Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/125

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
119

atto secondo

Vito

Sì, mme ne vaco... Ma... v'aggia dà na prighiera...


Amalia

(sorridendo)

E so' ddoie.


Vito

(si china, le mani piantate sulla tavola, tamburellandovi con le dita. Parla quasi sottovoce)

Sentite... 'onn'Amá...


Amalia

(sottovoce, senza guardarlo)

Dicite...


Vito

(c. s.)

Io cu mammema mme stongo appiccecanno quasi ogne ghiuorno... (Amalia fa per interromperlo, egli stende la mano come per arrestare la parola di lei) Aspettate... Dico accussí... Inzomma, vuie nun avarrisseve attezzà tanto 'o ffuoco, 'onn'Amá!... (diventa quasi minaccioso) Si no...


Amalia

(leva la testa e lo affisa. Mormora, a denti stretti, pianissimo)

Si no?...