio!

Don Marco

Embè, c’avimmo fa? Ce preparammo ’a voce pe stanotte. (Stroppiccia uno straccetto sui lanternini e mano mano li appende) ’On Vi’, na quinnicina d’anne fa, nun è pe mm’avantà... ma, ve dico a vuie ca mme putiveve sentì... (cantando) "Ah! dillo ancora! Se tu m’ami!..." (scrocca) ’A vecchiaia è amara, on’ Vi’! (attacca l’ultimo lanternino e si volta) E buie nun ghiate a Piererotta? (scende e rimette la sedia davanti alla sua bottega).

Vito

Embè nun ce ievo? Vuie cu chi iate?

Don Marco

(tornando con un lanternino)

A ghi’ vaco sulo. Ma po’ llà bascio trovo a na cumpagnia d’amice antiche, amice d’ ’o quarantotto...