Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/123

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
117
atto secondo

Amalia

Iate dicenno... (Lascia lo straccio sul comò e viene avanti).

Vito

Avarrisseve lassà cuieta a chella!

Amalia

Nun avarria a che penzá.

Vito

Be’!... Quanto cchiú mm’aiutate a di’! Giacché cierte cose nun ve mportano... faciteme ’a finezza... lassate sta ’a gente ca cu vuie nun ce ave che ce spartere!

Amalia

(È presso alla tavola. Siede accosto ad essa. Leva la testa e guarda Vito, ironica, dominandosi) Ma a vuie chi v’ ’o fa fa?... Vuie pecché ve nfucate, neh, ’on Vi’?...

Vito

(impiedi, vicino a lei)

Io nun mme nfoco. Io ve dico sulamente lassate ’a i’!

Amalia

(lenta)

È benuta a ricorrere?