Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/112

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
106

'o voto

Nunziata

I' che saccio?... (a Cristina) Bella figlio', e parlate pure vuie! Vuie nun dicite niente?


Cristina

E c'aggia di'? Anfí a mo chello c'aggio ntiso aggio ntiso ca nu' po' essere. E va bene. Ma pecché nu' po' essere? Si nu' ve spiecate!...


Amalia

Sentite, bella figlio', ce stanno cierti cose ca s'avarriano rentennere senza ca uno se spiecasse tanto...


Cristina

(spallucciando)

Io so' nu poco ngnurante, che v'aggia di'?


Amalia

Embé quanno è chesto ca vuie site ngnurante, o vulite fa abbedé 'a ngnurante... io mo' v' 'o dico tale e quale... (Guarda alla porta) Sentite, bella figlio'... Vuie credo ca ve ne site addunata ca io parlo cu vuie e tremmo soccia soccia...


Cristina

(come ironicamente compassionandola)

Neh, e pecchè?