Page:Teatro - Salvatore di Giacomo.djvu/108

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
102
'o voto

Amalia

E trasite... (ironica) Che ve mettite paura?

Cristina

Me metto paura?... (entrando risoluta) ’E che?

Amalia

(siede accanto alla tavola)

Assettateve...

Nunziata

(a Cristina)

Assettateve... (siede anche lei).

Cristina

(rimasta impiedi)

Mme n’aggia i’, scusate, aggio che fa. Si mm’avite dicere quacche cosa, aggiate pacienza, dicitemmello ampresso ca mme n’aggia i’...

Amalia

Nunziá, nun sia pe cumanno, chiudite nu poco chelli lastre. (Nunziata si leva, chiude la vetrata e rimane, tornando, impiedi) Bella figlió! (a Cristina, levandosi lentamente e posando la mano sulla tavola) Nunziata nun v’ha parlato ’e niente?

Cristina

Sissignore, m’ha ditto quacche cosa...