Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/115

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
109
atto secondo

Amalia

E che bulite? Dicite!

Nunziata

(giungendo le mani e dando un'occhiata alla porta)

Uh, Madonna mia, e che capa ’e calavrese neh! Meh, bella figlio’!...

Cristina

(ad Amalia che è rimasta muta, addossata alla tavola, gli occhi a terra, le mani in grembo

Mm’avite di’ nient’ato? Si nun mm’avite di’ niente ato cchiú io mme ne vaco. Bonasera. (per uscire).

Nunziata

(ad Amalia)

Me’, ’onn’Amá!... (a Cristina) Bella figlio’, mme dispiace ’e vuie! I’ che saccio, v’avarrisseve avuta fa capace!

Cristina

(fredda impassibile)

Ma... ’e che? Vuie mme chiammate ccà dinto, mme vulite dà denare, mme vulite fa caccià ’e carte a ll’ispettore, mme vulite rialà ’e rusette... (sorride amaramente). Ma che pazziate o facite overo? Ma vuie