Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/139

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
133

atto terzo

Don Marco

Salute, salute!


Rafele

(battendogli sulla spalla)


Don Marco

Salute!


Rafele

È na cannela ca maie fenesce...


Rabbiele

È nu lucigno ca maie se stu... Zì, zi, stanne venenno... (si scosta e va al suo banchetto).


Rafele

(fingendo di guardare la chitarra) 'On Ma', si vulite 'e corde ca soneno lloro sole avite ì addo' donn'Aniello 'o tabaccaro...


Don Marco

(strimpellando)

Pecchè, cheste so' mmalamente? (canticchia, stonando)

Oi piccerella! Deh, vieni sul mare!
Deh, vieni! Deh, vieni!
Sull'ondi marini!...