Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/124

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
118
'o voto

Vito

O è benuta o nun è benuta, chisti so’ fatte ca nun v’apparteneno.

Amalia

(dopo un silenzio, guardandolo)

I’ comme state ammulato!... ’A verità... nun mm’ ’o credevo...

Vito

Embè...

Amalia

(ha cavato la pezzuola, la tormenta, la gualcisce, nervosa)

È giusto... Comme se dice?... ’O munno è na rutella. Ogge una... (lo guarda fiso).

Vito

(la guarda fiso)

E dimane n’ata.

Amalia

(accosta alla bocca la pezzuola e, lievemente, la morde)

È giusto... Assettateve...

Vito

Grazie. Mme n’aggia í...

Amalia

E ghiate, ja’...