Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/121

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
115
atto secondo

Nunziata

’Onn’Amalia mia, tengo ’e lenzola for’a loggia. ’E voglio trasí primma ca vene a chiovere... (Si accosta alla porta e torna a guardare) Se sta apparicchianno na brutta trubbea! Abbasta ca dimane a sera nun ce ntussecammo Piererotta!... (Tornano subito) Uh, ’onn’Amá!... Mme pare ca sta venenno ’on Vito ’a chesta parte!...

Amalia

(che, fra tanto, accende un lume)

Chi?.. Vito?...

Nunziata

(guardando fuori)

Isso è, isso è!... Sta parlanno cu Cristina, a ’o puntone... Facitemmenne i’ a me, aggiate pacienza!...

Amalia

Aspettate!...

Nunziata

No, no, mme ne vaco, mme ne vaco... Bonasera... bonasera... (Si gitta lo scialle in capo e fa per scappare. Poi torna). Mo mme scurdavo ’o raso in lana!... (Afferra il pacchetto che aveva lasciato sulla tavola e scappa) Bonasera!... Felice notte...

Amalia

(Corre allo specchio e vi si rimira. Si asciuga gli occhi in fretta. Quindi continua a far mostra di pettinarsi. Si sente di fuori un colpetto di tosse, e un "buonasera" scambiato fra due uomini. Vito compare sulla soglia).