Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/130

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
124

'o voto

Vito

Ma che buo'?... Che buo'?... Si aggio fatto 'o voto ll'aggio fatto pecchè me so' visto perzo!... Io sto malato!... Io nun so' cchiù chillo 'e primma!... Io mme so' visto 'a morte cu ll'uocchie!... Aggio visto... 'o Giesù Cristo nnanze a me... (ansimando, commosso, quasi singhiozzando) Mme pareva... ca mme vulesse di': Piéntete!... E 'a primma parola... 'a primma parola c'aggio ditto... Aggio ditto: Ah, Giesù Cristo mio!... Famme sanà... E io... te faccio 'o voto 'e leva'...


Amalia

(gli si getta addosso, gli tura la bocca, urla)

No! No!... Nun 'o ddi' cchiù!... Maie!... Maie!...

(La pioggia comincia a cadere e scroscia di fuori)


Vito

Famme asci'!...


Amalia

No!... (lo afferra, lo respinge, lo carezza, lo minaccia) Tu stu voto l' 'e' a spezzà!...


Vito

É sacrileggio!...

(Un lampo vivissimo. Di fuori la viuzza s'illumina. Dietro la vetrata appare, ritta, Cristina, con lo scialle sul capo. Ella spia per i vetri. La pioggia scroscia).